È arrivata la felicità 2, conferenza stampa in diretta


La presentazione alla stampa del secondo capitolo della serie con Claudia Pandolfi e Claudio Santamaria. Tutte le dichiarazioni e i commenti di cast, sceneggiatori e produzione.


Presentata in Rai a Roma la seconda stagione di È arrivata la felicità, la fiction di Rai 1 che vede protagonisti Claudia Pandolfi e Claudio Santamaria. Il ritorno in onda è previsto per il 20 febbraio. 

Si parte con Eleonora Andreatta, direttrice di Rai Fiction: “Questa serie è uno dei tasselli importanti della fiction Rai. La lunga serialità è una grande sfida da costruire, in termini narrativi e organizzativi. È un veicolo molto importante per raccontare i temi della contemporaneità e per descrivere la società del nostro Paese. Questa stagione ha un’ambizione complessa, volendo raccontare il tema della malattia (la protagonista Angelica scoprirà di avere un tumore, ndr), che è spesso un tabù. Viene descritto con forza, determinazione e affrontata con la forza dell’amore da parte della famiglia protagonista. Rispetto alla passata stagione ci sarà un maggiore spazio alla musica e i personaggi sveleranno cosa accade nella loro mente”. 

Il microfono passa a Verdiana Bixio, produttrice Publispei: “Abbiamo anche collaborato con il Centro di Produzione Rai di Roma, con risultati entusiasmanti. La lavorazione di questo prodotto è molto lunga, ma ciò è stato fatto insieme a dei compagni di viaggio che hanno sempre creduto in questo progetto. Ivan Cotroneo e la squadra degli sceneggiatori sono riusciti a raccontarci dei personaggi pieni di verità, che in questa stagione mostrano sensibilità e al contempo forza, qualità che evidenziano la loro grande umanità”.

“Abbiamo scelto di parlare del problema della malattia con l’intento di mostrare come una famiglia la affronti quotidianamente, con coraggio ma anche scherzandoci su. Si è cercato di far capire come non ci si debba vergognare della malattia e delle cure che bisogna affrontare per sconfiggerla” ,afferma Ivan Cotroneo.

Confermatissimi i due protagonisti, Claudia Pandolfi e Claudio Santamaria nei panni di Orlando e Angelica. “Sono innamorata del mio personaggio: infatti, quando ho letto cosa le sarebbe successo in questa seconda serie, ho lanciato via il copione perché non accettavo che l’armonia creata nella sua famiglia non restasse inalterata. Non volevo che si perdesse leggerezza e ironia, temevo che la storia avrebbe preso una piega drammatica. Rileggendo il copione, ho scoperto che invece tutto questo non sarebbe accaduto. Angelica ha mostrato una forza che non pensavo potesse avere, trovandola anche nell’affetto della sua famiglia”, dice l’attrice romana.

Claudio Santamaria: “La malattia di Angelica mette Orlando di fronte alla paura di non saperla affrontare: i fantasmi del suo passato, così, ritornano. Il ballo sarà ancora presente nella storia? Certamente, è un elemento fondamentale per risollevare il morale di Angelica. Dopo una défaillance iniziale, Orlando darà tutto il suo supporto per sostenere la sua compagna nell’affrontare il tumore che la colpirà”. Poi aggiunge: “Di carattere sono malinconico, crepuscolare. Mio padre però mi ha insegnato a sdrammatizzare gli eventi negativi e così spesso riesco a ribaltare situazioni del genere con l’ironia”.

“Troppi anni di distanza tra la prima e la seconda stagione? Ne sono trascorsi due e qualche mese, un tempo naturale per mettere a punto un prodotto così importante. Un periodo di tempo giusto, anche per capire come disegnare un percorso narrativo come quello che sarà raccontato in questo secondo capitolo della storia”, chiarisce Eleonora Andreatta.

Nel cast anche Lunetta Savino, che interpreta Giovanna, la madre di Angelica: “In questa serie il mio personaggio mi piace particolarmente. L’evento drammatico che colpisce Angelica spinge Giovanna a rimettere in discussione anche il suo rapporto con Dio. Ciò contribuirà a farle perdere i suoi punti di riferimento, con l’allontanamento dal marito che la porterà a vivere nuovi emozioni e sentimenti con lo spirito di una ragazzina. Questa serie permette a noi attori di colorare in tanti modi la storia”.

Tra le new entry Lorenza Indovina, che si innamorerà di Guido, il padre di Orlando (Massimo Wertmuller), lasciato dalla moglie (Edwige Fenech, che in questa serie non ci sarà): “Sono stata molto felice quando sono stata contattata per recitare in questa fiction, scritta, diretta e recitata molto bene. Il mio personaggio, Sabaudia, è molto concreta rispetto a Guido, che con lei si lascerà andare. Il figlio Pietro non la sopporterà affatto”. Pietro è Alessandro Roja: “Il fatto che Sabaudia prenderà il posto della madre non sarà inizialmente accettato dal mio personaggio. Anche lui crescerà nel corso della storia affrontando problemi economici legati alla sua convivenza con la sua compagna, Nunzia. Insieme a lei affronterà le sue debolezze“. Simona Tabasco: “Nunzia in questa serie diventa donna perché si trova ad affrontare dei problemi economici insieme a Pietro”.

Valeria (Giulia Bevilacqua) nella serie ha una relazione omosessuale con Rita (Federica De Cola): “La sua compagna partorirà un altro bambino, ma quest’anno dovranno fronteggiare l’ingresso di un personaggio che si insinua nelle loro vite: è il fidanzato di Rita, interpretato da Primo Reggiani. La grande qualità di questa serie sta nel grande realismo”., dichiara. Federica De Cola aggiunge:Quest’anno Valeria e Rita si sposano. Le difficoltà della serie precedente non sono del tutto superate, l’ingresso dell’ex fidanzato finirà per complicare le cose”.

Ninetto Davoli è Giuseppe, il papà di Angelica:Il mio personaggio è sempre lo stesso, in questa nuova stagione si troverà in una situazione nuova e abbastanza imbarazzante, cui cercherà di porre rimedio”. 

La conferenza stampa termina qui. 



0 Replies to “È arrivata la felicità 2, conferenza stampa in diretta”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*