50 sfumature di grigio su Canale 5, la protesta del Moige


La protesta del Movimento italiano genitori contro la messa in onda della pellicola,che tantpo ha fatto discutere per le cruente scene di sesso troppo esplicite

 Via 50 sfumature di grigio dalla prima serata: la pellicola è inadatta ad un pubblico di minori.

Con questa parole inizia il duro comunicato del Moige (Movimento Italiano Genitori) che protesta per la messa in onda, domani lunedì 25 gennaio, in prima serata della pellicola che tanto scandalo e tante polemiche ha suscitato fin da prima dell’arrivo sul grande schermo.

Il Movimento, da sempre a difesa delle famiglie italiane e dei minori dinanzi alla tv, prosegue: Scelta eticamente scorretta di Mediaset, decisamente lesiva verso i minori che vengono televisivamente violati con una programmazione inadatta alla loro eta’  nella prima serata di Canale 5, prevista per lunedì sera.

Questa non è televisione capace di esprimere rispetto verso le famiglie che ancora credono nel valore sociale e culturale della televisione, che utilizza concessioni pubbliche. Chiediamo alle aziende inserzioniste di ritirare gli spot da programmi lesivi e irrispettosi verso i nostri figli.
  Si conclude così la dichiarazione di Elisabetta Scala dell’Osservatorio media del Moige.

Atteso dai tanti fan della saga di E.L.James, che è riuscita a vendere oltre cento millioni di copie in tutto il mondo, il film è arrivato nei cinema lo scorso febbraio del 2015, in concomitanza di San Valentino, festa degli innamorati. Presentato in anteprima mondiale al Festival internazionale  del Cinema di Berlino, è stato vietato ai minori in diversi Paesi:  in Usa e Australia ai minori di 17 anni, mentre in Spagna, Gran Bretagna e Russia a quelli di 18 anni. Diverso il divieto in Italia, la visione della pellicola è stata impedita soltanto ai minori di 14 anni. Inoltre nel nostro paese, nel primo week end di incassi, ha ottenuto ben 8 milioni e mezzo di euro, dimostrazione dell’interesse voyeuristico del pubblico nei riguardi della storia.Un interesse dannaso per il rispetto del pubblico televisivo e soprattutto dei minori che sono dinanzi alla tv in prima serata. E non bata la constatazione che si può cambiare canale.

Interpretato da Dakota Johnson e Jamie Dorman, il film arriva dunque in prima visione tv sulla principale rete Mediaset. Promosso come pellicola trasgressiva e osé, contiene circa 20 minuti di scene di sesso. In particolare però, a suscitare l’attenzione, più che la quantità era stato il tipo di sesso visto in scena. Il personaggio maschile infatti, il miliardario Christian Grey, è un cultore del bondage., pratica che consiste nel “legare” il proprio partner imponendogli delle costrizioni fisiche.

Con tutto quello che ci rimanda la cronaca di tutti i giorni, la preoccupazione del Moige è di dare un esempio discutibile e assolutamente da evitare.

Di grande successo anche la colonna sonora, cantanta da Ellie Goulding: il brano Love me like you do è stata in vetta alla classifica dei singoli più venduti su iTunes in 33 paesi nel 2015.



0 Replies to “50 sfumature di grigio su Canale 5, la protesta del Moige”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*