Connect with us

Informazione

Rai 2, M: la conferenza stampa di Michele Santoro

La presentazione del nuovo esperimento televisivo di Michele Santoro su Rai 2
Francesco La Rosa

Pubblicato

il

La presentazione del nuovo esperimento televisivo di Michele Santoro su Rai 2
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

{module Pubblicità dentro articolo 2} 

Il primo intervento è di Ilaria Dallatana, direttore di Rai 2: “Un anno fa ho conosciuto Santoro e mi ricordato la necessità, da parte di Rai 2, di dover rappresentare un senso di collettività e di appartenenza per il pubblico. La collaborazione è nata da una sua voglia di tracciare un solco nuovo, sperimentando insieme. Siamo arrivati a fare cose significative per me e lui, fino all’ultimo speciale su Rigopiano. Siamo la rete che ha tentato di recuperare il contatto con un pubblico giovanile. “M” è un racconto che nasce da una contaminazione di linguaggi diversi. Con questo nuovo format accompagneremo i telespettatori in un mondo inedito. È un esperimento a tutto tondo, mai visto in tv”. 

Il microfono passa a Michele Santoro: “Difficile raccontare un progetto complesso, che è un tentativo di fondere diversi linguaggi: televisivo, cinematografico e teatrale. Hitler, protagonista di entrambe le puntate, sarà interpretato in diretta dall’attore Andrea Tidona. Vedere il Fuhrer che in diretta si “autodifende” potrà essere di grande impatto. Non si tratterà di un processo, ma di raccontare una vicenda in modo diverso. In questo modo vogliamo sollevare anche interrogativi sul presente. Il nostro è un tentativo estremo e ambizioso, realizzato con passione creativa e con le nostre disponibilità economiche.

E aggiunge: “È un’altra prova di quello che stiamo facendo negli ultimi anni, concentrarsi sulla televisione che “non c’è”, che non vediamo. Il servizio pubblico deve porsi il problema di fare ciò che il mercato non fa spontaneamente: se si appiattisce sulle tendenze prevalenti nel mercato, allora tradisce il suo ruolo. Sono contento di mantenere questo mio carattere di “autore proibito”: prima camminavo fra i corridoi di Rai 2, dove non ci sono foto dei miei programmi. Questo da un lato mi inorgoglisce, poiché significa che le trasmissioni che abbiamo fatto non sono mai state “istituzionalizzate”.

Il conduttore riflette sull’attuale situazione della Rai: “Mai come ora abbiamo bisogno di una grande Rai, perchè siamo sommersi dalle realtà del mercato internazionale. Se vi rinunciamo, rinunciamo anche ad essere un Paese civile. Solo un soggetto editoriale come la Rai può dare una scossa all’attuale situazione. La grande illusione che ha causato il fallimento del piano Dall’Orto è tenere fuori la politica: una Rai spoliticizzata non può esserci. Il servizio pubblico deve avere l’intenzione di cambiare il Paese. Sono dispiaciuto di come “Animali come noi” (il programma di Giulia Innocenzi, ndr) sia stato collocato in una fascia oraria sbagliata, rovinandolo.

Poi, aggiunge: “Mi auguro che la nuova direzione generale metta le cose a posto: ognuno deve svolgere il suo ruolo e deve esserci spazio per i produttori indipendenti, a cominciare dai giovani. Il 30% della produzione deve essere destinata a loro, non soltanto a grandi nomi come Fremantle, Endemol e Magnolia”, prosegue perentoriamente. 

“L’approccio tra Rai 2 e la società di produzione di Santoro prevedeva una delivery di prodotto: è stato molto ingiusto che venissero pubblicate informazioni relativi a presunti compensi di Santoro, che invece si è fatto carico di tutto il processo organizzativo con la sua società”, dice ancora Ilaria Dallatana

Michele Santoro torna a concentrarsi su “M”: “Ci sono tre piani di racconto, a cominciare da quello televisivo – con lo studio progettato da Gaetano Castelli – con un pubblico giovane che parteciperà alla discussione su questa figura storica e degli attori che recitano in diretta. Previste anche scene teatrali che contrasteranno con le parole degli attori in studio, relative a personaggi che hanno avuto a che fare con Hitler nella sua vita, privata e politica. Ci sarà una parte cinematografica in cui si ricostruirà il rapporto incestuoso tra il Fuhrer e la nipote, uno scandalo che avrebbe potuto bloccare la sua ascesa politica. L’obiettivo è coordinare questi tre piani, da questo punto di vista si tratta di un triplo salto mortale.

È un lavoro estremo e come tale ci aspettiamo anche critiche estreme, abbiamo già messo in conto questa evenienza. Con questo esperimento vogliamo capire se può scoccare quella scintilla che può portare a schemi televisivi nuovi. Questo nuovo progetto mi dà grande energia: se questo episodio darà via ad una serialità, ci sarà l’occasione di focalizzarci su personaggi anche non confinati in un passato remoto. 

Presente anche Stefano Rizzelli, capostruttura di Rai 2: “M” è un programma da vedere con un taccuino in mano per i  tanti spunti e riflessioni che suscita. I telespettatori avranno la possibilità di far scattare nella loro mente nuove considerazioni e anche una diversa consapevolezza della loro esperienza di fruitori televisivi.

Michele Santoro torna sulla questione Rai, anche in merito ai compensi: “Bisogna tenere conto che in Rai le risorse vengono destinate solo in minima parte al prodotto. Questo è un problema non da poco, in particolare per un direttore generale. I compensi delle star sono una parte infinitesimale di questo ragionamento, è soltanto gossip. Nessuno si preoccupa di come riformare il sistema informativo italiano. 

Sarei curioso di sapere quali sono i costi industriali dei vari programmi e non quanto guadagnano i vari Vespa o Fazio, aspetto che non ritengo un elemento determinante. Bisognerebbe invece capire se gli obiettivi alla base di quelle trasmissioni sono stati raggiunti, se i risultati ottenuti sono in linea con il profilo della rete, cosa che difficilmente si viene a sapere. Anche se si azzerassero totalmente i compensi delle cosiddette “star”, non si risolverebbero i problemi del servizio pubblico”.

La conferenza stampa di presentazione di “M” si conclude qui


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nasco a Napoli nel 1989, ma la mia città è San Giorgio a Cremano, la stessa di uno dei miei miti: Massimo Troisi. Gli studi mi hanno portato a Roma, dove mi sono laureato in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione alla Sapienza. Sono giornalista pubblicista. Il varietà è il mio genere preferito, sia in tv che in radio. A ruota seguono serie tv e quiz. La mia passione è il Festival di Sanremo: da piccolo fantasticavo di cantare sul palco dell'Ariston, ora mi limito a sognare di condurlo!

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazione

Stasera in tv venerdì 14 maggio 2021, I programmi in onda

Su Rai 1 va in onda lo show Top dieci condotto da Carlo Conti. Canale 5 propone una nuova puntata del reality L'Isola dei famosi con Ilary Blasi.
Giancarlo Leone

Pubblicato

il

Stasera in tv venerdì 14 maggio 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stasera in tv 14 maggio 2021. Su Rete 4 Gianluigi Nuzzi ed Alessandra Viero conducono una nuova puntata di Quarto Grado. Italia 1, propone invece il film Terminator Genisys.

Stasera in tv venerdì 14 maggio 2021, Programmazione Rai

Su Raiuno, alle 21.25, il game show Top Dieci. Quali sono le 10 canzoni che hanno venduto di più nel 1988? I 10 cibi che abbiamo consumato di più nel 1965? Sono due esempi delle classifiche al centro del game show di Carlo Conti. Due squadre di celebrità si affrontano per scoprire curiosità di ogni tipo: musica, cinema, spettacolo e tanto altro.

Su Rai 5, alle 21.15, Art Night. Dopo il viaggio tra i luoghi più nascosti tra Pietravairano a Cancello con Andrea Angelucci, viene proposto il documentario “Marino Marini” in cui l’artista si racconta in prima persona, parlando delle sue magiche creazioni.

Stasera in tv 14 maggio 2021, Programmazione Mediaset

Su Rete 4, alle 21.20, l’attualità con Quarto Grado. Ultimo appuntamento della stagione con la versione classica del programma condotto da Gianluigi Nuzzi. Il talk vanta una community molto attiva, i “Quartograders”, che commentano la puntata sui social in tempo reale. Tra i casi più seguiti di questa edizione, l’omicidio dei coniugi Neumair.

Su Canale 5, alle 21.20, il reality L’Isola dei Famosi. Da quando si è spostata al venerdì, la seconda puntata settimanale del reality condotto da Ilary Blasi va in onda sempre in diretta. In precedenza, invece, veniva registrata per non accavallarsi con la versione spagnola “Supervivientes”. Anche oggi in studio ritroveremo Tommaso Zorzi.

Programmi La7, Nove, Real Time

Su La7, alle 21.15, l’attualità con Propaganda Live. La situazione sanitaria e sociale dopo le riaperture di fine aprile, ma anche le ultime mosse del governo Draghi e le polemiche politiche: Diego Bianchi affronta l’attualità italiana con il suo stile ironico e disincantato.

Su Nove, alle 21.25, il varietà Fratelli di Crozza. Nuovo appuntamento con Maurizio Crozza in diretta dagli studi di Milano. Tra i nuovi personaggi proposti in questa edizione dal comico genovese c’è il presidente della Juventus Andrea Agnelli, alle prese con il flop della Superlega.

Su Real Time, alle 21.25, il programma di cucina Fuori menù. Damiano Carrara e Gino D’Acampo  presentano una nuova gara. A sfidarsi sono due coppie di sposi che possono contare sull’aiuto di due chef professionisti. Segue la replica della puntata che ha visto i sapori dello Sri Lanka contro quelli dell’India.

Stasera in tv venerdì 14 maggio 2021 quarto grado

I film di questa sera venerdì 14 maggio

Su Raitre, alle 21.20, il film commedia del 2019, di Gianni Di Gregorio, Lontano lontano. Roma. Due anziani amici, Giorgetto (Giorgio Colangeli) e il Professore (Gianni Di Gregorio) decidono di trasferirsi all’estero nella speranza che la loro misera pensione possa bastare per una vita dignitosa. Dopo aver coinvolto anche Attilio (Ennio Fantastichini) iniziano i preparativi.

Su Rai 4, alle 21.20, il film d’azione del 1971, di Lo Wei, Il furore della Cina colpisce ancora, con Bruce Lee. Chen trova lavoro in una fabbrica di ghiaccio e per caso scopre che nei blocchi è nascosta droga da contrabbandare. Il direttore cerca prima di comprare il suo silenzio, poi decide di ucciderlo.

Su Italia 1, alle 21.20, il film di fantascienza del 2015, di Alan Taylor, Terminator Genisys, con Arnold Schwarzenegger, Jason Clarke. Anno 2029. Il sergente Reese (Jai Courtney) viene inviato nel 1984 da John Connor per proteggere Sarah (Emilia Clarke), madre di John, e impedire che venga attivato Skynet. Durante l’imprevedibile viaggio incontra alleati come il Guardiano (Arnold Schwarzenegger) e nuovi pericolosi nemici.

Su Tv8, alle 21.30, il film d’avventura del 2008, di Steven Spielberg, Indiana Jones e il Regno del Teschio di cristallo, con Harrison Ford, Shia LaBeouf. Indiana e suo figlio Matt sono sulle tracce del Teschio di Akator. Ma dovranno fare i conti con la spia sovietica Irina Spalko che li insegue.

I film su Sky

Su Sky Cinema Due, alle 21.15, il film drammatico del 1974, di Francis Ford Coppola, Il padrino – Parte II, con Al Pacino. Mentre Michael Corleone, nel 1958, gestisce gli affari di famiglia in Nevada, una serie di flashback racconta l’arrivo dalla Sicilia in America di suo padre Vito, nel 1901.

Su Sky Cinema Action, alle 21.00, il film thriller del 2018, di Drew Pearce, Hotel Artemis, con Jodie Foster, Sterling K. Brown. Quattro uomini assaltano una banca, ma il colpo va male e il capo viene ferito gravemente. L’unica soluzione è portarlo all’Hotel Artemis, un costoso ospedale privato per criminali.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Sopravvissute: le storie di Antonella e Federica protagoniste della quarta puntata del nuovo ciclo

Tutte le anticipazione sulle drammatiche vicende delle protagoniste presentate da Matilde D'Errico nella puntata odierna.
Sveva Loriano

Pubblicato

il

Sopravvissute Antonella e Federica
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi in seconda serata, alle 23:25, su Rai 3 torna Sopravvissute con le storie di Antonella e Federica. Il programma è condotto da Matilde D’Errico.

Le giovani donne protagoniste di Sopravvissute sono state tutte vittime di violenza psicologica, di stalking, e di una vera e propria dipendenza affettiva da uomini che hanno fatto di tutto pur di tenerle legate.

Sopravvissute – la storia di Antonella

La prima storia è quella di Antonella che conosce il suo ex marito durante una festa. Lui mette subito le cose in chiaro: la donna non potrà lavorare e dovrà occuparsi solo della casa e dei figli. Pian piano lei realizza che quel matrimonio è una prigione.

Col tempo Antonella s’innamora di un’altra persona e decide di chiedere la separazione. Il marito però non accetta quella decisione e costringe la moglie a rimanere con sé minacciandola e controllandola ossessivamente. La donna organizza un piano di fuga, vivendo nascosta per mesi.

L’ex marito continua a cercarla incessantemente e, quando la rivede nel parcheggio di un supermercato, consuma la sua vendetta tentando di ucciderla a coltellate. Antonella, con grande forza, si difende e riesce a sopravvivere.

Sopravvissute Antonella e Federica storie

La storia di Federica

La seconda storia è quella di Federica, un’imprenditrice digitale di successo, esperta di marketing, che ha vissuto una relazione tossica.

Nella relazione, dopo un primo momento pieno di attenzioni, l’uomo con cui sta rivela il suo vero carattere: diventa possessivo e controllante e, contemporaneamente, la tradisce.

Federica all’inizio non si rende conto dei lati negativi del partner, li giustifica e li minimizza: è inconsapevole del potere che lui esercita nei suoi confronti. Dopo anni Federica comprende di stare in una pesante relazione tossica, alla quale mette fine. E rinasce.

In studio interverrà la psicologa clinica Silvia Michelini.

Alla fine di ogni puntata Matilde D’Errico illustra un vero e proprio alfabeto della sopravvivenza individuando le parole chiave di ogni storia: proprio quelle parole che possono aiutare a capire chi c’è davvero vicino a noi.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Amore Criminale: la storia di Elisa Amato uccisa dal compagno con tre colpi di pistola

Il tragico destino della giovane donna di Prato. Ad ucciderla il fidanzato Federico.
Aurora Broschi

Pubblicato

il

Amore Criminale Elisa Amato storia
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Torna Amore Criminale su Rai 3 con la storia della povera Elisa Amato, uccisa dal fidanzato Federico. A condurre Veronica Pivetti in prima serata sulla terza rete di viale Mazzini.

Il programma, di genere docufiction, è realizzato in collaborazione con la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri, e con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Le storie di femminicidio narrate in Amore Criminale sono presentate tramite docu-fiction basate sul vero materiale di repertorio di ognuno dei casi trattati, e con le interviste ai testimoni diretti dell’accaduto.

Amore Criminale Elisa Amato

Amore Criminale: la storia di Elisa Amato

Siamo a Prato. Qui vive Elisa, una ragazza di trent’anni. Ad Elisa piace viaggiare, fare shopping e divertirsi con gli amici. Lavora come commessa, anche se ha studiato per diventare allevatrice e addestratrice di cani, che sono la sua grande passione.

Nel 2015, dopo un insistente corteggiamento di Federico, giovane promessa del calcio, Elisa si fidanza con lui. Tra i due si instaura subito un forte legame d’amore. Ma presto subentrano le note negative e quel rapporto in apparenza perfetto si rivela pieno di crepe.

Federico inizia a controllare Elisa, non vuole che esca da sola con le amiche, le controlla le attività sui social e chiede l’attenzione di lei in modo esclusivo.

Il tragico epilogo

Tutto precipita quando la coppia, nel 2017, decide di andare a convivere: Elisa in quel periodo viene completamente isolata dalle sue amicizie. Una scintilla di libertà e indipendenza la portano ad allontanarsi da Federico, anche se questo allontanamento non avverrà mai in modo definitivo. Il ragazzo – attraverso regali, fiori e proposte di viaggi – cerca di far tornare Elisa da lui. Ma la ragazza si rifiuta.

Nel 25 maggio 2018, dopo una serata trascorsa a bere con gli amici, Elisa rientrando a casa incontra la morte per mano del suo compagno, che la uccide sparandole 3 colpi. Dopo l’omicidio, Federico si suiciderà.

Vi ricordiamo che potete seguire le puntate della nuova edizione di Amore Criminale 2021 anche in streaming, sul sito RaiPlay.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it