La copertina di Maurizio Crozza a Ballarò: io la immagino così



Fanta-puntata di Ballarò  che si occupa dell’ennesima manovra finanziaria.

In studio i tre ministri interessati: dell’Economia e Finanze, dello Sviluppo economico, Infrastrutture e Trasporti.

Prima di iniziare, Crozza vuol essere sicuro della loro presenza e chiede a Floris: Ci sono quei gran figli della troika?

Rivolgendosi al titolare dello sviluppo Economico:

Signor Ministro, il Bilancio dello Stato è diventato un bilancino. Le nostre casse nazionali soffrono di una pericolosa sindrome da immunodeficienza acquisita che ha portato al prosciugamento totale del capitale d’Italia. Ci era rimasta solo Roma prima che fosse prosciugata dai parenti di Alemanno. Dobbiamo risparmiare. Ed io apprezzo il suo richiamo agli italiani a crescere, ma non a moltiplicarsi: oramai sappiamo fare i conti solo con la sottrazione e la divisione.

Rivolto a Giovanni Floris:

Vedi, Giova, la verità è che il nuovo governo ci ha ridotti a fette, peggio di Salvo Sottile a La7, siam diventati Sottilette. Siamo così magri che al confronto Fassino sembra l’uomo cannone. Ho saputo, e lo rivelo qui in anteprima, che sta per essere varata una nuova misura: ciascuna persona fisica, per il fatto di vivere e consumare, proporzionalmente all’età ed alla statura, sarà soggetta ad un canone annuale. Per risparmiare sull’imposta, dunque, si dovrà essere bassi, magri e vivere poco.

Poi si rivolge al Ministro per lo Sviluppo Economico: So che Silvio Berlusconi vi ha fatto una proposta per rendere gradevole agli italiani i versamenti delle imposte. L’ex Premier vi mette a disposizione, per pagare, la sede distaccata di via dell’Olgettina. A riscuoterle una particolare categoria di dipendenti, le Tax- escort che si lasceranno denudare in maniera interessante. Ad ogni tassa pagata il contribuente toglierà un indumento alle esattrici. Bello davvero il risultato: la stangata fiscale diverrà una piacevole stangatina e il contribuente avrà tutto l’interesse a chiudere al più presto le imposte: spogliando la Tax-escort, non si accorgerà di essere stato a sua volta spogliato. Dopo la politica a luci rosse, il fisco a luci rosse.

Ha capito, Giova? Finalmente hanno riconosciuto che è politicamente corretto far pagare le imposte anche ai sacerdoti che saranno tutti cassa e chiesa. Per loro è prevista però l’IMU solo sulla prima chiesa, sono escluse chiesette, cappelle e cappelline. Emilio Fede fuori dal Tg4, si sta dedicando ad articoli di fondo cassa.

Per finire, Giova, voglio complimentarmi per la nuova velocità delle comunicazioni. Ho saputo che tra poco saranno recapitate, finalmente, anche le ultime lettere di Jacopo Ortis.



0 Replies to “La copertina di Maurizio Crozza a Ballarò: io la immagino così”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*