logo


Massimo Giannini e Giovanni Floris

 Il dato è eclatante, sintomatico di una sofferenza di fondo che è venuta prepotentemente a galla, sia per quanto riguarda il calo degli ascolti, sia per le polemiche innescate di recente. Partiamo dall'ultimo risultato dell'Auditel che ha fatto registrare per Ballarò 1.280.000 telespettatori e il 6,29% di share. Su La7 la puntata del talk concorrente DiMartedì ha conquistato, invece,1.385.000 spettatori con il 7,49% di share. I numeri si riferiscono alle puntate del 31 maggio.



 La tendenza di DiMartedì, prima all'avvicinamento e poi al sorpasso del diretto competitor, era evidente da tempo. DiMartedì, puntando anche sulla lunga durata, è riuscito a battere Ballarò che, in questi giorni annaspa anche tra le polemiche. Al programma condotto da Massimo Giannini viene rimproverato di non aver dato adeguato spazio al PD nelle più recenti trasmissioni. Al punto che i vicepresidenti del partito Serracchiani e Guerini hanno presentato un esposto all'Agcom (Autorità per le garanzie nelle cominicazioni) con la seguente motivazione: "per due settimane di fila, a ridosso delle elezioni, non viene dato spazio al primo partito italiano nell'unico talk in prima serata della terza rete".

Ufficialmente non c'è stata una risposta della dirigenza Rai. Ma si è lasciato trapelare che, come ha affermato anche lo stesso Giannini, si è trattato solo di applicare la par condicio. Infatti, nel periodo dal 26 aprile in poi c'è stata una sovra-esposizione del Partito Democratico e bisognava rimediare per evitare la sanzione dell'autorità di vigilanza.

Ma questa polemica è solo la punta di un iceberg che rischia di far affondare, senza speranza, Ballarò e Massimo Giannini.

Intanto, per una curiosa coincidenza politico- televisiva. il crollo degli ascolti del talk di Rai3 è avvenuto proprio oggi, a ridosso dell'esposto presentato ieri. E stamattina Giannini si è svegliato con un'altra brutta sorpresa: oltre un punto percentuale di share lo divide da Floris. Anche se, dato non secondario, la somma degli ascolti dei due talk concorrenti non arriva ai risultati d'audience conquistati da Floris quando era lui al timone di Ballarò su Rai3, prima cioè di trasferirsi a La7.



Che sta accadendo? Intanto Giovanni Floris ha potuto contare su un'esperienza lunga e consolidata alla guida di un talk politico. Ed ha saputo metterla al servizio di un programma, DiMartedì che, in due edizioni, ha cercato di modernizzarsi e catturare un pubblico più giovane grazie anche agli interventi di Maurizio Crozza.

Ballarò è rimasto ancorato a posizioni obsolete sulle quali nulla ha potuto neppure l'intervento della Gialappa's band con i suoi commenti ironici ma oramai scontati e inflazionati.

E, nel tentativo di imporre la propria credibilità professionale, Massimo Giannini è intervenuto varie volte a Un giorno da pecora. Il programma di Raidue condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, tra l'altro, ha spesso ironizzato su DiMartedì e sulla presenza, come opinionista fisso sul tema delle pensioni,dell'economista Giuliano Cazzola. Tutto è apparso come un tentativo di restituire credibilità ad un prodotto dell'azienda Rai mettendo in evidenza le defaillance di una concorrenza sempre più agguerrita.

Intanto su Rai2 si è consumata la fine di Virus-il contagio delle idee e l'allontanamento di Nicola Porro.

Ultima modifica Mercoledì, 01 Giugno 2016 13:23
Marida Caterini

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni  critico televisivo de Il Giornale d’Italia  con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama.

Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino,  Il Giornale.

Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione,  organizzato dall’Università La Sapienza di Roma.

Ha vinto  il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. . E stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana,  un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo