Melaverde, Raspelli e Hidding alla scoperta del formaggio italiano


anticipazioni sulla puntata del 12 aprile con i due conduttori alla scopeta delle realtà italiane


Oggi, domenica 12 aprile, alle 11.50, come di consueto, va in onda la nuova puntata di Melaverde condotta come sempre da Ellen Hidding ed Edoardo Raspelli. I due conduttori vanno alla ricerca delle eccellenze del nostro paese, scovando realtà spesso sconosciute al grande pubblico.


Ecco le realtà che ci da scoprire oggi Ellen Hidding. La conduttrice realizzerà un viaggio tra passato e presente alla scoperta di alcuni tra i formaggi più interessanti targati DOP.
IL Taleggio DOP: le prime notizie sulla sua produzione risalgono a più di mille anni fa. I valligiani della Val Taleggio, in provincia di Bergamo, cominciarono a produrre questo formaggio soprattutto per l’esigenza di conservare il latte eccedente il consumo diretto. Ma presto il Taleggio si dimostrò un grande prodotto, molto richiesto e di ottimo valore, soprattutto nella pratica del baratto con altre merci, che per secoli ha caratterizzato l’economia di montagna. Da prodotto esclusivamente di alpeggio, il Taleggio oggi può essere prodotto anche nella Pianura Padana in otto province lombarde, a Novara, Piemonte e a Treviso, in Veneto.
Il Quartirolo DOP: l’inizio della sua produzione risale al X° secolo. Per secoli la sua produzione è stata stagionale, e veniva prodotto con il latte delle vacche che si erano nutrite di erba “quartirola”, ovvero l’erba ricresciuta nei pascoli di montagna dopo il terzo taglio. Da qui il suo nome Quartirolo. Oggi è una DOP prodotta in Lombardia.
Il Grana Padano: la DOP più venduta al mondo, un vero simbolo del Made in Italy. Un formaggio a latte crudo con un disciplinare di produzione rigido, dove la lavorazione ripercorre ancora le antiche ricette dei monaci. Infatti sembra che questo formaggio sia nato nel 1134 nell’Abbazia di Chiaravalle, a pochi chilometri a sud di Milano.
E poi andremo in una stalla dove viene munto il latte utilizzato per la produzione di questi formaggi. Una stalla dove si alleva la regina del latte: la vacca Frisona.

Raspelli- Hidding a Melaverde

Ed ecco il viaggio di Edoardo Raspelli.
Qualche anno fa, con l’’aiuto della sua famiglia, Raffaele, poco più che trentenne, ha deciso di fare una scelta di vita: lasciare il suo lavoro di commerciante e rischiare in un progetto tutto suo. Recuperare una vecchia cava di estrazione di pietra sulle sponde dell’Adda e trasformarla in una azienda agricola multifunzionale, con un obbiettivo innanzitutto: produrre in proprio la maggior parte possibile di ciò che è necessario per vivere.
Ecco allora, nel tempo, arrivare nella sua azienda le capre, le pecore, i maiali, i cinghiali , le vacche, gli asini per tenere pulito il territorio,gli animali di bassa corte, le api, gli stalloni per la monta pubblica , l’orto con le verdure di stagione, poco di tutto … ma di tutto un po’.
E poi, data la vicinanza dell’azienda al fiume Adda … arriva anche la navigazione sul fiume su un barcone, sul quale assaggiare i prodotti aziendali mentre si va alla scoperta del Parco dell’ Adda Nord . Una azienda nata come una sfida, che oggi è anche agriturismo e fattoria didattica.Una bella storia di talento tutto italiano.

Melaverde ha recentemente raggiunto le 500 puntate.



0 Replies to “Melaverde, Raspelli e Hidding alla scoperta del formaggio italiano”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*