Connect with us

blog

Unici..essere Vasco Rossi, l’omaggio al rocker è riuscito

Vasco Rossi si racconta tra musica e parole nello speciale di Rai2
Avatar

Pubblicato

il

Vasco Rossi si racconta tra musica e parole nello speciale di Rai2
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lo speciale ha registrato 1.627.000 telespettatori, per uno share del 6,78%. In linea con il trend della rete, ma ci si attendeva di più. Gran parte del programma si è svolta a Los Angeles, negli Speakeasy Studios, dove Vasco è stato raggiunto da Giorgio Verdelli per quella che lui stesso ha preferito definire conversazione piuttosto che intervista. Tra le prime a raccontare la propria visione dell’artista, Claudia Gerini ha sottolineato la dimensione dell’eroe vincente ma allo stesso tempo perdente che Vasco incarna alla perfezione, con la sua costante inquietudine di crescere. Quasi un simbolo della lotta tra bene e male come ha dichiarato il regista Giovanni Veronesi.

In realtà Vasco Rossi si è definito semplicemente uno che scrive canzoni. Cantautore certo, ma non nell’accezione classica: un cantastorie che voleva fare spettacolo sul palcoscenico. È stato Caparezza a centrare uno dei punti più importanti, evidenziando come il rocker di Zocca abbia portato alla ribalta in un contesto come Sanremo una realtà nuova che non parlava di rose e amore, anticipando così quello che avrebbe fatto diversi anni dopo la scena hip hop. Vasco è il simbolo della “vita spericolata”, a volte fraintesa dai media e intesa da lui come vita vissuta intensamente «ma non per morire, bensì per vivere».

Gianna Nannini riconosce al collega, ma anche a se stessa, il merito di aver aperto la strada al rock in Italia perché lui rappresenta la strada e il popolo. Le fa eco Biagio Antonacci, secondo cui il Blasco è anche l’ultimo rocker italiano, non tanto per la musica e per le canzoni, ma per il fatto di aver coniugato in maniera autentica vita e arte. Si spiega allora il suo successo presso un pubblico trasversale, dato dal fatto che le sue canzoni parlano di temi presenti nella vita di tutti, dolori compresi.

L’immagine da duro che di Vasco spesso viene veicolata lascia il posto ad una grande umanità e tenerezza quando confessa che, nel momento in cui ha sentito il bisogno di raccontare in musica le proprie insicurezze, si è reso conto che appartenevano anche agli altri. La condivisione aiuta così a sentirsi meglio ed è questo uno dei segreti che rendono speciali i suoi concerti. Del resto è impossibile parlare di Vasco Rossi senza menzionare la sua attività live che quasi ogni anno raduna grandi folle negli stadi.

Dori Ghezzi ha ammesso che uno dei motivi per cui assiste ai suoi spettacoli è proprio per incontrare il popolo di Vasco, e nel corso delle due ore di trasmissione sono state molte le immagini tratte dalle tournée intraprese negli anni dall’artista.

Spazio anche alle chicche con l’esibizione di Faccio il militare nel programma L’altra domenica di Renzo Arbore del 1979. Il conduttore si è detto orgoglioso di aver in qualche modo tenuto a battesimo il cantante che in quell’occasione aveva portato sul palco un brano surreale, quasi da cabaret. Continuando l’excursus sulla lunga carriera di Vasco è stato ricordato il balletto L’altra metà del cielo, da lui musicato e coreografato da Martha Clarke in scena nel 2012 alla Scala di Milano. Infine il rapporto dell’artista con il mondo femminile, più volte esplorato da lui nelle sue canzoni: «Sono cresciuto in mezzo alle donne e ho sviluppato una sensibilità che mi porta ogni tanto a scrivere brani sul loro mondo» ha dichiarato. Patty Pravo e Noemi hanno parlato della loro esperienza musicale con il re del rock italiano che ha donato loro due brani fondamentali per le rispettive carriere.

Nel suo futuro cosa c’è ancora? Ci sono concerti (quest’estate sarà protagonista di diversi appuntamenti negli stadi di Milano e Roma), ma soprattutto c’è la voglia di restare ancora qui (..Eh già!, come dice nell’omonima canzone) a cantare la vita tormentata di tutti coloro che non smettono di porsi delle domande, a volte anche scomode. Portatore di una filosofia vincente, come ha dichiarato Biagio Antonacci, Vasco Rossi continuerà anche a provocare, perché «la provocazione tiene sveglie le coscienze».

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nasco a Desio (MB) in un caldo giorno di luglio del 1987. Formazione classica, una laurea magistrale in Musicologia, attualmente frequento un Master in Giornalismo e Critica Musicale a Milano. Da sempre appassionato di musica pop e scrittura, sto cercando di conciliare questi due amori e farli diventare un mestiere.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

blog

Unisciti a noi!

Redazione

Pubblicato

il

Unisciti a noi
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Siamo sempre alla ricerca di candidati di talento, curiosi del mondo che li circonda e appassionati di tv ed intrattenimento. In Maridacaterini.it troverai una comunità di persone innovative e creative.

Ogni collaboratore gioca un ruolo fondamentale per il futuro della nostra testata giornalistica. Non rincorriamo il gossip e la notizia “strappa click”, abbiamo rispetto per tutti. Tentiamo di proporre ai nostri lettori un’informazione corretta, le cui fonti sono sempre verificate.

Pensi di essere il candidato giusto?

Invia il tuo curriculum all’indirizzo email: info@maridacaterini.it.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

blog

MTV Video Music Awards 2014: le performance che vedremo

Tutte le performance in programma per gli MTV VMA 2014
Avatar

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

blog

Giuditta Arecco: “Da lunedì inizia la mia conduzione a RDS”

Intervista a Giuditta Arecco, vincitrice di RDS Academy
Avatar

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

                                                                                                 {module Banner sotto articoli}

Lunedì inizia dunque il suo lavoro a RDS. Ci spiega in che cosa consiste?

Sarò impegnata sull’emittente in due flussi nei quali ci sarà accanto a me Paolo Piva. Io però sarò a Roma e Paolo Piva a Milano. Comincio la mia conduzione a due in queste fasce orarie: dal lunedì al venerdì sarò in onda dalle 22 all’1 di notte, mentre venerdì sabato e domenica gli ascoltatori potranno seguirmi dalle 18 alle 22.

Come è organizzata la sua  conduzione in queste fasce orarie?

Poichè RDS è una radio a gestione prettamente giornalistica, il mio compito e quello di Paolo Piva sarà di trovare notizie simpatiche, magari esclusive, leggere ma sempre interessanti con le quali poter intrattenere i radioascoltatori, coinvolgendoli nella discussione e anche in una serie di giochi. Non è detto che dalla settimana successiva a quella in cui inizio il mio lavoro non possa cambiare qualche contenuto. Per adesso lasciamo la curiosità ai nostri ascoltatori.

Sarà la prima volta che gestirà un microfono in coppia?

Ho iniziato la sera stessa della mia vittoria ad RDS Academy. In effetti sono stata in onda in diretta come co-conduttrice in una sorta di festa finale insieme a Roberta Lanfranchi che gestisce il suo programma la domenica sera. E il mattino dopo ho ripetuto la stessa esperienza in altre tre trasmissioni di RDS.

RDS Academy

Ma lei ha sempre voluto diventare una speaker o aspirava ad altro?

Lavorare alla radio è stato il mio sogno fin da quando avevo 14 anni e per poterlo rincorrere non ho frequentato l’università. Ho iniziato a lavorare nella piccola radio di Varazze gestita da mio padre. Ed è stato proprio lui a spingermi a partecipare ad RDS Academy.

Significa che l’idea è venuta a suo padre e non a lei?

Si, un giorno mio padre, avemdo saputo che stavano realizzando il talent su Sky Uno, mi ha letteralmente spinta a partecipare dicendo: “Hai 28 anni, questa è l’età giusta”, così ho realizzato un piccolo video – provino con due canzoni che mi piacevano, l’ho inviato e sono stata selezionata.

Che effetto ha avuto su di lei la presenza di Anna Pettinelli in giuria?

E’ stata una vera sorpresa. La Pettinelli ha rappresentato per me da sempre un vero e proprio modello di speaker radiofonica, l’ho sempre considerata la migliore di tutte. Sapere che avrei dovuto esibirmi dinanzi a lei mi ha procurato molta emozione.

Ci sono altri modelli di speaker radiofonici a lei graditi?

Luisella Berrino di Radio Montecarlo e Rosaria Renna di RDS, assieme alla Pettinelli, rappresentano per me il meglio nel settore delle speaker radiofoniche.

E in quello maschile?

Max Venegoni, Claudio Guerrini e Corrado Gentile di RDS sono esponenti radiofonici di grande professionalità.

La giuria di RDS Academy

Che cosa caratterizza la sua conduzione radiofonica?

Non amo la volgarità, ascolto molta radio anche quando non lavoro, cerco di avere leggerezza e credibilità, elementi che ritengo necessari per fare presa sul pubblico di una grande emittente nazionale.

Ma c’è una trasmissione che le piacerebbe realizzare?

Quando lavoravo nella radio di mio padre ho condotto una trasmissione rock, ma mi rendo conto che in un’emittente nazionale bisogna dare spazio anche ad altri generi musicali.

Un programma non musicale che segue con piacere?

La zanzara di Radio24 perchè è incisivo e legato all’attualità.

Cosa fa nel tempo libero?

Sono una grande lettrice, mi piace ogni genere di letteratura, spazio da Zafòn a Wallace fino a Fight Club e Stephen King.

Ma avrà un hobby?

Suono la chitarra e mi piacciono soprattutto le canzoni semplici, adoro suonare quelle dei Pink Floyd.

Dunque si trasferisce a Roma?

Sì, ho già trovato una sistemazione e da lunedì sarò anch’io una cittadina della Capitale, grazie ad RDS.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it