Carlo Conti: “Si può fare! è un varietà con un po’ di talent”


presentazione dello show e commenti dei concorrenti


 Carlo Conti, recentemente scelto come conduttore del prossimo Sanremo 2015, sarà il padrone di casa del nuovo show Si può fare! di cui vi avevamo già anticipato i contenuti. Conti torna, dunque, in prima serata su Raiuno da venerdì 2 maggio (e con una speciale anteprima il 28 aprile) con il varietà in 5 puntate, Si può fare, gara tra dodici concorrenti vip. Nel frattempo studia un progetto per il prossimo Festival di Sanremo.

Carlo Conti, reduce dai successi di Tale e Quale Show e I migliori anni, condurrà in diretta questa gara tra i personaggi famosi di varie discipline, con protagonisti Marco Columbro, Maddalena Corvaglia, Sergio Friscia, Vanessa Hessler, Andrea Lo Cicero, Luca Marin, Maria Amelia Monti, Sergio Muniz, Federica Nargi, Massimiliano Ossini, Catherine Spaak, Karin Proia. Questi dodici Vip si cimenteranno con un’attività mai fatta prima. A giudicarli, una giuria professionale e motivata, formata da Pippo Baudo, Amanda Lear e Yuri Chechi.

E’ un varietà con un po’ di competizione, non un talent, perché i protagonisti non sono concorrenti che devono dimostrare qualcosa”, ha affermato Conti, rivelando che i protagonisti gareggeranno con “balletti stile Bollywood, volteggeranno su tessuti aerei o suoneranno l’ukulele”. Tra i giurati quello che ha più parlato ed esternato i suoi pensieri su questo programma è stato Pippo Baudo che ha ironizzato: “Questi concorrenti sono dei pazzi scatenati, noi giudicheremo con sincerità, buon umore e benevolenza”. Baudo ha anche affermato che la partecipazione al programma è “un punto di partenza nella speranza di fare altri progetti. Se aspettate che dica che sono vecchio e finito e non voglio fare più televisione vi sbagliate: non lo dirò mai”. A questo proposito Giancarlo Leone ha spiegato: “Baudo è stato ed è un pilastro della Rai, ci siamo incontrati per parlare di progetti futuri: lo rivedremo sicuramente su Raiuno”.

Ecco le impressioni della vigilia dei dodici concorrenti vip:

Marco Columbro: “Intanto grazie di essere stato invitato ad un programma del genere. Sono in compagnia di gente che ammiro. Il mio motto? Si può fare e lo si deve fare”.

Maria Amelia Monti: “Io spero solo di divertirmi e di non farmi male. Perché devo fare teatro e se non lo potessi fare dovrei pagare una bella penale. Non mi andrebbe proprio”.

Sergio Friscia: “Per me questo programma è un motivo di riscatto (ride lui stesso). Mi hanno detto che ero troppo bello, così potrò anche misurarmi con quello che saprò fare. Non solo bellezza, dunque”.

Vanessa Hessler: “Sono contenta di essere qui in questo programma prima di tutto per divertirmi. Vedremo, poi, quello che si potrà fare”.

Catherine Spaak: “Ho voglia di provare qualcosa di nuovo. Giochi del genere mi hanno sempre affascinato. Ho fatto tutto, mi manca solo il circo. Spero di divertirmi”.

Karin Proia: “Amanda è uguale a mia mamma, le somiglia tanto. Mi sento un po’ a casa mia”.

Sergio Muniz: “Questa è una bella opportunità. Sono curioso e mi piace fare cose nuove. Io mi annoio di fare stesse cose, mi piace sempre cambiare”.

Luca Marin: “Con l’impegno e la volontà tutto si può fare ed io ce la metterò tutta per non sfigurare”.

Andrea Lo Cicero: “Si può lavorare, si può fare, vedremo”.

Maddalena Corvaglia: “Ho l’entusiasmo di una bambina di cinque anni, mi butto nell’impresa, poi magari ho paura di fare certe cose. Vediamo come andrà a finire”.

Massimiliano Ossini: “Per fare certe cose ci vuole incoscienza. Anche quando mi sono sposato l’ho fatto con incoscienza. Poi però bisogna prendere coscienza di quello che fai. E’ quello che farò anche in questa trasmissione”.           



0 Replies to “Carlo Conti: “Si può fare! è un varietà con un po’ di talent””

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*