Connect with us

Talk show

La strada dei miracoli, la terza puntata in diretta

Nuovo appuntamento con il programma condotto da Safiria Leccese su Rete 4

Pubblicato

il

Nuovo appuntamento con il programma condotto da Safiria Leccese su Rete 4
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

{module Google ads}

Safiria Leccese anticipa i temi della puntata e presenta gli ospiti. Questa sera c’è anche Giacomo Galeazzi, vaticanista de La Stampa. Sulla scenografia sono presenti dei fiori. Un profumo floreale è quello che si sente a casa di Pina Micali, una donna di Giampilieri, in provincia di Messina. Nella sua casa un bassorilievo raffiugurante Gesù e una statuetta della Vergine lacrimerebbero, dal 1989, rispettivamente acqua e sangue. La vicenda era già stata affrontata nella scorsa stagione

SM2710

La statua della Madonna recentemente ha lacrimato olio. Ora la casa della donna è diventata una vera e propria meta di pellegrinaggio. A casa della Micali appaiono anche delle croci insanguinate sui muri. Vengono trovati dei messaggi incomprensibili sui batuffoli di cotone che la donna usa per detergere il sudore e il sangue delle effigi. Quando poi si avvicina la Quaresima, Pina accusa dolori al costato, alle mani e ai piedi. A suo giudizio si tratta di stimmate. 

SM2710MIRACOLI

L’inviata Alessandra Borgia è in casa della Micali e mostra le statuine oggetto della questione, così come le croci sulle pareti. Al fenomeno sarebbero collegati anche dei miracoli e guarigioni inspiegabili, come affermato da alcuni protagonisti intervistati dalla conduttrice.

Si tratta di due coniugi, Tiziana e Sebastiano. L’uomo è stato colpito anni fa da un tumore da cui è guarito, ma i medici erano scettici sulla possibilità che potesse avere figli. Poi, dopo un pellegrinaggio a Giampilieri, le cose sono cambiate. Sebastiano è guarita ed ha avuto una figlia. Durante il collegamento, la statua della Vergine comincia a lacrimare

SM2710MADONNA

Sulla vicenda si confrontano gli ospiti. Per Cecchi Paone quanto visto è “un fenomeno da baraccone“. Con sarcasmo dice di non aver mai visto una lacrimazione di una statua in diretta durante la sua lunga esperienza professionale. Paolo Brosio ci va piano: bisogna controllare accuratamente questi fenomeni, posto che possono essere anche veritieri e da intendersi anche come segni divini. 

SM2710CECCHI

L’approccio alla questione è molto simile a quanto già visto nella scorsa edizione. Ad impreziosirlo, e in questo c’è una differenza rispetto all’anno scorso, è la testimonianza dei due coniugi, fattore sul quale la trasmissione punta molto proprio per dare voce a chi è stato coinvolto direttamente nei fatti. Sull’argomento la Chiesa non si è espressa. Le posizioni, prevedibili, sono due: gli scettici e i credenti, esemplificate da Cecchi Paone e Brosio, che sull’argomento si confrontano energicamente. 

SM2710SANGUE

Un’altra testimonianza, in un servizio, viene dalla sorella di Pina Micali. La donna comprò il bassorilievo raffigurante Cristo a Torre del Greco, nel Napoletano, dove vive. La donna ripercorre la storia del fenomeno. Il bassorilievo cominciò a lacrimare acqua e poi sangue nel periodo quaresimale.

La Borgia legge anche uno stralcio di un messaggio che la Madonna avrebbe lasciato alla Micali. Poi tocca la statua lacrimante ed afferma che il liquido è effettivamente oleoso ed emana un profumo di fiori. Don Davide Banzato: “Bisogna essere prudenti nel valutare questi fenomeni“. 

SM271BROSIO

Si può manomettere una statuetta? Il professor Garlaschelli ha provato a far lacrimare artificialmente una copia del David di Michelangelo. Secondo il docente bisognerebbe immediatamente analizzare il DNA del sangue sulla statua e confrontarlo con quello delle persone che entrano nella stanza dove è ubicata l’effigie. Chiusura con la Micali che si dichiara disponibile a sottoporsi a tutti gli accertamenti necessari per chiarire la vicenda.

SM2710GARLASCH

Il secondo caso riguarda Teresa Scopelliti, una donna di Oppido Mamertina (Reggio Calabria) che sostiene di essere una veggente e di avere anche delle apparizioni della Madonna, il giorno 13 di ogni mese. Pare che riceva anche delle premonizioni, come quella delle dimissioni di Benedetto XVI. Anche in questo caso molti fedeli raggiungono il luogo delle presunte apparizioni e molti sostengono di aver assistito al “miracolo del sole”, evento accaduto anche nel più noto precedente di Fatima.

SM2710TERESA

Teresa Scopelliti entra in studio e viene intervistata. Racconta della sua prima apparizione, avvenuta all’età di 12 anni. Vide, mentre giocava in bicicletta, un uomo dalla tunica bianca e dalla barba folta, a suo giudizio Gesù Cristo. Una settimana dopo, mentre studiava, le apparve la Madonna nella sua stanza. Oggi la Vergine le si mostra anche durante vari momenti della giornata. Sin da quando ero piccola, la Madonna è per me una seconda mamma, che guida la mia vita quotidianamente“, dice.

Cecchi Paone interagisce con la donna, dimostrandole il suo scetticismo: “Se vede la Madonna in studio, ce lo dica!“. Osservazione evitabile, che sa di battuta mal riuscita. Ed infatti, la donna si dimostra piuttosto seccata da quanto detto dal giornalista.

Teresa Scopelliti rivela che la Madonna, in un’apparizione, le abbia mostrato Papa Francesco prima della sua elezione. La Vergine avrebbe poi confidato alla donna calabrese di “un cambiamento importante per la Chiesa di Roma“, a quanto pare le dimissioni di Benedetto XVI. Don Banzato: “Sincerità non equivale a veridicità e comunque bisogna essere cauti in questi casi!“. 

SM2710SCOPELLITI

Momento “intervista-vip”: a La strada dei miracoli arriva Valeria Marini. La bionda attrice confida a Safiria Leccese di aver avuto una fede intensa in Dio sin da piccola. È inoltre molto devota a Padre Pio e per due volte si è recata a Medjugorje, un viaggio che aveva sempre desiderato di fare. “Quando sono andata lì, così come a San Giovanni Rotondo, ho ritrovato i veri valori della vita: la gioia, la serenità, la voglia di aiutare gli altri. Il mio diktat è aiutare il prossimo“, afferma.

Si parla del suo matrimonio naufragato con Giovanni Cottone dopo appena un anno: “La fede mi ha aiutato ad andare avanti e a superare questa situazione paradossale“. 

SM2710VALERIA

L’ultimo blocco della trasmissione riguarda la presunta malattia del Papa, notizia diffusa qualche giorno fa dal Quotidiano Nazionale durante il Sinodo e poi smentita dal Vaticano. Ci si chiede: è un evento che rientra in un complotto contro Francesco? 

Il caso, scoppiato il 21 ottobre, viene ricostruito in un servizio. Gli inviati del programma si sono anche recati a Pisa alla Clinica San Rossore, con la quale collabora il prof. Fukushima, luminare giapponese che avrebbe, stando all’articolo di QN, visitato il Papa diagnosticandogli il tumore, di natura benigna. Pare che il chirurgo sia andato in Vaticano e ciò sarebbe documentabile con degli scatti, che però sembrano stati manomessi e pubblicati sul suo sito. Ora queste immagini sono state rimosse.

Fukushima ha poi smentito di aver visitato il Papa. È chiaro che la vicenda è piuttosto oscura e i misteri si infittiscono. Quotidiano Nazionale è sicuro della veridicità della notizia.  

SM2710PAPA

Per parlarne intervengono due volti noti Mediaset: Claudio Brachino e Gianluigi Nuzzi, conduttore di Quarto Grado. La redazione ha intervistato un medico collaboratore di Fukushima: “Non abbiamo nessuna cartella clinica o documento relativo allo stato di salute del Papa. È stato due volte in Vaticano ma non ha fatto visite di carattere clinico o specialistico, tantomeno al Pontefice“. Il programma ha invitato l’autore dell’articolo, che però non ha accettato. 

SM2710FUKU

Brachino: “Se ci sono documenti che attestano l’effettiva malattia del Papa ce li dovrebbero mostrare, altrimenti siamo autorizzati a credere che questa notiza sia vera ma anche falsa“. Nuzzi: “Se fossi l’estensore dell’articolo pubblicherei le carte in questione, altrimenti andrei dalla fonte per chiedere di fornirmele“. 

SM2710BRACHINO

Il Papa è sotto tiro? Il programma se lo chiede alla luce di quanto accaduto prima e durante il Sinodo, con l’esplosione del caso Charamsa e poi la lettera dei cardinali contro di lui. Possibile un complotto contro un Pontefice dalle idee progressiste, sin da prima della sua elezione? Il seme del dubbio germoglia con un servizio che ricostruisce quanto accaduto recentemente. Nuzzi sembra possibilista sull’idea che ci sia qualcuno che voglia mettere “il bastone fra le ruote” al Papa.

SM2710BERGOGLIO

Parla il Cardinale Lajolo, che crede all’ipotesi di una possibile macchinazione ai danni del Santo Padre: “Si tratta di azioni concertate da più di una persona, anche se non posso sapere in quali termini“, dice.

Secondo il prelato, però, se di complotto si può parlare, è stato ordito in maniera grossolana e non basterà certo questo a far preoccupare e temere Francesco. “È un Papa troppo intelligente e troppo Santo per subire questi attacchi, ama anche coloro che non gli vogliono bene”, conclude Lajolo. Banzato: “Papa Francesco è un uomo sincero, per cui credo che se avesse una malattia del genere sarebbe lui stesso a comunicarlo“.

SM2710LAJOLO

I contributi continuano. C’è il professor Renuccio Boscolo, massimo esperto dell’interpretazione delle quartine di Nostradamus. Nei suoi scritti, lo studioso avrebbe preannunciato alcuni eventi che potrebbero riferirsi a Francesco.

Avrebbe infatti parlato di “un Giubileo, di un Papa franco, di cui sarebbe stata annunciata la morte quando ancora era in vita“. Si crea un’atmosfera piuttosto inquietante, complice anche la musica di sottofondo. Mai come in questo caso è necessario prendere tutto con estrema cautela, il sensazionalismo è dietro l’angolo.

Brosio e Cecchi Paone, nonostante le loro diversità sul piano religioso, sono d’accordo nel non fare troppo affidamento alle parole di Nostradamus. “Solo Dio può sapere il futuro“, dice Brosio. Cecchi Paone incalza Boscolo: “Ci dica cosa succederà al Papa fra tre mesi, non basta riferire premonizioni quando i fatti sono già accadute!

Si va piuttosto fuori tema, con un tutti contro Boscolo. Francamente non si sentiva eccessivamente il bisogno di insistere su questo aspetto oltre il necessario

SM2710NOSTRA

Diversi sono i misteri legati al Vaticano, tra cui l’improvvisa morte di Giovanni Paolo I, lo IOR governato dal Cardinale Marcinkus legato forse con la P2, così come l’oscura vicenda di Emanuela Orlandi, tutto ricostruito in un servizio dove la sensazione di mistero e gli interrogativi emergono fortissimi. 

Questa sera in studio c’è suo Pietro Orlandi, fratello di Emanuela. La scorsa settimana l’inchiesta sulla scomparsa della ragazza è stata archiviata, chiudendo un caso che dura dall’83 senza una verità. Parole durissime: “Sono arrabbiato con la procura e soprattutto con il Vaticano, che ha avuto un comportamento poco cristiano, ostacolando le immagini sulla scomparsa su Emanuela e non pretendendo la verità in merito alle sorti di una sua cittadina“, dice Pietro Orlandi. .

Una bella intervista, che però avrebbe meritato una trattazione diversa, soprattutto perchè trasmessa ad ora tarda

SM2710ORLANDI

Termina qui, con circa 15 minuti di ritardo dalla conclusione prevista, la terza puntata de La strada dei miracoli. Prossimo appuntamento martedì 3 novembre, alle 21.10, su Rete 4


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nasco a Napoli nel 1989, ma la mia città è San Giorgio a Cremano, la stessa di uno dei miei miti: Massimo Troisi. Gli studi mi hanno portato a Roma, dove mi sono laureato in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione alla Sapienza. Sono giornalista pubblicista. Il varietà è il mio genere preferito, sia in tv che in radio. A ruota seguono serie tv e quiz. La mia passione è il Festival di Sanremo: da piccolo fantasticavo di cantare sul palco dell'Ariston, ora mi limito a sognare di condurlo!

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Talk show

La versione di Fiorella in seconda serata su Rai 3 – anticipazioni

Nuovo appuntamento in seconda serata con la cantautrice romana in onda il lunedì, il giovedì e il venerdì.

Pubblicato

il

La versione di Fiorella Rai 3
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Fiorella Mannoia è la protagonista della seconda serata di Rai 3, tre volte a settimana con “La versione di Fiorella”, in onda dal 25 ottobre, alle 23:15 ogni lunedì, giovedì e venerdì.

Fiorella Mannoia torna alla conduzione dopo La musica che gira intorno, andato in onda su Rai 1 il 15 e il 22 gennaio 2021.

La versione di Fiorella Rai 3 format

La versione di Fiorella – anticipazioni

Il programma prende spunto da Almanacco del Giorno dopo, lo storico programma di Rai 1 andato in onda tra la metà degli anni ’70 e la metà degli anni ’90, per darne una nuova versione, in cui si racconteranno eventi accaduti nello stesso giorno della messa in onda, ma in altri anni e in altre parti del mondo, festeggiando anche i compleanni e le ricorrenze di quella data.

La versione di Fiorella Rai 3 ospiti

Format

Ogni puntata avrà degli ospiti che interverranno nel racconto portando la loro testimonianza diretta o indiretta dei fatti del giorno.  La musica e i filmati di repertorio saranno gli elementi principali del racconto. Ma ne ‘La versione di Fiorella’ le cose a volte si ribalteranno e così gli ospiti si troveranno ad avere ruoli insoliti. Attori che si divertiranno a cantare e suonare e cantanti che diventeranno interpreti di storie.

Gli ospiti della prima puntata saranno Sigfrido Ranucci, Caparezza e Gennaro Esposito. Oltre alla sua band, ad accompagnare Fiorella in questa avventura ci saranno l’autore e comico televisivo Stefano Rapone e la filosofa e scrittrice Ilaria Gaspari.

La versione di Fiorella Rai 3 puntate

La versione di Fiorella – ospiti 28 e 29 ottobre

Nella seconda puntata, in onda giovedì 28 ottobre, tra gli ospiti anche Willie Peyote mentre a chiudere la settimana, venerdì 29 ottobre ci saranno Fulminacci e Claudio Santamaria.
La versione di Fiorella è una produzione Rai 3 e Friends&Partners. La regia del programma è affidata a Flavia Unfer mentre il team autorale è composto dalla stessa Fiorella Mannoia, Giovanna Salvatori, Massimo Martelli, Pietro Galeotti, Antonio Pascale, Simone Di Rosa e Carlo Di Francesco, che ne cura anche la direzione musicale.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Talk show

Non è l’Arena 20 ottobre: dall’inchiesta sul sistema Salerno al mondo degli escort – anticipazioni

Tutte le anticipazioni sulla puntata del talk show condotto da Massimo Giletti in diretta su La7 in prima serata.

Pubblicato

il

Non è l'Arena 20 ottobre anticipazioni
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non è l’Arena torna con la puntata di mercoledì 20 ottobre in onda in diretta alle 21:15 su La7. Al timone Massimo Giletti.

Molti come al solito gli argomenti di cui si occupa anche questa sera il giornalista e conduttore. Si va dalla protesta dei lavoratori no Green Pass ad un argomento abbastanza scottante di cui si parla molto poco: si tratta dei cosiddetti escort.

Non è l'Arena 20 ottobre

Non è l’Arena 20 ottobre – anticipazioni

Giletti ad inizio puntata dopo aver dato uno spazio ai risultati delle recenti elezioni amministrative, si ferma a discutere e riflettere sulla protesta dei lavoratori no Green Pass. Fino a che punto si spingerà tale sollevazione che ha interessato tutta Italia ma soprattutto la città di Trieste?

Per il quarto giorno consecutivo i contrari alla certificazione verde si sono dati appuntamento in piazza Unità a Trieste, dopo che sono stati effettuati gli sgombri nella zona del Porto.

Da sottolineare le difficoltà nel pomeriggio di lunedì con forti ripetuti momenti di tensione tra i manifestanti e le forze dell’ordine.

Ricordiamo anche che il movimento triestino no Green Pass ha deciso di creare un vertice chiamato Coordinamento 15 ottobre. La data è stata scelta perché proprio dal 15 ottobre è diventato obbligatorio l’uso del Green Pass nei posti di lavoro.

Nella piazza di Trieste sono arrivati anche no Green Pass da altre città e regioni italiane Grazie soprattutto al tam tam che è stato o effettuato sui social ma soprattutto su TelegramGiletti infatti si collega in diretta dalla piazza di Trieste. La città è diventata oramai simbolo di questa battaglia. A discuterne in studio ci sono Sandra AmurriGuido CrosettoCarlo CalendaTommaso CernoMomi El Howi e Marco Liccione.

Non è l'Arena 20 ottobre escort

Inchiesta sistema Salerno

Un altro argomento importante di cui si occuperà questa sera Massimo Giletti è quanto sta accadendo nella città di Salerno. Uomini molto vicini al governatore della Regione Vincenzo De Luca sono al centro di un’inchiesta sui presunti affidamenti di appalti nel comune di Salerno in favore di cooperative che, in cambio, avrebbero portato pacchetti di voti.

A discuterne in studio ci sono Nello TrocchiaMichele Sarno e Peter Gomez.

Un altro argomento interessante e di attualità è un viaggio fatto da Massimo Giletti e dai suoi ospiti nel mondo della prostituzione maschile. Si tratta di una realtà della quale si parla molto poco perché nessuno ne vuole discutere.

Un argomento che vive nell’ombra ma su quale ha acceso un faro la storia del caso Morisi. A discuterne in studio ci sono Vladimir Luxuria e Luca Borromeo un escort professionista.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Talk show

Non è l’Arena 13 ottobre: dal corteo NO Green Pass allo scandalo veleni in Toscana – anticipazioni

Tutte le anticipazioni della terza puntata del talk show condotto in prima serata su La7 da Massimo Giletti.

Pubblicato

il

Non è l'arena 13 ottobre
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Terzo appuntamento, mercoledì 13 ottobre 2021, con “Non è l’Arena” il programma di Massimo Giletti in onda in diretta alle 21.15 su La7. Temi della puntata odierna: il corteo No Green Pass, immagini esclusive e documenti inediti su Giuliano Castellino e l’inchiesta sullo scandalo veleni in Toscana.

Non è l’Arena 13 ottobre 2021 – anticipazioni

Nuovo appuntamento con “Non è l’Arena” il programma di Massimo Giletti in onda in diretta alle 21.15 su La7.

Chi c’era davvero in quella piazza? C’era una regia negli scontri che hanno portato poi all’assalto della Cgil? E chi è Giuliano Castellino, il leader di Forza Nuova agli arresti per la guerriglia no green pass?
Ce lo racconteranno Massimo Giletti e la sua squadra con immagini esclusive e documenti inediti. In studio per il dibattito l’avvocato Carlo Taormina, il giornalista Luca Telese, l’ex senatore Gianluigi Paragone, la giornalista Sandra Amurri e l’ex Presidente della Regione Lazio Francesco Storace.

Non è l'arena 13 ottobre Jared Leto

Coinvolto, suo malgrado, nel corteo No Green Pass l’attore Premio Oscar, Jared Leto. L’attore, che è nel cast della serie House of Gucci nel ruolo di Paolo Gucci, è rimasto coinvolto nella guerriglia urbana documentando tutto l’accaduto sul suo profilo Instagram da oltre 10 milioni di followers. Ha raccontato di essere stato asfissiato dai gas lacrimogeni.

Tra gli ospiti tornerà la vicequestore Nunzia Schilirò all’indomani del provvedimento di sospensione adottato nei suoi confronti.

Lo scandalo veleni in Toscana

Che cosa succede in Toscana? Dagli amministratori locali ai vertici della Regione passando per la ndrangheta calabrese, lo scandalo del depuratore e dello smaltimento dei rifiuti tossici. Un’inchiesta di “Non è l’Arena” nella puntata del 13 ottobre che romperà quel velo di silenzio calato da tempo sulla vicenda, riuscendo a parlare con alcuni dei principali protagonisti della vicenda: il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il consigliere regionale del Pd Andrea Pieroni, la sindaca di Santa Croce sull’Arno Giulia Deidda e l’ex direttore dell’associazione conciatori Piero Maccanti.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it