logo


Orchestra di Santa Cecilia

 Spesso – ma non sempre - i programmi di musica colta trovano posto nella nostra TV a tarda notte: quando non solo i piccoli, ma anche gli adulti che hanno il lavoro la mattina presto, debbono salvare le necessarie ore del sonno. C’è poco da fare, il criterio è quello di collocare nei momenti di minore audience le cose meno interessanti: fra queste la musica classica, e ripugna il solo dirlo.

Nè ci consola la comune opinione che questa realtà riguardi solo la miopia dei politici e degli uomini di potere, e che è culminata nelle tre ben note ‘i’, cui Berlusconi voleva ridurre la scuola pubblica, Inglese, Informatica, Impresa.

Rimediavano al dramma delle trasmissioni televisive notturne di musica colta – cui il pubblico medio era costretto a rinunziare -  le generose dirette radifoniche in prima serata degli spettacoli e dei concerti attuate da Rai Radio Tre, il cui dirigente responsabile dal 2000 al oggi è stato il compositore, docente, direttore di grandi istituzioni musicali Michele Dall’Ongaro, oggi presidente-soprintendente  dell’Accademia Nazionale di S.Cecilia in Roma.

Per lui, la prima causa della distorsione per cui le platèe e gli stadi sono invasi da musica pop e rock, con conseguente fondamentale influenza sui giovani, sta nella scarsa conoscenza della grande musica, e – come Uto Ughi – ne carica la responsabilità sui dirigenti politici, invano sollecitati a partire dalla seconda metà del Novecento ad una riforma della scuola pubblica, volta all’inserimento nelle superiori di una cattedra di Storia della Musica. 

 Il maestro Michele Dall'Ongaro

Per Dall’Ongaro – che ha vissuto da musicista la storia d’Italia e ne ha osservato i movimenti, le crisi, i progressi e i regressi - la grande musica e i capolavori del passato commuovono, arrivano inevitabilmente al cuore dell’uomo: la conoscenza e la diffusione di quest’arte porta chiunque, senza eccezioni, ad amarla. La difficoltà di esprimere con parole l’essenza della musica è la riprova della sua infinità: “La musica esprime ciò che non può esser detto e su cui è impossibile tacere” disse Victor Hugo, “La musica è una rivelazione più profonda di ogni saggezza e filosofia” affermò Beethoven, e “Dove le parole finiscono, inizia la musica”  affermò l’altro tedesco Heine, mentre lo scrittore e poeta inglese Joseph Addison aggungeva “La musica è tutto ciò che del Paradiso noi abbiamo quaggiù”.

Dall’Ongaro non risparmia strali a molta della musica contemporanea, per via del suo cerebralismo e della difficoltà nel farsi comprendere: ma la sua fede nella diffusione della conoscenza  musicale e nel dovere di un linguaggio sobrio che aiuti tutti nella comprensione, è la sua forza, e la Rai TV perciò molto deve a Dall’Ongaro. Le sue spiegazioni, precedenti i concerti diffusi da Rai Radio 3, ormai sono storia: conservate nelle teche Rai, possono essere riproposte in ogni momento a vantaggio per pubblico, specie nelle festività, i cui momenti di vuoto sono troppo spesso riempiti con materiale radio-televisivo di basso profilo.

Pappano suona al terminal

Il maestro Antonio Pappano

Dall’Ongaro comunque non diffida della tecnologia, se essa concorre ad aiutare la diffusione planetaria della grande musica. I social, le piattaforme digitali ben vengano secondo lui, ma egli non è però disposto ad abbassare il livello della qualità musicale, pur di attirare consensi e platèe. Si può dire che abbia fatte sue le parole del direttore d’orchestra Daniele Gatti: “Occorrono cinque minuti per tratteggiare come si dirige tecnicamente un’orchestra, ma occorrono anni per spiegare i singoli e individuali gesti del Maestro, spie indiscutibili dell’animo e del sentimento musicale del direttore d’orchestra”.

Dell’Ongaro quindi è venuto incontro a molte innovazioni che la realtà attuale chiede alla musica: “S.Cecilia in volo” è la rassegna che propone dei concerti ogni giovedì alle 13,30  ai Terminal B e D di Fiumicino, con programmi di Cori e musica cameristica, alla maniera degli Ensembles della Scala, che in settembre eseguirono “L’Elisir d’amore” di Donizetti nelle aree della Malpensa a Milano, facendo tutt’uno col non lontano rombo degli aerei in transito.

Le novità vanno esperite: ‘cum grano salis’ tuttavia.

Ultima modifica Lunedì, 04 Gennaio 2016 16:11
Paola Pariset.

Giornalista, specializzata nell'ambito dell'arte della musica, della danza e non solo.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo