Rai | solo Agorà per l’informazione estiva | e La7 fa servizio pubblico


Rai | solo Agorà per l'informazione estiva | e La7 fa servizio pubblico. Nessuna rete di viale Mazzini è riuscita ad assicurare almeno un programma di informazione in fascia serale.


Le reti di viale Mazzini hanno completamente abdicato al dovere di informare i telespettatori durante i mesi estivi. Un’azienda che da sempre ha avuto come fine l’informazione,  non riesce in alcun modo a proporre, sotto il solleone, almeno un programma di approfondimento, un talk show politico, una trasmissione in cui poter discutere della più stretta attualità.

Nella totale latitanza della Rai, è La7 di Urbano Cairo a mantenere aperte poche ma utili finestre su quanto accade in Italia e all’estero.Insomma la rete ha preso il posto dell’azienda televisiva di Stato nella “mission” di servizio pubblico.

E’ stata solo Rai 3 a mandare in onda, la mattina, dalle 8 alle 10, la versione estiva di Agorà condotta da Monica Giandotti. La giornalista, che ha sostituito Serena Bortone, ha cercato di fare il meglio ma non ha ancora la competenza e l’aplomb della più navigata collega. C’è da sottolineare che a quell’ora di mattina, soprattutto d’estate i potenziali telespettatori sono pochissimi. Ciononostante Agorà estate è riuscito a mantenere una share tra il 5 ed il 6%.

Segno che l’attenzione sui problemi dell’informazione è sempre molto alta, soprattutto nel corso di questi mesi nei quali i temi su cui discutere non mancano. Le polemiche sui migranti si sono estese ulteriormente a livello internazionale, ogni giorno i quotidiani riempiono pagine di notizie e diatribe tra le parti politiche, mentre la tv pubblica tace. Si dibatte di vaccini, decreto dignità, Ilva, tagli dei fondi già stanziati per le periferie, lavoro ai giovani. Il confronto è acceso sui mass media, sul web, sui social network, ma la Rai si affida alle repliche di Don Matteo. La prima rete riesce a far pedalare solo il prete in bicicletta, non le risorse, validissime tra l’altro, dell’azienda televisiva pubblica.

Avrebbe dovuto esserci uno spazio informativo su Rai 3 nel corso dell’estate, era contemplato fino a giugno. Poi è scomparso prima della presentazione dei palinesti. Si trattava di un programma infrasettimanale di cui si stava scegliendo il conduttore o la conduttrice. Ma per questioni di budget alla fine non se ne è fatto nulla.

In queste condizioni, il telespettatore normale è completamente sprovvisto di qualsiasi fonte di informazione. Per conoscere quanto sta accadendo al di fuori della canonica virtuale di don Matteo, bisogna sintonizzarsi su La7 che è l’unica a tenere accese le notizie senza spegnerle all’ombra di repliche estenuanti.

La rete di Urbano Cairo mantiene in palinsesto di mattina Omnibus news  e Coffee breack. Ha dato spazio a L’aria che tira anche in versione estiva. Il tutto nel day time. E di sera arrivano Davide Parenzo e Luca Telese che per tutta l’estate tengono acceso il lumicino dell’informazione con In onda, dal lunedì al sabato. E al giovedì si allungano in prima e seconda serata. Ma sappiamo anche che la redazione del Tg La7 è attrezzata per poter intervenire in qualsiasi momento con dirette e maratone, in caso ci siano notizie particolarmente importanti da coprire.

Se questo non è il fallimento dell’informazione Rai poco ci manca. Anche perchè questa estate la situazione si è ulteriormente aggravata e l’assenza di ogni approfondimento è eclatante.

Certo, ci sono i Tg Rai ed il canale Rai New24. I notiziari, però, sono sempre più concisi ed hanno gli spazi ed i minuti contati perchè devono dare a ciascuna notizia un tempo stabilito.  Perciò si sente la mancanza di programmi di approfondimento trasmessi in una fascia oraria fra le 20,30 e le 23,00 quando il cosiddetto pubblico generalista può fruirne.

Così la prima e la seconda serata scorrono noiose tra repliche di fiction già andate in onda nel periodo di garanzia, pellicole e telefilm all’ennesimo passaggio in video e manifestazioni speciali in giro per l’Italia legate a premi ed eventi musicali.

La conclusione è drammaticamente malinconica: il prime time estivo della Rai non ha più nessun appeal sul pubblico pagante il canone. Con l’abnorme constatazione che La 7 è diventata una delle rare oasi informative dove si discute ogni sera di politica e di attualità.

Sono lontani anni luce gli anni in cui l’informazione e l’approfondimento giornalistico rappresentavano i veri valori sui quali si fondava la Rai.



One Reply to “Rai | solo Agorà per l’informazione estiva | e La7 fa servizio pubblico”

  • mrtv91

    Meglio cosi… Di talk show ce ne sono anche troppi, stessi argomenti, stessi ospiti e stesse facce. Da la 7 infatti mi tento alla larga. La Rai piu che altro dovrebbe cogliere l’occasione per reinventare il modo di fare informazione come sta facendo, ad esempio con Nemo.

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*