Connect with us

Informazione

Lei disse sì questa sera su TV 8 alle ore 23:00

3 giorni dopo l'approvazione del DDL sulle unioni civili, TV 8 (canale 8 del digitale terrestre) propone in prima visione tv il documentario dal titolo Lei disse sì. Scritto da Maria Pecchioli, il lungometraggio va in onda questa sera, sabato 14 maggio, alle ore 23:00 ed è interamente dedicato alle unioni civili, in particolare alla storia di un matrimonio civile e di una battaglia per i diritti universali.

Pubblicato

il

3 giorni dopo l'approvazione del DDL sulle unioni civili, TV 8 (canale 8 del digitale terrestre) propone in prima visione tv il documentario dal titolo Lei disse sì. Scritto da Maria Pecchioli, il lungometraggio va in onda questa sera, sabato 14 maggio, alle ore 23:00 ed è interamente dedicato alle unioni civili, in particolare alla storia di un matrimonio civile e di una battaglia per i diritti universali.
Condividi su

Oggi dirsi è diventato possibile anche in Italia. Ma non era lo stesso ai tempi in cui Lorenza e Ingrid avevano deciso di convolare a nozze. Le due donne avevano vissuto insieme per 7 anni e non hanno naturalmente potuto coronare il loro sogno in Italia perché all’epoca due donne, come due uomini, non potevano sposarsi. Maria Pecchioli nel documentario cerca di spiegare anche ai bambini questa situazione, che, almeno fino a pochi giorni fa, impediva il matrimonio fra persone dello stesso sesso. In particolare quando il bimbo, nel documentario, chiede perché non è possibile, la risposta che gli dà la mamma è molto articolata e fa riferimento anche alle leggi erano presenti soltanto in Italia e nel resto dell’Europa. {module Pubblicità dentro articolo}

La regista Maria Pecchioli tenta quindi dare una risposta a questo interrogativo raccontando una storia nella quale è facile riconoscersi per tutte le persone che hanno vissuto una situazione analoga.lei disse si cast

Protagoniste dunque sono due donne che per potersi sposare sono state costrette a recarsi in Svezia, uno dei paesi dove le unioni civili sono in vigore già da tempo. Il documentario si sofferma anche sull’aspetto poetico e sentimentale, sia dell’amore che unisce le due donne, sia di tutti i particolari del rito. E racconta le ansie, le paure, i sogni e le speranze di 2 persone che in effetti hanno ben poco di differente dalle coppie di sposi eterosessuali.

L’aspetto più interessante della narrazione è che tutto viene raccontato attraverso gli occhi di un bambino. Questo aiuta sicuramente il telespettatore a elaborare un giudizio proprio, scevro da ogni condizionamento sia religioso che politico. {module Pubblicità dentro articolo}

Insomma è un viaggio nei sentimenti ed anche nella storia di un decreto legge che almeno in Italia ha avuto una vita lunga e sofferta.

A prescindere da come ogni telespettatore la possa pensare, la storia di Lorenza e Ingrid è emblematica e molto significativa. Rappresenta cioè un vero e proprio viaggio alla ricerca di tutto ciò che gli esseri umani desiderano nella vita: la felicità e l’amore di chi a nostra volta amiamo. Ma nel documentario la regista ha voluto esprimere anche qualcosa in più. Lorenza e Ingrid infatti attraverso il loro excursus che le ha portate al fatidico sì, hanno affermato la propria pretesa di essere riconosciute per quello che realmente sono. 


Condividi su

Avvocato di Napoli, sposata, un figlio Francesco di dodici anni. Costumista, designer e stilista di moda. Ama la televisione soprattutto la vecchia televisione. Il mio motto è: Domani è un altro giorno

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it