C’è posta per te | 2 marzo 2019 | tutte le storie


C'è posta per te | puntata 2 marzo | ospiti Elisa e Gennaro Gattuso. Tutte le storie raccontate da Maria De Filippi, alcune non andate a buon fine.


La puntata comincia con un video dedicato all’allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, conosciuto da tutti come “ringhio”.

Proprio Gattuso si presenta in studio per fare una sorpresa a due fratelli, Vittorio e Giuseppe. I due sono figli di una mamma, di nome Caterina rimasta vedova da diverso tempo.

Suo marito morì un giorno mentre stavano ristrutturando la loro nuova casa.

I due fratelli giungono in studio e appena vengono mostrate le foto di loro padre nella busta, i due cominciano a piangere e si emozionano ancora di più ascoltando le parole scritte nella lettera dedicata a loro dalla mamma.

Maria De Filippi continua a leggere la lunga lettera nella quale vengono raccontate le vite dei due figli ed anche lo spiacevole evento successo a loro padre.

Dopo tante lacrime finalmente c’è una sorpresa, entra l’ex centrocampista della nazionale italiana di calcio, Gattuso.

L’allenatore parla molto chiaramente ai due fratelli, senza fare troppi giri di parole. Gennaro dice ai due giovani che la vita è dura e che colpisce troppo spesso ma loro devono andare avanti perchè il papà li vede da lassù.

“Ringhio” poi dispensa un sacco di doni del Milan, che fanno piacere solo a Vittorio dato che Giuseppe è del Napoli.

Inoltre Gattuso conesgna anche un camioncino con tanti soldi.

Maria finalmente apre la busta e parte un grande abbraccio collettivo.

La seconda storia è quella di Giovanna, una donna che ha avuto dei problemi nella sua vita con suo padre e la compagna, Anna.

Giovanna è accompagnata da suo marito ed ascolta la sua storia raccontata da Maria De Filippi.

La presentatrice spiega che suo padre è succube della compagna e che troppe volte nella loro vita si sono separati e incontrati di nascosto da Anna.

Giovanna ha avuto una vita sfortunata, si è innamorata della persona sbagliata a 17 anni ed ha avuto anche un figlio..

La ragazza inoltre a 13 anni dopo aver più volte cercato di parlare con suo padre senza successo perchè era sempre Anna a rispondere al telefono, ha cominicato a comportarsi molto male con lui.

Anna e suo marito si presentano e Giovanna decide di andare subito al sodo, chiedendo scusa a suo padre ed esprimendo il desiderio di abbracciarlo.

Suo padre esordisce dicendo che sua figlia è una bugiarda e passa tutto il tempo a smentire tutto quello detto da Giovanna con fare abbastanza provocatorio, verso sua figlia e verso Maria De Filippi.

Maria De Filippi capisce che il padre di Giovanna è una persona piuttosto cocciuta ma anche facile da convincere a fare la cosa più giusta.

La presentatrice dunque gli spiega  che Giovanna ha le giuste motivazioni per essere delusa ma nonostante tutto è qua per riallacciare il rapporto.

Anna e suo marito si convincono ad aprire la busta ed anche questa seconda storia si conclude per il meglio.

La terza storia è paragonabile ad una commedia. La signora Maria, di 90 anni, racconta alla De Filippi che da giovane si innamorò di un ragazzo, chiamato Domenico detto “Mimì” e chiede di incontrarlo.

La redazione del programma rintraccia 5 persone che vivono in Sicilia e si chiamano Domenico, soprannominate “Mimì'”.

La signora Maria chiede a tutti e cinque le stesse cose per cercare di capire se sono la persona che dice lei.

Maria domanda se sanno fischiare, se facevano delle serenate e se le tiravano dei sassolini sul terrazzo per chiamarla.

Si scopre che solo l’ultimo Domenico che giunge in studio risulta essere quello giusto ma nonostante sia palese, lui non vuole ammetterlo perchè racconta che sua moglie quando lui è partito per andare in studio, le ha detto di rispondere sempre no.

Maria prova a farli incontrare ma Domenico si rifiuta e dice di essere venuto solo per incontrare la De Filippi.

Elisa, la seconda ospite speciale della serata giunge in aiuo di un padre che è qui per fare una sorpresa a sua figlia Francesca.

Maria De Filippi racconta che la ragazza si è ammalata a 16 anni  a causa di un tumore alla gola. Il papà si da tutte le colpe dicendo che ha pensato solo al lavoro da sempre perchè pensava che così avrebbe dimostrato l’amore che provava per loro nella maniera migliore possibile.

Il signore fa tante promesse, tutte scritte in una lettera che Maria De Filippi legge, seduta vicino a Francesca e a Milena, sua mamma, venuta per accompagnare la figlia.

Tante forse troppe le colpe che si da il papà Enrico che in fin dei conti dimostra anche di aver avuto diverse accortezze,così come confermano anche la figlia e la moglie.

Al termine della lettera entra Elisa che si siede tra Milena e Francesca e dice che secondo lei Enrico è un padre molto buono a differenza di come si è descritto.

La cantante poi dona alla ragazza, il sui disco e tre vip pass.

Maria apre la busta e la famiglia può riabbracciarsi mentre Elisa si esibisce.

Dopo aver assistito ad una delle rare chiamate in studio rifiutate assistiamo all’ultima storia della puntata.

Gabriele è un padre che cerca di rconquistare l’amore di sua figlia Roberta che non sente da 4 anni.

Maria racconta la storia di Gabriele, dicendo che lui si è dovuto trasferire a Roma per lavoro e sua figlia ha smesso di parlarci perchè lui non l’ha portata con se.

Roberta accetta l’invito in studio e scopre che a chiamarla è stato suo padre.

Gabriele racconta le sue motivazioni a sua figlia ma queste non sembrano smuovere più di tanto Roberta.

La De Filippi nel suo ruolo da mediatrice, prova a far capire alla ragazza che suo padre non l’ha portata con se solo per permettergli di vivere in maniera migliore dato che spesso suo padre ha dovuto dormire dentro ad un furgone poiche non aveva soldi per pagare un alloggio.

Roberta però non è convinta di non voler aprire la busta ed opta per una via di mezzo : fa aprire la busta ma solo per stringere la mano a suo padre.

Maria suggerisce a Gabriele di accettare il compromesso e così si chiude la puntata.



0 Replies to “C’è posta per te | 2 marzo 2019 | tutte le storie”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*