The Voice of Italy 6 | Diretta 21 maggio 2019 | I Team definitivi


The Voice of Italy 6 | Diretta 21 maggio 2019 | I Team definitivi. Quinta ed ultima Blind Audition del talent di Rai2. I Coach hanno assegnato gli ultimi sei posti, poi si sono concentrati sulle selezioni dei Best Six in vista della Battle, definendo la composizione definitiva dei Team


La quinta puntata di The Voice of Italy 6 è andatain onda martedì sera, dalle 21: 20 su Rai2. Era l’ultima Blind Audition di questa edizione, con i quattro Coach a dover scegliere i cantanti meritevoli dei sei posti ancora a disposizione.

Il TeamMorgan era l’unico già al completo, prima della puntata, con quattrodici membri scritturati. Ne mancavano uno nel TeamGigi, due nel TeamGué e tre nel TeamElettra.

In vista della Battle – il primo confronto a colpi di esibizioni tra le squadre, previsto per la prossima settimana – ciascun Giudice ha poi effettuato un’ulteriore selezione, riducendo il proprio Team a soli sei elementi, i cosiddetti “Best Six”.

Hanno lavorato in esterna e organizzando il lavoro autonomamente per arrivare alla composizione definitiva dei Team. Ci sono state delle sorprese, ma le scelte fatte dai Coach rispecchiano sostanzialmente i valori in campo.

Simona Ventura aveva ricordato nella puntata precedente che l’ultimo Coach a completare le selezioni avrebbe dovuto pagare un simpatico pegno. Per Elettra Lamborghini era prevista l’interpretazione di “Altrove” di Morgan, Gué Pequeno avrebbe dovuto rivisitare “Non dirlgi mai” di Gigi D’Alessio, mentre a quest’ultimo sarebbe toccata “Tuta di felpa” di Gué Pequeno.

È stato Guè Pequeno a chiudere le selezioni, quindi ha cantato la sua versione del successo di D’Alessio, riscuotendo anche un certo successo in studio.

Di seguito potrete ripercorrere la diretta della quinta puntata di The Voice of Italy 6.

La prima esibizione è quella di Elisabetta Pia Ferrari, romana di 29 anni che vive a Terracina (Latina). Madre italiana, padre senegalese, presenta la sua numerosa famiglia (ha cinque figli) a Simona Ventura, prima di cantare.

Canta “Come” di Jain, iniziando con qualche incertezza, ma ingranando benissimo nel corso del brano. Si voltano tutti i Coach (eccetto Morgan, ormai fuori dall’affare audizioni), con Gigi D’Alessio che blocca Guè Pequeno.
Elisabetta ringrazia Elettra Lamborghini – la quale aveva speso non poche lodi per lei – ma prende posto nel TeamGigi.

Il cantautore napoletano chiude subito i giochi effettuando la quattordicesima scelta e completando il proprio Team già ad inizio puntata. La Blind Audition rimane una contesa tra Guè Pequeno ed Elettra Lamborghini.
Si prosegue con la 25enne Alessia Battini da Livorno. Proposta molto particolare, che incrocia il canto lirico a quello più propriamente rock.

Bravissima, ma ha due problemi: lo stile è lontano da quello dei due Coach rimasti in gioco; inoltre, non ha un’identità artistica definita.
Guè Pequeno ed Elettra Lamborghini si convincono a premere il pulsante “I want you”. Le fanno ugualmente non pochi complimenti.
Il momento di alleggerimento dei Giudici è dedicato all’autoironia sui propri vestiti. Indossano gli stessi abiti da cinque puntate – così prevede il format – fatto sul quale si è scherzato anche nei commenti dei telespettatori sui social network. “Non potete capire quanto puzzanno questi abiti”, ripetono scerzosamente.
Subito dopo tocca a Jessica Lorusso, 29 anni da Milano. Canta “Let it go” di Demi Lovato con un’interpretazione senza dubbio carica di personalità. Ma mentre Elettra Lamborghini si volta subito, Guè Pequeno non sembra sufficientemente colpito, anche se poi le dice: “Se avessi avuto meno talenti, mi sarei voltato”.

Jessica, dunque, va nel TeamElettra, che a sua volta commente: “Ci siamo già capite io e te”.

Ora arriva sul palco Paolo Marasciulo – in arte Paolo Marà – autista di autobus da Monopoli. Si propone con i Credence clearwater Revival cercando di mettere in risalto le proprie radici musicali blues.

Anche in questo caso, stile troppo diverso da quello dei due Coach ancora impegnati nelle selezioni. Nulla da fare per lui.
La quinta a provarci in questa quinta Blind Audition è la rapper ventiseienne Leslie (vero nome Lisa Cardoni). Canta “Ready or not” dei Fugees e convince subito Elettra Lamborghini, mentre Guè Pequeno si mostra combattuto e alla fine rimane fermo.

“Ti conosco già da tanto tempo. Nel mio Team ho un sacco di ragazze che fanno questa cosa, ma sei stata super. Sei fortissima”, commenta il rapper.

Adesso arriva Francesco Da Vinci, figlio del cantante Sal Da Vinci e già musicista da tempo, tanto da aver curato pure alcune musiche nella serie “Gomorra”. Fa ascoltare “L’amore fa paura”, suo inedito in napoletano che abbraccia urban e pop.

Bravo nella scrittura e nell’interpretazione, fresco nel genere, ha tutte le carte in regola. Unico, piccolo neo: in questo pezzo ricorda lo stile del progetto di Liberato.

Si voltano sia Guè Pequeno che Elettra Lamboghini. “Hai fatto paura. Per me sei stato una manna dal cielo” gli dice Pequeno, a cui fanno eco i complimenti di Elettra Lamborghini e Morgan.

Gigi D’Alessio lo saluta con rgande affetto, conoscendolo da quando aveva quattro anni ed essendo collega di suo padre Sal.

Francesco Da Vinci prende posto senza esitazioni nel TeamGuè.

Poi, la sorpresa di Fausto Leali, ospite sul palco di The Voice of Italy 6. Canta “A chi”, prima di essere salutato calorosamente da tutti i Coach.
E Morgan ne approfitta per accompagnarlo al pianofrote, insieme a Gigi D’Alessio.
Segue il “Coffee break” della serata. Guè Pequeno ne approfitta per esprimere la sua soddisfazione per aver trovato Francesco Da Vinci, ricevendo l’approvazione di Gigi D’Alessio: “È davvero forte”.

La Blind Audition riprende con la sedicenne lucchese Giuliana Maffei. Canta “Friends” di Marshmellow feat. Anne Marie.
Notevole, apunto che il pubblico le tributa la standing ovation.

Si girano sia Elettra Lamborghini che Guè Pequeno. Giuliana sceglie di occupare il quattordicesimo posto nel TeamElettra.

Anche la Lamborghini chiude qui le sue audizioni.

Tocca a Gué Pequeno, quindi, pagare il pegno: canta “Non dirgli mai” di Gigi D’Alessio. Lo accompagna al piano lo stesso cantautore napoletano.

L’accostamento artistico è alquanto audace, ma tutto sommato ne viene fuori una versione coinvolgente per il pubblico.

Alla fine, gli altri Coach e Simona Ventura vanno ad abbracciarli divertiti e compiaciuti.

Avanti con l’audizione del 31enne Simone Vignola. È un bassista elettrico e polistrumentista che presenta una versione molto bella di “Roxanne” dei Police.

Bravo e non poco, ma purtroppo per lui l’unico Coach ancora impegnato nelle selezioni è Guè Pequeno, molto distante dal suo genere. Nulla da fare.

In ongni caso riceve complimenti entusiasti da Morgan e dallo stesso Pequeno: “Se ti avessi ascoltato prima, mi sarei girato. Ma adesso ho già qualcuno con cui poter fare qualcosa di simile a ciò che fai tu. Però sei bravissimo”.

Dopo di lui, siede al piano e canta Federica Filannino da Gorizia (ma nativa di Barletta), con “Via con me” di Paolo Conte. Voce particolarissima, versione niente male, interpretazione decisa e pungente.
Guè Pequeno si volta dopo pochi secondi, coglie subito il cambio di marcia rispetto alle ultime audizioni.
Dopo aver ricevuto tutti i complimenti possibili, torna al piano e interpreta una versione da standing ovation di “Loosing my religion” dei R.E.M..

È lei a completare il TeamGuè e a chiudere ufficialmente le Blind Auditions  di The voice of Italy 6.

Da adesso in poi, i quattro Coach e i cantanti scelti si ritireranno in quattro località diverse e lavoreranno insieme alla fase “Best six”, quella al termine della quale dovranno scegliere i sei artisti con cui gareggiare nella fase finale del programma.

Ciascuno dei quattro Coach porta con sé un collaboratore che lo aiuterà nel lavoro. Procederanno dividendo i concorrenti in gruppi.
Rafael, Andrea e Domenico del TeamGigi iniziano a far acoltare le loro doti a Gigi D’Alessio. Gli viene chiesto di cantare a cappella e sono protagonisti di tre prove molto diverse, tanto che D’Alessio cheiede qualche minuto per pensarci.
Lo stesso fanno Leslie, Huntress D e Myriam, impegnata in un freestyle per Elettra Lamborghini. Passano Myriam e Leslie.
Guè Pequeno sceglie per prime Federcia e Ilenia.

Morgan decide si smarcarsi dai colleghi e chiede ai suoi di cantare qualcosa a piacere. Diablo, Elisa entrano da subito nei Best six. Morgan si prende del tempo per decidere se portare anche Viola.
D’Alessio, intanto, manda a casa Rafael, tenendo con sé Domenico e Andrea.

Su “L’essenziale” di Marco Mengoni si giocano il posto i protagonisti del secondo gruppo ascoltato dalla Lamborghini. Beatrice e Greta sono le due prescelte.
Il secondo quartetto di Morgan è formato da Morgana, Francesco, Matteo e Karen. L’unico a passare è Matteo.

Kumi, Giorgia ed Elisa è il trio esaminato nella seconda audizione di Gigi D’alessio. Passa solamente Elisa.
Intanto, Morgan ha deciso che Viola può far parte del suo Best Six.

Anche Simona Ventura stempera la tensione parteciapando alle selezioni con Gigi D’Alessio. Non proprio benissimo. Davide, Erika e Tommaso sono i tre ad esprimersi nella terza audizione di Morgan. L’unica a proseguire è Erika.

Elettra Lamborghini, dal canto suo, porta Andrea tra i Best Six.

Francesco Da Vinci, invece, è la quinta scelta di Guè Pequeno.
Il quarto posto tra i sei scelti da Gigi D’Alessio va a Elisabetta Pia.

Ilaria – in arte Hindaco – chiude la squadra definitiva di Guè Pequeno.
Noemi Mattei chiude il Best Six di Morgan.
Tahnee è la sesta scelta del TeamElettra.
Gli ultimi due posti nel TeamGigi vanno a Sofia Tirindelli e Carmen Pierri.

La quinta puntata di The Voice of Italy 6 – ultima Blind Audition di questa edizione – finisce qui.



0 Replies to “The Voice of Italy 6 | Diretta 21 maggio 2019 | I Team definitivi”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*