Pechino Express 3 all’insegna della contemporaneità e dell’ironia


Presentata quest'oggi la terza edizione di Pechino Express, al via domenica 7 settembre su Rai 2.


Milano. Zaini in spalla, tanta determinazione e una buona dose di ironia. Questi gli elementi che contraddistinguono Pechino Express, il reality d’avventura di Rai 2 in collaborazione con Magnolia giunto alla terza edizione. Si parte con un doppio appuntamento domenica 7 e lunedì 8 settembre alle 21.10, e – dal 15 settembre – ogni lunedì in prima serata.

                                                                                         

 

Questa mattina Costantino della Gherardesca, al timone del programma per il secondo anno consecutivo, ha incontrato la stampa per raccontare quel che il pubblico deve aspettarsi dalla nuova stagione. A partire da un cast da lui stesso definito più creativo e folle del solito e che è stato sciorinato attraverso un esclusivo video trailer di anticipazione di quel che vedremo in onda. Otto le coppie che viaggeranno ai confini dell’Asia: i coreografi Alessandra Celentano e Corrado Giordani; le “cougar” Eva Grimaldi e Roberta Garzia; le “immigrate” Mariana Rodriguez e Romina Giamminelli; le “cattive” Alessandra Angeli e Antonella Ventura; i fratelli Clementino e Paolo Maccaro; gli sposini Emiliano Pepe e La Pina; gli eterosessuali Luca Betti e Michael Lewis; i benestanti Uberto Marchesi e Sofia Odescalchi.

Molte sono state le richieste di partecipazione, anche da parte di volti più popolari, ma la rete ha voluto puntare su personaggi a volte inediti e con un più alto livello di ironia rispetto a quel che si vede in altri programmi. Allo stesso tempo però figure come il rapper Clementino e la dj La Pina verosimilmente porteranno su Rai 2 un pubblico piuttosto ampio. Come sempre, i concorrenti attraverseranno quattro Paesi del Sud Est Asiatico con un budget di due euro al giorno, spostandosi solo in autostop e contando sull’accoglienza delle popolazioni locali.

Pechino Express 3 Conf Stampa

 

“Questa volta il gioco sarà più duro”, ha anticipato Costantino, “l’anno scorso mi sono fatto male io più dei concorrenti, abbiamo deciso quindi di aumentare le difficoltà”. Il punto di partenza sarà la Birmania, uno stato ancora molto selvaggio che sicuramente darà del filo da torcere agli avventurosi turisti. Prova dopo prova approderanno poi nella ricca Malesia, a Singapore (“New York in confronto sembra Cologno Monzese” ha scherzato il presentatore), e in Indonesia con la finale che si svolgerà a Bali.

Costantino della Gherardesca non ha dubbi sui motivi per i quali il programma ha avuto e presumibilmente avrà un buon successo: “Ancora prima che questa edizione inizi, il pubblico ci sta ringraziando per le risate assicurate, il divertimento leggero e la libertà priva di inutili censure. In questo senso “Pechino Express” avvicina la tv italiana a quella inglese. Il montaggio è il vero conduttore del programma, rispecchia il pensiero dei telespettatori e si fa portatore di una comicità che è l’elemento che fa la differenza rispetto alle versioni dello stesso format nel Nord Europa, decisamente più noiose”. 

Pechino Express 3 Costantino

 

Un altro aspetto sul quale si è insistito molto durante l’incontro con i giornalisti è la contemporaneità di questo reality, caratteristica che si ritrova nei concorrenti e nel fatto che gli Italiani stiano scoprendo, anche per i propri viaggi, culture e posti nuovi che vanno ad affiancarsi alle mete tradizionali: “I media ci parlano spesso di questi Paesi come posti ostili. Per scoprire come stanno veramente le cose invece bisogna conoscerli, quindi viaggiare”.

E allora tutti pronti a scoprire le meraviglie dell’Asia e a tifare per le otto coppie, da domenica sera su Rai 2.



0 Replies to “Pechino Express 3 all’insegna della contemporaneità e dell’ironia”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*