Connect with us

Cultura - programmi culturali in TV

Don Giovanni di Mozart su Rai 5 per Spoleto 2017, la recensione

Riflessioni sull'allestimento televisivo del Don Giovanni di Mozart che ha aperto il Festival di Spoleto 2017.

Pubblicato

il

Riflessioni sull'allestimento televisivo del Don Giovanni di Mozart che ha aperto il Festival di Spoleto 2017.
Condividi su

Con un parterre da grandi occasioni, l’opera è stata messa in scena nel Teatro Nuovo Giancarlo Menotti, nel cuore di Spoleto: e occorre dire che la personalità del fondatore del Festival aleggiava sul palco durante l’esecuzione, facendo sì che tutti gli interpreti tenessero ben fermo il testo e lo spirito di Mozart. La diretta ovviamente ha dato spazio alle delucidazioni sullo spettacolo e agli interventi degli artisti – segnatamente il regista Giorgio Ferrara e il direttore d’orchestra James Conlon – in apertura e nell’intervallo: ma tutto ha da subito concorso ad una lettura complessiva oltremodo limpida, rispettosa, lineare e correttamente ‘teatrale’ dell’opera mozartiana.

spoleto scenografia don giovanni

                                                               La scenografia del Don Giovanni

Nessuna bizzarrìa registica, nessuno stravolgimento e rovesciamento nell’oggi del testo settecentesco, grazie a Giorgio Ferrara. Cui dobbiamo anche una gestualità dei cantanti misurata e lenta, a vantaggio di una visione frontale che era quella che Mozart ai suoi tempi poteva prevedere: era questa la ‘teatralità’ di allora, anche del teatro giocoso che egli prediligeva, pieno di colori e maschere.

Tiliakos Dimitris don giovanni

                                                                      Dimitros Tiliakos

Don Giovanni, il baritono greco in gran carriera Dimitros Tiliakos, in scena non era fisicamente bello, perchè la sua seduzione è tutta psicologica e interiore, tesa a soggiogare la donna emotivamente, come precisa il filosofo Kierkegaard che ne studiò la figura, e le cui parole introducono lo spettacolo. Don Giovanni rientra nel teatro buffo che Mozart conobbe nel viaggio giovanile in Italia: la sua tragicità affiora in ultimo, dinanzi al sovrumano, quando giganteggia (anche con la voce) sfidando Dio.

arianna vendittelli soprano

                                                     Arianna Vendittelli- soprano

E persino qui la regìa di Ferrara – inserita in un’architettura neoclassica perfetta di Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo – non è ricorsa ad effetti, ma ha rimesso in scena, al posto della statua semovente, il redivivo Commendatore (il basso Antonio Di Matteo), che ha trascinato con sé per mano il superbo e incrollabile Don Giovanni nell’Inferno.

Iscritte in tale cornice – e con bellissimi abiti settecenteschi – le tre donne dell’opera, eccellenti cantanti: Donna Anna (Anna Lucia Cesaroni) a stento sfuggita alle mire del seduttore e sempre insieme col fidanzato Don Ottavio (il tenore belcantista Brian Michael Moore, che ha spiccato nell’aria “Il mio tesoro andate a consolar” su bellissimo tema musicale di Mozart). Indi Donna Elvira (Davinia Rodriguez), combattiva ma innamorata, e la cedevole contadina Zerlina (Arianna Vendittelli) con le sue finezze canore settecentesche. Bravissimo Leporello (il baritono buffo Andrea Concetti, formatosi a Pesaro in ambiente rossiniano) e il determinato Masetto (Daniel Giulianini). A ciò si aggiunga lo smalto mozartiano della direzione Conlon. Spettacolo stupendo ed anche piuttosto raro, oggi

La regìa televisiva era di Arnalda Canali.


Condividi su
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it