Spot in tv: i bambini di Scottex


Analisi di uno spot attualmente in onda sul piccolo schermo


{module Pubblicità dentro articolo}

La grammatica visiva del documentario serve infatti a conferire credibilità allo spot: un’ulteriore conferma alle parole dei bambini.

Siamo in una scuola. La pubblicità inizia con un’inquadratura del cortile, mentre una voce in sottofondo legge la scritta in sovraimpressione: ” Abbiamo chiesto agli italiani quanto si sentono puliti dopo essere stati in bagno”. La telecamera si sposta quindi all’interno dell’edificio scolastico, cogliendo due insegnanti che non rispondono alla domanda: le due donne preferiscono invece ridere davanti alla richiesta, evidentemente in imbarazzo visto l’argomento.

Non accade naturalmente la stessa cosa con gli alunni, che invece non hanno alcun problema a pronunciarsi. C’è chi dice di sentirsi “pulito come un orsetto lavatore”, chi “come un fiocchetto di neve, chi “come uscito da una lavatrice”. A differenza delle maestre però, loro hanno provato la carta Scottex Pulito Completo, la cui qualità diviene ulteriore fattore per incitarli a descrivere la sensazione provata.

{module Pubblicità dentro articolo}

Quella utilizzata nello spot è una soluzione narrativa che negli ultimi anni ha trovato spazio persino nei talk show politici: a diMartedì per esempio, abbiamo visto Abracadabra, in cui i bambini dicevano la loro sulla politica. Un escamotage per dare spazio a momenti di alleggerimento, ma anche la conseguenza ovvia di una tv in cui i bambini diventano protagonisti di format in cui si comportano da adulti.

Sempre più spesso dunque, i bambini sono al servizio dei grandi e oramai sono i padroni dei palinsesti in ogni settore. Un trend che è stato incentivato dall’avvento in video di programmi in cui i piccoli sono strumentalizzati per fare audience. Basti pensare a programmi come Junior Masterchef, in cui i cuochi sono già preparatissimi nonostante la giovane età. Oppure a show come Ti lascio una canzone, in cui sul palco salgono performer che cantano le canzoni che piacciono ai loro genitori e ai nonni. La loro tenerezza riesce sempre ad avere la meglio su qualsiasi rete, sia generalista che della piattaforma a pagamento.



0 Replies to “Spot in tv: i bambini di Scottex”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*