Iris: Omaggio a Bruce Lee a 40 anni dalla morte


A 40 anni dalla morte un ciclo di film e un commento di Tatti Sanguineti


Iris, la rete free del digitale terrestre Mediasert, rende omaggio a Brece Lee, in occasione dei 40 anni dalla morte, con una maratona di film. L’appuntamento è per questa sera, venerdì 19 luglio in prima serata.

Aveva solo 33 anni, Bruce Lee, quando è scomparso. Letteralmente adorato nel paese d’origine, autentica star negli Usa, ebbe due funerali: uno a Hong Kong, dove a salutarlo per l’ultima volta c’era una folla di 25mila persone, e uno a Seattle con la presenza, tra gli altri, di James Coburn e Steve McQueen. L’attore era nato a San Francisco il 27 novembre del 1940 ed era morto ad Hong Konh il 2o luglio 1973.

Il suo successo e la sua notorietà lo avevano reso un personaggio familiare in tutto il mondo. La sua fama era stata costruita con film ufficiali, altri non accreditati e un paio di assemblaggio. Di lui la critica a livello internazionale ha detto: “nessuna star ha avuto una vita postuma ricca come quella di Bruce Lee, film incompleti e film bufale, fatti di qua e di là dall’Oceano”. Concetto condiviso anche dal nostro Tatti Sanguineti che, in chiusura di serata spiega:  “Per Bruce Lee c’è stato un vero e proprio trionfo di sosia, più o meno somiglianti, con immagini che virano in negativo, controluce o totali per celare fantocci, maschere e duelli”.

L’omaggio di Iris a Bruce Lee inizia in prime time e si conclude a notte inoltrata. Sono in programma i seguenti film: “Resa dei conti a Little Tokyo” e “Il braccio violento del Thay-Pan”, seguiti da un’analisi del critico Tatti Sanguineti che si soffermerà sull’intera carriera del re del “Jeet Kune DO”,un misto di boxe occidentale, karate e judo.

Il primo film ha come protagonista Brandon Lee, il figlio prediletto di Bruce: padre e figlio sono accomunati  dalla morte in giovane età. “Resa dei conti a Little Tokyo” è diventato un cult da videoteca proprio dopo la scomparsa, a soli 28 anni e in circostanze sospette sul set de “Il Corvo”, del giovane attore.

“Il braccio violento del Thay-Pan”, invece, appartiene al controverso materiale attribuito a Bruce Lee post mortem: questa operazione commerciale che sintetizza tre film a tema kung-fu del 1972, infatti, affida la voce narrante all’attore nonostante siano trascorsi cinque anni dalla sua scomparsa.

Sanguineti, infine, assieme a Roger Garcia, direttore della rassegna Hong Kong Film Festival e il più stimato critico cinematografico asiatico, spiega al pubblico appassionato di cinema, l’importanza dell’attore di origini cinesi che è stato anche artista marziale, filosofo, regista, sceneggiatore e produttore statunitense, Infine, mette in risalto l’influenza che ha avuto sulla scena mediatica internazionale.



0 Replies to “Iris: Omaggio a Bruce Lee a 40 anni dalla morte”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*