Uomini e Donne: con le intemperanze di Tina Cipollari si è superato il limite del buon gusto


Uomini e Donne: con le intemperanze di Tina Cipollari si è superato il limite del buon gusto. Il programma in onda nella fascia oraria del daytime pomeridiano di Canale 5 ha evidenziato recentemente comportamenti inaccettabili.


È stata una settimana all’insegna della “mala educacion“. Ci permettiamo di scomodare Almodovar in un contesto purtroppo molto trash. Stiamo parlando di quanto è accaduto durante la scorsa settimana a Uomini e Donne.

Come i telespettatori sanno, protagonista del trono over è ancora e sempre Gemma Galgani, rimasta tra i partecipanti dopo la sua rottura con Giorgio Manetti e almeno con altri due corteggiatori.

I rapporti tra Lady Galgani e l’opinionista Tina Cipollari non sono mai stati idilliaci. Al contrario tra le due donne è regnata sempre una antipatia sfociata in gesti clamorosi ed eclatanti. Ma nella puntata di mercoledì 15 maggio, l’asticella del cattivo gusto e della vera e propria maleducazione è stata innalzata troppo. Il risultato non è sicuramente piaciuto al pubblico, visti anche i commenti riservati a Tina Cipollari e alla stessa conduttrice Maria De Filippi dal popolo del web.

È accaduto che all’improvviso la Cipollari scaraventava un secchio di acqua gelata sulla sua odiata rivale Gemma Galgani. La malcapitata è rimasta senza parole, ma ha accusato il colpo. Tenendo conto che non si tratta più di una concorrente giovanissima, bisognerebbe fare attenzione alle “goliardate” estremamente discutibili e sicuramente di cattivo gusto che si susseguono nel programma.

Quando è accaduto il fattaccio la conduttrice Maria De Filippi ha cercato di sdrammatizzare il fatto sorridendo. Ma questo atteggiamento non è piaciuto ai telespettatori. I social network si sono scatenati con critiche non solo alla Cipollari ma anche alla stessa De Filippi.

L’accusa più frequente era rivolta alla conduttrice che, invece di sorridere, avrebbe dovuto riprendere con vigore la Cipollari richiamandola ad un atteggiamento consono al decoro della trasmissione. Ricordiamo inoltre che Uomini e Donne va in onda in fascia protetta. E un atteggiamento così violento e volgare può incidere negativamente su un pubblico giovane che ha bisogno invece di modelli positivi.

Uomini e Donne è un programma molto seguito, un vero e proprio cult per le generazioni dei ventenni e dei trentenni, ma è amato anche dagli anziani. La terza età ha trovato quasi un motivo di vita nella trasmissione che ha fatto incontrare molti single restituendo una speranza nel futuro a chi non la possedeva.

Comportamenti così diseducativi ai limiti del bullismo, devono essere necessariamente condannati. Ed è proprio sul concetto del bullismo che ha insistito il popolo del web. Basta dunque con le intemperanze di una Cipollari che lede anche la sua dignità e la propria immagine.

Vogliamo sperare che Maria De Filippi, molto attenta alla sobrietà ed al buon gusto nelle sue altre trasmissioni, abbia ripreso Tina Cipollari dietro le quinte del programma e l’abbia invitata a non ripetere più determinati gesti, etichettati come maleducazione e bullismo sugli anziani.

Ricordiamo che la Cipollari non è nuova a questo tipo di gesti. Infatti in passato aveva già gettato una bottiglietta d’acqua sulla testa della Galgani. Non solo ma aveva fatto di più: durante una puntata aveva preso una torta piena di panna e l’aveva lanciata in faccia alla sua rivale.

Ripetiamo che tali comportamenti sono assolutamente da condannare: i personaggi di Uomini e Donne rappresentano, per molti telespettatori, dei modelli nei quali immedesimarsi. Bisognerebbe comunicare al pubblico messaggi positivi e di rispetto per il prossimo qualunque sia l’età dei personaggi con i quali si interloquisce.



0 Replies to “Uomini e Donne: con le intemperanze di Tina Cipollari si è superato il limite del buon gusto”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*