Connect with us

Intrattenimento

Eccezionale Veramente, la diretta della prima puntata

Il debutto del talent show comico di La7 condotto da Gabriele Cirilli
Irene Natali

Pubblicato

il

Il debutto del talent show comico di La7 condotto da Gabriele Cirilli
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

{module Pubblicità dentro articolo}

L’antifona su chi conti davvero è subito chiara: durante il tg Mentana si collega con Abatantuono, mentre Lilli Gruber passa la linea alla trasmissione citando solo Abatantuono, che tra l’altro ne è “solo” giurato.

ev 17marzo pozzetto

Cirilli apre la puntata alle 21.17, entrando in studio secondo lo stile che già conosciamo: urlando e saltellando. Presenta quindi la giuria e, subito, il quarto giurato: Renato Pozzetto. Stasera vedremo 20 comici che si sfideranno in due manche; Pozzetto potrà scegliere di ripescare un comico a fine puntata.

ev 17marzo cmarco chicco

Si comincia con una coppia: Marco e Chicco. Forte accento pugliese, i due “spettegolano” su una certa Giovanna: la Lucarelli voleva fermare l’esibizione, ma è stata l’unica. Lo sketch durava tre minuti, per lei un tempo “lunghissimo”, perciò si aspettava ci fosse un epilogo ad effetto; per Abatantuono funziona, ma poteva essere più divertente nel mezzo. Ruffini concorda. Passano con due si.

Le telecamere seguono i concorrenti nel dietro le quinte, raccogliendo il loro commento a caldo.

Il prossimo è Andrea Fratellini, ventriloquo con pupazzo scorbutico al seguito. Nessuno ferma la performance. L’idea di fare il ventiloquo nasce quando Fratellini lavorava in ospedale facendo clown therapy: ha iniziato per una bambina sorda che si era accorto interagisse solo con il pupazzo.

ev 17marzo sormato comico

Ancora una coppia: gli Sformato Comico. Ruffini e Lucarelli dicono di no, per via dei giochi di parole abusati e dei due personaggi del capocantiere e del muratore: tutto già visto. Pozzetto consiglia loro di andare davvero a lavorare in cantiere, però poi fa gli auguri. Pubblicità.

Marco Passiglia imbraccia la chitarra: propone una sorta di filastrocca sulle parole. Alcune battute appaiono scontate, come quella sul diverso accento da mettere su “scopo”, che in entrambi i casi indicherebbe qualcosa di irraggiungibile. Da segnalare che non è nuovo al palco televisivo: è passato da Colorado. L’unico no è della Lucarelli, che non ha fermato l’esibizione  solo per non ricoprire la parte della cattiva: una comicità infantile per lei. Comunque passa.

ev 17marzo turano

Marco Turano entra vestito da panettiere: scimmiotta Banderas nella pubblicità, e infarcisce il pezzo di doppi sensi puntando sui nomi dei prodotti. Abatantuono non voleva ridere, ma ha riso. Passa.

Francesco Rizzuto è un monologhista: racconta la gioia di essere diventato zio. In quanto palermitano, gioca sui luoghi comuni su nord e sud,  non rinuncia all’accento siciliano. Lui è passato da Zelig Off, Zelig e Colorado: ha iniziato con il cabaret perché si esibiva per un’associazione per malati di Alzheimer. Il monologo non era originale, ma il mestere lo salva: tre si.

ev 17marzo birardi

Il prossimo è Francesco Birardi. Il pezzo riguarda chi ruba i fiori dai cimiteri: per Abatantuono il finale funziona, sono i tre minuti precedenti da aggiustare. Pozzetto gli domanda perché, tra tanti mestieri, proprio quello del comico. Nonostante questo, si salva grazie a lui.

ev 17marzo fiona dovo

Alle 22.10, la prima donna della serata: Fiona Dovo. Entra vestita da vecchietta per ironizzare su anzianità e pensioni. Un po’ “sciapa” per la Lucarelli, “semplice e carina” per Ruffini, “può andare avanti” per Abatantuono. Si pure per lei.

Finora il ritmo del programma è piuttosto sostenuto, la giuria sufficientemente perfida: il problema sono i comici, tutti con poco mordente. Evidentemente selezionati secondo i canoni di show già visti e rivisti: non a caso dietro c’è la macchina di Colorado. Tutto si risolve in una sfilata di esibizioni dimenticabili che, senza il nome noto di cui attendere la performance, difficilmente riescono a tenere lo spettatore davanti allo schermo. Bisogna andare avanti fino a mezzanotte: un tempo che appare infinito.

Giannettino Labalestra è una sorta di pirata arabo: “antiquariato comico” per Abatantuono. No all’unanimità.

ev 17marzo 2giga

Si prosegue con la coppia dei 2 Giga, che chiudono la prima manche. L’intesa che i due ragazzi hanno tra loro, li salva. Pozzetto riassume così: “come recitazione ci siamo, le cose che dicono sono delle cagate pazzesche”. Ad ogni modo ce la fanno, Abatantuono li incoragga dicendo loro di ricordare sempre che in giro c’è gente come Cirilli.

Clip di Dario Fo che spiega come la satira sia non esercizio di stile fine a se stesso, e si torna in studio. Una lezione di un premio Nobel val sempre la pena di essere ascoltata, certo, ma qui di satira non se ne vede e il video viene trasmesso in maniera fine a se stessa: appena concluso infatti, tutto procede come se nemmeno fosse andato in onda.

Cirilli chiama i comici che hanno superato il turno sul palco: ogni giurato assegna loro un punteggio da 1 a 10. Da segnalare il comportamento nei confronti di Bidardi, che prima è stato fatto passare, per poi prendersi 1 sia da Abatantuono che Ruffini e Lucarelli (Pozzetto invece, gli dà 3).

Guida la classifica Fratellini, seguito da: Rizzuto, Turano, Passiglia, Dovo.

ev 17marzo cirilli avataneo

Paolo Avataneo apre la seconda manche: parrucca colorato in testa, si limita alla gestualità muta su musica. Il responso è no.

Il primo trio della serata è quello dei  Tre Amici Immaginari. Avete mai pensato come i giudizi di una madre possono influenzare la vita di un figlio? E seguono una serie di battute riguardanti figli celebri: la madre di Salvini per esempio, lo minacciava continuamente di darlo “all’uomo nero” per ogni capriccio. Promossi.

ev 17marzo massimo de rosa

Massimo De Rosa arriva ammanettato: propone una serie di battute con tono serissimo. È un pezzo one liner, non sempre riuscito. A forza di avere immigrati che vengono sui gommoni, dice, si cancellerà il Mediterraneo: a questa, Pozzetto ride di gusto, ma prima ci deve pensare un secondo. Abatantuono e Pozzetto dicono si, perciò passa.

ev 17marzo francesco dantonio

Francesco D’Antonio tenta un monologo più adulto, virando su Obama Nobel per la pace. È già passato a Zelig Off: piace per il testo che punta sui contenuti senza forzare i toni. Si per lui.

Tocca a Paolo Lucchetti: battute “grevi” per dirla con la Lucarelli, mentre finge di vendere oggetti (urlando) dai nomi più disparati. No di Ruffini, Abatantuono non sopporta l’utilizzo di oggetti nel cabaret e Pozzetto non lo salva.

ev 17marzo elena berera

Elena Berera entra in studio con falcata sensuale: apre l’esibizione da cantante lirica, continua raccontando in versi la storia di un amore citando la Traviata. Sicuramente è diversa dagli altri: Pozzetto spiega che il cabaret non è solo risata, perciò la ritiene la migliore cabarettista vista. La Lucarelli vuole scoprire quali altre frecce ha nel suo arco: per ora ce la fa.

ev 17marzo comikando

Il trio dei Comikando prende in giro il malcostume italico della raccomandazione. Due sono vestiti da “matti” con finte camicie di forza, l’altro da medico; le battute sono scialbe. Formula non riuscita per Abatantuono: potevano essere politicamente scorretti, invece il riusltato è banale. Non ce la fanno.

Eugenio Milazzo è musicista: no unanime, e Pozzetto non ha nemmeno capito.

ev 17marzo roberto lipari

Roberto Lipari è un altro monologhista: inizia parlando della paura che provava da piccolo ascoltando le favole, come tutti quelli della sua generazione cresciuti con il concetto di paura. Ma presto vira sulla sua sicilianità e le varie sfumature della parola “minchia”: alti e bassi, ma in generale convince. La giuria è entusiasta: testi solidi e presenza, sentenziano. Dietro le quinte, Lipari commenta sarcastico che per lui è un grande onore, visto che è cresciuto guardando gl spettacoli della Lucarelli.

Ghetti e Baldieri  sono la prima coppia composta da un uomo e una donna, e sono dominatrice e dominato. Piacciono perché moderni. Chiudono la seconda manche.

Si passa ai voti dei giudici. Ecco la classifica di questo secondo turno: al primo posto Ghetti e Baldieri, poi Lipari, D’Antonio, Berera, Tre Amici Immaginari.

ev 17marzo passati

Vanno in semifinale in cinque. Si tratta, dal quinto posto a salire, di Francesco D’Antonio, Francesco Rizzuto, Roberto Lipari, Andrea Fratellini  e Ghetti e Baldieri parimerito. Da sottolineare che i fortunati indossano una felpa bianca, come un qualsiasi “amico” di Maria De Filippi. Pozzetto ripesca Turano.

La puntata si conclude qui, dopo quasi tre lunghissime ore. Adesso non rimane che aspettare i dati degli ascolti: nel frattempo, su Twitter, i primi feedback degli spettatori si sono rivelati tutt’altro che positivi.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Domina: trama, cast, finale della serie tv Sky

La serie ripercorre la storia di una delle donne più importanti dell'Antica Roma. E' Livia Drusilla, moglie dell'Imperatore Augusto.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Domina serie tv Sky
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Su Sky è disponibile la serie tv Domina. La prima stagione si compone di 8 episodi della durata di 60 minuti ciascuno. La serie italo-britannica, di genere storico ma dalle atmosfere drammatiche, è ideata da Simon Burke. E’ ispirata ad una storia vera.

Domina serie tv sky Attori

Domina: regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Claire McCarthy, David Evans e Debs Paterson. I protagonisti della serie sono Kasia Smutniak che interpreta Livia Drusilla e Liam Cunningham nel ruolo di Marco Livio Druso Claudiano. Enzo Cilenti e Matthew McNulty sono rispettivamente Tiberio e Gaio Ottaviano.

Le riprese della serie tv si sono in Italia. Le scene principali infatti sono state girate all’interno degli Studi di Cinecittà.

Gli effetti speciali sono di Leonardo Cruciano mentre Luca Tranchino si è occupato della scenografia. Simon Burke, Nicola Wilson, Emily Marcuson e Namsi Khan hanno invece curato la sceneggiatura.

La fotografia è di Tim Fleming, Ben Wheeler, Tony Slater Ling, Denson Baker e Nicola Daley. Gabriella Pescucci e Katia Sisto si sono occupate rispettivamente dei costumi e del trucco. Le musiche, infine, sono di Samuel Sim.

La serie è prodotta da Sky Studios, Fifty Fathoms e Tiger Aspect Productions. Cattleya è invece l’executive production service. Domina è diffusa in Italia da Sky Box Set e Now. La distribuzione internazionale è affidata a NBC Universal Global Distribution.

Domina Serie tv Sky dove è girato

Domina: trama della serie tv Sky

Domina ruota attorno alle vicende di Livia Drusilla, personaggio storico dell‘Antica Roma. E’ la figlia di Marco Livio Druso Claudiano ed Alfidia ed è vissuta tra il 57 a.C. e il 29 d.C.

Dopo l’assassinio di Giulio Cesare, avvenuto nel 44 a.C. Ottaviano, Antonio e Lepido decidono di formare un’alleanza politica per poter governare. Il triumvirato però ha intenzione di perseguitare i cospiratori della morte del dittatore, tra i quali c’è anche il padre di Livia. Il loro piano vendicativo darà origine alla celebre Battaglia dei Filippi (42 a. C.).

Nel frattempo Livia, che ha appena 15 anni, sposa il cugino Tiberio Claudio Nerone. Ha trent’anni più di lei ma appartiene, come suo padre, al partito dei congiurati. Quando questi ultimi vengono sconfitti in battaglia, Tiberio Claudio Nerone decide di fuggire in Sicilia con Livia e il loro primogenito Tiberio.

Il finale della serie tv

Quando Livia è in attesa del secondo figlio, Druso, riesce a tornare a Roma con la sua famiglia dopo un lungo periodo di esilio. Qui incontra Ottaviano, ovvero l’Imperatore Augusto, che si innamora perdutamente di lei.

L’uomo convince Tiberio Claudio Nerone a divorziare e sposa Livia tre giorni dopo il parto. Egli però a sua volta ripudia la seconda moglie Scribonia che nel frattempo stava dando alla luce la loro figlia Giulia.

Grazie alle nozze con l’Imperatore, Livia diviene una delle donne più importanti dell’Antica Roma. Oltre ad essere la consigliera di più fidata del marito, diventa un personaggio molto influente nel mondo politico.

Livia ed Augusto non ebbero figli ma il loro matrimonio durò ben 51 anni. Alla morte di Augusto, il primogenito di Livia, Tiberio, viene nominato nuovo Imperatore.

Domina serie tv Sky Finale

Domina– il cast completo della serie

Ecco il cast della serie tv Domina ed i relativi personaggi interpretati:

  • Kasia Smutniak: Livia Drusilla
  • Nadia Parkes: Livia Drusilla (da giovane)
  • Liam Cunningham: Marco Livio Druso Claudiano
  • Isabella Rossellini: Balbina
  • Enzo Cilenti: Tiberio
  • Matthew McNulty: Gaio Ottaviano
  • Claire Forlani: Ottavia
  • Christine Bottomley: Scribonia
  • Colette Dalal Tchantcho: Antigone
  • Ben Batt è invece Agrippa
  • Kevin Lettieri: Vinnio
  • Alex Lanipekun: Tycho
  • Alaïs Lawson: Marcella
  • Ewan Horrocks: Druso
  • Anthony Barclay: Corvino
  • Emma Canning è infine Antonia (da giovane)

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Wake Up Il risveglio film Rai 4 – trama, cast, finale

Un uomo in seguito ad un incidente stradale si ritrova senza memoria e con l'accusa infamante di essere un serial killer.
Anna Keller

Pubblicato

il

Wake Up Il risveglio film Rai 4
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rai 4 propone oggi il film dal titolo Wake Up Il risveglio. Si tratta di una pellicola che coniuga atmosfere drammatiche e di azione.

La produzione è degli Stati Uniti d’America, la durata è di un’ora e 32 minuti e l’anno di realizzazione è il 2019.

Wake Up Il risveglio film attori

Wake Up Il risveglio film – regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Aleksandr Chernyaev. Protagonisti sono Jonathan Rhys Meyers e Francesca Eastwood che interpretano rispettivamente i ruoli di John Doe e Diana. Nel cast anche Malik Yoba, ovvero l’agente dell’FBI Frank Ward.

Le riprese si sono svolte negli Stati Uniti, in particolare a Guthrie nello Stato dell’Oklahoma. La produzione è della Archer Film Productions in collaborazione con Bondit Media Capitol e VMI Worldwide. Il titolo originale è Wake Up, ma il film è conosciuto anche come Awake.

Una curiosità: nel cast Francesca Eastwood, attrice, modella e personaggio televisivo americano, figlia dell’attore e regista Clint Eastwood.

Wake Up Il risveglio film dove è girato

Wake Up Il risveglio – trama del film in onda su Rai 4

La trama ha come protagonista un uomo, John Doe che in seguito ad un incidente stradale si risveglia con una totale amnesia, mentre nel bagagliaio della sua auto viene ritrovato un cadavere. Si tratta della quinta vittima di un serial killer che sta imperversando in tutta la zona.

John Doe è sospettato di essere l’assassino. Non accettando questa infamia fugge dall’ospedale dove si trova ricoverato dopo aver preso uno in ostaggio un’infermiera, Diana con la quale aveva stretto amicizia precedentemente.

John è determinato a dimostrare la sua innocenza e Diana accetta di aiutarlo. L’infermiera infatti nasconde un segreto. Suo padre era stato condannato per omicidio ma lei si era sempre rifiutata di credere alla sua innocenza. Alla fine si era impiccato e poco dopo era stato completamente scagionato da tutte le colpe che gli erano state addebitate. Diana da quel momento è stata in preda a rimorsi ed ora cercando di aiutare John Doe, cerca di rimediare e di riscattarsi.

Spoiler finale

Nella parte finale del film John è perseguitato da visioni di una delle vittime del killer e decide di scavare più a fondo nella vita della donna per cercare di trovare risposte. Intanto però viene braccato, la situazione diventa sempre più complicata ma John Doe è intenzionato a fare di tutto per dimostrare la sua innocenza e riprendersi la dignità che l’infamante colpa di essere un serial killer gli aveva completamente tolto.

Wake Up Il risveglio film finale

Wake Up Il risveglio – il cast completo

Di seguito il cast del film Wake Up Il risveglio e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori

  • Jonathan Rhys Meyers (Roots – Radici) – John Doe
  • Francesca Eastwood – Diana
  • William Forsythe – Roger Bower
  • Malik Yoba – Frank Ward
  • James Austin Kerr – Oliver
  • Ginger Gilmartin – Elizabeth
  • Neil Davenport – Victim
  • Kaye Brownlee-France – Annabelle Fargo
  • Cheyenne Rose Martin – Mia
  • Bryce Camp – Libraia
  • Jeremy Parr – Thomas
  • Cheryl McConnell – Infermiera
  • David C Tam – Medico legale
  • Chris Dry – Deputato

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

L’Eredità 13 maggio: il neocampione Nicola non conquista il montepremi

Il venticinquenne marchigiano ha sconfitto al Triello Marta e Cristina. Non riesce a conquistare il montepremi.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

l eredità 13 maggio Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giovedì 13 maggio su Rai 1, è andata in onda una nuova puntata de L’Eredità con Flavio Insinna.

Nicola è il nuovo campione del game show. E’ riuscito a sconfiggere al Triello Marta e la campionessa Cristina. Non è però riuscito ad individuare la parola corretta della Ghigliottina, rinunciando al montepremi di 52.500 euro.

l eredità 13 maggio Rai 1 concorrenti

L’Eredità, la diretta del 13 maggio

Flavio Insinna dopo aver salutato la neocampionessa, presenta i suoi sfidanti. Il primo è Nicola, venticinquenne nato ad Ancona. Ha studiato a Londra, lavora a Milano ma in tempi di pandemia sta lavorando in smart working da Falconara Marittima. Nicola deve abbinare se alcuni pasti sono freddi o caldi.

Giulia, 27 anni, invece viene da Gorizia. E’ laureata in discipline artistiche con indirizzo cinema. Lei deve specificare se i brani citati dal conduttore sono d’amore.

Davide vive a Fiumicino ed è ora in cerca di un impiego in quanto lavorava in aeroporto. Ama viaggiare da solo in moto. E’ molto legato alla sua cagnolina. Lui invece deve convertire i sostantivi maschili in femminili.

La quarta concorrente è la deejay Marta, che vive a Firenze. Per lei come abbinamento “in quale stagione si fa” (un determinato interno)

La giovane Francesca fa parte dell’Aeronautica Militare e sogna di salire di grado. Per lei animali vertebrati/invertebrati.

Ritroviamo Erika che è laureata in lingue e che lavora nel settore assicurativo. Lei deve specificare se alcuni paesi fanno parte dell’Africa o dell’America.

Al termine del gioco degli abbinamenti Cristina sceglie di mandare in sfida nei 60 secondi Davide e Marta. Davide è il primo concorrente eliminato della puntata.

l eredità 13 maggio una o l'altra

L’Eredità, il gioco L’una o l’altra

Il conduttore dà il via al gioco L’una o l’altra dove per ogni domanda fornisce due possibili alternative. Al termine del primo giro non rispondono in maniera corretta Francesca, Cristina e Nicola.

Compie il doppio errore Francesca che punta il dito contro Giulia. Quest’ultima però riesce a rimanere in gioco.

l'eredità 13 maggio le quattro date

Le Quattro Date

Nella puntata di oggi le quattro date scelte sono il 1949, 1967,1987 e 2013. Appena terminato il primo giro di domande Cristina è l’unica a non aver fornito la risposta corretta. Ed è proprio la campionessa a compiere il doppio errore.

Cristina sceglie di sfidare Giulia nel gioco dei 60 secondi perché è una delle concorrenti dal montepremi più alto. La campionessa riesce a rimanere in gara mentre Giulia deve abbandonare lo studio.

l eredità 13 maggio i paroloni

L’Eredità 13 maggio, i Paroloni

E’ il momento dei Paroloni, gioco in cui i concorrenti devono specificare il significato di parole desuete. Il primo termine è Felibro, individuato da Marta. Si tratta dei poeta ottocentesco, ovvero appartenente alla movimento letterario, il Felibrismo, nato in Francia nella seconda metà dell’Ottocento.

Il secondo parolone è Calcagnolo è indovinato dalla campionessa Cristina. E’ uno scalpello utilizzato per lavorare il marmo.

Marta e Cristina sono già al Triello. Si sfidano di conseguenza Nicola ed Erika.

l eredità 13 maggio triello

Il Triello

Nella puntata del 13 maggio si sfidano al Triello Nicola, Marta e la campionessa Cristina.

Inizia Nicola che conquista le categorie Sport (10.000 euro), Curiosità (10.000 euro), Animali (30.000 euro).

Marta risponde correttamente agli argomenti Geografia (20.000 euro), Cucina (20.000 euro), Musica (20.000 euro), Letteratura (30.000 euro).

La campionessa Cristina non è riuscita a rispondere ad alcun argomento.

Marta ha il montepremi più alto e potrebbe accedere alla Ghigliottina, ma deve rispondere ai prossimi argomenti: Venezia e Eventi storici. Il nuovo campione dell’Eredità è Nicola in quanto ha risposto in maniera corretta ai quesiti.

l eredità 13 maggio ghigliottina Nicola

L’Eredità, la Ghigliottina di Nicola

Nicola affronta la Ghigliottina con 210.000 euro. Deve scegliere tra i seguenti abbinamenti: permesso o divieto, bianco o giallo, Unicef o Fai, nulla o tutto, ambientale o forestale Il neocampione dimezza due volte, il montepremi si ferma così a 52.500 euro.

Le parole che formano la Ghigliottina del 13 maggio sono:

  • divieto
  • bianco
  • fai
  • nulla
  • ambientale

Il giovane campione ha scelto il termine fattore, ma la parola corretta della Ghigliottina è rumore.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it