Connect with us

Informazione

Silvia Salemi: dopo Telethon sarò su Rete4 con Piccole luci

Intervista all'artista che racconta il suo impegno nella maratona benefica e anticipa il suo ruolo nel programma Piccole luci

Pubblicato

il

Intervista all'artista che racconta il suo impegno nella maratona benefica e anticipa il suo ruolo nel programma Piccole luci
Condividi su

Quale sarà il suo impegno per questa maratona?
Il mio impegno parte da lontano, perché non è il primo anno che aderisco a questo evento che sento molto caro. Lo sento molto vicino alla mia famiglia perché ho avuto un caso, purtroppo non con buoni esiti, della malattia di una sorella, perciò mi sento molto coinvolta.
Sarò testimonial, presente in una delle serate di punta della Rai e comunque…forza Telethon, perché avere tutta questa forza propulsiva dopo 28 anni, è davvero degno di nota.

Dopo Telethon ci sarà qualche altro impegno televisivo?
Naturalmente. Al momento sono in promozione con il libro La voce nel cassetto, che racconta il ritrovamento della mia voce persa, poi ritrovata e tirata fuori come cantante.
Mia sorella è morta quando io avevo un anno e mezzo: a causa di questo trauma, ho perso la voce. Il dolore nella mia famiglia mi ha fatto tacere: ho iniziato a non parlare più, e ho ritrovato la voce a cinque-sei anni. Per anni ho introiettato i sentimenti, che poi sono esplosi davanti a un microfono.: il microfono era la mia terapia, la ricerca di me stessa.
Questo lo racconto nel romanzo La voce nel cassetto: la promozione andrà avanti fino a marzo, poi inizierà l’esperienza di Piccole Luci su Rete 4.

Che cosa vedremo a Piccole Luci?
Saranno otto puntate. In questa seconda stagione racconteremo storie sociali: storie di persone che, venendo dal buio totale, ce l’hanno comunque fatta. Avremo ad esempio un hacker che, dalla sua stanzetta dove riusciva a scomodare addirittura il Pentagono, oggi lavora al Ministero: da un ruolo oscuro a uno riconosciuto e positivo per tutta la società, per l’intelligence del nostro Paese.
Avremo casi di malattia che si risolvono in una guarigione o, se non in una completa guarigione, in una risoluzione della persona che trova comunque una strada.

Da Tale e Quale Show in poi, ha deciso di virare completamente su una carriera televisiva…
Anche questa è una modalità per comunicare con le persone. Per 37 anni la prima modalità è stata la musica; da un paio di anni a questa parte, ho trovato questa via di comunicazione diretta che è la televisione. Il senso però è sempre lo stesso: stare il più possibile a contatto con la gente, e poi ributtare fuori quelle emozioni attraverso la telecamera.
Il bisogno è lo stesso, cambia il mezzo.

Quindi non la vedremo più a Sanremo?
Non lo so…Quest’anno avevo fatto una riflessione sul Festival, ma ho preferito dare la precedenza a questo racconto, che durerà fino a primavera, che non al Festival dove serve un impegno univoco per un mese intero. Bisogna andare a Sanremo quando si può essere concentrati solo su quello.


Condividi su

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it