Adam Kadmon- Rivelazioni, la puntata del 23 novembre


Tutti i servizi della trasmissione andata in onda su Italia1


Consueto appuntamento con le teorie complottistiche di Alan Kadmon- Rivelazioni. Come al solito la puntata inzia con il monologo sulle maschere dell’ipocrisia dietro cui si nasconderebbero persone che hanno lo scopo di tenere gli altri “sotto controllo”. Lui, invece, Kadmon, è del tutto “pulito dentro” e invita a rimanere con lui su Italia 1.

                                                             

 Il primo servizio è sulla sentenza Eternit del 19 novembre scorso

Nel 2009 si era aperto il maxi- processo Eternit per trovare i responsabili civili di oltre 3000 morti e 700 malati a causa del contatto con Eternit negli stabilimento di Casale Monferrato, Cavagnola, Rubiera e Bagnoli. La sentenza recente, invece, assolve tutti. Kadmon ci mette in guardia: potremmo essere tutti esposti. In Italia ci sono ancora 34 mila siti da bonificare e duemila persone ogni anno potrebbero perdere la vita perchè entrati per caso a contatto con l’amianto. dati impressionanti. Saranno veri? Speriamo davvero di no.

Un breve flash sulla morte misteriosa di Freddy Mercury frontman di una belle band più famose al mondo e si passa all’attentato alla Sinagoga a Gerusalemme. Qui due palsetinesi uccidono quattro rabbini prima di essere a loro volta uccisi dalla polizia. L’attentato è stato rivendicato dal Fronte Popolare della Palestina. Ma questa volta anche la teoria complottistica è abbastanza nascosta. Perchè si passa subito a Danny Lovato e al suo messaggio contro il bullismo. A questo punto Kadmon ci dà il suo primo abbraccio della serata. Parte la pubblicità liberatoria.

Si torna con un argomento non meno inquietante: i padroni del mondo. Basti pensare a tutti coloro che hanno il controllo di Internet e che colloquiano alla pari con i grandi capi di stato e impongono leggi. Tutto naturalmente va in un’unica direzione: controllare le nostre menti e tenerci “a bada”. Ci sono aziende che dettano le leggi dell’economia capitalistica, addirittura. Insomma si stanno organizzando per sapere tutto di noi, persino chi ci stira le camice. E questo ha un nome: realtà aumentata. Naturalemte i primi indiziati sono i motori di ricerca: Google, of course.

Si va avanti: ora ci viene suggerito che le rivoluzioni potrebbero essere pilotate e non spontanee. Persino la rivoluzione bolscevica sarebbe stata pilotata dall’Inghilterra e dall’America Ai rivoluzionari sarebbero stati donati a fondo perduto 20 milioni di dollari, cifra esorbitante, per quei tempi. Ma chi ci sarebbe dietro? I poteri occulti, naturalmente. E, udite, udite, anche il femminismo sarebbe stato pilotato. E da chi? Dai servizi segreti americani! Non ci resta nulla proprio di spontaneo. Ma ecco: questo processo di manipolazione delle masse è pilotato anche dagli Illuminati. Sono arrivati finalmente!. Qual è il fine? Isolare gli uomini e cosi indebolirli.

Non vi spaventate: ma gli Illuminati sono coinvolti anche nel nuovo ordine finanziario mondiale. Sono loro che giostrano tutto per i loro interessi.

Poi si passa alla  famiglia segreta di Mussolini.Il duce aveva un’altra donna, Ida Dalsen e un figlio segreto. La donna poi sarebbe stata abbandonata ed è poi morta in un manicomio. E il figlio non avrebbe avuto sorte migliore: è morto da solo in un altro manicomio.

Il servizio successivo parla di un attacco a GreePeace che sarebbe stata organizzata da multinazionali con grossi interessi da difendere. Poi si punta l’attenzione sul troppo sesso che c’è nei videogiochi, naturalmente finalizzato a limitare le nascite.

Ed eccoci a Charles Manson e al fascino del male. Manson atroce serial killer si era creato una setta. Ai suoi adepti diceva di essere contemporaneamente l’incarnazione del Cristo e di satana. Oggi, a 80 anni rinchiuso in carcere ha annunciato che si sposa con una ragazza di 26 anni. Il fascino del male attrae ancora, dice Kadmon. Poi il servizio si conclude dicendo che Mnson in effetti, a suo dire, è stato costretto dalla società a diventare quello che in effetti è diventato: un mostro del male.

E’ il momento del mentalista. Pensate che avverrebbe se uno di noi potesse avere la chiave dell’inconscio di tutti. Parte l’esperimento di turno che si basa sulla conoscenza delle micro- espressioni facciali e sul modo di muoversi.

Altra teoria complottistica: James Dean è stato ucciso perchè gay? Unica certezza è che dichiarò di essere gay per non fare il servizio militare.

E poichè al peggio non c’è mai fine, ecco un nuovo capitolo dell’intervista al capo della Massoneria. Non ce ne libereremo mai.

E poi un servizio sulla marijuana: ha davvero effetti terapeutici? Si fa la storia “dell’erba” che avrebbe conseguenze positive su alcune malattie come la sclerosi multipla. E quindi l’uso della marijuana medica sta crescendo. E si è creato il “canna business”.

Un flash su Benedetto XVI e Bernadette da Lourdes e si passa a Ezecheile e le profezie che si stanno avverando. Si fa una lista di “profeti” che avrebbero anticiapto eventi. E tra questi un certo basilio dalla Russia.

Servizio sui più drammatici incidenti avvenuti: dall’attentato alle Torri genelle fino alla scomaorsa dell’aereo della Malaysia Airlaine che aveva a bordo molti scienziati.

Adesso si parla dell’Ucraina come ultimo fronte del New World Order. Concetto espresso: prendere per buone tutte le notizie che vengono dalla rete e non sottovalutarle.

Non è finiata! Adesso si pretende che Cristo si sarebbe reincarnato in un uomo della Siberia. Ma superata la mezzanotte è davvero chiedere troppo alla nostra pazienza di telespettatori. Si tratterebbe di un ex poliziotto russo con velleità “divine”.

Un accenno a Samantha Cristoforetti e si conclude la puntata. Finalmente!



0 Replies to “Adam Kadmon- Rivelazioni, la puntata del 23 novembre”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*