Connect with us

Cultura - programmi culturali in TV

Che ci faccio qui | 8 maggio | Andrea Camilleri svela i suoi segreti di scrittore e di non vedente

Che ci faccio qui | 8 maggio | Andrea Camilleri svela i suoi segreti di scrittore e di non vedente. E inventa, dinanzi al conduttore Domenico Iannacone, un dialogo con Salvo Montalbano.

Pubblicato

il

Che ci faccio qui | 8 maggio | Andrea Camilleri svela i suoi segreti di scrittore e di non vedente. E inventa, dinanzi al conduttore Domenico Iannacone, un dialogo con Salvo Montalbano.
Condividi su

L’appuntamento con il padre del Commissario Montalbano è in access prime time, alle 20.20 su Rai3.

Una delle frasi più emozionanti che pronuncia lo scrittore, nel corso dell’intervista con Iannacone, è la seguente: Chi è abituato a creare storie guarda il mondo in modo diverso. Può farlo anche stando fermo in una stanza, a occhi chiusi, e fare viaggi straordinari che ci portano lontano.

E’ la maniera attraverso la quale Andrea Camilleri introduce il discorso sulla sua condizione di non vedente.

Anticipa Domenico Iannacone: Camilleri ci svela come riesce a scrivere, oggi, senza vedere, come trasmette il suo pensiero alla collaboratrice Valentina. Spiega che, con la perdita della vista, ha recuperato la pienezza di tutti gli altri sensi.

In questo contesto, lo scrittore, a 93 anni benché privato della vista, continua a inventare storie di grande successo. Dice Iannacone: Camilleri ci conduce nel suo mondo e ci fa comprendere come sia vivida e fertile la sua immaginazione. Come si possa vedere oltre, oltre gli errori dell’uomo, oltre quelli della storia. Forse ci basta chiudere gli occhi per capire il messaggio di un uomo che ha saputo immaginare il futuro.

Ma che c’entra Camilleri con il programma di Rai 3?

E’ ancora Iannacone ad anticipare: in questo particolare momento storico, lo scrittore si chiede più vole proprio che ci fa lui qui, in Italia.Non si riconosce più nella Nazione in cui vive, troppi valori non sono più i suoi. Ed allora si è rifugiato in una dimensione di maggiore intimità.

Ancora una rivelazione: Camilleri confessa di aver attraversato un primo momento di malinconia e depressione, dopo aver saputo che non avrebbe più visto la luce.Pensava di non poter più scrivere. Adesso, invece, detta alla sua assistente Valentina che ha assimilato completamente la lingua dello scrittore in tutte le sfumature. E lui si sente come Omero un cantastorie.

Infine Iannacone svela: Prima di andar via dalla sua casa, mi ha ideato, all’istante, un dialogo di Salvo Montalbano con i suoi assistenti. Non ve lo anticipiamo per non togliervi la sorpresa e soprattutto l’emozione. Ma il padre letterario e televisivo di Salvo Montalbano racconta ancora tanto altro di se stesso, dando una inesauribile lezione di vita.

Che ci faccio qui con Domenico Iannacone è un programma prodotto da Hangar TV di Gregorio Paolini, in onda alle 20.20 dal lunedì al venerdì su Rai3.


Condividi su
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Seguici su:
Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it