logo

La Gabbia di Paragone, la recensione

Giovedì, 12 Settembre 2013 12:26 - Scritto da 

Gianluigi Paragone ha esordito, ieri sera su La7 con La Gabbia, il nuovo programma di approfondimento con il quale si è trasferito sulla rete di Urbano Cairo. La prima puntata ha riservato subito una imbarazzante, discutibile, rissa verbale tra la Santanchè e Travaglio, ospiti del padrone di casa.

 Nel confronto Daniela Santanchè e Marco Travaglio hanno manifestato con battute forti la propria violenta contrapposizione sulla questione Berlusconi. La Santanchè, esibendo una copia della sentenza di condanna di Travaglio per diffamazione, lo ha definito il delinquente Travaglio. E per tutto il tempo lo ha ripetuto in una maniera ossessiva. Naturalmente questo serviva, nelle sue intenzioni, a rendere la pariglia al giornalista che, sul quotidiano Il fatto, di cui è vicedirettore, aveva definito più volte Berlusconi delinquente. La contrapposizione è venuta sempre più lievitando. Travaglio riferendosi ai discorsi della sua interlocutrice, ha usato più  volte il termine starnazzare. Insomma i due se ne son dette di tutti i colori, dando vita a una vera e propria lite a distanza dove non sono mancate le accuse anche sul piano personale, gli improperi, persino i doppi sensi. Paragone ha lasciato che la rissa facesse il suo corso ma spesso la situazione gli è sfuggita di mano. Infatti non è riuscito a frenare la logorrea della Santanchè, onnipresente, oramai in tutti i talk show politici. Si è caduti persino in alcune sfumature pecorecce. Collocato ad inizio programma, questo siparietto aveva lo scopo di fermare il telecomendo del pubblico sulla rete.

Per quanto riguarda i servizi video, il discorso merita un approfondimento perchè avevano la pretesa di essere giocati sull'ironia: l'inviato del programma è andato sulle tracce delle persone che avevano anche solo sfiorato l'ex Premier Berlusconi per cercare di "rubare" loro delle cellule dell'ex Premier e poterlo clonare. Un servizio che evocava chiaramente le analoghe inchieste delle Iene. Su un altro livello il servizio sul presidente della Repubblica che ne ha sottolineato la particolare capacità di intervento nei momenti salienti della vita italiana.

Bisogna, innanzitutto, sottolineare che la trasmissione La gabbia è troppo lunga e nella seconda parte ha mostrato segni di debolezza. Si sono infatti, affrontati vari temi con ospiti in studio. Questa parte è stata solo un dibattito, come ce ne sono troppi in giro per l'etere. Si è parlato soprattutto delle imprese che non riescono a decollare per i problemi a cui devono far fronte.  In queste sezioni è sparita l'ironia. Ma la differenza con altri analoghi talk show doveva risiedere nel fatto che gli ospiti discutevano in piedi e non accomodati su poltrone o sgabelli. Troppo poco, davvero.

La sensazione conclusiva è che Paragone strizza l'occhio a Le Iene per l'ironia ma per il populismo si rifà a Quinta colonna di cui appare, spesso, una sorta di clone giovanilistico. Se può piacere l'apparente stile de La gabbia, fuori dagli schemi e dalle logiche, bisogna fare attenzione a non cadere negli eccessi. Il pubblico è smaliziato e lo capisce. L'Auditel della prima puntata, è stata del 3,97% di share con 809mila spettatori. Il che la dice lunga.

Letto 1693 volte Ultima modifica Giovedì, 12 Settembre 2013 11:08
Marida Caterini

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni  critico televisivo de Il Giornale d’Italia  con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama.

Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino,  Il Giornale.

Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione,  organizzato dall’Università La Sapienza di Roma.

Ha vinto  il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. . E stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana,  un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

Nemico Pubblico 3, dal 5 giugno con otto nuove puntate

17-05-2016 Intrattenimento Irene Natali

Nemico Pubblico 3, dal 5 giugno con otto nuove puntate

Torna domenica 5 giugno su Rai 3 Giorgio Montanini, con la terza edizione di Nemico Pubblico-Live. Il programma, come lo...

Vai alla news

Le ragazze del 46 dal 30 maggio al 3 giugno su Rai3

19-05-2016 Informazione Serena Angelucci

Le ragazze del 46 dal 30 maggio al 3 giugno su Rai3

 Una maniera per rendere omaggio alla Repubblica italiana che, quest'anno festeggia i 70 anni ma anche alle giovani donne che...

Vai alla news

Non uccidere, a fine anno le riprese della seconda stagione

12-05-2016 Soap e serie tv Beatrice Martini

Non uccidere, a fine anno le riprese della seconda stagione

La serie "Non uccidere" avrà una seconda stagione. La macchina organizzativa di Rai Fiction è già al lavoro. I responsabili della struttura...

Vai alla news

Le fiction che vedremo: I fantasmi di Portopalo con Beppe Fiorello

06-05-2016 Soap e serie tv Beatrice Martini

Le fiction che vedremo: I fantasmi di Portopalo con Beppe Fiorello

Beppe Fiorello è di nuovo sul set di una fiction destinata a Rai 1. L'attore infatti impegnato nelle riprese della serie...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata
Servizi Web Marketing

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo