Connect with us

Informazione

Tv2000, questa sera il docufilm “Il lavoro che vogliamo”

Sulla rete Cei questa sera appuntamento con un docufilm dedicato al mondo del lavoro.

Pubblicato

il

Sulla rete Cei questa sera appuntamento con un docufilm dedicato al mondo del lavoro.
Condividi su

Nove storie di lavoro, differenti per ambito e collocazione geografica: questo ed altro è “Il lavoro che vogliamo”, il docufilm che Tv2000 trasmetterà questa sera. L’opera è stata presentata a Roma presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma e mostrata al pubblico in una versione ridotta della durata di un’ora circa.

Tra i presenti in sala anche Paola Saluzzi, tornata a Tv2000 con il programma “Ritratti di coraggio”. I protagonisti sono imprenditori che spiegano il loro modo di concepire il lavoro all’interno delle loro aziende. Storie che descrivono diverse realtà dello Stivale, accomunate dalla volontà di evidenziare l’importanza del rispetto, della stima e dell’affetto tra datori di lavoro e dipendenti, dimostrando come la routine in fabbrica o in un ufficio sia anche caratterizzata dalla creazione di rapporti di fiducia tra i membri di uno staff.

Tra le aziende che saranno protagoniste del docufilm ci saranno la Lubiam, eccellenza nel settore della moda, e la D-Orbit, giovane impresa attiva nel settore dell’ingegneria aerospaziale: la prima è stata fondata nel 1911, la seconda 100 anni dopo. In comune hanno l’intento di andare oltre il semplice rapporto datore-dipendente, creando tra loro una sinergia tale da rafforzare il senso di appartenenza all’azienda per cui si lavora. Le telecamere si sposteranno nella Locride, dove è attiva un’impresa che ha fondato la sua identità sul lavoro nella legalità, e anche a Fermo, nelle Marche, dove da anni l’imprenditore Enzo Rossi gestisce il pastificio “La Campofilone”.

Paola Saluzzi, Filippo Gaudenzi (Tg1), il Cardinale Gualtiero Bassetti e Paolo Ruffini (dir. Tv2000) Fonte foto: Tv2000

Attraverso l’opera firmata da Salvadore si vuole riuscire a dimostrare, con esempi concreti, le tante valenze che può avere il lavoro: vocazione, valore, opportunità, fondamento di comunità, promozione di legalità. “Quest’idea è nata per proporre qualcosa che la televisione racconta poche volte“, ha dichiarato il direttore di Tv2000 Paolo Ruffini. “Tra una storia e l’altra ci sarà anche la testimonianza di una famiglia tarantina, in difficoltà lavorative con il capofamiglia che soltanto a 50 anni ha trovato un impiego come infermiere dopo tanti problemi, un figlio disoccupato e un’altra figlia attiva in un’associazione a tutela dei migranti“, ha aggiunto il regista Andrea Salvadore, che ha diretto anche “Padre Nostro”, in onda attualmente il mercoledì sera sempre su Tv2000.

Alla presentazione è intervenuto anche il Cardinale Gualtiero Bassetti, da quest’anno Presidente della Conferenza Episcopale Italiana. Il prelato ha molto apprezzato il docufilm e dopo la proiezione è stato intervistato dal vicedirettore del Tg1 Filippo Gaudenzi. Tanti gli argomenti affrontati: in primis si è parlato del problema della disoccupazione giovanile, per poi concentrarsi sulla questione delle pensioni e sul problema dell’antisemitismo alla luce dei recenti fatti di cronaca.


Condividi su

Nasco a Napoli nel 1989, ma la mia città è San Giorgio a Cremano, la stessa di uno dei miei miti: Massimo Troisi. Gli studi mi hanno portato a Roma, dove mi sono laureato in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione alla Sapienza. Sono giornalista pubblicista. Il varietà è il mio genere preferito, sia in tv che in radio. A ruota seguono serie tv e quiz. La mia passione è il Festival di Sanremo: da piccolo fantasticavo di cantare sul palco dell'Ariston, ora mi limito a sognare di condurlo!

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it