“Cose Nostre” la seconda edizione da sabato 5 novembre su Rai 1


Sabato 5 novembre in seconda serata, alle 23:35, torna il programma "Cose Nostre" di Emilia Brandi. Un primo ciclo è andato già in onda lo scorso inverno sempre su Rai 1. Il programma racconta le vicende personali e professionali di tutti quei personaggi che si sono opposti alle mafie ed hanno pagato un prezzo molto alto in prima persona. Ma non per questo hanno smesso di lottare, di combattere e di svolgere il proprio dovere.

Sabato 5 novembre in seconda serata, alle 23:35, torna il programma “Cose Nostre” di Emilia Brandi. Un primo ciclo è andato già in onda lo scorso luglio sempre su Rai 1. Il programma racconta le vicende personali e professionali di tutti quei personaggi che si sono opposti alle mafie ed hanno pagato un prezzo molto alto in prima persona. Ma non per questo hanno smesso di lottare, di combattere e di svolgere il proprio dovere.

Anche in questa nuova edizione al centro del racconto ci saranno manager pubblici, testimoni di giustizia e giornalisti che non si sono mai fatti intimorire da ogni forma di corruzione e di delinquenza organizzata che loro hanno cercato di combattere con gli strumenti in proprio possesso. 

Questa nuova stagione si comporrà di 6 puntate ed ognuno degli appuntamenti avrà un protagonista di cui Emilia Brandi racconterà la storia.

Si comincia con la vicenda della giornalista Marilù Mastrogiovanni che ha realizzato una serie di inchieste molto dure, sempre ben documentate il cui fine è stato quello di mettere in evidenza l’altra faccia del Salento. Semiologa e anche scrittrice, la Mastrogiovanni ha dedicato tutta la sua esistenza a difendere la terra del Salento di cui è originaria da ogni forma di degrado. Nei suoi servizi giornalistici ha molte volte citato grandi potentati mafiosi compresa la Sacra Corona Unita, ha denunciato la corruzione politica e ha portato allo scoperto verità scomode.marilù mastrogiovanni cose nostre

Molte volte si è lamentata che il suo amore per la terra nativa non è stato ricambiato con la stessa intensità.

Tutto questo sarà raccontato nella puntata del 5 novembre dove si metterà in evidenza il coraggio della professionista che ha scritto anche dei libri. Tra questi “Io non taccio. L’Italia dell’informazione che dà fastidio“. Successivamente si è anche occupata delle drammatiche vicende di 11 giornalisti uccisi dalla mafia e dal terrorismo.

Nel raccontare la vicenda di Marilù Mastrogiovanni la puntata di “Cose Nostre” punta l’attenzione proprio sul Salento, territorio bellissimo nel quale però la criminalità organizzata per decenni ha gestito lo sversamento di rifiuti tossici facendo affari con imprenditori collusi con tutte le delinquenze organizzate. Si parlerà ancora delle grandi speculazioni edilizie che sono state fatte in zona e soprattutto in aree protette. La Mastrogiovanni ha raccontato tutte queste storie con grande coraggio e coerenza, ma ha subìto costantemente minacce e violenze alla propria persona. {module Pubblicità dentro articolo}

La regia di “Cose Nostre” è di Andrea Doretti.

Il percorso su Rai1 di “Cose Nostre” era iniziato il 9 gennaio 2016. Poi c’era stata una ripresa l’8 luglio 2016 con una puntata speciale. Adesso il programma di approfondimento giornalistico torna con cinque nuove puntate che metteranno in evidenza come la delinquenza organizzata si infiltra dappertutto anche in una quotidianità apparentemente irreprensibile.