I Medici 2 | puntata 13 novembre | Tradimento e Consacrazione


I Medici 2 | puntata 13 novembre | Tradimento e Consacrazione. La serie si conclude con la tremenda congiura dei Pazzi e con il Botticelli che inizia a dipingere un nuovo quadro dedicato alla Primavera.


Si conclude questa sera su Rai 1 la seconda stagione nella serie I Medici dedicata a Lorenzo il Magnifico. Come al solito sono previsti due episodi i cui titoli sono rispettivamente Tradimento e Consacrazione.

Nella scorsa puntata i telespettatori avevano assistito all’omicidio di Galeazzo Maria Sforza (Tam Mutu) che aveva colpito profondamente Lorenzo il Magnifico (Daniel Sharman). Infatti questa morte metteva in pericolo i suoi progetti.

I Medici 2 | Tradimento | la trama

La guerra tra la famiglia de’ Pazzi e quella de’ Medici continua e diventa sempre più intensa. I Pazzi dopo l’ennesima sconfitta sono stanchi di avere perdite e allora decidono che è tempo di eliminare i Medici.

Francesco de’ Pazzi (Matteo Martari) e Salviati (Jacob Fortune-Lloyd) si incontrano a Roma dove hanno convocato il conte Montesecco. Lo scopo è di convincere il papà ad organizzare una ambasciata di pace a Firenze a capo della quale ci sarà il giovane nipote del pontefice il cardinale Riario.

Ma naturalmente la spedizione è soltanto un pretesto: lo scopo vero è di recarsi a Firenze per assassinare Lorenzo il Magnifico e suo fratello Giuliano (Bradley James). Lorenzo però, nonostante gli avvertimenti del fratello, continua ad inseguire un progetto di pace tra le due famiglie. Proprio per questo organizza una cena dove i congiurati hanno deciso di intervenire e di colpirlo a morte.

Quando tutti i preparativi sono stati fatti, Giuliano non si presenta all’appuntamento. Poiché i sicari della famiglia de’ Pazzi devono uccidere contemporaneamente i fratelli, l’attentato viene rimandato alla messa che si celebrerà in Duomo e dove sarà presente tutta la famiglia.

I Medici 2 | Consacrazione | la trama

É il giorno dell’attentato nel Duomo di Firenze. I congiurati colpiscono a morte Giuliano che spira poco dopo. Lorenzo invece ha soltanto ferite e riesce a barricarsi in Sacrestia insieme alla moglie ed alla madre Lucrezia (Valentina Bellè). Intanto fuori dal Duomo Jacopo de’ Pazzi (Sean Bean) proclama la nuova Repubblica e fa credere al popolo che Lorenzo è morto.

Ma quando la folla vede uscire il Magnifico ancora vivo insorge violentemente contro i Pazzi e scoppia una rivolta ferocissima. Salviati, Francesco e Jacopo vengono impiccati alle finestre del Palazzo Vecchio, mentre la folla fa scempio di tutto ciò che era appartenuto ai Pazzi.

Lorenzo è invaso da un grandissimo dolore e vorrebbe vendicarsi subito uccidendo immediatamente Guglielmo de’ Pazzi (Charlie Vickers) sospettato di essere a conoscenza del piano per ammazzarli. Soltanto in seguito si fa convincere dal Botticelli (Sebastian de Souza) ad esiliarlo per non intaccare la sua immagine di Principe misericordioso. E’ proprio dopo la congiura che Botticelli inizia a dipingere un quadro dedicato alla Primavera.

La folla applaude Lorenzo chiamandolo il Magnifico, ma non sa che oramai il Papa è pronto ad una nuova guerra.

I Medici 2 | il cast completo

Ecco il cast completo della serie in quattro puntate: Daniel Sharman (Lorenzo il Magnifico), Bradley James (Giuliano de’ Medici), Sarah Parish (Lucrezia de’ Medici), Alessandra Mastronardi (Lucrezia Donati), Julian Sands (Piero de’ Medici), Matteo Martari (Franco de’ Pazzi), Synnove Karslen (Clarice Orsini), Aurora Ruffino (Bianca de’ Medici), Matilda Lutz (Simonetta Vespucci), Guido Caprino (Marco Bello), Charlie Vickers (Gugliemo de’ Pazzi), Sebastian de Souza (Sandro Botticelli), Jack Bannon (Angelo Poliziano), Miriam Dalmazio (Bona di Savoia).



0 Replies to “I Medici 2 | puntata 13 novembre | Tradimento e Consacrazione”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*