Chi l’ha visto? | Diretta 3 ottobre 2018 | La storia di Sofiya Melnik


Chi l'ha visto? | Puntata 3 ottobre 2018 | Diretta. Quarto appuntamento stagionale con la trasmissione di Rai3, condotta da Federica Sciarelli. Al centro della puntata, novità riguardanti l'omicidio di Sofiya Melnyk. Seguite con noi la diretta


Chi l’ha visto? torna questa sera, alle 21:15 su Rai3, con una nuova puntata serale in diretta. Federica Sicarelli – alla quattordicesima stagione da conduttrice – ci riporta nel cuore delle indagini sull’omicidio della 44enne ucraina Sofiya Melnyk.
La donna è stata uccisa di botte tra novembre e dicembre del 2017. Il suo cadavere è stato ritrovato la vigilia di Natale dello scorso anno vicino al Monte Grappa, in Veneto, ma il caso si è rivelato più intricato che mai e non è stato ancora risolto. Anche perché si è intrecciato con quello che coinvolge il suo compagno, Daniel Pascal Albanese, suicida il 26 novembre 2017, cioè circa dieci giorni dopo la scomparsa della donna.
Ora, sembrano esserci novità sulla vicenda e Chi l’ha visto? ne parlerà nella diretta di oggi.

Il segmento di apertura è dedicato alla violenza di un marito su quella che sta per diventare la sua ex moglie. Con l’udienza di separazione prevista domani, Salvatore D’Apolito ha teso un agguato a Flora Agazzi – questo il nome della donna – con tanto di colpi di pistola. La donna ora è in gravi condizioni in ospedale.
Dopo aver sparato alla sua ex-moglie, l’uomo è fuggito da Scanzorosciate (Bergamo); prima in Vespa, poi a bordo di un vecchio camper Fiat 35 bianco di sua proprietà.
L’inviato Paolo Andreolo proverà ad andarlo a cercare, entro la fine della puntata, ad un raduno di Vespa, vicino Monza.
Ora è il momento del caso Brenda, scomparsa nel veronese dalla casa del suo compagno, Andrea Felicetti. La scomparsa era stata già analizzata da Chi l’ha visto?, ma ora il programma di Rai3 vuole capirci di più. Il racconto del compagno è pieno di punti da chiarire.
L’ipotesi ufficiale è che Brenda sia fuggita dopo aver capito che Andrea la tradiva e che era deciso a lasciarsa. Celia, un’amica di Brenda che abita a Milano, dice che è preoccupata perché la donna, molto innamorata, era stata minacciata e spesso veniva maltrattata.
La sua amica dice anche che nell’ultimo periodo Brenda era rimasta in casa di Andrea soprattutto perché non aveva soldi per andare via.
Andrea ammette il rapporto in crisi, i continui screzi, che lui aveva deciso di lasciarla e anche le litigate violente. Ma nega che la scomparsa possa essere in alcun modo imputata a lui.
Tra le altre cose, ha annotato su un taccuino, con sorprendente precisione, pagine di dettagli sugli ultimi giorni precedenti la scomparsa. In più ha utilizzato la geolocalizzazione di smartphone e tablet per ricostruire gli spostamenti di Brenda.
A Genova, il 12 settembre scorso, un apparente controllo di Polizia in appartamento si è trasformato in sparata di pistola contro il cane, dopo una presunta aggressione da parte di un pitbull.
Ylenia
, la ragazza che abita nell’appartamento insieme al suo convinvente, alla madre e al convivente della madre, era scesa a fare una passeggiata con il cane quando ha incontrato nove poliziotti che sono voluti salire con lei in casa.
Ora la famiglia vuole capire se l’operato della Polizia sia stato regolare.

La Dottoressa Laura Perrotta – Responsabile dell’Ufficio Stampa della Questura di Genova – giustifica la condotta dei poliziotti con l’aggressione del cane (ancora da accertare). Resta da chiarire se le modalità con cui i poliziotti sono entrati in casa siano state o meno consone e giustificabili. E se le pallottole siano state sparate ad altezza uomo.
Si passa al caso di Tiziano Battisti socmparso da Lariano (Roma) da agosto. La madre lo ha accompagnato alla stazione di Velletri, da cui doveva iniziare il suo viaggio verso Monaco, in Germania, il 3 settembre.
Tiziano si è fatto sentire fino a tre giorni dopo la sua partenza, quando ha contattato sua madre chiedendo soldi, perché era in difficoltà. Da quel momento non ha più risposto al telefono.
Chi l’ha visto? torna di occuparsi di Giusy Ventimiglia, 35enne scomparsa da Bagheria (Palermo) da novembre 2016. Suo fratello, Salvo Ventimiglia, è in studio per chiedere di avere più notizie sulle indagini. Gli inquirenti dovrebbero chiudere il loro lavoro a novembre, ma suo fratello dice di non aver saputo più nulla e teme l’archiviazione.
Giusy è stata vista l’ultima volta in Via Dolceimpoverile, una strada sterrata piena di rifiuti e rovi che attraversa dei campi abbandonati. Non se la passava benissimo da qualche tempo, ma non sembra che le sue difficoltà potessero giustificare una fuga volontaria. Tanto più che quando era uscita l’ultima volta si era truccata (cosa che non faceva spesso) e preparata come se avesse un appuntamento.
L’impronta vincente che Federica Sciarelli è riuscita a dare a Chi l’ha visto? è fatta di velocità, precisione e ritmo. Ciascuna storia viene presentata in maniera asciutta e diretta, riuscendo ad appassionare senza inciampare nel rischio di pesantezza che è sempre in agguato in una trasmissione di questo tipo. È una formula che riesce a far funzionare anche i servizi più lunghi e sui casi più intricati.
Adesso tocca al caso della serata: quello della donna ucraina Sofiya Melik. Una figura complessa, protagonista di una morte tutta da chiarire.
Ci sono da interpretare rapporti con decine di uomini facoltosi, imprenditori, medici e politici, da Cornuda (Treviso) agli ambienti parlamentari di Roma.
Il suo lavoro era poco chiaro. Prima ha detto di essere badante, poi traduttrice, ma i suoi continui spostamenti e la innumerevoli relazioni intrattenute facevano pensare che ci fosse qualcos’altro.
Inoltre, vanno capiti una serie di indizi – tra cui alcuni otto hard disk spariti, foto in cui sono rappresentati quelli che sembrano alfabeti segreti – che fanno apparire Sofiya come una persona ambigua. Qualcuno dice addirittura che potesse essere una spia dei servizi segreti ucraini.
Sofiya aveva un compagno – Pascal Albanese, morto suicida dieci giorni dopo la sua scomparsa – e vari amanti, tra i quali un geologo bolognese (per nove anni), che ora si sta raccontando ai microfoni di Chi l’ha visto?.
Secondo lui è improbabile che l’assassino fosse Pascal Albanese.
La vita e la personalità di Sofiya appaiono sempre più intricate e inconoscibili nel profondo, piene di segreti e bugie. E ciò rende le ricostruzioni sull’accaduto fumose e piene di supposizioni.
Chi l’ha visto? si chiude dopo aver fatto il punto su una serie di nuovi casi da tenere d’occhio nei prossimi giorni.
L’appuntamento con Chi l’ha visto? è per domattina alle 11:30, con la fascia quotidiana.



0 Replies to “Chi l’ha visto? | Diretta 3 ottobre 2018 | La storia di Sofiya Melnik”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*