Stasera tutto è possibile, la conferenza stampa


Presentato il nuovo show di Rai 2 condotto da Amadeus


Unite gli ingredienti del quiz con quelli del talent show ed ecco a voi Stasera tutto è possibile, il comedy show che Rai 2 trasmetterà da domani in prima serata. Amadeus è il padrone di casa. Si tratta di una trasmissione inedita per la televisione italiana, tratta dal format “Anything goes”. In ogni puntata, otto volti noti del piccolo schermo si misureranno con una serie di numeri divertenti, ma allo stesso tempo impegnativi. Balleranno, canteranno, dovranno mettersi alla prova con il mimo e tanto altro. Desta molta curiosità “il set inclinato”, una stanza con un pavimento pendente di 22,5 gradi, all’interno della quale i protagonisti dovranno inscenare uno sketch sulla base delle istruzioni del conduttore.

«È una trasmissione fortissima, all’insegna del gioco e del divertimento», ha detto Amadeus. «Qui non ci sono vincitori, né sconfitti, né tantomeno giurie. Ci sono soltanto tanti amici che vogliono divertirsi e ridere per passare una serata tutti insieme. Chi ha partecipato alla prima puntata (registrata in questi giorni, ndr) ha già detto che vuole tornare un’altra volta!», ha proseguito. Amadeus vive un momento molto fortunato: prima il successo di Tale e quale show, poi quello di Reazione a catena. Ora il ritorno in prima serata con uno show tutto suo, trasmesso a Napoli, proprio dove cominciò la sua avventura in Rai: «Sono legatissimo a questa città. Qui ho iniziato, partecipando a Furore e poi con Festa di classe. Devo ringraziare il direttore di Rai 2 Teodoli che mi ha dato l’opportunità di fare anche ciò che non è un game show». Il target della trasmissione è ampio: «Vogliamo far divertire il bambino di 10 anni così come la nonna di 80», ha concluso.

Presente anche Angelo Teodoli, direttore del secondo canale Rai: «Proponiamo un programma nuovo e che rientra nel processo di rinnovamento di Rai 2, già avviato con Pechino Express e Made in Sud». Poi, chiarisce la scelta di confezionare soltanto 5 puntate: «Dobbiamo dare tempo al programma di arrivare ad una giusta maturazione. Si tratta di un esperimento, ma sono sicuro che funzionerà, anzi mi auguro che alla fine di puntate ce ne siano 105!».

Angelo Teodoli

Francesco Pinto, direttore del Centro di Produzione Rai di Napoli, ha fatto gli onori di casa: «Stasera tutto è possibile è un programma allegro e divertente, nel pieno spirito di questa città». Sorridendo ammette: «Abbiamo avuto qualche problemino nel montaggio perché i cameraman ridevano guardando i protagonisti. Non ho mai avuto modo di lavorare con Amadeus e sono rimasto piacevolmente colpito dalla sua professionalità e dall’attenzione che ci mette in tutti gli aspetti del programma».

Stasera tutto è possibile è un programma che sta avendo successo un po’in tutto il mondo. Stando a quanto dichiarato da Stefano Torrisi, direttore commerciale Endemol, è stato distribuito in 26 paesi per un totale di 500 episodi trasmessi.

Ha preso parte alla conferenza stampa anche Stefano Santucci, autore e capo-progetto dello show: «Ci siamo divertiti tutti a farlo. Il nostro obiettivo è offrire una comicità diversa dal solito», ha dichiarato. Fabio Di Iorio, capostruttura intrattenimento di Rai 2, ha accolto con entusiasmo l’idea di affidare la conduzione ad Amadeus, che a suo giudizio «dà un ritmo strepitoso al programma».

Per la prima puntata, di cui è stato proiettato un breve filmato in anteprima, gli ospiti saranno: Roberta Giarrusso, Tony Figo, Mago Forest, Cecilia Capriotti, Sergio Friscia, Andrea Perroni, Barbara Foria e Paolo Conticini.

Piccola curiosità: una parte della stampa presente all’incontro ha potuto testare il “set inclinato”, una location simpaticamente scomoda!



0 Replies to “Stasera tutto è possibile, la conferenza stampa”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*