L’eleganza del costume, la 2 puntata di Si può fare!


l'analisi del look dei protagonisti realizzato dall'esperta di costume


Lunedì sera è andata in onda la seconda puntata di Si può fare! lo show condotto da Carlo Conti su Rai1. Queste le nostre valutazioni sul look dei protagonisti.


Simpatico l’inizio con Flavio Insinna che presenta il programma in bianco e nero nel piccolo televisore, tutto stile anni 50.
Apre la puntata Carlo Conti che appare con il suo look impeccabile.


I tre giudici; Pippo Baudo, è vestito con la giacca grigio chiaro,come al solito classico – elegante, il ginnasta e campione olimpico Jury Chechi, indossa un vestito scuro e Amanda Lear veste di bianco, mi piace ed è abbastanza elegante.
Inizia la presentazione dei 12 concorrenti che a turno si esibiscono nelle loro performance.


La prima sfida è tra Amaurys Perez e Mario Cipollini:
Sono in costume di scena, pantaloni neri tipo Hakama, (tipico indumento giapponese usato nel medioevo dai Samurai, oggi si usa molto per discipline di Arti Marziali) e il petto nudo, nulla di particolare per esigenze sceniche, in più c’è il loro addestratore in bianco.

Il turno di Fiona May e Matilde Brandi, si esibisce per prima Fiona May, la sua performance sulla corda sospesa in alto, molto brava. Il costume è abbastanza giusto non perfetto per la sua persona ed è giustamente svolazzante nell’aria.
E’ il turno di Matilde Brandi anche lei con un abito bianco a lembi svolazzanti, noto che la sgambatura del body, è andata troppo in alto scoprendo i glutei, forse tecnicamente andava tagliato diverso, più accosciato.


Tocca alla performance di Pamela Prati con un delizioso Can Can rosso e bianco, revisionato.
Ecco la sua sfidante Juliana Moreira, anche lei con lo stesso costume, solo è in Bluette. Carini i costumi… ma non mi hanno entusiasmato.


Si esibisce sulla Ruota di Rhon Tommaso Rinaldi, la sfida è contro Ciufoli.


Rinaldi a petto nudo e solo con pantaloni neri tecnici fa la sua esibizione e non male, è semplice.
Roberto Ciufoli non ha potuto fare la sua performance perché infortunato.
Inizia l’esibizione di Mariana Rodriguez in Pole Dance, carino il suo modesto costumino, poi con il suo fisico… non può starle che bene.


La sfida è con Costanza Caracciolo, medesimo stile naturalmente, solo diverso il materiale e il colore.

.Inizia il turno del simpatico Biagio Izzo, bravo con la Bici, vestito adeguato alla sfida, contro Simon Grechi, anche lui molto tecnico.


Mirabile Esibizione di Magia di Aldo Nicolini, che dire… solo eccezionale.
Questa presentazione poi la dovranno fare uguale Biagio Izzo e Costanza Caracciolo in sfida.
Dimostrazione del Tappeto elastico e in questo caso dovrà esibirsi in sfida Amaurys Perez e il sostituto di Ciufoli, ormai fuori per l’infortunio.
Altra Performance; “Stomiolo” questa esibizione dovrà essere copiata da Matilde Brandi contro Pamela Prati.
Dimostrazione delle “Cinghie Aeree” sfida fra Simon Grechi e Tommaso Rinaldi.
Dimostrazione del gruppo Basket Free Style, look tecnico, dovrà esibirsi nello stesso modo, Mario Cipollini e Fiona Mey in sfida.


Ecco una Performance più invitante per il pubblico maschile, la dimostrazione del Burlesque molto sexy, di Albadoro,Angelica Massafra, le sfidanti che dovranno replicarlo saranno; Mariana Rodriguez e Juliana Moreira.
Vince la serata l’esibizione di Biagio Izzo.

Giovanna Silvestri: Costume designer & Stylist, dal Cinema alla Televisione al Musical teatrale. Con base a Roma è una delle più acclamate Costume Designer Stylist in Italia; ha lavorato per oltre 30 anni con i più importanti personaggi della televisione nazionale Italiana. Creatrice di look ha progettato costumi di ogni genere, specializzandosi in Abiti da ballo, Musical e Prime TV Show. In procinto di insegnare all’estero, anche ai Cinesi, la scuola di Moda e Costume

PORTFOLIO:  http://www.krop.com/giovannasilvestri/  

LINKEDIN:  http://it.linkedin.com/pub/giovanna-silvestri/3b/922/886/http://themodeisinthemind.blogspot.it/



0 Replies to “L’eleganza del costume, la 2 puntata di Si può fare!”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*