Le Iene Show | diretta 7 aprile 2019 | Inizia il processo di Piero Capuana, il santone degli orrori


Le Iene tornano su alcuni casi: Marco Vannini, la strage di Erba ed il caso Brizzi. Racconteranno la storia di una donna che, a causa di una patologia rara,emana cattivi odori; di pesce marcio. Protagonista dello scherzo è Damiano Er Faina.


Le Iene tornano su casi già affrontati in passato come quello della Strage di Erba dove Olindo e Rosa si sarebbero accusati colpevoli solo per seguire la strategia messa in atto dal loro avvocato dell’epoca.

Si parlerà ancora del caso di Fausto Brizzi. L’inviata ha incontrato Tania Sanchez Diaz, la spagnola che ha confermato di aver mentito quando ha raccontato di aver subito molestie dal regista.

Inoltre ci sarà la storia di Erica, una ragazza affetta da una rara sindrome chiamata tmau che fa odorare le persone di pesce marcio.

Il protagonista dello scherzo sarà Damiano Coccia, detto Er faina, ovvero l’odiatore del web da 1 milione di follower.

Seguiamo insieme la puntata:

Si inizia con il servizio di Giulia Innocenzi dedicato agli aggiornamenti dei casi trattati da Le Iene.

Entrano in scena Matteo Viviani, FIlippo Roma e Nadia Toffa. I conduttori salutano il collega Giulio Golia, assente perchè sta affrontando un periodo difficile.

La prima intervista è dedicata a Dorothea Wierer, campionessa del mondo di Biathlon. Il biathlon è uno sport invernale, i cui partecipanti competono nel tiro a segno con la carabina e nello sci di fondo. La donna è sposata, ama il mare e non userebbe mai armi al di fuori dello sport.

Le Iene la sottopongono a molteplici sfide. Deve colpire un bersaglio, un uomo vestito da coniglio, con un fucile che contiene palline di vernice. La seconda manche è sullo sci di fondo. Nella terza deve correre con i tacchi nella neve, deve raggiungere il primo check point e mettersi il rossetto e poi deve annodarsi la cravatta.

Il secondo servizio è dedicato ai finti guaritori. Alessandra curerebbe i tumori con gli occhi chiusi sfruttando una terapia energetica chiamata Reiki. Consiglia alle persone di abbandonare la chemioterapia. La pratica spirituale non ha nulla a che fare con la medicina.

Una delle sue “pazienti” racconta come procede Alessandra durante il rito. Sarebbe capace di curare tumori anche a metri di distanza. Oltre a guarire, sempre con gli occhi chiusi, riuscirebbe a parlare anche con i morti.

Il prezzo di una seduta per parlare con i defunti è di 130 euro per mezz’ora. La fantomatica guaritrice scappa di fronte alle domande dell’inviata.

Il prossimo servizio è dedicato Corrado Manarin. L’uomo è stato colpito da un proiettile mentre passeggiava con la famiglia sul lungomare di Pietra Ligure. Dopo l’incidente ha perso un rene.

Un testimone racconta che i colpevoli sarebbero dei Carabinieri, in quel momento impegnati nell‘inseguimento di due giovani rapinatori. L’uomo ha perso il lavoro e la sua vita è cambiata per sempre. Allo stato attuale però sembra non esserci alcun colpevole. 

Da anni attende il risarcimento danni. Avrebbe dovuto ricevere 500.000 euro ma l’assicurazione ne ha offerti solo 70.000. L’uomo ha rifiutato la proposta portando avanti una battaglia legale.

Si torna sul caso di Marco Vannini. Ragazzo ventenne, ucciso dal padre della fidanzata, Antonio Ciontoli, mentre si stava facendo una doccia a casa del suocero. La famiglia Ciontoli ha chiamato più volte il 118 ma non facendo poi venire l’ambulanza nell’abitazione. Il ragazzo poteva essere salvato ed invece è morto dopo ore di agonia.

Nella sentenza d’appello la pena di Antonio Ciontoli è stata ridotta da 14 a 5 anni. 

Racconta la sua testimonianza Massimiliano Montini, titolare di una spiaggia attrezzata di Ladispoli dove Marco lavorava nel weekend.

Nel giorno della tragedia l’uomo ha dato al ragazzo 100 euro per il lavoro svolto. Dopo l’omicidio i soldi e i vestiti che indossava Marco sono spariti nel nulla. Il giovane aveva addosso vestiti diversi. La maglietta di Marco non è stata più ritrovata.

Il brigadiere Manlio Amadori avrebbe dichiarato in aula, durante il processo, che Antonio Ciontoli si sarebbe addossato la colpa per non compromettere il figlio. La dichiarazione del brigadiere sembra essere stata ignorata dalla magistratura.

Rimangono però anche altri dubbi. Gli inquirenti ad esempio non hanno mai interrogato i vicini di casa dei Ciontoli, i quali avrebbero potuto raccontare dei dettagli interessanti.

Il mister Marcello Bazzurri, allenatore del Casa del Diavolo. Durante una partita, dove la sua squadra ha perso, ha offeso l’arbitro donna Ilaria Possanzini, dicendole che è meglio che va a fare le pulizie invece di arbitrare.  Il mister ha chiesto scusa spiegando che non voleva essere un’offesa sessista. L’inviata ha obbligato mister e giocatori a pulire a fondo gli spogliatoi.

E’ il momento dello scherzo a Damiano Er Faina. Il manager del gruppo Le Vibrazioni ha proposto alla web star di realizzare una diretta durante il concerto della band al Forum di Assago per 6.000 euro. 

Le Vibrazioni, ovviamente, sono complici dello scherzo. A pochi minuti dal concerto, a Damiano viene tolto il cellulare con una scusa e lo staff lo invita a cambiarsi in bagno per indossare la t shirt dell’evento. L’uomo viene chiuso nel bagno.

Er Faina dopo una lunga serie di calci riesce a sfondare la porta del bagno. Ciò non basta perchè rimane comunque rinchiuso nella stanza del palazzetto.

Inizia la vendetta de Le Iene. Molti artisti attraverso il cellulare di Damiano, insultano Er Faina con storie su Instagram. Tra questi ci sono Elio e le storie tese, Bianca Atzei, il leader dei Nomadi e tanti altri. Er Faina frugando nella borsa della fidanzata, prende in prestito il tablet per fare dirette social. L’uomo rimane solo e rinchiuso per tutta la durata dell’evento. A fine concerto viene liberato ed inizia a lanciare oggetti di ogni genere, come bottiglie e sedie. Le Iene confessano che è tutto uno scherzo.

Qualche giorno fa durante la sfida Cagliari – Juventus, il calciatore bianconero Kean è stato fischiato dopo aver segnato il goal.

Leonardo Bonucci ha dichiarato che la colpa è stata 50 e 50, metà del calciatore e metà della curva. La dichiarazione ha alzato un polverone. Bonucci chiude il caso spiegando che le sue parole sono state travisate.

Ora Le iene si occupano del caso Brizzi. Le accuse di violenza sessuale a carico del regista sono state archiviate. Ben quindici ragazze avrebbero raccontato le stesse versioni. Le testimonianze false avrebbero influenzato la decisione finale.

Tra le tante donne spunta il nome della spagnola Tania Sanchez, la quale afferma di essere stata convinta da Alessandra Bassi ad accusare Brizzi per diventare famosa in Italia. Nella realtà le due donne non si sono mai conosciute e la Bassi ha denunciato la Sanchez.

L’ex ragazzo della Sanchez ha deciso di mettersi in contatto con Le Iene per far ascoltare dalle parole di quest’ultima cosa è accaduto durante il primo incontro con la troupe giornalistica italiana dove la ragazza ha addirittura negato la propria identità.

Ripresi con telecamera nascosta, Luca e Tania si confrontano. La ragazza non ha capito in che guaio si è cacciata. Non ha ricevuto nemmeno soldi ma solo una pochette di Gucci da parte di Claudia Zanella, ex moglie di Fausto Brizzi. Luca la convince a dire la verità . La ragazza accetta così di rilasciare un’intervista a Le Iene.

Alessandro Rosica, amico di Claudia, ha convinto la ragazza ad accusare il regista. La Zanella ha pagato il biglietto aereo dalla Spagna a Roma a Tania per incontrarla e in un bar di Roma le avrebbe spiegato le istruzioni da seguire. La ragazza rischia 4 anni di carcere per falsa testimonianza.

Le Iene tornano sul caso della Strage di Erba. Il cancelliere del tribunale di Como Angelo Fusaro è il responsabile della distruzione di reperti riguardanti la vicenda di Olindo e Rosa. L’episodio è accaduto a luglio del 2018.

Il ministro della Giustizia Bonafede ha mandato per ben tre volte gli ispettori per far luce sulla vicenda.

Mesi dopo è stato ritrovato uno scatolone che è scampato all’inceneritore. Tra gli oggetti trovati vi sono un cellulare, dei coltelli ed un mazzo di chiavi.

Gli oggetti, come anche le unghie del piccolo Youssef Marzouk, o i capelli trovati sulla sua felpa non sono mai stati analizzati. Questo riferisce l’attuale avvocato difensore di Olindo e Rosa, Fabio Schembri.

Le Iene chiedono ad Angelo Fusaro chi gli abbia dato il permesso di bruciare i reperti. L’uomo si infuria e non risponde alle domande.

E’ il momento della storia di Erica. La 33 enne è affetta da una malattia rara chiamata Tmau o la sindrome da odore di pesce. In Italia i casi conosciuti sono solo 15.  Già in quinta elementare pensava al suicidio.

Negli anni ha molto sofferto perchè era continuamente oggetto di prese in giro e le persone si allontanavano da lei.

Il cattivo odore non è dato dalla scarsa igiene ma dal metabolismo. L’odore di pesce si manifesta attraverso le secrezioni della pelle, il sudore, la saliva e le secrezioni vaginali.  Deve stare molto attenta al cibo e può mangiare solo pochi alimenti.

Oggi riesce a tenere in parte sotto controllo la malattia. Ha un fidanzato che sembra essere molto innamorato.

Si cambia ora argomento. Le Iene analizzano il meccanismo Buy and Share. Vi sono dei siti in cui si possono comprare prodotti tecnologici a prezzi bassissimi.

Il problema è che l’oggetto non arriverà mai all’acquirente se non convince tre amici ad acquistare lo stesso prodotto. Da lì vengono formate delle liste. Alcuni influencer vengono pagati o ricevono gadget per sponsorizzare il sistema piramidale delle liste.

Si passa ora al gossip. Sembra che Stefano de Martino e Belen Rodriguez si siano rimessi insieme. Per l’occasione vengono rimandante in onda le interviste doppie della coppia. Quando si sono conosciuti erano entrambi fidanzati. Hanno impiegato tre settimane per mettere fine alle relazioni con gli ex.

De Martino prima di diventare ballerino ha lavorato come fruttivendolo e cameriere. Il suo sogno è quello di aprire un ristorante. La loro canzone è La Flaca di Jarabe De Palo.

La trasmissione ora si occupa della storia agghiacciante di Piero Capuana. Il santone abusava sessualmente di ragazzine minorenni. L‘anziano aveva rapporti anche con due o tre ragazzine contemporaneamente.

Capuana le sfruttava come schiave in tutto e per tutto. Dovevano preparargli da mangiare, fargli il bagno, lavargli i capelli, asciugarlo, vestirlo e così via. Una dei menbri della comunità spiega che molte donne abusate hanno poi acconsentito che anche le loro figlie avessero rapporti con lui.

Piero Capuana veniva considerato un semi dio. La comunità produceva dei prodotti, che vanno dall’olio, alle uova, alle arance ecc. Il santone obbligava i membri ad acquistare i prodotti stessi a prezzi esorbitanti.

Una donna, a volto coperto, racconta alle telecamere che Capuana spacciava per riti di purificazione gli abusi sessuali. Un giorno voleva violentarla nella navata della Chiesa ma per fortuna è riuscita a scappare. All’epoca aveva solo 16 anni.

Per lo shock ha deciso di ingrassare ben 70 kg perchè non voleva essere considerata un oggetto sessuale. Non è finita qui. Il Santone si occupava anche di esorcismi.

Viene riproposto un servizio di Nadia Toffa dedicato alla baby prostituzione. A Bari dei bambini si prostituiscono per soldi. Ricevono dai 20 ai 100 euro per avere rapporti completi con uomini. I clienti sono di tutte le età, vi sono sia giovani che anziani.

La maggior parte dei bambini vive nei campo rom e con i soldi guadagnati acquistano scarpe, vanno a mangiare fuori e si tolgono altri sfizi. Dopo le indagini sono scattati gli arresti.

Con gli aggiornamenti di Giulia Innocenzi si conclude la puntata domenicale de Le Iene Show. 



0 Replies to “Le Iene Show | diretta 7 aprile 2019 | Inizia il processo di Piero Capuana, il santone degli orrori”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*