Tiki Taka Russia | prima puntata – la diretta


Tiki Taka Russia | Seguiamo in diretta la prima puntata del programma di Pierluigi Pardo sui Mondiali


È andata in onda mercoledì 13 giugno 2018, alle ore 21.15 su Italia uno la prima puntata di Tiki Taka Russia. Il programma seguirà e commenterà le partite dei Mondiali. Al timone Pierluigi Pardo.

I Mondiali sono alle porte, domani è il grande giorno. La squadra di Pierluigi è già pronta da stasera ad introdurre il Mondiale della terra degli Zar.

Tanti ospiti, tra cui Ciro Ferrara, Militello, Paolo Ruffini. Dalla Piazza Rossa di Mosca in collegamento: Paolo Rossi e Javier Zanetti. In collegamento speciale: Massimiliano Allegri.

Il programma inizia con una clip celebrativa sui Mondiali, poi spazio ad un momento amarcord per l’assenza nelle manifestazione dell’Italia, Pardo ricorda con Paolo Rossi i suoi goal mondiali del 1982. Il presentatore poi porta il focus della trasmissione sui favoriti della manifestazione: il Brasile e sul giocatore più atteso: Neymar. Javier Zanetti confessa che potrebbe essere il mondiale della consacrazione di Neymar, la sua opportunità per raggiungere finalmente il livello di Cristiano Ronaldo e Messi. Poi è il turno del portierone Allison che viene indicato dagli ospiti come uno dei migliori portieri al mondo, soprattutto dopo la grande stagione con la maglia della Roma.

Ora è il turno della Selection Argentina, che come in tutte le manifestazioni calcistiche viene indicata come la favorita, ma poi delude puntualmente. Per Lionel Messi è l’ultima occasione – vista la sua età – per portare in Argentina la tanto agognata Coppa del mondo.

Il paradosso argentino è che ai tempi di Maradona di forte nella nazionale c’era solo lui e la squadra riuscì a vincere il Mondiale; al contrario Messi da sempre gioca in una nazionale piena di campioni, eppure non riesce a vincere il Mondiale.

“Maradona al Napoli era un trascinatore e c’ha sempre messo la faccia, anche nei momenti più difficili” – afferma Ciro Ferrara.

In Russia c’è clima di festa ed ecco all’improvviso i fuochi d’artificio nella Piazza Rossa a Mosca.

Dal Mondiale si passa per un attimo ad un focus sul calciomercato italiano. Si parla del presunto scambio Higuain-Icardi tra Juventus ed Inter.

Finalmente si parla dell’incredibile caso del giorno: l’inaspettato esonero  – a due giorni dall’esordio della Spagna al Mondiale – del ct Lopetuegui.

Collegamento con Nicola Savino, Ilary Blasi, il mago Forrest e i Gialappi che preparono il programma Balalaika in onda venerdì 15 Giugno su Canale5.

Pardo introduce il tema Var, collegandosi con il sempre più abbronzato Graziano Cesari. Il Var sconvolgerà il Mondiale o diminuirà gli errori durante il torneo? Sarà solo il tempo a dirlo, anche se sicuramente gli errori più evidenti saranno tutti fischiati.

Margini di errore ridotti al minimo, ma chissà cosa succederà, sicuramente la spettacolarità del gioco non sarà penalizzata“. – dichiara Graziano Cesari.

Wags – Wife and girlfriends, sono le mogli e fidanzate dei calciatori. Si parla di loro, tutte bellissime, e viene mandata in onda una clip che le mostra sui social spesso in compagnia delle loro dolci metà.

In collegamento Massimiliano Allegri tecnico della Juventus. Allegri parla di Buffon e dice che è stato un onore allenarlo.

Pardo dopo una clip celebrativa, domanda al mister se è stato contattato dai grandi club europei, Allegri conferma con la sua sobrietà che dopo una grande stagione è normale diventare un nome ricercato nell’ambiente.

“Il ritorno di Carlo Ancelotti come allenatore nel Campionato Italiano è un valore aggiunto ed una sfida in più per tutti, un modo in più per confrontarsi con un grande allenatore che ha vinto tanto in Italia ed in Europa” – dichiara Allegri.

Ora una clip montata da Militello sulle gaffes di Allegri.

Entra finalmente in studio la spalla comica di Pardo, Andrea Pucci – per l’occasione vestito da Zar.

Allegri viene anche lui portato a parlare di mercato e di Higuain ed Icardi. Il tecnico risponde che Higuain ora è in Russia e gioca per l’Argentina e Icardi gioca nell’Inter, se la cava come sempre con il suo savoir-faire.

Il giornalista Raimondi parla del passaggio di Buffon al Psg, dandolo quasi per fatto dopo una frenata brusca nella trattiva, causa la squalifica del portiere di tre giornate nella prossima Chapions League. Allegri dà quasi per fatta anche la trattiva che porterà Radja Nainggolan dalla Roma all’Inter.

Inviato a Formentera, Marcello Piazzano, che in un ristorante incontra Cristian Brocchi, Alessandro Matri e Federica Nargi.

Adesso si toccano le note dolenti: l’esclusione ai Mondiali dell’Italia per mano della Svezia. Soltanto ora che sono alle porte i Mondiali ci si capacita che la nostra nazionale dopo sessantanni non parteciperà al torneo più ambito. In studio si accende la discussione sul fallimento del nostro calcio, della rifondazione della nostra nazionale e quasi tutti sono concordi che si deve ripartire dai giovani e da Mario Balotelli.

Per risollevare il morale in studio Pardo, ricorda la vittoria del Mondiale da parte dell’Italia nel 2006 e manda una clip sulla semifinale con la Germania e quel miracoloso goal di Fabio Grosso ai tempi supplementari che fa vivere un momento amarcord agli ospiti.

“Se Mertens accetta di andare in Cina può arrivare balottelli al napoli. Futuribile, ma è un’ipotesi” – afferma Claudio Raimondi.

Focus sulle possibili stelle del Mondiale: Timo Werner, Radamel Falcao, Harry Kane. Pardo chiede ai suoi ospiti se punterebbero il famoso Pound sulla vittoria dell’Inghilterra.

“La rivalità più accesa è quella con il Brasile, ma anche la partita contro l’Inghilterra a questo punto sarà molto sentita” – commenta Zanetti in merito alla nazionale Argentina.

Pardo chiede agli ospiti per chi tiferanno: Ciro Ferrara tiferà Argentina, Pucci per il Brasile, Labate per l’Argentina. Il conduttore esprime poi le sue preferenze: Inghilterra e Portogallo.

Il programma termina qui, appuntamento a Sabato sera con Tiki Taka Russia.



0 Replies to “Tiki Taka Russia | prima puntata – la diretta”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*