Connect with us

Intrattenimento

Le Iene Show, la puntata del 23 novembre

Tutti i servizi degli inviati in giacca e cravatta di Italia 1
Irene Natali

Pubblicato

il

Tutti i servizi degli inviati in giacca e cravatta di Italia 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

{module Pubblicità dentro articolo}

Il primo servizio è di Nadia Toffa: La grande truffa delle pensioni d’oro. La iena torna sul caso di una professoressa bresciana che percepisce una doppia pensione senza però aver effettivamente svolto il lavoro che glielo consentirebbe. In pratica, si è autoversata i contributi fingendo che siano stati i sindacati a versarglieli, e di fatto intascandosi 20mila euro l’anno di pensione integrativa. La donna, naturalmente, non ha ricoperto alcun incarico sindacale, ma è moglie di un amministratore. Il segretario nazionale finge di non sapere niente della vicenda, dimostrandosi anche molto aggressivo nei confronti della Toffa.

Il servizio di Luigi PelazzaIl servizio di Luigi Pelazza

Si prosegue con Luigi Pelazza, che presenta un pezzo di fortissimo impatto: La città europea dei combattenti dell’Isis. Pelazza è in Kosovo, a Kacanic, dove vengono addestrati i foreign fighters che poi partono per la Siria. In particolare, dopo aver mostrato le immagini di un’esecuzione  operata da colui che viene soprannominato “il macellaio”, la iena si reca a casa della sua famiglia. Loro non credono che il video sia autentico. Muhaxheri, questo il nome, viene stimato nella sua città, come lo stesso Pelazza ha modo di ascoltare in un bar: nessuno ha il coraggio di decapitare tutte quelle persone, dicono.

La iena incontra i familiari di altri jihadisti: sostengono che i loro cari sono in guerra, e lo mandano alla moschea a dare domande. Qui l’ Imam spiega che l’Islam professato è radicale, che ha mietuto molte vittime partite per combattere. Il padre di uno dei ragazzi rimasti uccisi dopo essere partiti per la Siria, racconta la partenza del figlio: ha iniziato a frequentare sempre l’Imam, si è allenato per ore per avere i muscoli, non si è mai confidato con la famiglia. Per testarne il pensiero, Pelazza gli domanda se il figlio fosse un martire: lui risponde di no, perché è un eroe chi combatte per il proprio paese, altrimenti è solo un mercenario. L’uomo fa un appello finale: è una guerra senza senso, si va a morire per niente.

Il servizio di Nina PalmieriIl servizio di Nina Palmieri

Nina Palmieri ha preso uno dei treni che, questa estate, portavano in Germania nel periodo in cui il paese aveva sospeso gli accordi di Schengen: I treni solo per bianchi. Opportunamente truccata e vestita, le viene chiesto il passaporto; si accorge che alcuni ragazzi sonos tati fatti scendere. Parlando con un poliziotto all’interno del vagone l’inviata si fa spiegare quale sia la situazione: non si tratta solo di siriani, ma anche di somali ed eritrei, che la polizia spesso fa comunque procedere fingendo di non vederli. In viaggio, la Palmieri incontra una vedova siriana con i due figli, scappati da Aleppo utilizzando i risparmi. Una vera e propria odissea, bloccati per 27 giorni in un campo profughi in Libia e altri soldi spesi per attraversare il Mediterraneo su un barcone malandato fino in Sicilia. I tre temono di essere fermati prima di superare il confine, confidando di trovare un campo profughi in Germania di cui hanno sentito parlare: non hanno più soldi, il biglietto è stato pagato grazie al versamento di un parente via money transfer.

Come temevano, prima di Monaco la polizia li fa scendere con la promessa di riprendere il treno successivo. Seguono ore alla ricerca della fmaiglia, che sembra essersi volatilizzata. Invece, tramite Facebook, la iena riesce a rintracciarli: sono in un campo profughi, dove finalmente stanno trovando un po’ di serenità. Tutto ciò a luglio; la Plamieri è tornata a trovarli a inizio novembre. Sono stati sistemati in una casa a nord della Germania, dove stanno godendo di un sussidio dopo aver inoltrato richiesta d’asilo.

Mauro Casciari incontra nuovamente la signora Stella Albano, Incolpata ingiustamente e tartassata dallo Stato. La donna si ritrova Equitalia con il fiato sul collo, “inseguita” perché truffata dall’uomo per cui ha lavorato come segretaria: l’Agenzia delel Entrate le chiede ben 70mila euro.

Il servizio di Filippo RomaIl servizio di Filippo Roma

Grazie alla sfortunata esperienza di Cristina, Filippo Roma si occupa della riforma del lavoro del governo Renzi: Licenziata per il jobs act da chi l’ha votato. Cristina, addetta ufficio stampa assunta con contratto a progetto, anziché essere contrattualizzata, è stata licenziata per scongiurare le conseguenze dellos tesso jobs act. La donna, 53 anni, lavorava proprio per i gruppi parlamentari.

Il servizio di Giulio GoliaIl servizio di Giulio Golia

Giulio Golia documenta L’inferno di un padre e una figlia. La ragazza, Daniela, ha chiamato la redazione per chiarire la vicenda che la riguarda: autolesionista da adolescente, quando si è confidata con la psicologa della scuola, le sue parole sarebbero state travisate. Affidata a una comunità dagli assistenti sociali, per una serie di dichiarazioni della figlia, l’uomo è ora in carcere, condannato per violenza sessuale. All’epoca ancora ragazzina, Daniela avrebbe persino detto di essere stata abusata dall’uomo, perciò le autorità hanno proceduto di conseguenza.

Una volta fuori, dopo anni, a Daniela è stata diagnosticata la sindrome bipolare. Per scagionare il padre, ora dovrebbe accusarsi di calunnia: una soluzione che sta attuando proprio attraverso il suo racconto davanti alle telecamere.

Il servizio di Matteo VivianiIl servizio di Matteo Viviani

Matteo Viviani torna a parlare di suicidio assistito: Così muore un italiano. In mancanza di una legge che lo consenta, 1300 malati terminali all’anno si suicidano. Viviani incontra il fratello di Carlo, che una notte ha deciso di buttarsi dal balcone, e poi la compagna di Monicelli. In Svizzera invece, la questione è regolamentata da 70 anni: Vivini attraversa dunque la Alpi. Qui entra in una clinica dove conosce Michelle, che ha deciso di morire, ed Erica, che accompagna le persone negli utlimi attimi di vita.

In ua scena agghiacciante per quanto tranquilla, vediamo Michelle  confermare di voler morire prima di bere l’amaro intruglio che la farà addormentare. Dopo aver bevuto, chiede ad Erica tra quanto chiuderà gli occhi: la risposta è “due minuti”, e lei scherza “allora sono fottuta”. Visto un momento tanto intimo qual è la morte dell’anziana, che tra l’altro appare molto vispa a dispetto della sua scelta definitiva, Viviani intervista un dottore che pratica la sedazione terminale: non tutti i pazienti, dice, ne sono consapevoli. I più semplici da trattare, prosegue, sono i bambini perché fondamentalmente incoscienti, mentre gli adolescenti sono i casi più complessi, perché percepiscono che si stia loro rubando il futuro. Francamente, questo medico è inquietante.

Tra i malati che hanno scelto di “addormentarsi”, Sergio: l’uomo, da padre, è preoccupato di lasciare la figlia, a cui lascia detto di farsi coraggio.

Il prossimo servizio è di Andrea Agresti: Taglio, piega e…finale felice. Il copione è prevedibile: un uomo che, ai colloqui, cerca massaggiatric che non si limitino ai semplici “massaggi” con i clienti. Naturalmente, Agresti si presenta in perizoma con proboscide dal’impostore.

 Il servizio di Enrico LucciIl servizio di Enrico Lucci

Enrico Lucci chiede ai musulmani cosa ne pensano dell’Isis: La soluzione dei musulmani coraggiosi. Alla manifestazione tenutasi la scorsa settimana, una donna si chiede: “Come si può pensare che io possa essere favorevole? Bisogna uscire per ripeterlo e dimostrarlo”. L’obiettivo dell’Isis, dice, è isolare i musulmani, invece per combatterli bisogna restare uniti.

A mezzanotte, viene riproposto un servizio di Nadia Toffa già trasmesso durante la scorsa stagione televisiva: si tratta del suo viaggio in Iraq tra le donne di Kobane. Le testimonianze sono terribili: ragazzine violentate, seviziate, bambine di sette anni, bambine stuprate, ragazze legate e buttate  da un balcone perché si sono ribellate. Violenza di gruppo ad opera dei miliziani dell’Isis, che perseguitano tutte le minoranze: massacri in cui le vittime perdono famiglia e casa. Impressionanti le parole di un bambino che è stato reclutato a forza: ha visto teste tagliate, uomini ucciso perché cercavano di scappare e ora, lui che è riuscito a fuggire dall’inferno, vuole vendicarsi. Il bimbo, che non vediamo in volto, sogna di diventare ingegnere, ma solo dopo essersi vendicato: è convinto che solo così sarà libero di essere la persona che vuole diventare.

La puntata si conclude qui, con venti minuti di anticipo rispetto al solito. Linea a Pierluigi Pardo con Tiki Taka.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
1 Commento

1 Commento

  1. Avatar

    Marco

    7 Marzo 2017 at 12:55

    ” Dopo aver bevuto, chiede ad Erica tra quanto chiuderà gli occhi: la risposta è “due minuti”, e lei scherza “allora sono fottuta”. ”

    Ma quando mai, si stava rivolgendo alla sua amica che si chiamava appunto, Nikie. Andate a vedere il video integrale, fatto per la tv svizzera. Alla fine voi avete solo riportato ciò, che avevano tradotto le iene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

The show must go on 12 aprile, “W le donne” con Riccardo Rossi

Questa sera su Rai 2 in seconda serata va in onda il primo appuntamento con la rassegna The Show must go on. Si intitola W le donne, spettacolo dal vivo del comico Riccardo Rossi.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

The show must go on 12 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A partire dalle 23.10 Rai 2 trasmette questa sera, 12 aprile 2021, il primo appuntamento dei tre previsti, con il teatro dal vivo della rassegna The show must go on. Ogni puntata riporta lo spettatore nel mondo del teatro proponendo uno spettacolo dal vivo di un comico italiano. Nella speranza di una prossima riapertura dei teatri nazionali.

La prima puntata, in onda questa sera, consiste in una performance di Riccardo Rossi, e si intitola W le donne – Tutte le donne della nostra vita. In essa il comico racconta il suo personalissimo punto di vista sulle donne che hanno cambiato la sua vita. Lo spettacolo è stato registrato al Teatro Olimpico di Roma, prima dell’emergenza Covid.

Seguiranno, rispettivamente il 19 aprile e il 12 maggio, Antonio Giuliani con il suo spettacolo intitolato Insensibile e infine Max Giusti, sempre su Rai 2 ma in prima serata, con Va tutto bene!

Vi ricordiamo che potete seguire The show must go on, sia la prima puntata intitolata W le donne che le seguenti, anche in streaming sul sito RaiPlay.

The show must go on 12 aprile, la diretta

Riccardo Rossi entra nel teatro con un mazzo di rose rosse in mano, che distribuisce in giro per la platea ad alcune donne fra gli spettatori. “Volevo raccontare il mondo delle donne, poi ho capito che è un universo.” afferma. “Pensiamo che la prima persona che vediamo nella nostra vita è una donna… l’ostetrica! Che poi la vediamo mentre ci tiene per i piedi, ci dà uno schiaffo e dice che è per il nostro bene.” scherza poi Rossi.

Il comico analizza la parola “mamma“, la prima che pronunciamo. E poi scherza sulla differenza principale fra uomo e donna. “Noi uomini nasciamo già con un difetto, nella differenza fra i cromosomi. Dopo 22 coppie di cromosomi XX, le donne hanno una ventitreesima XX, mentre noi uomini una XY. Uno scherzo della natura, un’imperfezione” afferma.

“Questa differenza salta agli occhi nel primo giorno di terza media. Quando la tua compagna di banco, la stessa dell’anno scorso diventa una donna. Ed è lì che capisci la differenza fra una Y e una X” continua. “Fino all’anno scorso avevi eretto una muraglia cinese per impedirle di copiare. Ora ti arrendi, e le fai direttamente il compito te.”.

Rossi parla quindi di Mina.Ha rinunciato a tutto per fare quello che voleva lei” racconta. “Mina nel 1976 ha ricevuto un telegramma da Paul MCCartney. Lei lo legge, sorride, e poi lo butta. Noi non possiamo capire un gesto così sublime, che avremmo voluto essere il cestino della carta straccia di Mina”.

The show must go on 12 aprile, l’infermiera e la maestra

“L’unico uomo che sa fare le iniezioni forse è Rambo. Altrimenti, per fare un’iniezione serve una donna, un’estranea: la portiera. Che sa fare le iniezioni” racconta Rossi. “Mi ricordo che arrivava mia madre e mi diceva -Adesso andiamo dalla signora Concetta-. La signora Concetta aveva una siringa di vetro temperato, con l’innesto dell’ago d’oro. E l’ago… era spesso come una canna di fucile.” prosegue.

“A me faceva già male quando mi strofinava il sedere con il cotone idrofilo.” prosegue poi Rossi. “La signora concetta che non parlava mai, diceva una parola: stai morbido. Ma come faccio a stare morbido con quell’ago infilato?”.

“Racconto questo perché questo ruolo di donna ci ha fatto capire che certi mali durano poco. Una donna generosa, che per arrotondare lo stipendio del marito si è vista tutti i sederi del quartiere. VI ricordate Sora Lella? L’iniezione gliela fece il camionista. Lo avrei voluto incontrare io, la mano della signora Concetta non era mai -una piuma-!” conclude Rossi.

Il monologo continua, stavolta descrivendo la figura della maestra di scuola. E poi, della sorella. “Chi nasce per secondo vede nel primo un assassino. E chi nasce per primo vede nel secondo un pericolo. So di casi pericolosissimi sventati per miracolo.” racconta scherzando Rossi. “Fateci caso, se fra due fratelli non c’è una sorella va meglio. I Lumiere hanno inventato il cinema, i Wright l’aereo. E i Mongolfiere la mongolfiera. E indovinate chi era la zavorra? La sorella!” grida quindi Rossi.

La suocera e la figlia

“Non vogliamo rovinarci la serata raccontando della suocera; l’unico ruolo odiato anche dalle altre donne” prosegue poi il comico. “Chiudiamo l’argomento e andiamo avanti. Parliamo… della figlia. Non esiste madre, moglie e amante: l’unico vero amore di un uomo puro e incontaminato è la figlia. Che deve stare sulle ginocchia di papà in tutù, per sempre.”. 

Dopo una serie di sketch, legge una commovente lettera dedicata al rapporto padre-figlia. “Ricordati che tuo padre è l’uomo che non dorme quando esci per il tuo primo appuntamento. E l’unico che quando le cose vanno male, sarà sempre lì per te”. 

Subito dopo, inizia un nuovo monologo su un genere di donna che lui definisce “Donna Zavorra”. “Dove passa lei non cresce più l’erba: sono femmine alpha, che risucchiano le energie vitali e ti annientano. L’unica che si accorge del pericolo è un’altra donna: la tua migliore amica” afferma Rossi. “Non esiste la donna per amico, come non esiste l’uomo per amica. L’uomo ha bisogno di un amico, sempre. La donna per amico è quella che ti dice quello che vuole senza filtri. Come fa tua moglie, ma da lei le critiche le accetti.” continua.

The show must go on 12 aprile

La moglie, il potere della donna

“Voi stasera perchè siete qui? Chi ha deciso? Siate sinceri.” inizia Rossi dal palco. “Quando scoprite di dover ri-uscire per venire a teatro pensate una sola cosa: avevo parcheggiato così bene.”. E continua “La moglie è la regina di tutte le donne, la fusione di tutte le donne che abbiamo raccontato fino ad ora”. “Voi immaginate quanto potere hanno le First Ladies nel mondo? Inimmaginabile” prosegue Rossi.

“La donna a un certo punto della sua vita si trasforma in qualcosa di meraviglioso. Da piccolo una volta mi venne la febbre altissima. A un certo punto avverto una presenza: distinguo la figura di una donna. Capelli bianchi, occhiali, grembiule e pantofole. Era mia nonna. Non faceva niente, mi guardava; eppure, io mi sono sentito meglio” racconta il comico. “Le nonne sono madri al quadrato”.

“Con la madre sei troppo coinvolto, con la nonna c’è più dolcezza e confidenza” racconta sorridendo Rossi. “A nonna puoi dire cose che non puoi dire a nessuno. E’ questa la bellezza delle donne: cambiano a seconda del ruolo che rivestono” termina.

La madre

“La parola madre è talmente importante che è usata per ribadire i concetti. E se qualcuno vuole offenderti, offende tua madre.” esordisce Rossi in un nuovo monologo. Racconta di quando sua madre lo vestì da Zorro, ma con un costume mancante di maschera, e persino di spada. “Ancora oggi quando le faccio vedere la foto e le dico -ma come mi hai vestito?- lei mi risponde -come eri carino!-. Ma cosa c’entra? Non è questo l’argomento!”.

“Le madri di una volta hanno una buona ragione per essere come sono ora. Tutte le comodità della nostra vita, molte, non le hanno avuto. Mia madre è nata in casa nel 1932. Dopo tre anni perde suo padre, perchè la penicillina non esisteva. La sera non c’era la tv, ma la radio. E nel 1940 l’Italia entra in guerra. Per avere un po’ di verdura si fanno gli orti di guerra in Piazza Venezia.” inizia a raccontare Rossi, più serio. “E poi ci sono gli allarmi aerei. Nel 1944 mia madre fa la prima comunione mentre gli americani entrano con i carri armati contromano in via del Corso. Nel 1950 fa l’esame di maturità con tutte le materie del quinquennio. E inizia a lavorare 12 ore al giorno per 35 anni.”.

E infine il comico conclude: “Ha avuto sempre la stessa macchina ed è stata sempre in affitto. Si è sposata, e poi ha divorziato. Se aveva mal di testa o la febbre se le teneva. Quando aveva paura se la teneva, perchè sua madre non si era fatta vedere mentre piangeva. Oggi mia madre vede Striscia la notizia, la sua ovatta, per riposarsi.”.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

L’Eredità: Francesco Simonetta campione. Ecco quanto ha vinto alla Ghigliottina

Il nuovo campione de L'Eredità alla sua terza Ghigliottina. Ecco chi è e quanto ha vinto.
Anna Mancini

Pubblicato

il

L'Eredità Francesco Simonetta campione
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Francesco Simonetta è ancora campione de L’Eredità. Ha vinto una consistente somma nella puntata andata in onda domenica 11 aprile 2021 del game show condotto da Flavio Insinna nella fascia preserale di Rai 1.

L'Eredità Francesco Simonetta chi è

L’Eredità: il percorso di Francesco Simonetta

Il campione è alla sua terza Ghigliottina. Nella sua seconda prova infatti è stato beffato dà una risposta da lui data ma che aveva declinato al singolare e non al plurale. La parola infatti era Bagagli, mentre lui aveva scritto semplicemente Bagaglio. Aveva così buttato via la non indifferente somma di 35.000 euro. Si è rifatto completamente questa sera aumentando di molto la somma a sua disposizione.

Il campione naturalmente non ha effettuato la prima fase del gioco, ovvero La sfida dei sette, e al momento di scegliere i due concorrenti da mandare alla prima scalata ha indicato Gianluca e Martina.

Il resto del percorso è stato abbastanza lineare ed è riuscito a superare i giochi Questo o quello e le Quattro date in cui collocare gli eventi anticipati da Flavio Insinna. Le prime serie difficoltà sono arrivate con i Paroloni. Infatti Francesco Simonetta non ne ha indovinato neanche uno ed è dovuto andare allo spareggio rendendosi così protagonista di una nuova scalata. Ha difeso il suo accesso al Triello insieme al concorrente Stefano. Quest’ultimo è stato in vantaggio per quasi tutta la durata dei 60 secondi del gioco ed è stato tradito soltanto dall’ultima parola. Per cui ha finito il tempo a disposizione e Francesco Simonetta è riuscito finalmente a tirare un sospiro di sollievo.

La parola sulla quale è caduto era Cupola e la domanda estremamente facile era: “É famosa quella di San Pietro in Vaticano“.

L'Eredità Francesco Simonetta Paroloni

Il Triello e la Ghigliottina

Francesco Simonetta riesce così ad accedere al Triello insieme a Lorenzo e Monica. C’è stata anche una breve incursione di Gigi D’Alessio e per qualche minuto ha preso il posto di Flavio Insinna gestendo così la prima domanda del Triello indovinata da Monica.

L'Eredità Gigi D'Alessio

La prima concorrente a fare i due passi verso la Ghigliottina è stata proprio Monica. A causa della sua risposta sbagliata l’eredità è passata a Lorenzo che ha dato a sua volta la risposta inesatta. Tutto il montepremi è giunto così a Francesco Simonetta che arriva alla Ghigliottina con la somma di 210.000 euro. Riesce a dimezzare soltanto due volte e la somma finale da difendere è 52.500 euro.

Le cinque parole così faticosamente conquistate sono: Pensiero, Mani, Giorno, Economica e Dichiarazione. Francesco Simonetta indovina la parola giusta che è Indipendenza e vince la somma di 52.500 euro. É la sua prima Ghigliottina vincente.

L'Eredità Francesco Simonetta quanto ha vinto

L’Eredità: chi è Francesco Simonetta

Francesco Simonetta è originario di Palmi in provincia di Reggio Calabria ma è residente a Roma. È laureato in Scienze Naturali ed iscritto anche alla facoltà di Ecobiologia alla Sapienza.

È amante degli animali, infatti in casa ha un Ghiro e due Tritoni. Il suo profilo Instagram è: @zeppo_wildlife.nature.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile: Melillo e Isoardi a rischio squalifica, il ritiro di Braida

Tutto quanto accade nell'ottava puntata del reality condotto da Ilary Blasi su Canale 5. Il televoto è attualmente aperto tra Andrea Cerioli e Drusilla Gucci.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile Canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ecco le anticipazioni di ciò che accade nella puntata del 12 aprile de L’Isola dei famosi 2021. Il reality di Canale 5 torna in onda due volte a settimana dopo l’appuntamento saltato lo scorso giovedì per il debutto di Supervivientes.

La conduttrice si sofferma, nel corso della diretta, su tutti gli episodi accaduti negli ultimi sette giorni in Honduras. In studio è presente Akash Kumar per un confronto con Tommaso Zorzi in seguito al loro diverbio a distanza. Ilary Blasi infine svela al pubblico chi è  il concorrente eliminato tra Andrea Cerioli e Drusilla Gucci.

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile Beppe Braida

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile: il ritiro di Braida, l’isolamento di Giorgi

Durante il 25esimo giorno di permanenza a Cayo Cochinos Beppe Braida ha deciso di abbandonare il reality per motivi familiari. La produzione infatti gli ha comunicato che i suoi genitori sono risultati positivi al Covid ed il padre è stato ricoverato in ospedale. I compagni di viaggio che hanno compreso le ragioni del ritiro hanno cercato di dimostrargli il loro affetto.

Brando Giorgi invece è tornato da tempo a vivere con gli altri isolani dopo qualche giorno trascorso su Parasite Island. Ma una volta riunitosi al gruppo le antiche tensioni non si ancora placate. E’ ancora accusato di voler dispensare consigli non richiesti solo per apparire e catturare l’attenzione. L’attore, amareggiato dalle reazioni, ha scelto volontariamente di isolarsi. Alla conduttrice spiega le ragioni che lo hanno portato a maturare tale decisione.

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile Elisa Isoardi

Isola dei Famosi 12 aprile, Isoardi e Melillo a rischio squalifica

Elisa Isoardi è stata eliminata lunedì scorso ma ha scelto di proseguire la sua avventura rimanendo su Playa Esperanza con Vera Gemma e Miryea Stabile. La conduttrice però ora rischierebbe la squalifica insieme ad Angela Melillo per un episodio accaduto nell’ultima diretta durante la prova ricompensa.

La squadra vincente ha conquistato una teglia di lasagne e la Melillo, approfittando di un momento di distrazione della troupe, ha consegnato una porzione ad Elisa Isoardi. Quest’ultima però non ne aveva diritto perché apparteneva al team degli sconfitti. Entrambe hanno violato il regolamento ma la produzione, almeno finora, non ha comunicato alcun provvedimento disciplinare. Ilary Blasi però cerca di approfondire l’accaduto.

Tutti contro Fariba

Durante la settimana i naufraghi si sono scagliati contro Fariba Tehrani. Si è offerta di cucinare del riso per tutti gli isolani ma non è stata attenta alla cottura perché è rimasto troppo tempo sul fuoco.

I commensali non hanno gradito il piatto ed hanno mangiato solo per non rimanere a digiuno. Fariba per scusarsi per l’inconveniente ha donato loro dei pesci ma le polemiche sono proseguite per alcune ore.

Isola dei famosi, l’arrivo di nuovi concorrenti

Il cast dell’Isola dei famosi continua ad allargarsi. Dopo l’ingresso di Isolde Kostner e Beatrice Marchetti altri naufraghi sbarcheranno presto a Cayo Cochinos.

Si tratta di Emanuela Tittocchia, Manuela Ferrera, Rosaria Cannavó e Ludovico Vacchelli. Ma la produzione è in trattativa anche con Ignazio Moser che dovrebbe firmare a breve il contratto. Alcuni di loro potrebbero raggiungere gli altri concorrenti nella puntata odierna.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it