Connect with us

Informazione

Il condannato- cronaca di un sequestro | dopo Rai 3 a Roma, Bruxelles e Londra

Il condannato, dopo Rai 3 a Roma, Bruxelles e Londra. Il documentario sugli ultimi 55 giorni di Aldo Moro, sarà proiettato a Bruxelles, nella sede del Parlamento europeo, dove ad Aldo Moro è stata recentemente intitolata una sala.
Redazione

Pubblicato

il

Il condannato, dopo Rai 3 a Roma, Bruxelles e Londra. Il documentario sugli ultimi 55 giorni di Aldo Moro, sarà proiettato a Bruxelles, nella sede del Parlamento europeo, dove ad Aldo Moro è stata recentemente intitolata una sala.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo aver riscosso il consenso del pubblico con una media di share del 6.9% e ben 1.674.000 telespettatori, il film prodotto da Stand by Me e Rai Cinema, in collaborazione con La Repubblica, è ora protagonista di altre quattro importanti iniziative, in Italia e all’estero, in memoria dell’anniversario del sequestro e della morte dell’allora presidente della Democrazia Cristiana.

Si inizia oggi, mercoledì 18 aprile alle 11.00 con la proiezione del film documentario presso l’Auditorium del MAXXI di Roma, a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, nell’ambito del progetto 55 giorni di Aldo Moro organizzato dal museo. La proiezione sarà preceduta da un incontro di presentazione introdotto dal Presidente della Fondazione Maxxi Giovanna Melandri a cui parteciperanno l’autore Ezio Mauro e Simona Ercolani, regista.

Il 2 maggio alle 18.00 il film sarà poi proiettato a Bruxelles, nella sede del Parlamento europeo, dove ad Aldo Moro è stata recentemente intitolata una sala. L’evento, ospitato dall’onorevole Simona Bonafè, membro del Parlamento Europeo, vedrà la partecipazione del presidente di Rai Cinema Nicola Claudio che insieme ad Ezio Mauro e Simona Ercolani presenteranno il film documentario.

Il giorno dopo, il 3 maggio alle 18.00, sarà la volta di Londra, nella sede dell’Istituto di cultura italiano, dove saranno presenti anche Ezio Mauro e Simona Ercolani.

Infine il 7 maggio, il documentario tornerà a Roma per essere presentato presso il Ministero dell’istruzione con una proiezione dedicata alle scuole superiori organizzata in memoria di Aldo Moro, a pochi giorni di distanza dal 40esimo anniversario dalla sua morte avvenuta il 9 maggio 1978.

Il film documentario Il Condannato – Cronaca di un sequestro è la cronaca dei 55 giorni che sconvolsero il paese del 1978: dal sequestro del Presidente della Democrazia Cristiana, avvenuto il 16 marzo in via Fani, in un feroce agguato dove furono uccisi gli agenti della sua scorta (i carabinieri Oreste Leonardi e Domenico Ricci e i tre poliziotti Raffaele Iozzino, Giulio Rivera e Francesco Zizzi) fino alla drammatica conclusione in via Caetani, il 9 maggio 1978, dove venne rinvenuto il corpo senza vita di Aldo Moro in una Renault 4 rossa.

Ezio Mauro comincia il suo racconto dal giorno precedente a quel fatidico 16 marzo 1978. Le Brigate Rosse, l’organizzazione terroristica di estrema sinistra costituitasi nel 1970, sono ormai agli ultimi preparativi del rapimento, mentre Aldo Moro si prepara alla cruciale giornata politica che lo aspetta l’indomani in Parlamento. Il suo progetto politico sta per compiersi con la fiducia al Governo di solidarietà nazionale presieduto da Giulio Andreotti. Sono gli ultimi frammenti di vita da uomo libero del più importante uomo politico italiano. Dopo ci sarà solo il buio della “prigione del popolo”. 55 giorni attraversati dalla schizofrenia di un paese posto di fronte alla decisione più difficile di sempre: trattare o non trattare con i terroristi.

Ezio Mauro racconta gli eventi di quei mesi attraversando Roma: da via Mario Fani, luogo del rapimento, fino al covo delle Brigate Rosse di via Camillo Montalcini, sede della ‘prigione del popolo’, dove venne segregato l’Onorevole Moro. La ricostruzione vede la sua drammatica conclusione nel centro storico capitolino, tra la sede della Democrazia Cristiana a Piazza del Gesù, e quella del PCI in via delle Botteghe Oscure: via Michelangelo Caetani, dove viene rinvenuto il corpo senza vita del presidente della Democrazia Cristiana.

Il racconto di Ezio Mauro è impreziosito da materiali di repertorio unici. Le lettere autentiche scritte dal Presidente, i comunicati originali delle BR, le armi usate dai brigatisti per eseguire la sentenza e le automobili diventate simbolo della vicenda: la Fiat 130 in cui viaggiava Moro il giorno del sequestro, l’Alfetta della scorta crivellata dai colpi e la Renault 4 rossa. Inoltre, foto d’epoca selezionate da vari archivi fotografici e il repertorio video dell’Archivio del Movimento Operaio, fino ai servizi originali dei telegiornali Rai scelti grazie a un attento lavoro di ricerca e documentazione.

Nel film documentario si alternano tre tipologie di interviste: le interviste on location ai testimoni diretti degli eventi più significativi; le conversazioni di Ezio Mauro con quattro dei protagonisti più importanti del caso Moro come il figlio Giovanni, Nicola Rana segretario particolare di Moro per quasi 25 anni, il Sostituto Procuratore Luciano Infelisi che ha guidato le indagini, oltre alla ex-brigatista Adriana Faranda, che partecipò al sequestro facendo da “postina” per le lettere di Moro e i comunicati delle BR. Ci sono poi le testimonianze di personaggi che attraverso i loro ricordi forniscono dettagli storici e umani di quei 55 giorni, come l’ex Presidente Giorgio Napolitano ai tempi Senatore del PCI e primo comunista italiano a essere invitato e accolto negli USA; Claudio Signorile che prese parte alle trattative del PSI con le Brigate Rosse; Giovanni Ricci figlio di Domenico, autista di Aldo Moro, morto nell’agguato del 16 marzo 1978; Luigi Zanda nel ’78 Segretario-portavoce di Francesco Cossiga, l’uomo più vicino al Ministro dell’Interno; Giuseppe Pisanu nel ’78 Deputato DC e Capo della Segreteria politica nazionale della DC, guidata da Benigno Zaccagnini e molti altri.

Una cronaca rigorosa e coinvolgente di quei giorni del 1978 per rivivere una delle pagine più dolorose della storia italiana. Una storia firmata da Ezio Mauro con la regia di Simona Ercolani e Cristian Di Mattia, prodotta da Stand by Me e Rai Cinema, in collaborazione con La Repubblica.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazione

Melaverde 18 aprile i conduttori tra Monza e Brianza e Bussolengo

I due conduttori on the road sono in giro per l'Italia alla scoperta delle eccellenze del nostro Paese. La tappa di oggi.
Serena Angelucci

Pubblicato

il

Melaverde 28 marzo
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Melaverde torna con la puntata di domenica 18 aprile. I due conduttori Ellen Hidding e Vincenzo Venuto sono in giro per l’Italia alla consueta ricerca delle eccellenze del nostro Paese. Ecco dove si trovano oggi dopo il viaggio della scorsa settimana.

Melaverde 18 aprile in provincia di Monza e Brianza

Vi siete mai chiesti quanto lavoro c’è dietro ad un giardino perfetto, grande o piccolo che sia? Come viene progettato, realizzato e poi mantenuto? Per darci queste risposte Melaverde raggiunge, oggi, Omate in provincia di Monza e Brianza. Si tratta di una delle zone più vocate al florovivaismo del nord d’Italia.
 Melaverde racconta la storia della famiglia Radaelli che da 4 generazioni si è specializzata proprio in questo settore, portando il suo talento made in Italy in tutta Europa. Conosciamo la storia del florovivaismo che si è evoluta insieme alla loro azienda. Vistiamo il vivaio dove dimorano piante alte fino a 12 metri e ci viene spiegato come si progetta una zona verde e come si realizza. Allo stesso tempo vengono dati interessanti consigli su come curare al meglio il giardino.
Melaverde si occupa poi di fiori recisi che arrivano da tutto il mondo e danno vita a composizioni uniche adatte ad ogni occasione. Ma è anche una puntata alla scoperta di vere e proprie opere d’arte, realizzate in un rapporto unico di reciproco scambio tra uomo e natura.

 A Bussolengo per il Parco Natura Viva

Questa settimana il programma Melaverde è ospite del Parco Natura Viva di Bussolengo in provincia di Verona. Si tratta di un parco faunistico che con i suoi 50 anni di storia è divenuto oggi uno tra i più importanti centri di tutela di Specie Animali minacciate d’Estinzione.
In questa puntata si scopre come è possibile salvaguardare le specie a rischio.
E’ possibile grazie a progetti internazionali che si occupano di dare concessioni di allevamento allo scopo di mantenere intatte specie a rischio e in alcuni casi arrivare a riportarle nei loro habitat originali.
Tutto questo si realizza grazie al duro lavoro da parte di professionisti e addetti che seguono questi animali giorno e notte studiando continue soluzioni per garantire loro il massimo benessere (anche in momenti difficili come quello che stiamo vivendo).
Oltre alla salvaguardia e alla ricerca nel Parco sono organizzati veri e propri percorsi didattici grazie a strutture e scenari unici dove è possibile trovare risposta a moltissime curiosità legate al mondo della natura.
Vi siete mai chiesti perché alcuni animali sono giganti, mentre altri sono minuscoli? Melaverde risponde a questa domanda entrando in anteprima nella nuovissima serra dei Giganti dove vive Il Drago di Komodo, la più grande lucertola del mondo. Conosceremo poi le tartarughe giganti delle Seychelles, insetti dalle dimensioni inaspettate, ma anche minuscole formiche taglia foglie che costruiscono, però, giganteschi formicai.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Stasera in tv domenica 18 aprile 2021, I programmi in onda

I programmi e i film trasmessi oggi sulle principali reti pubbliche, private, digitali e satellitari. Su Canale 5 va in onda la seconda puntata di Avanti un altro! pure di sera.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Stasera in tv domenica 18 aprile 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stasera in tv domenica 18 aprile 2021. Su La7 Massimo Giletti conduce una nuova puntata di Non è l’Arena. Su Rai 4 va in onda il film drammatico La vendetta di un uomo tranquillo.

Stasera in tv domenica 18 aprile 2021 Programmi Rai e Mediaset

Su Raiuno, alle 21.25, la fiction La Compagnia del cigno 2. Anche stasera due episodi. Il primo s’intitola, Diventare grandi. Teoman ha deciso di diventare uno degli insegnanti del Conservatorio Verdi. La cosa fa felici tutti tranne Luca (Alessio Boni), che non riesce a fidarsi dell’ex amico. Intanto Matteo è sopraffatto dalla paura per il futuro, tanto da compromettere la sua storia con Sofia. A seguire, il secondo episodio, Saper tornare indietro. Sofia ha perso la fiducia nel suo rapporto speciale con Matteo. Grazie al sostegno dei Danieli, della Compagnia e del maestro Marioni, il ragazzo però capisce il valore di ciò che potrebbe perdere. Robbo intanto non riesce ad ignorare l’attrazione che prova per Natasha, la figlia del nuovo compagno della madre.

Su Raitre, alle 20.00, il talk show Che tempo che fa. Come sempre, a fianco della scrivania di Fabio Fazio siedono grandi personaggi della cultura, dello spettacolo, della politica e dello sport per interviste faccia a faccia. Completano la scaletta lo spazio musicale, i pungenti monologhi di Luciana Littizzetto e infine il Tavolo dove siedono, tra gli altri, Nino Frassica e Gigi Marzullo.

Su Canale 5, alle 21.20, il game show Avanti un altro! Pure di sera. Divertenti e imprevedibili, le sfide della domenica sera condotte da Paolo Bonolis e Luca Laurenti vedono di fronte due squadre di concorrenti famosi. Al loro interno, nasce una lotta fratricida che produce ogni settimana due campioni che si presentano al gioco finale delle 21 risposte sbagliate.

Stasera in tv domenica 18 aprile 2021 non è l arena

Programmazione La7, Tv8, Real Time

Su La7, alle 20.35, l’attualità con Non è L’Arena. Non ci si annoia mai la domenica sera nello studio del programma di Massimo Giletti: tra scoop, faccia a faccia esclusivi e invettive polemiche del conduttore, l’attualità viene passata in rassegna con uno stile inconfondibile.

Su Tv8, alle 21.30, il reality Bruno Barbieri – 4 Hotel. Si conclude la terza edizione del programma condotto da Bruno Barbieri, che si trova a Palermo per incoronare il miglior albergo della città. In lizza ci sono Tersane IV, Unico Boutique Hotel d’Arte, Palermo Gallery e Casa Nostra Boutique.

Su Real Time, alle 21.25, il reality Ti spedisco in convento. Le settimane al convento sono volate e ora Wendy e le altre ragazze sono pronte a tornare a casa. Tra entusiasmo e commozione è giunto il momento dei saluti. Ma come sarà la vita fuori dal convento? Sarà cambiato qualcosa?

Stasera in tv domenica 18 aprile 2021 la vendetta di un uomo tranquillo

I film di questa sera domenica 18 aprile

Su Rai 4, alle 21.20, il film drammatico del 2016, di Raùl Arévalo, La vendetta di un uomo tranquillo, con Luis Callejo. Madrid, agosto 2007. Curro è l’unico di una banda di quattro criminali che viene arrestato per una rapina. Uscito, dopo 8 anni di carcere, vorrebbe rifarsi una vita, ma non sarà facile.

Su Rai Movie, alle 21.10, il film commedia del 1998, di Andy Tennant, La leggenda di un amore: Cinderella, con Drew Barrymore. Dopo la morte del padre, Danielle subisce le angherie della matrigna Rodmilla e delle sorellastre. Intanto il principe Henry, erede al trono, è costretto a trovare moglie.

Su Rete 4, alle 21.20, il film drammatico del 2016, di Robert Zemeckis, Allied – Un’ombra nascosta, con Brad Pitt, Marion Cotillard. Seconda Guerra Mondiale: gli agenti segreti Max Vatan (Brad Pitt) e Marianne Beauséjour (Marion Cotillard) sono degli esperti a ingannare, recitare un ruolo e a uccidere. Durante una missione a Casablanca si innamorano e si sposano. Ma poi la donna è oggetto di un’accusa infamante.

Su Italia 1, alle 21.20, il film fantastico del 2017, di James Mangold, Logan – The Wolverine, con Hugh Jackman, Patrick Stewart. El Paso, Messico 2029. Il mutante Logan (Hugh Jackman), alcolizzato e indebolito nei suoi poteri, si prende cura del Professor X e lavora come autista. Quando accetta l’incarico di scortare una bambina di undici anni in Nord Dakota, non può immaginare che la piccola sia minacciata da una gang criminale.

Su Sky Cinema Family, alle 21.00, il film commedia del 2014, di Alessia Scarso, Italo, con Marco Bocci. In un paesino della Sicilia, il sindaco Antonio Bianco ha emanato un’ordinanza che bandisce i cani randagi. Ma un golden retriever gli farà cambiare idea. Ispirato a una storia vera.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Linea Bianca 17 aprile: Ossini visita il Gran Paradiso, in Valle D’Aosta

Il conduttore prosegue il suo tour in Valle D'Aosta. Dopo Cervinia visita il Gran Paradiso ed incontra lo scrittore di montagna Gian Luca Gasca.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Linea Bianca 17 aprile Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sabato 17 aprile Massimiliano Ossini e Giulia Capocchi tornano con una nuova puntata di Linea Bianca. L’appuntamento è alle ore 14:00 su Rai 1. Dopo aver visitato prima Courmayeur e poi Cervinia sette giorni fa, proseguono il loro tour in Valle d’Aosta spostandosi sul Gran Paradiso.

Linea Bianca 17 aprile Gran Paradiso

Linea Bianca 17 aprile, Gran Paradiso

In apertura della puntata del 17 aprile Lino Zani, guida i telespettatori alla scoperta della vetta del Gran Paradiso, a quota 4.061 metri sul livello del mare. E’ situato nelle Alpi Graie, tra i comuni di Cogne e Valsavarenche. Ed è l’unico monte in territorio italiano a superare i 4.000 metri di altezza.

Massimiliano Ossini invece si sposta nelle vicinanze del Parco Nazionale del Gran Paradiso, inaugurato il 3 dicembre del 1922, che presenta una ricca varietà di flora e fauna. In questo luogo lo scorso 25 marzo è stato liberato Mario, un esemplare di Aquila Reale. E’ stato salvato dal centro di recupero animali selvatici e rimesso in libertà davanti alle telecamere di Linea Bianca. Il volatile si è ferito durante uno scontro con i propri simili e si è sottoposto ad una terapia di 43 giorni. I guardiaparco hanno dotato Mario di un trasmettitore Gps in modo da monitorare i suoi spostamenti.

Linea Bianca 17 aprile gian luca gasca

Linea Bianca, la sicurezza in montagna

Massimiliano Ossini e Giulia Capocchi hanno scelto di occuparsi anche della sicurezza in montagna e non solo. Nella vallata di Valnontey intervistano lo scrittore e giornalista Gian Luca Gasca che presenta il progetto Linea 7000. E’ ideato per permettere ai visitatori di raggiungere i Parchi e le riserve naturali solo con i mezzi pubblici per salvaguardare l’ambiente.

Incontrano poi alcuni agenti della Guardia di Finanza che mostrano ai telespettatori un modo innovativo per ricercare un disperso in montagna. E’ possibile infatti salvare un numero maggiore di vite con l’ausilio di una nuova tecnologia in grado di intercettare i loro cellulari.

Massimiliano Ossini infine si sposta a Valeille-Lillaz per arrampicarsi sulle Cascate di ghiaccio, in uno scenario unico nel suo genere. E’ una delle mete preferite per gli appassionati di arrampicata sportiva di tutto il mondo.

Tradizioni culturali e gastronomiche

Oltre a visitare le bellezze della Valle D’Aosta la trasmissione si occupa anche delle tradizioni e dei piatti tipici. Ossini infatti si reca a Gimillan, in una caratteristica costruzione montana, per assistere alla preparazione della Seupetta di Cogne. Si tratta di un pasticcio composto da riso in brodo con fontina e pane fritto nel burro. E’ ottimo da consumare ancora caldo nelle classiche giornate invernali.

Successivamente si sposta ad Ozein per incontrare un allevatore di Terranova. Sono cani di taglia grande adatti alle famiglie con bambini per il loro carattere docile e protettivo. Hanno origini canadesi e sono spesso impiegati nel soccorso acquatico.

L’ultima tappa è Saint-Pierre, che è ricco di mandorli in fiore e di vitigni che sono stati riscoperti e valorizzati dagli abitanti del luogo.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it