Connect with us

Informazione

Lineablu puntata 14 ottobre Donatella Bianchi è in Svizzera

Dal festival di Montreaux dedicato al jazz fino alla linea ferroviaria a cremagliera  Montreux - Rochers de Naye: la conduttrice attraversa paesi che si affacciano sul lago di Ginevra.

Pubblicato

il

Dal festival di Montreaux dedicato al jazz fino alla linea ferroviaria a cremagliera  Montreux - Rochers de Naye: la conduttrice attraversa paesi che si affacciano sul lago di Ginevra.
Condividi su

Subito dopo la conduttrice entra nel Parco Naturale “Les Grangettes”, istituito nel 1990, un punto di sosta di rilevanza internazionale che costituisce un importante habitat per uccelli acquatici e palustri, dei quali sono state catalogate più di 250 specie.

Collocata in fondo ai Monti Arvel e Grammont, all’altezza dei comuni di Villeneuve e Noville, la riserva naturale “Les Grangettes” è l’ultima area protetta sulle rive del Lago Lemano. La sua bellezza selvaggia acquista risonanza e favore presso tutti i naturalisti appassionati che qui trovano il loro paradiso. Nascosto dietro cespugli o canne, si può ammirare un ricco universo acquatico in cui hanno il loro habitat garzette, martin pescatori, castori o uccelli migratori che trovano rifugio in questo biotopo, unico nel suo genere in Europa.

Una veduta del lago di Ginevra

Il lago di Lemano è particolarmente noto per la pesca. Ha fatto registrare, solo nel 2015, oltre 1.100 tonnellate di pescato tra cui le specie più comuni sono pesce persico, lucci e gamberi di acqua dolce.

Abbandonati battelli, ecco Donatella Bianchi a Montreux per far conoscere ai telespettatori l “Montreux Jazz Festival”. Nato nel 1967, oggi è considerato uno degli eventi musicali più importanti al mondo, in grado di attirare, anno dopo anno, star mondiali sulle rive del Lago di Ginevra.

Non manca neppure un viaggio in treno lungo la tradizionale linea ferroviaria a cremagliera  Montreux – Rochers de Naye. La pittoresca ferrovia a cremagliera porta a 2000 metri di quota. Il paesaggio è spettacolare per il panorama mozzafiato sul Lago di Ginevra e sulle Alpi. Ci sono diverse attrazioni da scoprire, tra cui un magnifico giardino alpino e la possibilità di trovarvi la marmotta. Ottimo il cibo nei ristoranti di les Rochers-de-Naye.

E, sempre in materia gastronomica, l’ultima meraviglia della puntata, si trova nel pittoresco contesto del castello di Chillon, sulle rive del lago di Ginevra. E’ il progetto “Cantina Sommersa” per la conservazione e la naturale fioritura delle mille bottiglie di un vino autoctono, prodotto nei vigneti del Lavaux, patrimonio mondiale dell’Unesco. Qui si trovano un contenuto di umidità ed un valore di pressione pressoché ottimali, una temperatura costante compresa tra i 12  e i 13 °C: siamo in una gabbia d’acciaio sospesa ad una profondità di 30 metri:

 

 


Condividi su

Mi fa piacere pensare di essere apprezzata per tutto quello che scrivo. Ho sempre un solo lettore ideale in mente e scrivo per lui/lei, cercando una voce intima, capace di comunicare emozioni. Donna in carriera, studi classici, grande passione per la lettura, appassionata di buon giornalismo e di televisione.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it