Maurizio Costanzo show puntata del 26 aprile con Belen Rodriguez e Andrea Iannone


Tutti gli ospiti che intervengono nella puntata odierna del talk show.


Ospiti al teatro Voxon in Roma anche: Simona Ventura, Belen Rodriguez per la prima volta in tv con il nuovo compagno Andrea Iannone, Iva Zanicchi, gli attori comici Giobbe Covatta ed Enzo Iacchetti e il neoscrittore quindicenne Marco Leonardi autore del romanzo “Il web mi ha tolto dalla strada”.

In puntata è prevista la testimonianza esclusiva del Dottor Giuseppe Mucci, pioniere di un innovativo percorso di prevenzione oncologica e A.D. di Bioscience Genomics.
Il professore, racconta, come da un normale prelievo di sangue si possa eseguire una mappatura delle mutazioni genetiche dalla quale si è grado di stabilire se ci si ammalerà o meno di tumore.

costanzo show 27 aprile belen

Come si ricorderà, la scorsa settimana, il Ministro Orlando aveva chiesto di incontrare Gessica Notaro la ragazza sfregiata dall’acido dal suo ex fidanzato, presente in studio. L’incontro è avvenuto giovedì a Bologna.
Oggi ospite al Maurizio Costanzo Show, il ministro racconta:

“Mi ha colpito molto l’atteggiamento di questa ragazza perché non ha voluto parlare con me di come vendicarsi di un torto che aveva avuto, ha voluto parlare con me di cosa secondo lei non funzionava nella legge e che cosa secondo lei andrebbe modificato perché la sua principale preoccupazione era che quello che era successo a lei non succedesse ad altre persone. Noi spesso ci sentiamo legittimati a fare dei torti agli altri perché ne abbiamo subito qualcuno noi, ecco una persona che è stata così profondamente ferita e lì c’è la violenza fisica, c’è la violenza psicologica, c’è l’aggressione alla femminilità, c’è tutto il peggio che può fare un uomo, credo, in un gesto come quello… e una ragazza che si mette lì e pensa che cosa si può fare per evitare che succeda a delle altre io penso che davvero sia un grande gesto perché davvero chi ragiona così fa un gesto di grande generosità. Se riesce ad essere generosa una persona che si trova in quelle condizioni, che ha avuto un colpo così forte, spesso ci dobbiamo chiedere come facciamo noi a non esserlo quando noi ci troviamo in condizioni molto migliori di lei…”

Per Costanzo sarebbe il caso di inasprire le pene.

“Sono d’accordo e dico due cose: uno che forse molto si deve fare nella prevenzione perché in fondo è come noi guardiamo alle donne: c’è un racconto malato, anche spesso come vengono raccontate le storie , vediamo spesso film o fiction nei quali il gesto di aggressione alla donne è una forma di passione, … no è una forma di imbecillità, non è una forma di passione e questo va cambiato, ci dobbiamo interrogare noi quando c’è una forma di violenza anche solo nel modo in cui parliamo delle donne… e poi l’altra cosa di cui ho parlato l’altra mattina a Bologna – e Gessica era d’accordo come me – è che la questione fondamentale non è l’inasprimento delle pene perché l’inasprimento delle pene per una persona che arriva a compiere un gesto di questo genere… non gliene frega niente di quanti anni si farà in carcere. Il problema sono le misure di carattere preventivo, le misure cautelari cioè come si può intervenire in modo tale da garantire che effettivamente chi ha una pericolosità non possa entrare in contatto con la potenziale vittima. Quello che bisogna garantire è la fase tra il momento in cui si manifestano i segni del pericolo e il momento in cui questo pericolo diventa effettivo, su questo la legge non funziona e su questo Gessica ha detto delle cose di grande civiltà”.

Ad inizio puntata il Ministro di Giustizia Orlando si è fatto coinvolgere da Iva Zanicchi e ha intonato con lei la canzone “Zingara”.



0 Replies to “Maurizio Costanzo show puntata del 26 aprile con Belen Rodriguez e Andrea Iannone”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*