Superquark | 1 agosto2018 | puntata in diretta


Superquark | 1 agosto 2018 | puntata in diretta: si parla di stress e barriere coralline. Tra i servizi di questa sera si parlerà di un metodo per misurare lo stress


Va in onda su Rai 1 un altro appuntamento con Superquark, il programma di divulgazione scientifica e cultura condotto da Piero Angela. Anche oggi tanti servizi interessanti che spaziano dagli oceani alla medicina

Attraverso la classica introduzione del programma ci viene raccontata la scaletta.

Tra gli argomenti trattati ci saranno l’osteoporosi ed un focus sui palombari realizzato da Alberto Angela. Piero Angela prende la parola e comincia a spiegare cosa sono le barriere coralline. Per illustrare meglio la situazione viene mandato in onda un mini documentario che mostra da vicino la vita sulle barriere nelle profondità oceaniche. Viene mostrata la vita delle stelle marine

Ci si addentra sempre di più nelle profondità marine,fino ad osservare le foreste di Kelp,dove molti polpi si nascondono per cacciare.

Tra gli animali che suscitano più interesse,nel documentario viene raccontata la vita del pesce Garibaldi,che viene spesso messo in difficoltà dagli eserciti di ricci di mare che distruggono la foresta di kelp,ovvero l’habitat del pesce chiamato come il grande condottiero italiano.

Il documentario racconta anche della difficile vita di alcuni esseri viventi che si trovano a ridosso della barriera corallina. Il granchio,come viene spiegato,dopo la muta diventa una preda per le pastinache lisce.

Con le immagini ci si sposta attraverso i fondali australiani,dove vengono mostrate le strategie di accoppiamento delle seppie.

Nello specifico viene mostrato come la femmina della seppia si accoppi con più partner.

Tra le tante specie di esseri viventi illustrate,non mancano i draghi marini. Nello specifico viene raccontata la loro nascita.

Come già spiegato,la vita nei fondali marini non è tranquillissima. Tra i pericoli da temere di più c’è il gambero mantide che si trova nei fondali dei mari verdi. Questo essere caccia per la propria compagna ed i suoi figli. Nel documentario viene spiegato come la femmina di questa specie,senza il suo compagno rischia di morire di fame.

Ci spostiamo a largo della costa pacifica dell’america. Ci viene mostrato come un branco di delfini e leoni marini si stia lanciando all’assalto di una grande quantità di fitoplancton. Tutte le specie a caccia si preoccupano più di prenderne una parte che di impedire agli altri di prendere la loro.

.Al termine del documentario,viene riproposto il sommario. Piero Angela riprende la parola e introduce il tema dell’osteoporosi. Il conduttore spiega come il corpo umano cambi più volte durante la sua vita. Lo stesso discorso vale per lo scheletro ma non sempre è così e spesso l’osso si degrada.

Il testimone passa a Barbara Gallavotti che attraverso un servizio mostra la manifestazione dell’osteoporosi. L’inviata spiega come un essere umano su cinque,una volta raggiunti i cinquanta anni,soffre di osteoporosi.

Viene intervistata la dottoressa Patrizia D’amelio che racconta come le donne in meno pausa sono soggetti a rischio osteoporosi. L’osteopata  spiega anche che l’obesità è un altro fattore che potrebbe causare questa malattia.

Si cambia totalmente argomento ed insieme ad Alberto Angela si sale su un’imbarcazione per parlare della figura del palombaro.

L’inviato parla anche dell’evoluzione di questo lavoro e poi mostra lo scafandro. Il figlio di Piero Angela,racconta anche che il lavoro di un palombaro viene organizzato come una vera missione. Si viene addestrati ma soprattutto durante le immersioni,oltre a chi va sott’acqua ci sono altri due uomini ed uno che guida colui che si è immerso,ed un altro palombaro pronto ad intervenire se qualcosa va storto.

Alberto entra all’interno del sistema integrato per immersioni profonde per osservare tre palombari che si preparano per uno scavo archeologico a Capo Nord,a Savona.

Angela ci parla dei risultati sugli studi del relitto e spiega che dovrebbe trattarsi di un resto risalente ad una delle imbarcazioni di Napoleone. Il paleontologo giunge sotto ad un sommergibile per spiegarci come essi siano strutturati anche per piccoli salvataggi di altre imbarcazioni.

Al rientro in studio,Piero Angela è in compagnia di Marino Golinelli, un imprenditore e filantropo italiano. Come ci viene spiegato anche da un servizio,il fondatore dell’azienda Alfa Farmaceutici dona parte dei suoi guadagni per sviluppare gli studi a Bologna. Il ricco novantaseienne ha realizzato anche l’opificio Golinelli,un vero e proprio luogo di studio,in continuo sviluppo.

Il filantropo durante la conversazione con Piero Angela,spiega più volte l’importanza dell’investire nei cervelli,scommettendo sui bambini e puntando su di loro una volta cresciuti.

Il conduttore del programma al rientro della pubblicità ci parla di alcune persone che per professione,spaccano delle cose.Si tratta di coloro che lavorano testando la resistenza di alcuni oggetti come ad esempio,le casseforti.

Attraverso il servizio vengono mostrati alcuni esempi,tra i quali,gli effetti di un uragano su delle finestre da testare.

Vengono realizzati anche alcuni test con il fuoco per vedere la resistenza di alcuni materiali edili.

Si cambia nuovamente argomento e dopo essere tornati in studio,si parla di antichi romani. Grazie al professor Barbero,ci viene raccontato come era il rapporto tra i barbari e i romani e di come i primi cercassero di emulare i secondi.

Dopo aver parlato di storia è il tempo della rubrica “Da dove viene?”. Si parla di Robot e delle intuizioni geniali di Isaac Asimov,l’ideatore delle leggi della robotica. Grazie all’inventore oggi sono state fatte tante scoperte ed anche l’industria cinematografica ne ha tratto beneficio.

Piero Angela riprende la parola ed introduce un nuovo argomento,lo stress. Attraverso un nuovo servizio viene spiegata l’importanza dello stress se si attiva nei momenti giusti.

Barbara Gallavoti invece illustra gli aspetti negativi. Ci viene raccontato che ci sono degli studi per poter capire se siamo effettivamente troppo stressati oppure se siamo soggetti che possono essere stressati facilmente. Il servizio mostra anche come quando un soggetto sia sotto stress,tende a circondarsi di persone che possono aiutarlo.

Grazie a Marco Visalberghi ci viene raccontato come in italia si gestiscono le grandi catastrofi,nei centri specializzati.

Un ruolo importante viene giocato dai cani addetti ai recuperi degli esseri umani sotto le macerie. Uno dei centri di addestramento più importanti Usar,si trova a Pisa.

Viene raccontato uno dei casi più emblematici di salvataggio in Italia,ovvero quello di Rigopiano,quando nel 2017 una valanga travolse un piccolo albergo. In quell’occasione i vigili del fuoco soprattutto grazie all’intuizione umana riuscirono a salvare alcune delle vittime.

Un altro tema affrontato sul finire di puntata è quello dell’alimentazione.

Attraverso un servizio viene chiesto a dei passanti se i fast food stanno diventando più salutari. Tutti sono convinti di no. Da queste risposte si passa ad un piccolo focus su come l’alimentazione vada gestita fin dalla tenera età.

Piero Angela viene raggiunto in studio dal professor Jannini. i due iniziano a discutere sull’evoluzione del telefonino parallela a quella del tradimento. L’endocrinologo spiega come ormai tutti passano il tempo a tradire i mariti o le mogli messaggiando di nascosto. Il conduttore del programma osserva che questa facilità di tradire il partner utilizzando il telefono,poi sia la stessa che si trasferisce sotto le lenzuola per consumare l’atto.

Termina così l’episodio di SuperQuark. Durante i titoli di coda,Piero Angela ricorda l’appuntamento in seconda serata,con SuperQuark musica,dove si parlerà dei strumenti a corda e soprattutto del mandolino.



0 Replies to “Superquark | 1 agosto2018 | puntata in diretta”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*