Adam Kadmon – Rivelazioni: puntata del 30 novembre


Tutti i servizi della settima puntata di Adam Kadmon


Su Italia 1 (ore 21:30) va in onda il settimo appuntamento con Adam Kadmon – RivelazioniSi parte con l’uomo misterioso che insinua un dubbio nel pubblico: “Sapete davvero cosa mangiate?” e inizia un servizio intitolato “L’Aviaria è tornata a uccidere i polli”.

In Olanda tre province su 12 hanno riscontrato una nuova ondata della malattia. L’unico modo per debellare il virus pare sia abbattere il pollame negli allevamenti coinvolti. E questo è solo l’assaggio di questa nuova puntata. Pubblicità.

Pubblicità purtroppo brevissima e siamo di nuovo in compagnia di Adam che introduce una notizia riguardo il primo malato di Ebola in Italia. Allegria.

Per la sezione “Rivelazioni” viene mandato subito dopo un servizio che parla dell’Apocalisse di San Giovanni e di profezie. Tra qualche tempo alcune ditte proporranno un mondo in cui si potrà uscire di casa senza portafogli e simili, tutti i nostri dati saranno inseriti in un microchip conficcato sotto la pelle di noi umani. I dati saranno inviati a un computer centrale: chi avrà le mani su questa grande rete sarà padrone delle nostre vite, e non solo. Adam ci svela già i motivi con cui ci convinceranno a farci inserire questo microchip: “Senza soldi addosso non potranno più rapinarvi”, “Saprete sempre dove sono i vostri figli”. Ma l’ansia? Immancabile un riferimento al Grande Fratello globale. Noi in questo momento vorremmo tanto entrare in confessionale e nominare Adam Kadmon alla Marcuzzi. Non si capisce come ma si arriva a parlare di funzioni contraccettive del microchip. Vabbeh.

Breve sommario di quel che ci aspetta durante questa puntata, giusto per farci capire il livello delle grandi questioni affrontate. Pubblicità.

Scomodiamo pure i Puffi. Andiamo a prendere tutte le musicassette di Fivelandia e torniamo. Secondo alcuni i Puffi sono un esperimento sociale comunista, e i diversi individui sarebbero gli esponenti del comunismo. Altre teorie sostengono che i simpatici ometti blu sarebbero una metafora sociale perseguita dalla massoneria. I colori dei Puffi (bianco, nero, azzurro e rosso) sarebbero gli stessi della simbologia massonica. Ma quindi, ci chiediamo noi, Britney Spears che ha cantato la colonna sonora del film dei Puffi è la Madre dei Massoni? Gargamella, viene spiegato, è la persona che non fa parte del “movimento” ma cerca di carpirne i segreti. Siamo dei veggenti: nel servizio è partita davvero la canzone eseguita da Britney. Unico momento di giubilo in un programma del genere.

Dai Puffi alla Banca Vaticana. Si parla di cospirazioni, il titolo del servizio è: “Chi vuole uccidere il Papa?”. Quali minacce deve temere il Papa attuale? E si tratta di minacce interne alla Chiesa o esterne? Papa Francesco è una personalità diversa da quelle che il mondo ha avuto prima, ed è un Papa “scomodo”, che non ha paura di fare dichiarazioni forti. Primo campanello di allarme per la sua sicurezza? Vivere a Santa Marta, sede distaccata dal Vaticano, per questo meno facilmente difendibile. In seguito si parla dell’Isis che non vede di buon occhio il povero Pontefice. 

Adam lancia la pubblicità, non prima di averci mandato un abbraccio: ma questa confidenza? Abbiamo mai mangiato insieme? Pausa pubblicitaria.

Illuminiamoci un po’ con qualche stupidaggine sugli “illuminati” appunto. La questione è: chi ha ucciso Heath Ledger, l’attore di Brokeback Mountain morto qualche anno fa. Inizialmente si ripercorre la sua carriera nel mondo cinematografico, fino – appunto – alla pellicola appena citata e a Joker Il cavaliere oscuro, film per cui Heath si rinchiude per un lungo periodo in camera d’albergo per studiare bene la parte. Questa immedesimazione però lo risucchia, e un giorno viene trovato morto in camera. Sonniferi, analgesici e ansiolitici l’avrebbero condotto alla morte. Alcuni sostengono appunto che il personaggio che stava interpretando lo abbia ucciso. Addirittura si arriva a trovare una maledizione già nel suo nome: Heath, come il diminutivo del personaggio (negativo) di Cime tempestose. Che servizio inutile.

Si parla poi di colori subliminali e ricerche legate alle sensazioni che i colori ci trasmettono. Un esempio? L’azzurro è sinonimo di inaffidabilità, le donne vestite di rosse sono percepite come più provocanti, insomma i colori rivelano tutto della nostra soggettività. Poi si passa ad approfondire anche l’uso dei colori nel marketing: primo segmento interessante in un’ora di messa in onda. Pubblicità.

Si torna in onda parlando di tecniche di manipolazione dell’inconscio. Ed ecco che viene interpellato un mentalista che però attacca un “pippone” troppo complicato per la domenica sera. Il ragazzo fa un esperimento con una passante (che speriamo sia stata profumatamente pagata): lei deve disegnare quel che le viene in mente; lui le chiede di restituirle il pennarello e di appoggiare il foglio sul suo petto. “Stai immaginando di essere in quel posto? Trasmettimi l’immagine, hai disegnato un uccello?” e in effetti era un cigno o qualcosa del genere. Poi passa a fare un esperimento di telepatia tra due ragazzi. Jucas Casella dove sei? I due hanno disegnato la stessa cosa: una macchinina. Carràmba che sorpresa quando scoprono di aver disegnato il medesimo soggetto!

Musica maestro! Arriva un servizio sul Club 27, quel club in cui sono state riunite le star musicali morte a 27 anni. Si parte da Brian Jones, fondatore dei Rolling Stones, per poi continuare con Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jim Morrison, Kurt Cobain e Amy Winehouse. “Morire a 27 anni è una bella età per morire, vuol dire essere i preferiti degli dei” commenta l’ospite interpellato. La voce che commenta il servizio aggiunge: “Si tratta di personaggi scomodi per la loro epoca, e se fosse tutto un complotto delle autorità per farli fuori?”. Questi misteri non riguardano solo le star straniere, ma anche quelle italiane: si fanno gli esempi di Rino Gaetano (morto a 31 anni e che aveva previsto in un brano il suo decesso), Mia Martini. Pubblicità.

Droga. E’ questo il tema del prossimo servizio. Adam sempre con la sua mascherina come i giapponesi che circolano nelle nostre città per non respirare l’inquinamento. Si parla di popolazioni presso le quali le droghe non sono illegali. In Venezuela per esempio c’è chi prende un forte allucinogeno per diventare un giorno uno sciamano. In alcune società modificare la coscienza non è un distrubo ma un vantaggio e le droghe che portano questo effetto sono venerate. E’ questo il caso dello “yopo” sniffato dal giovane venezuelano di cui sopra. I vecchi sciamani sniffano questa droga perchè sono convinti che gli dei diano loro le capacità di guarire i malati del villaggio.

Ma è possibile accumulare così tanta angoscia in una normale domenica sera? Probabilmente sì visto che il servizio successivo riguarda il conflitto tra Israeliani e Palestinesi a Gaza. Si ripercorre la storia della Palestina e della guerra decennale. La conclusione è che questo conflitto conviene a molti, giusto per alimentare l’odio nei confronti di Israele. Pubblicità.

 Si affronta il tema del bracconaggio, perchè a Milano è stata trovata una carcassa di rinoceronte. Una rappresentante del WWF dice che il mercato nero operato dal bracconaggio, molto fruttuoso, finanzia il terrorismo. Tigri, rinoceronti, elefanti: i crimini nei loro confronti si sono moltiplicati a vista d’occhio. Gruppi come Al Qaeda si stanno arricchendo con il commercio di avorio e altri materiali preziosi derivanti dagli animali.

Ancora musica con la povera Whitney Houston. Sentiamo in che modo il programma la farà rigirare nella bara. Al centro del servizio il suo matrimonio burrascoso con Bobby Brown e il giorno del decesso. A fine 2012 un detective dice di avere le prove che la cantante è stata uccisa da due sicari inviati da narcotrafficanti con cui l’artista aveva dei conti in sospeso. Caso ancora aperto, perchè bisogna vedere se l’FBI deciderà di riaprire la questione.

“Quando arriverà il regno dei cieli? Quando Cristo tornerà sulla terra per porre fine al mondo e instaurare il suo regno?”. Stando al numero delle apparizioni della Madonna negli ultimi due secoli rispetto a 20 secoli di Cristianesimo, siamo vicini alle tante profezie escatologiche. Questo sarebbe il periodo in cui si sta consumando la lotta tra Satana e la Madonna. 

“Da dove arriva il male?”. A quanto pare è una questione genetica. Molti killer hanno geni che li predispongono ai crimini, ma tanti altri – anche se privi di questi geni – possono diventare criminali se durante l’infanzia hanno vissuto esperienze terribili. I governi dovrebbero quindi preoccuparsi di creare ambienti sereni, in modo da non portare i geni ad adattarsi al clima negativo e malvagio. Pubblicità.

Battute finali per questa puntata. Ma c’è ancora spazio per trattare il tema dei vampiri, quelli veri. Sì perchè c’è qualche mente malata assetata davvero di sangue umano, e il servizio ce ne fa vedere alcuni. Le immagini sono semplicemente vomitevoli. Ci vengono mostrate anche incisioni del ventre umano, soggetti che leccano e succhiano sangue dei cosiddetti donatori. In America ci sono feste appositamente realizzate per questi gruppi di persone. Chiudete questo programma, è una vergogna.

C’è anche il ricordo dell’omicidio di Tupac e un servizio sull’attacco di hacker agli hotel russi.

Infine il video tremendo di qualche settimana fa della ragazza siriana lapidata dal padre, con tanto di immagini che i telegiornali avevano evitato di farci vedere.

Adam Kadmon con quel tono di voce da maniaco ci abbraccia e ci saluta. Un’esperienza terribile è finalmente giunta al termine.



0 Replies to “Adam Kadmon – Rivelazioni: puntata del 30 novembre”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*