Connect with us

Intrattenimento

Le Iene Show, puntata dell’8 ottobre in diretta

Secondo appuntamento domenicale per la nuova edizione de Le Iene Show. Il programma ha proposto una nuova inchiesta sulla Blu Whale.
Irene Natali

Pubblicato

il

Secondo appuntamento domenicale per la nuova edizione de Le Iene Show. Il programma ha proposto una nuova inchiesta sulla Blu Whale.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La puntata inizia con l’obiettivo di trasformare gli “haters” del web in “lovers”: Mary Sarnataro infatti ha fatto incontrare ad Emma un hater. la cantante racconta la sua esperienza: ha capito che rispondere non serve, perciò in alcuni casi si è rivolta alla polizia postale. I genitori, quando leggono alcuni insulti, si preoccupano per la figlia e le raccomandano di stare attenta quando torna a casa la sera.
La Sarnataro chiede l’amicizia su Facebook a Giancarlo, che nei social ha etichettato l’artista come “cagna”. La iena dà appuntamento a Giancarlo, in giro insieme alla fidanzata: seduti al ristorante, li raggiunge la Marrone. Lui naturalmente cerca di spiegare: tenta di dire che ha attaccato il personaggio pubblico, ma l’aggressività che ha sfoggiato online è sparita.

Concluso il servizio, il discorso viene ripreso in studio dai conduttori: si parla di una testimonial di una casa di moda, aggredita dai “leoni da tastiera” perché non depilata. Tutto senza dimenticare il caso della direttrice di banca minacciata per un banale video, così come la giornalista Francesca Barra.

Dopo il break pubblicitario, il si continua con Antonino Monteleone: Morte David Rossi: ex sindaco fa rivelazioni shock. Il giornalista approfondisce il servizio di domenica scorsa. Incontra Pierluigi Piccini, ex dirigente del Monte dei Paschi ed ex sindaco di Siena: l’uomo è convinto che non si tratti di suicidio, così come si vocifera in città.
Secondo Piccini David Rossi “ha fatto l’errore di voler dire di essere disposto a parlare con i magistrati”: aveva gestito 50milioni di euro negli anni, aveva porte aperte ovunque e di certo non lo spaventava una perquisizione. Quello di David all’interno della banca era molto particolare: aveva la possibilità di contattare qualsiasi giornalista, perciò aveva i mezzi per dare la propria versione, non era solo. Di Rossi inoltre non sono state toccate memorie. Vi sono inoltre delle falle nelle indagini: nono sono stati chiesti subito i tabulati telefonici, i vestiti di Rossi sono stati distrutti senza essere analizzati, non è stato fatto l’esame istologico sulle ferite né l’esame del dna sul corpo dell’uomo, i fazzoletti sporchi di sangue trovati nell’ufficio sono stati distrutti senza essere analizzati, non sono state identificate le persone presenti in banca a quell’ora, non sono state acquisite le immagini delle telecamere, il video in cui si vede la caduta non è integrale, la procura non ha aperto un fascicolo per omissione di concorso e individuare la persona che si vede nel video.
Non solo. Piccinini lascia trapelare che le indagini sarebbero state svolte con tanta superficialità per insabbiare quanto avvenuto in due ville vicino Arezzo, dove si svolgono festini a base di cocaina a cui partecipano gli stessi esponenti della magistratura. Quest’ultima parte della conversazione viene registrata nonostante l’ex sindaco avesse chiesto di spegnere tutto, ma la iena ha scelto di mandarla in onda perché c’è di mezzo un morto: si tratta comunque di accuse non verificate, da parte però di un uomo pubblico che conosceva bene David Rossi e il contesto.

Si prosegue con l’intervista doppia a Francesca Barra e Claudio Santamaria, divenuti obiettivo degli haters in rete: è stata presa di mira la loro relazione, dato che la barra ha una bimba di sette mesi dall’ex marito. I due hanno sollevato pubblicamente la questione.

Nadia Toffa torna ad occuparsi dell’acqua inquinata in Veneto, tra le province di Padova, Vicenza e Verona: L’emergenza dell’acqua diventata veleno. Nella zona infatti, l’azienda Miteni è stata costruita sulle falde acquifere: sui campi irrigati con quell’acqua, è stato coltivato ed allevato di tutto.
La contaminazione è scoperta nel 2013, ma c’era chi già sapeva e non ha denunciato. Molti i giovani malati di tumore nell’area. Per rimuovere i pfas, la Regione Veneto ha proposto un trattamento di pulizia del sangue che però, in realtà, non è una terapia vera quanto una sperimentazione: lo confermano gli stessi medici, con la conseguenza che i pazienti stanno facendo da cavia.
La Miteni, l’azienda incriminata, aveva commissionato degli studi per scoprire il livello di contaminazione dell’acqua, senza mai diffondere i risultati. Il responsabile sostiene che non vi sia invece alcun impatto sul quadro patologico dei cittadini; proprio in questi giorni però, il presidente del Veneto Zaia ha chiesto l’intervento del governo proclamando lo stato di emergenza.

Stefano Corti e Alessandro Onnis testano il livello di cultura di Checco Zalone: Chi vuol essere ignorante. Alla fine il comico ringrazia gli inviati di Striscia.

Matteo Viviani ripercorre i suoi servizi sul fenomeno della Blue Whale, per smentire le accuse di bufala piovute durante l’estate. Il reportage era nato in seguito ad alcuni articoli di giornali: motivo per cui Viviani era partito per la Russia, dove il macabro gioco è nato.
La iena ammette di aver compiuto un errore: non verificare quali immagini fossero vere, cioè legate ai suicidi della Blue Whale, e quali no. ma erano tutte prese da documentari accreditati, in particolare tedeschi.
Intanto, mentre in Italia si metteva in discussione il servizio di Viviani, in Russia veniva arrestato un curatore. La iena si occupa di Come il mondo affronta la Blue Whale, mettendo in evidenza che all’estero al questione viene presa molto seriamente: la polizia francese ad esempio, ha realizzato una campagna di sensibilizzazione. Sempre in Francia, la tv ha realizzato documentari; nel Paese d’oltralpe inoltre, l’inviato ha intervistato un medico che aveva in cura dei ragazzi che stavano partecipando alla sfida suicida.
In Spagna e Portogallo casi isolati hanno fatto pensare al gioco. In Portogallo il governo ha diramato un comunicato in cui dichiarava di voler collaborare con la polizia.
In Albania la polizia ha attuato una campagna d’informazione per giovani e famiglie. Attenzione sulla Blue Whale anche negli Stati Uniti, e un curatore è stato arrestato anche a Rio De Janeiro.
Viviani ricorda che, al contrario, in Italia il fenomeno è stato ritenuto una leggenda metropolitana, incolpando Le Iene per eventuali emulazioni. Persino Renzi aveva criticato il servizio; di fatto però, Elisabetta Mancini della direzione anticrimine della Polizia di Stato aveva raccontato a Viviani delle segnalazioni ricevute, inclusa quella su una ragazzina che si sarebbe suicidata il giorno dopo.

Viene proposta l’intervista ad Andrea e al papà: Avere un figlio down.

Tocca a Ismaele La Vardera: Donare il sangue: un business per qualcuno? In Italia il sangue non si compra, ma si dona: in Campania, nonostante i tanti centri raccolta, la donazione avviene nei classici furgoncini, le autoenoteche. Più della metà di queste, in Campania appartengono alla famiglia Pecora. Ogni sacca di sangue raccolta vale 70 euro: il totale per la famiglia Pecora è di migliaia di euro. Intanto molti punti fissi non vengono aperti.
La iena prima prova a donare il sangue, notando che non vengono osservate alcune precauzioni su tatuaggi e fumo. In seguito La Verdera si reca da De Luca, assessore alla sanità in Campania: non ottiene alcuna risposta.
Giulio Golia documenta il disastro ecologico di quest’estate: Chi ha distrutto il Vesuvio? Francesco Borrelli, consigliere di Regione, spiega che le ipotesi sono varie: lavoratori del parco a contratto stagionale, proprietari di costruzioni abusive, responsabili di sversamento di rifiuti che non vogliono essere identificati.
Viene riproposta una vecchia intervista a Cesare Battisti, risalente a quando era latitante a Parigi: Ottobre 2017: arrestato e rilasciato in Brasile..
Come saluto ad Aldo Biscardi, morto oggi, viene replicato un servizio di Enrico Lucci: Ciao Aldo, denghiù. La iena aveva partecipato al Processo, urlando insieme agli altri ospiti ma, a differenza loro, senza sapere niente di calcio.

La puntata si conclude qui, appuntamento a martedì.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Maurizio Costanzo show 14 aprile: intervista a Malika Chalhy, reunion Zorzi-Orlando-Oppini

Tutti gli ospiti e le anticipazioni della quarta puntata dello show condotto da Maurizio Costanzo. Presenti, tra gli altri, Arisa ed Alberto Urso, Caterina Balivo e Rita Rusic.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Maurizio Costanzo Show 14 aprile Canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mercoledì 14 aprile, in seconda serata su Canale 5, va in onda la quarta puntata del Maurizio Costanzo Show. Il conduttore affronta il tema sui rapporti tra uomini e donne e prosegue la sua battaglia contro l’omofobia.

Maurizio Costanzo Show 14 aprile Malika Chalhy

Maurizio Costanzo Show 14 aprile, Malika Chalhy

Nella puntata del 14 aprile Maurizio Costanzo continua ad occuparsi di casi di omofobia. Sette giorni fa aveva ospitato Jean Pierre Moreno, vittima di un’aggressione in una stazione della metropolitana di Roma per un bacio scambiato con il suo compagno.

Questa settimana invece ha realizzato un’intervista esclusiva a Malika Chalhy. Si tratta della 22enne di Castelfiorentino che è stata cacciata di casa dai propri genitori per aver confessato di essersi innamorata di una ragazza.

Malika Chalhy ha ricevuto centinaia di messaggi di solidarietà da persone comuni e da personaggi dello spettacolo. Hanno preso le sue difese, tra gli altri, Fedez, Alessandra Amoroso ed Eloide che ha anche sostenuto la raccolta fondi organizzata dalla cugina di Malika. La ragazza racconta le difficoltà che ha dovuto affrontare dopo il coming out. La sua storia può essere d’esempio per i giovani che non trovano il coraggio di rivelare ai genitori la propria omosessualità.

Maurizio Costanzo Show, i docenti di Amici, Balivo, Federica Angeli

Nella quarta puntata del Maurizio Costanzo Show il presentatore ospita Rudy Zerbi ed Arisa, attualmente docenti di canto ad Amici 2021. Arisa duetta con il tenore polistrumentista Alberto Urso, vincitore di Amici 18, in Guarda che Luna di Fred Buscaglione. E dedica a Malika Chalhy Sincerità, con il quale vinse nella categoria Nuove Proposte a Sanremo 2009.

A loro si uniscono Caterina Balivo che ha partecipato come giudice all’ultima edizione dello show Il Cantante Mascherato. Ma anche Giuseppe Cruciani, conduttore de La Zanzara su Radio 24.

Torna la giornalista di cronaca giudiziaria Federica Angeli. Vive sotto scorta dal luglio 2013 a causa delle sue inchieste sulla criminalità organizzata a Roma, in particolare ad Ostia, dove continua a risiedere con la propria famiglia. Da qualche tempo anche i suoi figli vivono sotto protezione.

Salta invece la presenza del Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca che ha declinato l’invito per altri impegni lavorativi.

Maurizio Costanzo Show 14 aprile trio Zorzi Orlando Oppini

 

Zorzi, Orlando con Francesco Oppini

E’ presente ancora una volta Tommaso Zorzi per una reunion con Stefania Orlando e Francesco Oppini, con i quali ha condiviso l’esperienza del GF Vip 5.  A loro si unisce anche un’ex gieffina dell’edizione precedente, la produttrice cinematografica Rita Rusic. Secondo le anticipazioni Zorzi ed Oppini duettano in Your song di Elton John.

In apertura di puntata invece si esibisce sul palco anche la Banda Musicale della Polizia di Stato. Il Corpo di Polizia celebra il 169° anniversario della sua Fondazione.

Il Maurizio Costanzo show è prodotto da Fascino P.g.t. per Mediaset ed è trasmesso dagli Studi De Paolis di Roma. Le puntate già andate in onda sono disponibili sulla piattaforma Mediaset Play.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

L’Eredità: Francesco Simonetta vince ancora. Il suo montepremi ammonta a 105.000 euro

Il nuovo campione de L'Eredità alla sua terza Ghigliottina. Ecco chi è e quanto ha vinto.
Anna Mancini

Pubblicato

il

L'Eredità Francesco Simonetta campione
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Francesco Simonetta è ancora campione de L’Eredità. Ha vinto una consistente somma nella puntata andata in onda domenica 11 aprile 2021 del game show condotto da Flavio Insinna nella fascia preserale di Rai 1.

L'Eredità Francesco Simonetta chi è

L’Eredità: il percorso di Francesco Simonetta

Il campione è alla sua terza Ghigliottina. Nella sua seconda prova infatti è stato beffato dà una risposta da lui data ma che aveva declinato al singolare e non al plurale. La parola infatti era Bagagli, mentre lui aveva scritto semplicemente Bagaglio. Aveva così buttato via la non indifferente somma di 35.000 euro. Si è rifatto completamente questa sera aumentando di molto la somma a sua disposizione.

Il campione naturalmente non ha effettuato la prima fase del gioco, ovvero La sfida dei sette, e al momento di scegliere i due concorrenti da mandare alla prima scalata ha indicato Gianluca e Martina.

Il resto del percorso è stato abbastanza lineare ed è riuscito a superare i giochi Questo o quello e le Quattro date in cui collocare gli eventi anticipati da Flavio Insinna. Le prime serie difficoltà sono arrivate con i Paroloni. Infatti Francesco Simonetta non ne ha indovinato neanche uno ed è dovuto andare allo spareggio rendendosi così protagonista di una nuova scalata. Ha difeso il suo accesso al Triello insieme al concorrente Stefano. Quest’ultimo è stato in vantaggio per quasi tutta la durata dei 60 secondi del gioco ed è stato tradito soltanto dall’ultima parola. Per cui ha finito il tempo a disposizione e Francesco Simonetta è riuscito finalmente a tirare un sospiro di sollievo.

La parola sulla quale è caduto era Cupola e la domanda estremamente facile era: “É famosa quella di San Pietro in Vaticano“.

L'Eredità Francesco Simonetta Paroloni

Il Triello e la Ghigliottina

Francesco Simonetta riesce così ad accedere al Triello insieme a Lorenzo e Monica. C’è stata anche una breve incursione di Gigi D’Alessio e per qualche minuto ha preso il posto di Flavio Insinna gestendo così la prima domanda del Triello indovinata da Monica.

L'Eredità Gigi D'Alessio

La prima concorrente a fare i due passi verso la Ghigliottina è stata proprio Monica. A causa della sua risposta sbagliata l’eredità è passata a Lorenzo che ha dato a sua volta la risposta inesatta. Tutto il montepremi è giunto così a Francesco Simonetta che arriva alla Ghigliottina con la somma di 210.000 euro. Riesce a dimezzare soltanto due volte e la somma finale da difendere è 52.500 euro.

Le cinque parole così faticosamente conquistate sono: Pensiero, Mani, Giorno, Economica e Dichiarazione. Francesco Simonetta indovina la parola giusta che è Indipendenza e vince la somma di 52.500 euro. É la sua prima Ghigliottina vincente.

L'Eredità Francesco Simonetta quanto ha vinto

L’Eredità: chi è Francesco Simonetta

Francesco Simonetta è originario di Palmi in provincia di Reggio Calabria ma è residente a Roma. È laureato in Scienze Naturali ed iscritto anche alla facoltà di Ecobiologia alla Sapienza.

È amante degli animali, infatti in casa ha un Ghiro e due Tritoni. Il suo profilo Instagram è: @zeppo_wildlife.nature.

L'Eredità Francesco da Roma quanto ha vinto

Update 14 aprile 2021

Il campione Francesco Simonetta, nella puntata di mercoledì 14 aprile 2021, ha vinto ancora. É stata un puntata inizialmente facile per Francesco fino al gioco dei Paroloni che non ha indovinato. Ha dovuto quindi sostenere la scalata dei 60 secondi dalla quale è uscito vincitore.

É giunto così al Triello insieme a Monica e Loredana. Questo gioco è stato dominato dal campione in carica che è arrivato alla sua quarta Ghigliottina con la somma di 210.000 euro.

Francesco è riuscito a dimezzare soltanto due volte e a mantenere la non indifferente cifra di 52.500 euro. Le cinque parole che componevano la Ghigliottina erano: Maestro, Finale, Velocità, Piacere e Felino. La parola che legava le precedenti cinque era Brivido che è stata indovinata dal campione. La somma vinta finora è di 105.000 euro.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Chi l’ha visto? 14 aprile 2021 ultime notizie su Denise Pipitone

Questa sera a Chi l'ha visto, 14 aprile 2021, la conduttrice Federica Sciarelli torna ad occuparsi del caso di Denise Pipitone.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Chi l'ha visto 14 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mercoledì 14 aprile 2021, Rai 3 trasmette il nuovo appuntamento con Chi l’ha visto? in onda dalle 21.20. Il programma condotto da Federica Sciarelli si occupa di cold cases inerenti persone scomparse anche a livello internazionale. Per rintracciarle, la redazione del programma si avvale delle segnalazioni degli spettatori da casa.

Il caso della ragazza russa che avrebbe potuto essere Denise Pipitone, purtroppo, sembra concluso. Il risultato degli esami del DNA ha dato esito negativo, spegnendo le speranze riaccese nei familiari della bambina scomparsa. Ma la madre di Denise, Piera Maggio, non si arrende, e continua a cercare la verità. 

E poi, si torna a parlare anche del caso del cosiddetto Comandante Marcos, che afferma di essere in contatto con delle ragazze scomparse misteriosamente sul territorio nazionale. Una di loro avrebbe inviato ai genitori un filmato inedito: la quindicenne Reina. Reina è fuggita mesi fa da una comunità di recupero, e da allora non si hanno più sue notizie.

Vi ricordiamo che potete vedere la puntata di Chi l’ha Visto? anche in streaming su internet, tramite il servizio gratuito RaiPlay.

Chi l’ha visto 14 aprile, la diretta

Piera Maggio, la madre di Denise Pipitone è collegata con lo studio di Chi l’ha visto? questa sera, 14 aprile. In seguito al caso della ragazza russa che nelle ultime settimane si pensava potesse essere Denise, l’attenzione mediatica sul caso della sua scomparsa si è risvegliata. “Sono rincuorata, finalmente si sta comprendendo che le anomalie riscontrate dopo la scomparsa non erano fantasie, erano reali” afferma la Maggio.

“Avrei tanto da dire. Non voglio colpevolizzare nessuno, ma c’è chi ha speso anima e cuore per far si che Denise venisse ritrovata. Altri. invece, non avrebbero nemmeno mai dovuto partecipare alle indagini” prosegue Piera Maggio.  Quindi, l’intervista alla Maggio e al suo avvocato prosegue, e si parla del caso della ragazza russa. “Non avrei mai potuto aspettare mesi per sapere se lei fosse o no mia figlia. Ho richiesto il gruppo sanguigno, e l’ho ottenuto. Mi è stato dato in forma di cortesia, era importante che almeno io lo sapessi” afferma al riguardo.

Chi l’ha visto 14 aprile, la ricostruzione del rapimento di Denise

Segue una ricostruzione della vicenda dal momento della scomparsa di Denise a oggi. “Ci sono delle persone che mi odiano, potrebbero essersi rivalse su di me attraverso Denise” ha da sempre affermato Piera Maggio.

L’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, svolse all’epoca della scomparsa indagini in proprio, come consentito dalla legge italiana. Era il 2013, e le indagini portarono all’individuazione di un uomo, Battista Della Chiave, che raccontò di aver visto Denise diverso tempo dopo la sua sparizione, in braccio a suo nipote Giuseppe. Eppure, la testimonianza dell’uomo venne dichiarata non attendibile proprio in seguito alle dichiarazioni del nipote Giuseppe, e ad un incidente probatorio accaduto durante il processo.

Forse quella situazione andava trattata in un modo più delicato, agendo immediatamente per cristallizzare tutto da subito” commenta la Maggio.

Chi l'ha visto 14 aprile

Le false Denise

Dopo la pubblicazione della vicenda accaduta nel programma tv russo, la settimana scorsa, su Instagram era apparso un profilo privato di un utente misterioso; che affermava di essere La vera Denise. Il profilo aveva addirittura fatto uso di una foto identificativa frutto di una ricostruzione della polizia.

“Internet è foriero di grandi aiuti, ma anche di grandi menzogne. Per quello chiedo di non pubblicare mai ricostruzioni del volto di Denise” afferma Piera Maggio, che poi rilascia un appello. “A coloro che sanno, i testimoni. So che ci sono. Sono passati 17 anni, apritevi il cuore e dite la verità, anche anonimamente. Sarete tutelati. Ma dite la verità. Denise merita di essere aiutata, date voce a Denise, e pace a noi. Aiutateci.” dichiara.

La scomparsa della quindicenne Reina

Reina scompare il 10 marzo da una comunità. Qualche settimana dopo, un uomo che risponde al nome di Achille Lauri, alias Comandante Marcos, porta alla famiglia un video in cui la ragazza dichiara di stare bene. E di non voler tornare a casa. Il cosiddetto Comandante Marcos si dichiara un aiutante delle ragazze scomparse. Ma i familiari di Reina affermano di non conoscerlo e non averlo mai visto prima.

Questa sera è trasmessa una nuova intervista fatta al Comandante Marcos. “Tutti i ragazzi che scappano mi contattano, che faccio, non li aiuto? So dove sta, ma non voglio fare la spia.” afferma Lauri. Poche ore dopo l’intervista, Reina manda un nuovo messaggio direttamente alla redazione di Chi l’ha visto?. “Sono con persone che si prendono cura di me. Posso uscire se voglio e nessuno mi obbliga a restare. In quel lager, in comunità non ci torno. Voglio tornare da mia madre, l’unica che mi ama veramente. Ti voglio bene mamma, spero di tornare al più presto” dice Reina in quel video.

Ma chi è Achille Lauri, alias Comandante Marcos? E’ stato, a suo dire, un infiltrato nella Camorra, un ex militare e agente dei servizi segreti. Ma non è in grado di dimostrarlo ai giornalisti che gli chiedono documenti dimostrativi del suo passato. Ancor più grave, Lauri dichiara di essere un membro di un gruppo militare fantasma che salva giovani bisognosi di aiuto: i G.N.G.T.R., un acronimo.

“Laura” (un nome di fantasia) è una ragazza la cui storia ricalca pedissequamente quella di Reina. Anche lei in passato è stata aiutata da Lauri, e oggi racconta la sua esperienza. 

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it