Kennedy 50 anni dopo: altri appuntamenti in tv


Tutti gli appuntamenti tv per commemorare la morte di JFK avvenuta il 23 novembre 1963


Da questa sera, fino al prossimo 23 novembre, si susseguiranno a ritmo continuo speciali, approfondimenti e film che ricorderanno il 50esimo anniversario della morte di John Fitzgerard Kennedy, ucciso a Dallas il 23 novembre del 1963. Delle iniziative di Rai3 e di Rai Storia vi abbiamo già parlato. Cominciamo a vedere le altre.

 Questa sera National Geographic Channel trasmette alle 20,55 il film Killing Kennedy. La pellicola prodotta da Ridley Scott insieme allo sfortunato fratello Tony, è ispirata al best seller di Bill O’ Reilly che è stato in vetta alle classifiche americane per oltre 31 settimane. Il cast è davvero eccezionale: Rob Lowe e Will Rothhaar interpretano rispettivamente John Kennedy e il suo assassino Lee Harvey Oswald. La sceneggiatura è firmata da Kelly Masterson che ha già firmato quella di un capolavoro come Onora il padre e la madre diretto da Sidney Lumet. Masterson ha così spiegato il suo impegno: sono cresciuto in una famiglia devota ai Kennedy e ho lavorato nella campagna di Bob quando ero un ragazzo.

Sempre questa sera, lo Speciale Tg1 in onda alle 23,30, è interamente dedicato al Presidente che è stato in carica per soli due anni e dieci mesi ma ha inciso in maniera profonda e indelebile nella storia internazionale.Il titolo del documentario di Roberto Olla è “JFK, il primo cavaliere”. Eppure, in un tempo così breve, John Kennedy e con lui la moglie Jacqueline ha condizionato un’epoca e creato un mito. Da 50 anni una fila ininterrotta di persone sale sulla collina di Arlington, il cimitero monumentale di Washington DC, per rendere omaggio in silenzio a questo mito come ad una sorta di Camelot della modernità, con i suoi nuovi cavalieri della tavola rotonda, belli e coraggiosi. Assistito da suo fratello Bob, John Kennedy in tempi rapidissimi ha colpito grandi poteri e grandi interessi: dalla lobby delle armi agli affari di Cosa Nostra, dai segregazionisti all’ombra nera del comunismo. Quando nelle scuole della ricca Dallas dei petrolieri, a fine mattinata di quel 22 novembre 1963, arrivò la notizia dell’assassinio (gli avevano sparato alle 12.30) diversi ragazzi si lasciarono andare a manifestazioni di gioia. Questo aiuta a capire quali e quanti interessi stava colpendo Kennedy.

Lunedì 18, ancora su National Geographic, alle 22,55 va in onda JFK: le ultime 24 ore. Il film documentario racconta l’ultimo giorno di vita del Presidente Kennedy, il 23 novembre 1963, attraverso le testimonianze di chi è stato con lui fino all’ultimo istante. Inoltre vedremo tutti i movimenti di JFK in un filmato girato alla Casa Bianca.

Venerd’ 22 novembre, vigilia dell’anniversario, History Channel alle 21 trasmette Kennedy: storia di un complotto. Verrannno analizzate le teorie più fantasiose e le ipotesi più realistiche. Si tratta di uno speciale di due ore per passare in rassegna tutte le teorie sull’omicidio Kennedy. Perchè, a distanza di 50 anni, ancora non c’è risposta al quesito: chi sia stato il vero mandante dell’omicidio.

Sempre venerdì 22, Sky Arte HD alle 22,45 manda in onda I Kennedy: storia di una famiglai. Il programma offre un ritratto davvero insolito della famiglia. Amori, passioni, tradimenti, raccontati da personaggi insoliti e singolari che i Kennedy li hanno davvero visti crescere dinanzi ai loro occhi: le tate dei vari componenti della grande famiglia.

Infine: Dea sapere, sempre venerdì alle 22,50 propone JFK- the smoking gun. Il documentario- inchiesta si sofferma su questo argomento: ancora oggi la versione ufficiale sulla morte di Kennedy lascia perplessi molti americani e non solo, tutti sono convinti che si tratti di una cospirazione di più ampie proporzioni. Il detective australiano Colin McLaren è andato in cerca di verità. Che spiegherà ai telespettatori italiani.



0 Replies to “Kennedy 50 anni dopo: altri appuntamenti in tv”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*