Connect with us

Intrattenimento

Maurizio Costanzo show la diretta dell’ultima puntata

Gli interventi degli ospiti che hanno partecipato all'ultima puntata del talk show più longevo della tv italiana.
Avatar

Pubblicato

il

Gli interventi degli ospiti che hanno partecipato all'ultima puntata del talk show più longevo della tv italiana.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 {module Pubblicità dentro articolo 2}

Per primo viene data al parola ad Alfredo Pulzello, che lavora all’ospedale Saronno, provincia di Arezzo, conoscente del Dottor Cazzaniga, autore dei terribili omicidi perpetrati in quell’ospedale. 

“La cosa che mi fa più male è tornare a casa e leggere un titolo Mediset che ci etichetta come l’ospedale della morte” racconta Pulzello in merito alla sua esperienza all’ospedale di Saronno che definisce come “casa sua” per la dedizione e l’impegno della sua professione che svolge lì dal 1990.

Costanzo1 700

Il discorso verte su come all’interno di un ospedale ci possa essere qualcuno che si definsce “angeli della morte” e che nessuno si accorga di quello che succede.

Sembra che la “prova” di questo amore malato del Cazzaniga verso la compagna, sia stata l’aver condiviso la psicopatia di lei. Probabilmente i due soggetti, separati uno dall’altro non sarebbero stati pericolosi, si ricorda infatti la vicenda di Erica e Omar.

La parola passa a Mario Tozzi, sismologo esperto: “Non siamo abituati a pensare ai terremoti come fenomeni naturali, ma li attribuiamo sempre al fato, agli dei. L’italia è un paese altamente sismico, dovremmo avere più memoria di questo ed esercitarla”.

costanzo salvo sottile

Il problema si orienta sulla questione Giappone, dove i terremoti non spaventano più, perchè tutte le città sono costruite a misura di terremoto e si pensa a quanto l’Italia dovrà crollare prima che si prendano seri provvedimenti.

Qualcuno fa notare che, forse, non c’è differenza tra chi uccide in ospedale e i costruttori che non si preoccupano di utilizzare le provvedimenti antisismici. Sono assasini entrambi.

Ricordando l’acquisto delle stelle di natale in favore dell’AIL, Costanzo fa partire un applauso per Franco Mandelli, il dottore che ha ideato questa inziativa e si impagna ogni giorno per la lotta alla leucemia.

La comicità di Antonio Giuliani introduce i terremoti dell’anima, come la nascita di un figlio.

costannzo show studio

Costanzo, dà la parola a Stefano De Martino, ballerino e ex marito di Belen Rodriguez che ci racconta la mancanza, sentita in particolare sotto Natale, della famiglia ma, avendo un pò superato le varie fasi di elaborazione del lutto ci dice “preferisco aver subito un terremoto dell’anima piuttosto che vivere apaticamente”.

Assenze e presenze sulla tavola delle festività, Gino Paoli le scrive da una vita e racconta il suo Natale con la famiglia numerosa, un’occasione non religiosa, ma per ritrovarsi con tutti. “Le assenze sotto natale diventano presenze, per me il Natale è un periodo di serenità”.

Viene accolto in studio il Maestro Danilo Rea, per accompagnare al piano Gino Paoli che intona “Il nostro concerto” di Umberto Bindi per poi emozionare tutto il pubblico con un classico che attraversa le generazioni, ” Questa lunga storia d’amore” che riceve una standing ovation.

costanzo paoli de martino

Costanzo, che sotto le feste si dichiara in vena di confidenze, racconta la sua prima intervista a Gino Paoli. Da allora non si sono più persi di vista, sono passati sessant’anni.

Alvaro Vitali, storico interprete di “Pierino”, racconta i suoi primi terremoti quando fù Federico Fellini a scoprire il suo talento. Intanto Gloria Guida fa notare che Elio Pandolfi, indossa proprio la sciarpa con le iniziali di Fellini.

Parte il video di una puntata del 1985 alla quale partecipò Dario Fo interpretando la storia di Cappuccetto Rosso, stasera infatti, ospite in studio c’è Jacopo Fò, il figlio del Premio Nobel.

“E’ stato bellismo esser il figlio di Dario Fò e Franca Rame, mi hanno insegnato il valore dei rapporti umani. Ma è stato anche un pò traumatizzante perchè a sette anni andavo a scuola con la scorta per via di alcune minacce ricevute” racconta proprio Jacopo Fò.

costanzo show 1

Si parla di passione Gino Paoli pensa che sia qualcosa che si è fortunati ad avere, la maggior parte delle persone fa le cose per farle.

Jacopo Fò invece dice, concitatamente, che una vita senza passione non vale la pena di essere vissuta.

“Interrogatevi quanti di voi voglino fare gli attori, se questa sia la vostra vera passione, altrimenti andate a fare i ragionieri” esordisce Costanzo.

Entrano i Ronca, musicisti esperti in “posteggia” che dedicano ” Tu si na cosa grande” ad una coppia presenta tra il pubblico.

E dopo il momento musicale interviene di nuovo Antonio Giuliani sdrammatizzando sulla vita familiare e il rapporto con le suocere.

costanzo show giuda pandolfi

Gloria Guida racconta la scelta del marito, Jhonny Dorelli, di non comparire più sulle scene televisive, dopo una vita di successi canori. Si rimescolano le carte e si ritorna al disocrso della passione, alla saturazione delle scene e alla voglia ritirarsi senza “farsi rubare più troppa vita” come dice Gino Paoli.

Nei momenti finali della puntata si presentano Eugenia, Luca e Daniele, tre ragazzi affetti da sindrome di down che partecipano al Centro 21 di Riccione, associazione nata nel 1993 a Bologna, formata da familiari di persone con sindrome di down, raccontando le attività svolte nel centro e i termini per fare beneficenza.

costanzo fine show

A suon di orchestra parte l’ultima passerella per il finale di stagione di questa edizione autunale del talk show più longevo della tv italiana.

Dopo gli auguri di un sereno Natale si chiude il sipario sul Maurizio Costanzo Show 2016.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Studentessa di marketing e comunicazione, isolana di nascita viaggiatrice per istinto. Parlantina fluente ereditata dal nonno, una penna che sta ancora imparando, un occhio che non smette mai di scattare. Appassionata di soluzioni creative.  Innamorata del mare e, come nelle migliori storie, ho scoperto che mi manca solo ora che non lo vedo più

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Wake Up Il risveglio film Rai 4 – trama, cast, finale

Un uomo in seguito ad un incidente stradale si ritrova senza memoria e con l'accusa infamante di essere un serial killer.
Anna Keller

Pubblicato

il

Wake Up Il risveglio film Rai 4
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rai 4 propone oggi il film dal titolo Wake Up Il risveglio. Si tratta di una pellicola che coniuga atmosfere drammatiche e di azione.

La produzione è degli Stati Uniti d’America, la durata è di un’ora e 32 minuti e l’anno di realizzazione è il 2019.

Wake Up Il risveglio film attori

Wake Up Il risveglio film – regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Aleksandr Chernyaev. Protagonisti sono Jonathan Rhys Meyers e Francesca Eastwood che interpretano rispettivamente i ruoli di John Doe e Diana. Nel cast anche Malik Yoba, ovvero l’agente dell’FBI Frank Ward.

Le riprese si sono svolte negli Stati Uniti, in particolare a Guthrie nello Stato dell’Oklahoma. La produzione è della Archer Film Productions in collaborazione con Bondit Media Capitol e VMI Worldwide. Il titolo originale è Wake Up, ma il film è conosciuto anche come Awake.

Una curiosità: nel cast Francesca Eastwood, attrice, modella e personaggio televisivo americano, figlia dell’attore e regista Clint Eastwood.

Wake Up Il risveglio film dove è girato

Wake Up Il risveglio – trama del film in onda su Rai 4

La trama ha come protagonista un uomo, John Doe che in seguito ad un incidente stradale si risveglia con una totale amnesia, mentre nel bagagliaio della sua auto viene ritrovato un cadavere. Si tratta della quinta vittima di un serial killer che sta imperversando in tutta la zona.

John Doe è sospettato di essere l’assassino. Non accettando questa infamia fugge dall’ospedale dove si trova ricoverato dopo aver preso uno in ostaggio un’infermiera, Diana con la quale aveva stretto amicizia precedentemente.

John è determinato a dimostrare la sua innocenza e Diana accetta di aiutarlo. L’infermiera infatti nasconde un segreto. Suo padre era stato condannato per omicidio ma lei si era sempre rifiutata di credere alla sua innocenza. Alla fine si era impiccato e poco dopo era stato completamente scagionato da tutte le colpe che gli erano state addebitate. Diana da quel momento è stata in preda a rimorsi ed ora cercando di aiutare John Doe, cerca di rimediare e di riscattarsi.

Spoiler finale

Nella parte finale del film John è perseguitato da visioni di una delle vittime del killer e decide di scavare più a fondo nella vita della donna per cercare di trovare risposte. Intanto però viene braccato, la situazione diventa sempre più complicata ma John Doe è intenzionato a fare di tutto per dimostrare la sua innocenza e riprendersi la dignità che l’infamante colpa di essere un serial killer gli aveva completamente tolto.

Wake Up Il risveglio film finale

Wake Up Il risveglio – il cast completo

Di seguito il cast del film Wake Up Il risveglio e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori

  • Jonathan Rhys Meyers (Roots – Radici) – John Doe
  • Francesca Eastwood – Diana
  • William Forsythe – Roger Bower
  • Malik Yoba – Frank Ward
  • James Austin Kerr – Oliver
  • Ginger Gilmartin – Elizabeth
  • Neil Davenport – Victim
  • Kaye Brownlee-France – Annabelle Fargo
  • Cheyenne Rose Martin – Mia
  • Bryce Camp – Libraia
  • Jeremy Parr – Thomas
  • Cheryl McConnell – Infermiera
  • David C Tam – Medico legale
  • Chris Dry – Deputato

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

L’Eredità 13 maggio: il neocampione Nicola non conquista il montepremi

Il venticinquenne marchigiano ha sconfitto al Triello Marta e Cristina. Non riesce a conquistare il montepremi.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

l eredità 13 maggio Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giovedì 13 maggio su Rai 1, è andata in onda una nuova puntata de L’Eredità con Flavio Insinna.

Nicola è il nuovo campione del game show. E’ riuscito a sconfiggere al Triello Marta e la campionessa Cristina. Non è però riuscito ad individuare la parola corretta della Ghigliottina, rinunciando al montepremi di 52.500 euro.

l eredità 13 maggio Rai 1 concorrenti

L’Eredità, la diretta del 13 maggio

Flavio Insinna dopo aver salutato la neocampionessa, presenta i suoi sfidanti. Il primo è Nicola, venticinquenne nato ad Ancona. Ha studiato a Londra, lavora a Milano ma in tempi di pandemia sta lavorando in smart working da Falconara Marittima. Nicola deve abbinare se alcuni pasti sono freddi o caldi.

Giulia, 27 anni, invece viene da Gorizia. E’ laureata in discipline artistiche con indirizzo cinema. Lei deve specificare se i brani citati dal conduttore sono d’amore.

Davide vive a Fiumicino ed è ora in cerca di un impiego in quanto lavorava in aeroporto. Ama viaggiare da solo in moto. E’ molto legato alla sua cagnolina. Lui invece deve convertire i sostantivi maschili in femminili.

La quarta concorrente è la deejay Marta, che vive a Firenze. Per lei come abbinamento “in quale stagione si fa” (un determinato interno)

La giovane Francesca fa parte dell’Aeronautica Militare e sogna di salire di grado. Per lei animali vertebrati/invertebrati.

Ritroviamo Erika che è laureata in lingue e che lavora nel settore assicurativo. Lei deve specificare se alcuni paesi fanno parte dell’Africa o dell’America.

Al termine del gioco degli abbinamenti Cristina sceglie di mandare in sfida nei 60 secondi Davide e Marta. Davide è il primo concorrente eliminato della puntata.

l eredità 13 maggio una o l'altra

L’Eredità, il gioco L’una o l’altra

Il conduttore dà il via al gioco L’una o l’altra dove per ogni domanda fornisce due possibili alternative. Al termine del primo giro non rispondono in maniera corretta Francesca, Cristina e Nicola.

Compie il doppio errore Francesca che punta il dito contro Giulia. Quest’ultima però riesce a rimanere in gioco.

l'eredità 13 maggio le quattro date

Le Quattro Date

Nella puntata di oggi le quattro date scelte sono il 1949, 1967,1987 e 2013. Appena terminato il primo giro di domande Cristina è l’unica a non aver fornito la risposta corretta. Ed è proprio la campionessa a compiere il doppio errore.

Cristina sceglie di sfidare Giulia nel gioco dei 60 secondi perché è una delle concorrenti dal montepremi più alto. La campionessa riesce a rimanere in gara mentre Giulia deve abbandonare lo studio.

l eredità 13 maggio i paroloni

L’Eredità 13 maggio, i Paroloni

E’ il momento dei Paroloni, gioco in cui i concorrenti devono specificare il significato di parole desuete. Il primo termine è Felibro, individuato da Marta. Si tratta dei poeta ottocentesco, ovvero appartenente alla movimento letterario, il Felibrismo, nato in Francia nella seconda metà dell’Ottocento.

Il secondo parolone è Calcagnolo è indovinato dalla campionessa Cristina. E’ uno scalpello utilizzato per lavorare il marmo.

Marta e Cristina sono già al Triello. Si sfidano di conseguenza Nicola ed Erika.

l eredità 13 maggio triello

Il Triello

Nella puntata del 13 maggio si sfidano al Triello Nicola, Marta e la campionessa Cristina.

Inizia Nicola che conquista le categorie Sport (10.000 euro), Curiosità (10.000 euro), Animali (30.000 euro).

Marta risponde correttamente agli argomenti Geografia (20.000 euro), Cucina (20.000 euro), Musica (20.000 euro), Letteratura (30.000 euro).

La campionessa Cristina non è riuscita a rispondere ad alcun argomento.

Marta ha il montepremi più alto e potrebbe accedere alla Ghigliottina, ma deve rispondere ai prossimi argomenti: Venezia e Eventi storici. Il nuovo campione dell’Eredità è Nicola in quanto ha risposto in maniera corretta ai quesiti.

l eredità 13 maggio ghigliottina Nicola

L’Eredità, la Ghigliottina di Nicola

Nicola affronta la Ghigliottina con 210.000 euro. Deve scegliere tra i seguenti abbinamenti: permesso o divieto, bianco o giallo, Unicef o Fai, nulla o tutto, ambientale o forestale Il neocampione dimezza due volte, il montepremi si ferma così a 52.500 euro.

Le parole che formano la Ghigliottina del 13 maggio sono:

  • divieto
  • bianco
  • fai
  • nulla
  • ambientale

Il giovane campione ha scelto il termine fattore, ma la parola corretta della Ghigliottina è rumore.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Chi l’ha visto? 12 maggio 2021, la testimonianza della vicina di Anna Corona

Stasera a Chi l'ha visto, 12 maggio 2021, il caso Pipitone, con la nuova testimonianza della ex vicina di casa di Piera Maggio: Anna Corona.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

chi l'ha visto stasera 12 maggio
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questa sera, 12 maggio 2021, va in onda alle 21.20 su Rai 3 una nuova puntata di Chi l’ha visto?. A seguire tutti i casi di scomparsa trattati, i ritrovamenti, e le indagini della redazione del programma condotto da Federica Sciarelli.

Il programma condivide stasera ulteriori aggiornamenti sul caso di Denise Pipitone, scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo in circostanze mai chiarite. Dopo la smentita sull’identità di Olesya Rostova, ragazza russa che si credeva potesse essere proprio Denise Pipitone, l’attenzione mediatica sul caso si è riaccesa più viva che mai. Inoltre, il 5 maggio 2021 i Carabinieri hanno svolto una perquisizione nella ex abitazione di Anna Corona. La donna fu una delle principali indiziate nel 2004, ma è stata scagionata da tutte le accuse.

La perquisizione, però, ha insospettito i legali di Piera Maggio, la madre di Denise, che hanno richiesto chiarimenti alle forze dell’ordine. Inoltre, nel frattempo sono emerse nuove testimonianze. Infatti, questa sera a Chi l’ha visto? la ex vicina di casa di Anna Corona rilascia dichiarazioni inedite sulla vicenda.

Vi ricordiamo che potete vedere la puntata di Chi l’ha Visto? anche in streaming su internet, tramite il servizio gratuito RaiPlay.

Chi l'ha visto stasera 12 maggio

Chi l’ha visto stasera 12 maggio, la diretta

Wangwei Qiu è scomparso dall’ospedale Fatebenefratelli di Milano nella notte di ieri, 11 maggio 2021. La figlia lancia un appello, chiedendo aiuto per rintracciarlo il prima possibile. L’uomo, infatti, è a torso nudo, senza documenti ed effetti personali.

Segue un collegamento con l’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazitta. L’avvocato commenta le dichiarazioni di Francesco Lombardo, un carabiniere che racconta di aver ricevuto minacce nel 2004, quando stava indagando sulla scomparsa di Denise Pipitone. Lombardo racconta che in uno dei biglietti minatori trovò scritto “non è una faccenda di pedofilia o traffico organi, ma familiare. Pensate alle vostre famiglie, e smettete di indagare”.

Poi, aggiornamenti su Battista Della Chiave, che nel 2004 rilasciò dichiarazioni confuse sulla presenza di una bambina nelle vicinanze di casa sua. Che, si credette all’epoca, potrebbe essere stata Denise. Inoltre, il nipote dell’uomo, Giuseppe, potrebbe essere coinvolto. Chi l’ha visto? ha interpellato due esperti di linguaggio dei segni, per valutare se la traduttrice della procura che si occupò di porre le domande a Della Chiave abbia compreso quello che l’uomo voleva comunicarle.

Gli esperti di Chi l’ha visto? concludono che Della Chiave abbia detto chiaramente alla traduttrice che due uomini abbiano portato via Denise superando un cavalcavia, fino a una barca. Dove la piccola sarebbe stata nascosta con delle coperte. Ma, affermano, è altrettanto chiaro che la traduttrice non stia capendo ciò che Della Chiave le comunica.

Addirittura, Della Chiave descrive i due uomini che avrebbero rapito la bambina, ma l’interprete non comprende.

Chi l’ha visto stasera 12 maggio, la perquisizione della casa di Anna Corona

Anna Corona, vicina di Piera Maggio, è stata da subito una delle principali indiziate per la scomparsa di Denise Pipitone. La Maggio, infatti, dichiarò immediatamente alle forze dell’ordine che tra la Corona e lei non correva buon sangue.

All’epoca della scomparsa, i carabinieri interrogarono la Corona. Ma la donna, si scoprì in seguito, non mostrò alle forze dell’ordine la sua abitazione; bensì, quella della vicina di casa al piano terra.

“I carabinieri sapevano che quella non era casa della Corona, ma casa mia. C’era la foto incorniciata di un mio parente, che i carabinieri conoscevano.” racconta la ex vicina di casa di Anna Corona.

“Oggi pomeriggio è arrivata al mio studio una lettera anonima. Gli elementi che abbiamo letto nella lettera li stiamo riscontrando: non sono mai stati rivelati prima. Pensiamo sia credibile.” afferma l’avvocato Frazitta.

Chi l’ha visto stasera 12 maggio, nuovi casi di scomparsa: Riccardo Giuliani

Questa sera, 12 maggio, è giunto una nuova segnalazione di scomparsa alla redazione di Chi l’ha visto?. Riccardo Giuliani ha 35 anni, ha un posto fisso e un ottimo rapporto con i genitori. Riccardo vuole sposarsi e avere dei figli, si sarebbero sposati il 29 maggio. La futura moglie di Riccardo è sotto shock: l’uomo sparisce il 24 aprile 2021, un giorno prima del pranzo di prova per testare il menù scelto per la festa di nozze. L’ultimo a vedere Riccardo è suo padre Gianni. 

Alle 2.30 di notte tra il 24 e il 25 aprile, la macchina di Riccardo non si ferma all’Alt di un posto di blocco. Contattato dalla madre, lui afferma che non sia possibile. Dopo quella telefonata, nessuno ha più avuto sue notizie. Inoltre, Riccardo ha bisogno di un farmaco salvavita che non avrebbe con sè, dato che lo ha lasciato a casa.

Chi l'ha visto stasera 12 maggio

Il caso di Paola Casali

Paola Casali è una donna scomparsa da Licata il 20 febbraio 2011. Ad oggi non è stata ritrovata, così la redazione di Chi l’ha visto? ha tentato di contattare un amico della Casali, che però non ha voluto rispondere alle domande. “E’ tutto archiviato” afferma. Ma recentemente, in realtà, il caso è stato riaperto in seguito al rinvenimento di nuove prove. I legali della famiglia Casali ne sono certi: non si tratta di una semplice sparizione.

Prima di sparire, la Casali aveva confessato ad amici e parenti di essersi innamorata di un uomo sposato originario della Toscana, al quale spediva regolarmente soldi. La figlia della Casali è in studio con la conduttrice per commentare la vicenda. “Tutti gli atti sono collegati all’amante della mamma.” conferma.

Segue il caso della scomparsa di Paola Landini. Le ossa rinvenute nei boschi di Sassuolo potrebbero essere proprio i suoi resti. Stranamente, però, nel luogo del rinvenimento le ricerche non avevano dato esito nove anni fa. Gli inquirenti avevano inizialmente supposto che qualcuno possa aver spostato i resti in loco di recente. Oppure, le ricerche non furono sufficientemente approfondite, come affermano i parenti della Landini.

All’epoca, si sospettò di un uomo che la stalkerava, e che la polizia arrestò per possesso di armi. Possibile che sia stato lui a ucciderla?

La scomparsa di Alessandro Venturelli, il caso di Manuel

Alessandro Venturelli ancora non si trova. I genitori, convinti che Venturelli sia vivo, lanciano un nuovo appello a chiunque lo stia aiutando ad allontanarsi. “Basterebbe una telefonata per dire di non cercarlo, ma che sta bene” dichiara il padre.

Manuel Giovannelli, quarantaduenne marchigiano scomparso nel 2020, è ritrovato morto a Malta. Lavorava come veterinario per un istituto di controllo qualità delle carni bianche europee. La madre racconta che Manuel voleva tornare in Italia, ma non aveva modo di licenziarsi. 

La notte della scomparsa, l’uomo ha scritto a sua madre poco prima di iniziare a lavorare. La mattina dopo, però, non si presenta a un meeting programmato. La sua auto viene ritrovata giorni dopo presso le scogliere di Dingli. All’interno c’è un biglietto, con su scritto solo “Basta“. Purtroppo, il corpo di Manuel è rinvenuto qualche giorno dopo presso Malta, probabilmente spostato dalle correnti. L’uomo, quindi, si sarebbe gettato dalle scogliere di Dingli.

La madre di Manuel non si dà pace, ed è convinta che suo figlio non possa essersi suicidato.

Michele Dichio da Bernalda

L’anziano Michele Dichio è scomparso da Bernalda, in Basilicata, il 3 febbraio 2021, e ad oggi nessuno ha sue notizie. Poco prima di sparire, avrebbe dovuto comprare un’automobile, per la quale aveva già versato un acconto. Tuttavia, chi lo conosce si chiede come avesse potuto accumulare la somma necessaria. Dichio non era benestante, e viveva in una rimessa. La sorella dell’uomo pensa che qualcuno possa averlo rapinato, sapendo che si stava dirigendo con i suoi risparmi a comprare un’auto.

Intanto, arrivano segnalazioni sul caso di Wangwei Qiu, raccontato a inizio puntata. Un macchinista potrebbe aver avvistato l’uomo a Milano, presso la stazione di San Donato Milanese.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it