Rosso di sera, parla Michele Santoro.


la presentazione dello speciale con cui si conclude il ciclo di Servizio pubblico


L’appuntamento è per il prossimo 18 giugno a Firenze: Michele Santoro condurrà la puntata speciale di Servizio pubblico dal titolo Rosso di sera. Sarà la conclusione del ciclo di Servizio pubblico e per l’occasione è stato scelto largo Annigoni a Firenze. Dopo si volta pagina.

 Santoro spiega che porterà una rosa con se perchè vuole lanciare un messaggio: c’è un distacco del pubblico dalle trasmissioni politiche e dai talk show in particolare. Ma la disaffezione interessa e coinvolge anche i quotidiani che perdono copie. Sta accadendo qualcosa di importante: esiste in giro una forte apatia. E tale apatia può essere affrontata solo dando segnali forti.

Quello di Santaro è presto detto: prendersi una pausa di riflessione dal video per cercare di capire meglio quanto sta accadendo. Ma il conduttore lancia anche un allarme: questa apatia ci sta conducendo ad un brutale arretramento dei valori civili e solidali che si manifestano in vari modi. Uno potrebbe essere le dichiarazioni di alcune parti politiche contro la mancata accoglienza dei migranti. Nessuno si oppone a tale stato di cose. Significa, secondo Santoro, l’inizio di una pericolosa parabola discendente: tutte le dittature sono iniziate così, dal senso di rassegnazione che si fa strada in ognuno di noi.

Santoro ha sottolineato la collaborazione con la FIOM e anticipa la presenza, a Firenze di Landini. La serata evento non avrà i connotati di un Primo Maggio . Si cercherò di approfondire le maotivazioni dell’indifferenza verso tanti problemi. E con lui ci saranno anche Bianca Berlinguer che spiegherà la mutazione della sinistra nel corso degli anni e Sandro Ruotolo a cui tocca il compito di spiegare quello che accade nella Terra dei Fuochi, nel napoletano.

Sull’esperienza di Servizio pubblico ha detto: “Il programma è nato dal web ed è arrivato all’8% di share. Abbianmo creato una tv multipiattaforma e di investitori in Italia ce ne sono pochi, solo lobby”. Il conduttore non poetva non fare un commento su Matteo Renzi: “Renzi ha preferito Quinta Colonna e Virus, ha evitato un confronto critico con Servizio Pubblico. Se poi giovedì sera volesse affacciarsi nella piazza di Rosso di sera saremo contenti di dialogare”.

Ci sarà anche Marco Travaglio che porterà in scena uno spaccato del suo spettacolo teatrale. Tema portante dell’intervento di Travaglio Matteo Renzi e i toni usati per la sua propaganda che tanto potrebbe somigliare a quelli del ventennio fascista.

Naturalmente gli ospiti sono tanti: De Andrè, Teresa De Sio,  Monica Guerritore, Battiato, Giulia Innocenzi, Sabrina Ferilli, J-Ax, Alba Parietti, Nicola Piovani e Vauro con le sue immancabili vignette. Rispunta anche Gad Lerner. Ma su tutto spicca quella che dovrebbe essere una grande sorpresa, una presenza inaspettata.

Santoro sottolinea che la serata speciale da Firenze si realizza non solo con il contributo messo a disposizione da La7. E avverte: certo la mia sarò una pausa di riflessione, ma posso tornare quando voglio, ho i mezzi a disposizione.

 La serata evento Rosso di sera era stata annunciata nel corso della presentazione di Announo.



0 Replies to “Rosso di sera, parla Michele Santoro.”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*