Le fiction che vedremo: “La vita promessa” con Luisa Ranieri


Ricky Tognazzi torna alla regia di una fiction televisiva che riaccende i riflettori sul problema dell'immigrazione degli italiani negli Stati Uniti negli anni 20.


Sta per partire un nuovo progetto di Rai Fiction che racconterà una storia storia di immigrazione italiana negli Stati Uniti nei primi anni venti del Novecento. La miniserie in quattro puntate ha per titolo “La vita promessa” ed ha come protagonista Luisa Ranieri. La regia è affidata a Ricky Tognazzi.

 

Le riprese dovrebbero iniziare a breve entro il mese di ottobre e si svolgeranno tra l’Italia e gli Stati Uniti in particolare a New York.

La messa in onda è prevista su Rai1 per la prossima stagione primaverile.

La vicenda raccontata ha come protagonista una madre coraggio interpretata da Luisa Ranieri. La donna insieme ai suoi figli, all’inizio degli anni 20, è costretta a lasciare il paese del Sud Italia dove viveva per trasferirsi negli Stati Uniti in cerca di un futuro migliore per i figli e soprattutto di una occupazione che possa consentirle di mantenere la famiglia.

La storia comincia proprio in Italia dove Carmela Carrizzo (Luisa Ranieri) non può più restare per una serie di motivi che saranno spiegati dalla stessa protagonista. Inizia così una vera e propria avventura che, nelle intenzioni di Rai Fiction, dovrebbe evocare la realtà italiana di oggi dove il problema dell’immigrazione sembra divenuto una vera e propria emergenza nazionale. Anche noi italiani siamo stati immigrati e negli anni 20 i cosiddetti “bastimenti” che si recavano nella Grande Mela, erano forse una anticipazione delle drammatiche carrette del mare di oggi.

Ma veniamo alla trama della serie.

Carmela viene seguita dalla sceneggiatura in tutta la sua vita e in quella dei figli. Vengono così toccati i temi veri della famiglia, del lavoro, dell’economia e della criminalità organizzata. Una volta che i figli di Carmela sono cresciuti ognuno prende strade differenti e non sempre rispettose della legalità. Infatti uno dei ragazzi diventa un operaio e si trasformerà poi in un sindacalista: questo è il pretesto per parlare delle condizioni di lavoro del periodo in cui la serie è ambientata.

Un altro dei figli di Carmela finisce nel mondo della criminalità organizzata. Attraverso la sua storia i telespettatori potranno conoscere come già in quegli anni gli Stati Uniti fossero sotto il controllo della peggiore delinquenza che aveva legami anche con l’Italia.

Un altro figlio si dedica agli affari e, attraverso la sua esperienza, viene raccontata la crisi del 1929 conosciuta anche come il crollo di Wall Street. I telespettatori potranno così conoscere la gravità di quella crisi economica e finanziaria che, alla fine degli anni 20, sconvolse l’economia mondiale ed ebbe forti ripercussioni anche nel decennio successivo.

La vicenda avrà degli addentellati anche con la città di Napoli. Infatti una delle coprotagoniste, che viene creduta morta nella città partenopea, tornerà e svelerà invece il mistero che c’era intorno alla sua presunta scomparsa.

I casting della miniserie sono stati molto accurati ed hanno selezionato giovani co- protagonisti anche alla loro prima esperienza televisiva.

Con questo lavoro Ricky Tognazzi torna alla regia televisiva.



0 Replies to “Le fiction che vedremo: “La vita promessa” con Luisa Ranieri”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*