Connect with us

Intrattenimento

Italia sì! | 15 settembre | diretta della prima puntata

Oggi pomeriggio debutta su RaiUno il nuovo programma condotto da Marco Lioni. Nel cast ci saranno Elena Santarelli, Rita Dalla Chiesa e Mauro Coruzzi.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Oggi pomeriggio debutta su RaiUno il nuovo programma condotto da Marco Lioni. Nel cast ci saranno Elena Santarelli, Rita Dalla Chiesa e Mauro Coruzzi.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Seguiamo insieme la diretta della prima puntata:

Marco Liorni inizia così:

“Sono le 16.43 di un bel sabato di metà settembre, c’è la vendemmia e i bambini sono tornati a scuola. Su Raiuno inzia un nuovo programma. Amici di Raiuno ben ritrovati e benvenuti ad Italia sì!”

Parte l’inno nazionale.

Il conduttore annuncia i consiglieri: Rita Dalla Chiesa, Elena Santarelli e Mauro Coruzzi.

Entra Donatello, parrucchiere 46 anni. “Quando venite da me la privacy non esiste, un tizio mi raccontava di avere una storia parallela a quella del matrimionio” la moglie non sapeva niente. Se Donatello scoprisse che la moglie lo tradisce vorrebbe saperlo.

Martina Rossi, 19 anni e fa arti marziali, lo consiglia a tutte le ragazze per difendersi.

Tocca alla signora Orietta che fa gli auguri al nipotino di 5 giorni.

Liorni lascia il podio e la parola passa a Mauro Coruzzi che dice che il negozio del parrucchiere è il luogo dove il pettegolezzo regna sovrano.

Ogni persona che sale sul podio ha un minuto per raccontare la propria storia.

Entra la signora Mariuccia.

Mariuccia dice che Mauro la osserva molto. La signora ha quasi 92 anni e pratica il wind surf. Alla sua veneranda età sfida le onde e invita tutte le persone a non rimanere chiuse in casa ma devono uscire a fare sport. Gioca anche a golf.

I consiglieri sono molto sorpresi da questa storia, si chiedono come la signora faccia ad avere così tanta energia.

Entra un amico di Mariuccia il quale racconta che Mariuccia si arrabbia quando non può uscire di casa.

Entra ora Oxana con un suo sogno, quello di vivere in Italia.

Racconta che mentre era sui banchi di scuola un professore descriveva Roma come una città bellissima, piena di arte e di storia. Ora è riuscita ad andare a vivere a Roma e ogni mattina guarda il colosseo. Consiglia ai migranti, e non solo, di trattare bene Roma e il nostro paese.

Rita Dalla Chiesa dice che gli italiani sono i primi a non rispettare le cose che abbiamo intorno. Non le piace la maleducazione e non le piace che il fatto che i turisti sfregiano i monumenti e fanno il bagno nelle nostre fontane.

Oxana da straniera fa un appello a tutti. “Amate l’Italia!” e spiega come è stato il suo percorso per ottenere il permesso di soggiorno.

Interviene un signore del pubblico che racconta che una volta al colosseo ha visto degli stranieri rubare, ha avvertito le forze dell’ordine, che erano lì, e loro hanno risposto di non poter far nulla a causa di carenza di personale.

Inizia un dibattito in studio, si fanno i paragoni tra L’Italia ed i paesi stranieri, dove forse c’è più rispetto per le proprie città. Il discorso dei migranti va a finire sulla natalità, gli immigrati fanno più figli rispetto agli italiani e fanno crescere di numero il nostro paese che sta affrontando un periodo particolare.

Marco liorni presenta un ragazzo di 19 anni, Rocco Civitarese.

Ha scritto un libro intitolato “Giaguari invisibili” che racconta il mondo dei giovani. Sono graffianti quando devo essere aggressivi sui social e il discorso verte sui sogni dei giovani. “Sognare appartiene a tutti”. I giovani sono ancora “vivi” e hanno tanti sogni da realizzare, anche se nel mondo contemporaneo c’è molta competizione.

E’ la volta del prossimo ospite a salire sul podio, i consiglieri sono girati di spalle: è un signore che imitando Al bano, intrattiene il pubblico sulle note di “Nel sole”.

E’ Beppe Ferrante, sosia di Al bano. Vuole chiedere alla Rai un programma dedicato ai sosia. Il suo sogno è conoscere di persona il suo idolo.

Ora si cambia storia. Un ragazzo da quattro anni non esce più di casa. Ha 24 anni e si chiama Edoardo. Non ha più amici, non studio, non lavora, non sta vivendo più e sta sprecando la propria vita. Liorni legge la lettera della mamma disperata.

Successivamente introduce Fred, un altro ragazzo che ha avuto un passato simile. Non crede di essere “guarito” del tutto. Le madri accettano sempre di più le situazioni, i padri sono sempre un po’ più restii.

Fred consiglia alla mamma di Edoardo di non stare troppo addosso al figlio ma di fargli capire che la situazione non è sostenibile. Non ci sono consigli giusti da dare. Sempre più ragazzi si rinchiudono in camera, sono chiamati hikikomori.

Parte un clip di un signore che colleziona i bottoni. Gli piace giocare con una bustina piena di bottoni perchè lo trova rilassante.

Mauro Coruzzi torna sulla storia del ragazzo chiuso in casa.

Vuole mettere in guardia le mamme circa le dipendenze dai social e di farsi aiutare da specialisti perchè i ragazzi non possono sprecare il loro tempo prezioso dentro le quattro mura di una stanza.

Si rientra dalla pubblicità. Entra Giulio Violati, il marito di una famosa attrice: Maria Grazia Cucinotta.

Le fa gli auguri per i suoi 50 anni e racconta come si sono conosciuti. Fa una grande dichiarazione d’amore alla moglie.

La Santarelli è contenta e spiega che il marito non farebbe mai a lei una cosa del genere perchè è timido.

Giulio ha conosciuto Maria Grazia ai tempi della trasmissione Indietro tutta nel 1987 condotta da Renzo Arbore.

Il conduttore omaggia la Cucinotta ed Indietro tutta cantando con il pubblico in studio “La vita è tutta è un quiz.”

Subito dopo l’attrice interviene telefonicamente. Ciò che ama di Giulio è la leggerezza. Dovrebbe stare solo un po’ più attento alla linea. Giulio è, giustamente, geloso della moglie. Maria Grazia invece non lo è.

La prossima storia è quella di Pierina.

Si era recata in un ufficio pubblico per fare domanda per il reddito di inclusione, ha scoperto così di essere deceduta per l’Inps da 7 anni. La signora non sapeva nulla.

Sale sul podio un ingegnere che ha ceduto gratuitamente un brevetto all’Università Tor Vergata di Roma. Ci spiega in cosa consiste. La voce indica lo stato della nostra salute. Con un test vocale,in cui si parla in una macchina, si possono rilevare delle anomalie che possono far diagnosticare ai medici se è presente qualche patologia.

Con l’aiuto di un collaboratore ci mostra come funziona.

Mauro Coruzzi si offre volontario.

Indossa delle cuffie e legge delle frasi. Ogni frase deve ripeterla tre volte.

Elena Santarelli fa una giusta osservazione: la voce cambia con l’età, non rimane sempre uguale. L’ingegnere risponde che l’affermazione è giusta. Tengono conto, infatti, delle variabili dell’età e del sesso della persona.

Va in onda una clip sull’associazione “Telefono amico” formata da tutti volontari.

Ne parte subito un’altra. Inizia un simpatico filmato che ha come protagonisti Simone De Pasquale e Nathalie Guetta.

Il ballerino tenta di spiegare a Nathalie cos’è lo speaker corner. L’attrice poi fa un appello ai trasporti (ai taxi, ai treni, alle compagnie aeree) chiedendo che gli animali possano viaggiare tranquillamente con i loro padroni.

Liorni annuncia l’arrivo di una giornalista che conduceva il tg e delle trasmissioni. E’ stata estromessa dal piccolo schermo. La collega però non è ancora arrivata. Si passa così subito ad un’altra storia.

Marco Liorni mostra un gruppo di faldoni per annunciare il prossimo ospite.

E’ la signora Adele, mamma di Giuseppe Tusa.

Un giovane coinvolto nell’incidente del Porto di Genova, avvenuto il 7 maggio 2013. Era un militare della Guardia Costiera. Si è studiata tutti i faldoni che riguardano la storia del figlio per sapere la verità. La madre è molto arrabbiata, chi è colpevole deve pagare. Lamenta il fatto che la nave non era in buone condizioni. Vuole ottenere giustizia per la morte del figlio, deceduto mentre era sul posto di lavoro.

Il conduttore legge tutti i nomi delle altre vittime. La signora Adele mostra la foto del figlio.

 

Rita Dalla Chiesa ed Elena Santarelli si commuovono molto.

La giornalista Anna Cicalese è finalmente arrivata e sale sul podio.

E’ stata cacciata dai tg da quando è ingrassata di circa 40 kg per un problema ormonale. Ha lavorato come giornalista per 22 anni, conducendo il tg per una rete locale ed è stata autrice di 25 programmi. E’ stata anche inviata a Sanremo. Si trova costretta a cambiare mestiere. Ha sentito la discriminazione sulla sua pelle.

Marco Liorni saluta i consiglieri e ringrazia il pubblico per averlo seguito.

Termina così la prima puntata di Italia Sì!.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Figurante/opinionista nella trasmissione televisiva Forum di Mediaset. Laurea in sociologia all'Università Gabriele D'Annunzio di Chieti con 110 su 110. Ha una grande passione per il giornalismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Amici 20, puntata 17 aprile 2021, ospiti Loredana Bertè e Raoul Bova

Benedetta Morbelli

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questa sera, 17 aprile 2021, alle ore 21.20 su Canale 5 andrà in onda una nuova puntata del Serale di Amici 20. La scuola di Maria De Filippi torna in prima serata. I giovani talenti si sfideranno per ottenere il titolo di vincitore, guidati dai professori sempre più agguerriti e determinati.

Ospiti speciali: Loredana Bertè e Raoul Bova.

Amici 20, 17 aprile 2021, ospiti Loredana Bertè e Raoul Bova

Inizia la puntata. Ancora una volta inizia la squadra di Zerbi-Celentano, che sfida quella di Arisa-Cuccarini.

La prima prova è un guanto di sfida Tancredi vs Sangiovanni. I due cantanti propongono la propria versione di “Una donna per amico” di Battisti.

La seconda prova è un guanto di sfida di ballo tra Martina e Serena. Elena mostra la coreografia, molto complessa sia tecnicamente che espressivamente. De Martino sottolinea che poche ballerine potrebbero eseguirla come Elena e che dunque la prova è poco adatta ad una ballerina di latinoamericano come Martina. La Prof. Celentano non concorda. Maria interroga i giudici chiedendo loro di decidere se la sfida è equa. Per Stefano non lo è, per Emanuele sì, per Stash no. Il guanto di sfida cambia dunque destinatario, la prova diventa Serena vs Alessandro.

Entrambi eseguono la coreografia con maestria, ma Alessandro è trascinante e convince i giudici.

La terza prova è Deddy vs Raffaele. Maria mette in evidenza il contrasto tra le reazioni dei due professori Arisa e Zerbi alla performance di Raffaele. Osservandoli il telespettatore potrebbe pensare persino di guardare due spettacoli diversi. I giurati preferiscono Deddy.

Vince la prima sfida la squadra Zerbi-Celentano. A rischio eliminazione sono Tancredi, Alessandro e Raffaele. Ad andare al ballottaggio finale è Tancredi.

Amici 20, 17 aprile 2021, seconda manche

Inizia la seconda manche, Zerbi e Celentano sfidano ancora Arisa e Cuccarini. Le professoresse ringraziano gli avversari donando loro due palline stroboscopiche souvenir dell’ormai famigerato “Perla blu” (creato da Rudy Zerbi).

La prima prova è Sangiovanni vs Alessandro.

La seconda prova è un guanto di sfida tributo a Modugno. A confrontarsi sono Deddy e Raffaele. I cantanti hanno scelto il brano da interpretare con l’aiuto dei professori. Raffaele ha scelto “Pasqualino marajà”, un pezzo che spera possa mettere in luce le sue doti interpretative e ludiche. Deddy ha scelto “Tu si ‘na cosa grande”. Stash preferisce Deddy perchè ha proposto un’icona della musica italiana. Emanuele Filiberto ritiene ci sia stata troppa interpretazione, quasi un mimo. Vince Deddy.

La terza prova è un guanto di sfida che diventa comparata. Martina e Serena si mettono alla prova con una coreografia di rumba sulle note di “Versace on the floor”.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Nudes conferenza stampa della nuova serie antologica sul revenge porn

Tutte le dichiarazioni degli intervenuti alla conferenza stampa di presentazione di Nudes, serie tv antologica che affronta il tema del revenge porn.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Nudes conferenza stampa
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Rai ha presentato oggi, 17 aprile, in conferenza stampa la nuova serie tv antologica, in esclusiva RaiPlay, intitolata Nudes. La serie è l’adattamento italiano dell’omonima serie teen-drama norvegese, ed è disponibile su RaiPlay a partire da martedì 20 aprile 2021.

La regia di Nudes è curata da Laura Luchetti e la serie tv è prodotta da Riccardo Russo. Nel cast tanti giovani e giovanissimi come Nicolas Maupas, Fotinì Peluso, Anna Agio, che interpretano un gruppo di amici alle prese con una piaga sociale sempre più diffusa: il revenge porn. La serie affronta la narrazione dal punto di vista delle vittime, ma anche dei “carnefici”; altri ragazzi e ragazze non consapevoli della gravità della diffusione dei filmati e delle immagini che pubblicano sul web.

Alla conferenza stampa di oggi hanno partecipato la regista, Laura Luchetti, il produttore Riccardo Russo, il direttore di Rai Fiction Maria Pia Ammirati e alcuni degli interpreti protagonisti, fra cui Nicolas Maupas, Fotinì Peluso e Anna Agio.

Nudes conferenza stampa, la diretta

La prima a rilasciare dichiarazioni è il direttore di Rai Fiction Maria Pia Ammirati. “La serie è stata prodotta appositamente per il digitale. E’ una sfida, perchè significa proporre un prodotto diverso per molti motivi. La sfida del digitale è la novità, la possibilità di parlare a pubblici diversi, giovani. La serie parla dell’adolescenza e degli adolescenti, in particolare, di un tema arrivato alla ribalta in questi ultimi anni: il revenge porn. Di cui è complice la rapidità con cui si comunica oggi, e i social.”

Prosegue poi “La serie guarda dentro ai ragazzi, alle loro fragilità. Ringrazio la regista e gli interpreti, e la produzione. Per me questa serialità è una grande prova d’arte, un grande racconto e un invito alla riflessione. Rivolto non solo ai ragazzi, ma anche agli adulti, affinché capiscano cosa sta succedendo nelle vite dei più giovani. Anche i più grandi sono stati giovani, ma con modalità e strumenti differenti.”

Parla poi Riccardo Russo, produttore della serie con Bim Produzione.Nudes è il primo prodotto di Bim Produzione, ed è un onore essere la seconda produzione originale di RaiPlay. Per me è un grande orgoglio, perché Nudes coniuga responsabilità e intrattenimento. Il formato è sperimentale, poiché antologico, e mixa mistery, thriller e teen drama. Debuttiamo con un prodotto di grande qualità. Laure Luchetti è uno dei registi più promettenti del panorama internazionale. Siamo felici di aver ambientato la serie in Emilia Romagna, in un contesto di paese. Volevamo scindere il tema dai problemi della grande metropoli.”

Nudes conferenza stampa, le dichiarazioni di Elena Capparelli

Tocca quindi a Elena Capparelli, direttore di RaiPlay. “Questo prodotto è costruito per i giovani. Quello che emerge attraverso Nudes è che non c’è solo bisogno di una alfabetizzazione informatica, di cui come servizio pubblico sentiamo oneri e onori. Serve al contempo una alfabetizzazione emotiva, specialmente per la generazione dei giovani. I mezzi a disposizione dei giovani fanno spesso travalicare un confine di cui i giovani non sono pienamente consapevoli. Come racconta un libro di Daniel Goleman, che parla di intelligenza emotiva.”

Quindi afferma che: “In questa serie non si fanno sconti: le emozioni che mette in mostra bisogna saperle interpretare: rabbia, odio paura. Serve un controllo sano di queste emozioni. Per non diventare carnefici e vittime contemporaneamente.”

Si esprime anche Laura Luchetti, la regista: “Essere adolescenti è sempre stato difficile. La tecnologia però ha accelerato tutto. Desideravo mettere una luce sul problema del revenge porn, di cui si parla solo quando avvengono tragedie. Ma è un rumore costante di sottofondo nelle vite dei giovani, presente in maniera spesso silente. Sono una regista, non un’antropologa, non ho risposte. Ma il mio lavoro è illuminare una parte oscura di un problema attraverso il racconto.”

Nudes conferenza stampa, le domande dei giornalisti

Domanda 1: per gli attori e per la Luchetti, avete voluto proporre un problema senza soluzione, per lasciare all’osservatore le risposte?

Risponde la Luchetti: “Il bello del mio lavoro è sollevare domande più che restituire risposte. Non volevo dare risposte, un giudizio. Grazie a tutti i miei giovani attori il racconto è diventato vivo e palpitante. Mi hanno anche raccontato storie di amici che hanno affrontato il problema del revenge porn, mi hanno fornito degli utili suggerimenti. Volevo essere loro vicina con la cinepresa senza giudicarli”

Continua Riccardo Russo: “Abbiamo adattare fortemente la serie norvegese. Per noi Nudes è un racconto di servizio pubblico, e abbiamo voluto fornire ai ragazzi che lo guarderanno strumenti per affrontare il problema, ma senza dare indicazioni morali o didattiche”.

Domanda 2: per la regista, quanto hai potuto distaccarti dall’opera norvegese? Come hai scelto i protagonisti?

“Ho visto la serie norvegese solo una volta, poi mi è arrivata la sceneggiatura adattata e italianizzata. Molti dei messaggi della serie originale non facevano parte della nostra cultura. Poi, ho deciso di rendere questi romanzi di formazione dei romanzi sensuali. Una sensualità sana tipica di quell’età che doveva uscire fuori. La nostra serie è piena di pelle, passioni, movimenti naturali e puri dell’età giovanile. L’adolescente vuole perdere l’innocenza, e sono riuscita a comunicare questo tema grazie agli attori. Ho cercato di fotografare quello che c’è oggi fuori da un liceo: dubbi, sessualità flessibile.”

E ancora: “Nei provini cerco di non suggerire espressioni particolari, o di suggerirle: voglio toccare delle corde. Lascio improvvisare, e ottengo performance prodotte in pochissimi ciack, in maniera spontanea.”

Nudes conferenza stampa

Nudes conferenza stampa, le domande per gli attori

Domanda 3: per gli attori, quale messaggio volete veicolare attraverso questo progetto?

Inizia a rispondere Nicolas Maupas. “Se un ragazzo dovesse vedere la serie e, essendo vittima di revenge porn, decidesse di denunciare sarebbe un grande traguardo. Siamo riusciti a raccontare i temi con luci e ombre, ma anche colore. Con grande verità. Vogliamo aiutare a capire cosa sia il revenge porn, e spronare a denunciarlo.”

Prosegue Anna Agio: “Abbiamo rappresentato la realtà con tre racconti diversi tra loro.”. E poi Fotinì Peluso: “Il revenge porn è un fenomeno preso spesso con molta leggerezza. Si fa una gradazione delle violenze: una foto è meno grave di un video, ad esempio. Ma questa è una concezione distorta, sono tutte violenze alla pari, e la serie lo spiega molto chiaramente. E poi, carnefici e vittime sono spesso coincidenti. questo è l’aspetto più realistico e veritiero della serie, che non addossa mai colpe a nessuno. La visione di Laura Luchetti è stata molto documentaristica.”

Altre domande dei giornalisti

Domanda 4: le storie hanno un lieto fine, o si predilige, purtroppo, il realismo?

Risponde la regista Luchetti: “Le storie finiscono nella maniera giusta, nè bene nè male. Sono opere di finzione, ma la ricerca è stata fatta a monte anche nel format norvegese su casistiche molto simili, quasi universali. In cui le conclusioni sono spesso le stesse. I finali sono tutti diversi, di cui uno non è affatto scontato. Ogni finale però è sempre coerente con il protagonista. Il personaggio di Vittorio ad esempio non sa gestire la gelosia. E diventa carnefice in quanto vittima del suo contesto. La storia di Ada, la più delicata, rappresentata da ragazze di 14 anni non attrici, mette in scena un mondo femminile delle giovanissime, spesso vittime del complimento. E nel racconto, la prima persona che fa sentire la ragazza apprezzata la mette anche in pericolo.”

Domanda 5: quanto è importante che ci siano molte interpreti donne nella serie?

Risponde ancora la regista: “Le donne sono statisticamente vittime con maggiore frequenza. E’ semplicemente una fotografia della realtà.”

Ancora domande dei giornalisti

Domanda 6: state già pensando a una seconda stagione? Avete pensato anche a Skam durante la produzione della serie?

“Ci siamo concentrati sull’adattamento, durata più di un anno e mezzo, focalizzata sul racconto italiano. Pertanto non abbiamo guardato alla serie Skam. Siamo pronti alla seconda serie, ma dipenderà da come questa verrà accolta dal pubblico.”.

Prosegue Riccardo Russo: “Ci sono dei punti di contatto con Skam, ma devo dire che Nudes ha un percorso più complesso di Skam. La serie antologica con puntate autoconclusive ha un linguaggio più pop e che non consente di sviluppare a lungo i personaggi. Ma siamo riusciti a raccontare la psicologia dei personaggi ugualmente, proponendo un linguaggio contemporaneo che attira il pubblico sia adolescenziale che adulto. La serie è rivolta anche a genitori e docenti, non solo agli adolescenti.”

Domanda 7: è prevista una divulgazione anche sui canali in chiaro Rai Scuola in futuro?

Risponde Elena Capparelli: “Sono convinta che la Rai sia una grande opportunità per tutti i tipi di target di fruire di prodotti diversi. Ma bisogna posizionare bene i prodotti. Sicuramente dialogheremo con i colleghi di Rai Cultura. Infatti un tema con questo tipo di impatto deve poter prendere fasce di pubblico che sono ancora distanti dal mondo dello streaming online. Per portare a più pubblico possibile questo prodotto di Rai Fiction. Non abbiamo preclusioni di sorta, in quanto servizio pubblico dobbiamo rispondere a tutte le domande di ascolto.”

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Beauty bus al via le riprese con Federico Fashion Style su Real Time

Tutte le anticipazioni sul nuovo programma di Federico Fashion Style di cui sono iniziate le riprese in giro per l'Italia.
Stefano Della Felce

Pubblicato

il

Beauty bus
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Al via le riprese di Beauty bus il nuovo programma di Federico Fashion Style prossimamente in onda su Real Time, canale 31.

Beauty bus al via le riprese con Federico Fashion Style

Sono trascorse ben quattro stagioni de Il Salone delle Meraviglie e siamo in attesa della quinta. Nel frattempo, però, in queste settimane Federico Lauri ha iniziato a girare l’Italia a bordo del Beauty bus.

Si tratta di un vero e proprio salone di bellezza dotato di tutto e che si muove su quattro ruote.

Il concept del programma è semplice. In ogni puntata Federico Lauri arriva nella piazza di un piccolo centro di provincia al volante del suo Bus. Saranno tante le candidate che accorrono e si propongono chiedendo un nuovo look che sarà sarà dalla testa ai piedi, comprensivo di trucco e outfit. Tra queste ne sceglierà alcune con l’aiuto di una “valletta”, un’assistente anch’essa selezionata in loco.

Per essere notate da Federico sono importanti la simpatia e la grinta. Ma soprattutto la motivazione che spinge queste donne a mettersi in gioco e affrontare un total makeover. Una rivoluzione nella loro vita che non sarà soltanto temporanea.

Cambiare la propria vita

Le fortunate che saliranno a bordo del Beauty bus avranno l’opportunità di lasciarsi trasformare dalle mani di Federico e di ritrovare la femminilità e la bellezza perdute. Ascolteremo che lavoro, impegni familiari, dispiaceri, delusioni d’amore, sono alcune tra le ragioni per cui una donna inizia a trascurarsi, ma si è sempre in tempo per un riscatto.

E per tutte, la trasformazione di Federico Fashion Style segnerà l’inizio di una nuova vita. Tra un taglio di capelli, un abito nuovo e un make-up, ma soprattutto attraverso una vera e propria confessione dei propri desideri, queste donne scenderanno dal Bus completamente trasformate, fuori e dentro. Insomma un programma che vuole incidere sia dal punto di vista fisico che psicologico per donare a chi ne ha bisogno una nuova consapevolezza di se stesse e della propria personalità.

Beauty bus è un programma Pesci Combattenti, la società di produzione di Cristiana Mastropietro, Riccardo Mastropietro e Giulio Testa Ed è scritto da Olivia Bernardini e Francesca Petrocelli.

La regia è di Tiziano Bernardini. Il Produttore Esecutivo Discovery è Silvia Viganò, il Produttore Esecutivo Pesci Combattenti è Marianna Capelli.

Federico Lauri si lancia in questa nuova avventura a distanza di poco tempo dalla conclusione della quarta edizione di Il salone delle meraviglie che è andato in onda sempre su Real time con un buon gradimento di pubblico.

Aggiornamento

Ecco un comunicato della società di produzione Pesci Combattenti:

La società di produzione Pesci Combattenti informa che sono sopravvenuti problemi organizzativi le riprese televisive a Soriano nel Cimino (VT), del nuovo programma con Federico Fashion Style Beauty bus. Pertanto le riprese previste dal 18 al 20 aprile vengono spostate dal 6 all’8 giugno. Federico Lauri che in questi giorni ha iniziato a girare l’Italia a bordo di un vero e proprio salone di bellezza su quattro ruote arriverà nella “Perla dei Cimini” a inizio estate per stravolgere il look di una fortunata prescelta.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it