Rocco Schiavone 2 | puntata 7 novembre | Prima che il gallo canti


Rocco Schiavone 2 | puntata 7 novembre | Prima che il gallo canti. Ultima indagine per il vice questore che è costretto a fare i conti con il proprio passato. Tra omicidi, suicidi, affari di droga e criminali in cerca di vendetta, la serie chiude i battenti.


Ultima puntata questa sera mercoledì 7 novembre della seconda stagione di Rocco Schiavone. La serie è iniziata lo scorso 17 ottobre e si conclude questa sera con l’episodio dal titolo “Prima che il gallo canti“.

L’appuntamento è su Rai 2 alle 21:20 con Marco Giallini nel ruolo del protagonista. Gli altri interpreti sono Isabella Ragonese (Marina), Massimiliano Caprara (Deruta), Alberto Lo Porto (Antonio Scipioni), Claudia Vismara (Caterina Rispoli), Massimo Reale (il dottor Alberto Fumagalli), Lorenza Indovina (Michela Gambino), Roberto Ciufoli (Uccio Spartaco Pichi), Mirko Frezza (Furio), Filippo Dini (il procuratore Baldi) e Massimo Olcese (il procuratore Costa). Inoltre c’è la partecipazione dell’attore Livio Beshir.

Rocco Schiavone 2 | Prima che il gallo canti | trama

L’ultima indagine che deve svolgere il vice questore Rocco Schiavone è ambientata tra le colline di Castel di Decima a Roma. In questa zona viene ritrovato il cadavere di un uomo di cui non si riesce a comprendere l’identità. Non ha documenti. In tasca gli viene trovato solo un biglietto sul quale ha scritto il numero di telefono proprio di Rocco Schiavone.

Il vicequestore a questo punto è costretto a tornare a Roma. E qui, oltre a cercare indizi per risolvere il caso, dovrà fare i conti con il suo passato per l’ultima volta in questa seconda stagione. Ma tornare indietro e rivedersi così come era un tempo, si rivela un compito molto arduo e difficile.

Rocco Schiavone non tarda ad accorgersi che qualcuno, da tempo, lo sta seguendo e informa il questore suo capo, di tutti gli spostamenti che fa giorno dopo giorno.

Tutto questo significa che in questura c’è una talpa. Schiavone si rende conto di essere in pericolo. Non può fidarsi più di nessuno a parte di Caterina e del piccolo Gabriele.

In un’atmosfera così angosciante, Schiavone cerca di difendersi: non si è mai trovato in tale difficoltà. Ma soprattutto è preso da un profondo senso di sconforto perché la talpa insinuatasi proprio in questura, significa un suo forte indebolimento come poliziotto.

Nel frattempo il vice questore di Spinaceto (quartiere di Roma sud) sta indagando a sua volta sull’omicidio di Castel di Decima. Casualmente viene scoperto un collegamento tra la vittima e l’ambasciata dell’Honduras. Questo piccolo particolare, che potrebbe sembrare insignificante, invece ha per Schiavone un’importanza enorme: infatti gli fa capire che la vittima era legata a Enzo Baiocchi. Decide così di seguire questa pista convinto che potrà prendere il Baiocchi una volta per tutte e riuscire anche a risolvere l’omicidio di Castel di Decima.

Infine Rocco Schiavone ha un altro obiettivo: cercare di togliere dai guai Sebastiano. Tutto questo però cozza contro il fine che si è prefisso la talpa: impedire a Schiavone di arrivare alla verità.

Rocco Schiavone 2 | gli ascolti

La seconda edizione di Rocco Schiavone ha avuto un notevole gradimento di pubblico. Dopo la puntata di esordio che ha addirittura sfondato il tetto del 13% di share, si è attestata sull’11-11,5% di share. Vedremo questa sera quale sarà il risultato dell’Auditel per il gran finale.



0 Replies to “Rocco Schiavone 2 | puntata 7 novembre | Prima che il gallo canti”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*