I Bastardi di Pizzofalcone: Napoli promuove, ma non totalmente, la serie


Inchiesta fra i cittadini napoletani che hanno espresso la loro opinione sulla serie televisiva in onda su Rai1 con Alessandro Gassmann.

Dopo quattro puntate andate in onda su Rai Uno de “I Bastardi di Pizzofalcone, gli abitanti di Napoli hanno avuto molti elementi per poter esprimere un’opinione più completa sulla serie ambientata proprio nel capoluogo partenopeo. La fiction in sei puntate va in onda il lunedì in prima serata sulla principale rete Rai. E nell’ultima puntata di lunedì 23 gennaio ha collezionato 7 milioni di telespettatori con il 28% di share. Un gradimento che è aumentato settimana dopo settimana.

Abbiamo chiesto ad alcune rappresentanze di categorie napoletane la propria opinione sulla serie. Molti tassisti da noi interpellati si sono espressi favorevolmente. L’opinione principale è la seguente: “abbiamo visto una Napoli diversa, fuori dagli schemi stereotipati di camorra, delinquenza organizzata, immondizia ammucchiata ai margini delle strade. Una Napoli che ci è piaciuta. Molti clienti che portiamo a bordo ci chiedono spesso dove siano ubicate alcune delle location viste nella serie“. 

Loredana, madre di due figli adolescenti, architetto che opera nella città, sottolinea: “finalmente non c’è il degrado e Napoli può apparire per quella che è, una città moderna piena di ricchezze architettoniche che vengono puntualmente messe in evidenza in molte immagini della serie. Ma ad impressionarmi favorevolmente sono state soprattutto le dimore napoletane nelle quali si svolgono molti degli eventi raccontati. Case molto belli, lussuose, bene arredate, simbolo di un gusto e di un’eleganza che a me, come architetto, fa piacere che venga veicolato in un’Italia abituata a vedere Napoli degradata e prigioniera della camorra“.i bastardi di pizzofalcone serie selfie

Alcuni avvocati hanno risposto alla nostra domanda in questo modo: “I Bastardi di Pizzofalcone sono la perfetta antitesi di Gomorra. La serie tratta dai libri di Saviano ci ha consegnato al mondo intero come un popolo sopraffatto dalla delinquenza organizzata, I Bastardi di Pizzofalcone rimandano la nostra città con immagini di luoghi molto belli. Alcuni addirittura poco noti a noi stessi napoletani. Anche la famosa strada di San Gregorio Armeno con le botteghe presepiali è stata rappresentata nella serie“. maurizio de giovanni i bastardi di pizzofalcone

Trasferiamoci nell’ambiente universitario. Alcuni docenti sottolineano: “abbiamo trovato la serie abbastanza noiosa soprattutto per quanto riguarda gli intrighi del thriller che fa da sfondo ad ogni puntata. Certo ognuno di noi ha letto almeno una volta qualche libro di Maurizio De Giovanni. Però la rappresentazione che ha fatto Rai Uno della nostra città, nonostante tutto, la troviamo abbastanza stereotipata. Certo i luoghi sono quelli, bellissimi e suggestivi ma la fotografia ci è parsa abbastanza falsata“. {module Pubblicità dentro articolo}

alessandro gassmann i bastardi di pizzofalconeUn gruppo di casalinghe ha fatto degli appunti sulla recitazione di Alessandro Gassmann: “l’attore è apparso al minimo delle sue capacità, troppo smagrito tra l’altro e forse non l’interprete giusto per calarsi nel ruolo di un ispettore che opera in una Napoli moderna e piena di spunti culturali. Anche le immagini dei luoghi incantevoli e delle abitazioni mostrate, pur nella loro bellezza lasciano una sensazione di malinconia. E poi non abbiamo gradito neanche molte scene di sesso esplicito mandate in onda anche in un orario in cui i minori sono ancora dinanzi al piccolo schermo. Una mancanza, questa, che da Rai Uno non ci attendevamo, anche perché ci sono apparse immagini assolutamente gratuite che nulla aggiungevano alla economia del racconto televisivo“.



Potrebbe interessarti anche:


0 Replies to “I Bastardi di Pizzofalcone: Napoli promuove, ma non totalmente, la serie”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*