Connect with us

Intrattenimento

Roberto Bolle – Danza con me, speciale in diretta

Appuntamento in prima serata con lo show di Roberto Bolle su Rai 1
Francesco La Rosa

Pubblicato

il

Appuntamento in prima serata con lo show di Roberto Bolle su Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La danza mi ha aiutato a dar voce alle mie emozioni e a superare i miei limiti“: nella sigla Roberto Bolle guarda se stesso ballare dall’alto, riconoscendo come la danza sia stata la guida della sua vita. Marco D’Amore avrà un ruolo importante stasera: farà da raccordo tra i vari passaggi della trasmissione. Un compito non semplice e insolito per lui: siamo sicuri di sapere come se la caverà.

Il primo test per l’ormai ex Ciro di Marzio di Gomorra si profila con l’entrata in scena delle allieve dell’Accademia della Scala. Bolle crea una piccola coreografia, con dei movimenti che le ragazze devono riprodurre, per poi suggerire all’attore di fare altrettanto: ovviamente D’Amore fa quel che può, con dei movimenti del corpo semplici e che costruiscono una gag simpatica. “Amo la danza perché aiuta a conoscere la vita anche senza il bisogno delle parole“, dice D’Amore nel breve monologo che segue e che serve a fare da collegamento con la prossima esibizione.

Balletto sensuale ed elegante al tempo stesso quello che Roberto Bolle mette in scena con Melissa Hamilton, prima solista del Royal Ballet di Londra.

Muovendosi all’interno dello studio con l’ausilio di fotografie proiettate sulle pareti, Marco D’Amore parla del giovane Ahmad Joudah, un ballerino siriano perseguitato dall’Isis che è riuscito a scappare dal suo Paese rifugiandosi in Olanda per riuscire a realizzare il suo sogno. Bolle era il suo mito e stasera il sogno di ballare con lui si realizza, danzando sulle note di “Inshallah” di Sting che lo stesso cantante inglese intona. Un bel messaggio quello che Bolle ha voluto lanciare: la danza è anche strumento di salvezza dall’oppressione.

Ed ecco arrivare Pif. L’ex Iena prova a inventare un nuovo metodo per ballare, che chiama ironicamente “Tapis-roulant”. In pratica cammina su un tappeto rotante abbozzando dei movimenti sulle musiche di alcune tra i più noti balletti.

Lo show va avanti speditamente, con Marco D’Amore che prosegue nel suo ruolo di collante tra un segmento e l’altro. Stavolta l’attore “lancia” la performance di altri ballerini della Scala, che danzano meravigliosamente insieme a Roberto Bolle in una bellissima coreografia.

Musica decisamente diversa, più rockeggiante, quella su cui si sviluppa il balletto tra Roberto Bolle e Virginia Raffaele. La showgirl inizialmente è inquadrata mentre è seduta nel pubblico, poi si alza e si avvicina ad una porta tridimensionale che la porta all’interno del teatro La Scala. Lì comincia il brano che fa scoccare una vera e propria scintilla: la Raffaele effettua movimenti volutamente strani con il corpo, poi incontra Bolle, il quale la trasporta in tutto il teatro per ballare finendo la performance sul palcoscenico. Tutto poi termina lì dove era cominciato: la Raffaele riesce dalla porta 3D e si risiede nel pubblico.

Breve ma intensa la partecipazione di Miriam Leone: l’attrice siciliana prima assiste ad una coreografia che Bolle realizza insieme ad alcuni ballerini, per poi continuare con un monologo nel quale ricopre il metaforico ruolo della passione, quella che proprio i ballerini cercano di trasmettere con i loro armoniosi movimenti nello spazio. Seguono altri due balletti, inframezzati proprio dalla Leone che li introduce: uno di questi vede protagonista Bolle con Polina Semionova, prima ballerina presso il Teatro dell’Opera di Stato di Berlino.

Marco D’Amore introduce il prossimo ospite della serata, Tiziano Ferro: il cantante pontino intona “Il mestiere della vita”, ballata a pochi metri da lui da Roberto Bolle. I due, con l’ausilio di vecchie fotografie, spiegano come siano nate in loro l’amore rispettivamente per il canto e per il ballo, in quella che si profila come una reciproca confessione. Sul finire, Bolle e Ferro si scattano un selfie.

Si torna alla danza vera e propria con il balletto tra Roberto Bolle e Melissa Hamilton che mettono in scena la coreografia “Caravaggio”. Si resta davvero incantati nell’osservare la grazia di questa arte.

Roberto Bolle e Marco D’Amore stavolta ballano “l’uno contro l’altro”, immaginando un duello tra fazioni opposte. Rivediamo per un attimo l’atteggiamento tipico di Ciro di Marzio di Gomorra quando il ballerino chiede all’attore come interpreterebbe il ruolo di un cattivo in uno scenario di ballo.

Geppi Cucciari fa il suo ingresso in studio dopo un altro balletto, stavolta in solitaria, di Roberto Bolle. Si lamenta ironicamente perché Marco D’Amore non l’ha introdotta per poi prendere in giro l’etoile piemontese, svelando secondo lei ciò che Bolle non ha mai fatto in vita sua perché troppo impegnato a ballare. Poi, lo intervista per chiedergli dettagli della sua vita, ad esempio cosa mangia, qual è la sua giornata tipo, i sogni che vuole realizzare. Alle sue risposte fanno il paio i commenti ironici della comica, nel suo tipico stile incalzante. Per finire, un breve ballo sulle note di “Reality”.

Il montaggio serrato dello show ci conduce al prossimo ospite, Fabri Fibra. Il rapper introduce il balletto tra Bolle e Lil Buck, giovane ballerino americano che prima di spopolare danzava in strada. Un curriculum nettamente diverso, dunque, da quello dell’etoile italiana. Eppure, la danza riesce a far avvicinare anche due mondi all’apparenza opposti.

La serietà della danza viene piegata un po’ alle esigenze di intrattenimento con un balletto estrapolato dal Don Chisciotte, che vede protagonisti Bolle e Nicoletta Manni, prima ballerina alla Scala di Milano. Mentre loro danzano sul palco, Miriam Leone e Pif fanno da “traduttori” dei loro movimenti, cercando di spiegarne il significato. Numero divertente. Lil Buch ritorna di lì a poco sul palcoscenico per ballare “La morte del cigno”.

C’è spazio per la musica di Fabri Fibra: il rapper, dopo aver introdotto il balletto tra Bolle e Lil Buch, stavolta ha il palco per sè per cantare “Money for dope 2017”.

Roberto Bolle stavolta balla con l’etoile francese Leonore Baulac la coreografia de “Lo schiaccianoci” rivisitata dal grande Rudolf Nureyev. Il ballerino russo, intorno al 1990, notò l’allora giovane Roberto Bolle proponendogli anche un ruolo importante in un’opera che stava preparando, progetto che poi naufragò. Nureyev però ci aveva visto bene, data la carriera straordinaria di Bolle. L’ultimo balletto vede Roberto Bolle danzare insieme alle ragazze della scuola di ballo dell’Accademia della Scala.

Termina qui Roberto Bolle – Danza con me. Un prodotto davvero eccellente, con un Roberto Bolle che ha saputo mettere al centro dello show non tanto se stesso, quanto la suprema arte della danza. Una scelta non facile, ma che ha mostrato di essere fondata soprattutto per la qualità del programma: guardandolo, anche chi non è esperto o almeno competente non ha potuto non restare affascinato dalla bellezza delle esibizioni messe in scena.

Televisivamente lo show ha retto anche per la bravura di Marco D’Amore, che ha superato l’esame dimostrando di saper gestire un ruolo inedito per lui: l’attore napoletano questa sera è stato narratore, conduttore, collante fra un blocco e l’altro e talvolta “spalla” di Bolle. Ciò dimostra la crescita costante di un professionista che “Gomorra” ha contribuito a lanciare, e che adesso vuole dimostrare di essere non soltanto il Ciro Di Marzio che tanti conoscono.

Molto positiva anche la gestione degli ospiti: la loro presenza non è stata subordinata a fini promozionali, ma ognuno ha portato qualcosa di originale allo show, in base alle proprie pecurialità. Spicca su tutti la performance di Virginia Raffaele che ha confermato le sue qualità di ballerina, grazie alla quale ha contribuito a confezionare un numero divertente e non semplice da eseguire. Un plauso anche alla regia e al montaggio: non era semplice seguire i movimenti di Bolle e dei tanti ballerini che si sono alternati sul palco, ma si è riuscito a farlo con inquadrature capaci di colpire il telespettatore e non stordirlo. Infine, il montaggio, piuttosto intenso, ha dato il ritmo giusto alla trasmissione che non ha perso di intensità neanche per un minuto.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nasco a Napoli nel 1989, ma la mia città è San Giorgio a Cremano, la stessa di uno dei miei miti: Massimo Troisi. Gli studi mi hanno portato a Roma, dove mi sono laureato in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione alla Sapienza. Sono giornalista pubblicista. Il varietà è il mio genere preferito, sia in tv che in radio. A ruota seguono serie tv e quiz. La mia passione è il Festival di Sanremo: da piccolo fantasticavo di cantare sul palco dell'Ariston, ora mi limito a sognare di condurlo!

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

The show must go on 12 aprile, “W le donne” con Riccardo Rossi

Questa sera su Rai 2 in seconda serata va in onda il primo appuntamento con la rassegna The Show must go on. Si intitola W le donne, spettacolo dal vivo del comico Riccardo Rossi.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

The show must go on 12 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A partire dalle 23.10 Rai 2 trasmette questa sera, 12 aprile 2021, il primo appuntamento dei tre previsti, con il teatro dal vivo della rassegna The show must go on. Ogni puntata riporta lo spettatore nel mondo del teatro proponendo uno spettacolo dal vivo di un comico italiano. Nella speranza di una prossima riapertura dei teatri nazionali.

La prima puntata, in onda questa sera, consiste in una performance di Riccardo Rossi, e si intitola W le donne – Tutte le donne della nostra vita. In essa il comico racconta il suo personalissimo punto di vista sulle donne che hanno cambiato la sua vita. Lo spettacolo è stato registrato al Teatro Olimpico di Roma, prima dell’emergenza Covid.

Seguiranno, rispettivamente il 19 aprile e il 12 maggio, Antonio Giuliani con il suo spettacolo intitolato Insensibile e infine Max Giusti, sempre su Rai 2 ma in prima serata, con Va tutto bene!

Vi ricordiamo che potete seguire The show must go on, sia la prima puntata intitolata W le donne che le seguenti, anche in streaming sul sito RaiPlay.

The show must go on 12 aprile, la diretta

Riccardo Rossi entra nel teatro con un mazzo di rose rosse in mano, che distribuisce in giro per la platea ad alcune donne fra gli spettatori. “Volevo raccontare il mondo delle donne, poi ho capito che è un universo.” afferma. “Pensiamo che la prima persona che vediamo nella nostra vita è una donna… l’ostetrica! Che poi la vediamo mentre ci tiene per i piedi, ci dà uno schiaffo e dice che è per il nostro bene.” scherza poi Rossi.

Il comico analizza la parola “mamma“, la prima che pronunciamo. E poi scherza sulla differenza principale fra uomo e donna. “Noi uomini nasciamo già con un difetto, nella differenza fra i cromosomi. Dopo 22 coppie di cromosomi XX, le donne hanno una ventitreesima XX, mentre noi uomini una XY. Uno scherzo della natura, un’imperfezione” afferma.

“Questa differenza salta agli occhi nel primo giorno di terza media. Quando la tua compagna di banco, la stessa dell’anno scorso diventa una donna. Ed è lì che capisci la differenza fra una Y e una X” continua. “Fino all’anno scorso avevi eretto una muraglia cinese per impedirle di copiare. Ora ti arrendi, e le fai direttamente il compito te.”.

Rossi parla quindi di Mina.Ha rinunciato a tutto per fare quello che voleva lei” racconta. “Mina nel 1976 ha ricevuto un telegramma da Paul MCCartney. Lei lo legge, sorride, e poi lo butta. Noi non possiamo capire un gesto così sublime, che avremmo voluto essere il cestino della carta straccia di Mina”.

The show must go on 12 aprile, l’infermiera e la maestra

“L’unico uomo che sa fare le iniezioni forse è Rambo. Altrimenti, per fare un’iniezione serve una donna, un’estranea: la portiera. Che sa fare le iniezioni” racconta Rossi. “Mi ricordo che arrivava mia madre e mi diceva -Adesso andiamo dalla signora Concetta-. La signora Concetta aveva una siringa di vetro temperato, con l’innesto dell’ago d’oro. E l’ago… era spesso come una canna di fucile.” prosegue.

“A me faceva già male quando mi strofinava il sedere con il cotone idrofilo.” prosegue poi Rossi. “La signora concetta che non parlava mai, diceva una parola: stai morbido. Ma come faccio a stare morbido con quell’ago infilato?”.

“Racconto questo perché questo ruolo di donna ci ha fatto capire che certi mali durano poco. Una donna generosa, che per arrotondare lo stipendio del marito si è vista tutti i sederi del quartiere. VI ricordate Sora Lella? L’iniezione gliela fece il camionista. Lo avrei voluto incontrare io, la mano della signora Concetta non era mai -una piuma-!” conclude Rossi.

Il monologo continua, stavolta descrivendo la figura della maestra di scuola. E poi, della sorella. “Chi nasce per secondo vede nel primo un assassino. E chi nasce per primo vede nel secondo un pericolo. So di casi pericolosissimi sventati per miracolo.” racconta scherzando Rossi. “Fateci caso, se fra due fratelli non c’è una sorella va meglio. I Lumiere hanno inventato il cinema, i Wright l’aereo. E i Mongolfiere la mongolfiera. E indovinate chi era la zavorra? La sorella!” grida quindi Rossi.

La suocera e la figlia

“Non vogliamo rovinarci la serata raccontando della suocera; l’unico ruolo odiato anche dalle altre donne” prosegue poi il comico. “Chiudiamo l’argomento e andiamo avanti. Parliamo… della figlia. Non esiste madre, moglie e amante: l’unico vero amore di un uomo puro e incontaminato è la figlia. Che deve stare sulle ginocchia di papà in tutù, per sempre.”. 

Dopo una serie di sketch, legge una commovente lettera dedicata al rapporto padre-figlia. “Ricordati che tuo padre è l’uomo che non dorme quando esci per il tuo primo appuntamento. E l’unico che quando le cose vanno male, sarà sempre lì per te”. 

Subito dopo, inizia un nuovo monologo su un genere di donna che lui definisce “Donna Zavorra”. “Dove passa lei non cresce più l’erba: sono femmine alpha, che risucchiano le energie vitali e ti annientano. L’unica che si accorge del pericolo è un’altra donna: la tua migliore amica” afferma Rossi. “Non esiste la donna per amico, come non esiste l’uomo per amica. L’uomo ha bisogno di un amico, sempre. La donna per amico è quella che ti dice quello che vuole senza filtri. Come fa tua moglie, ma da lei le critiche le accetti.” continua.

The show must go on 12 aprile

La moglie, il potere della donna

“Voi stasera perchè siete qui? Chi ha deciso? Siate sinceri.” inizia Rossi dal palco. “Quando scoprite di dover ri-uscire per venire a teatro pensate una sola cosa: avevo parcheggiato così bene.”. E continua “La moglie è la regina di tutte le donne, la fusione di tutte le donne che abbiamo raccontato fino ad ora”. “Voi immaginate quanto potere hanno le First Ladies nel mondo? Inimmaginabile” prosegue Rossi.

“La donna a un certo punto della sua vita si trasforma in qualcosa di meraviglioso. Da piccolo una volta mi venne la febbre altissima. A un certo punto avverto una presenza: distinguo la figura di una donna. Capelli bianchi, occhiali, grembiule e pantofole. Era mia nonna. Non faceva niente, mi guardava; eppure, io mi sono sentito meglio” racconta il comico. “Le nonne sono madri al quadrato”.

“Con la madre sei troppo coinvolto, con la nonna c’è più dolcezza e confidenza” racconta sorridendo Rossi. “A nonna puoi dire cose che non puoi dire a nessuno. E’ questa la bellezza delle donne: cambiano a seconda del ruolo che rivestono” termina.

La madre

“La parola madre è talmente importante che è usata per ribadire i concetti. E se qualcuno vuole offenderti, offende tua madre.” esordisce Rossi in un nuovo monologo. Racconta di quando sua madre lo vestì da Zorro, ma con un costume mancante di maschera, e persino di spada. “Ancora oggi quando le faccio vedere la foto e le dico -ma come mi hai vestito?- lei mi risponde -come eri carino!-. Ma cosa c’entra? Non è questo l’argomento!”.

“Le madri di una volta hanno una buona ragione per essere come sono ora. Tutte le comodità della nostra vita, molte, non le hanno avuto. Mia madre è nata in casa nel 1932. Dopo tre anni perde suo padre, perchè la penicillina non esisteva. La sera non c’era la tv, ma la radio. E nel 1940 l’Italia entra in guerra. Per avere un po’ di verdura si fanno gli orti di guerra in Piazza Venezia.” inizia a raccontare Rossi, più serio. “E poi ci sono gli allarmi aerei. Nel 1944 mia madre fa la prima comunione mentre gli americani entrano con i carri armati contromano in via del Corso. Nel 1950 fa l’esame di maturità con tutte le materie del quinquennio. E inizia a lavorare 12 ore al giorno per 35 anni.”.

E infine il comico conclude: “Ha avuto sempre la stessa macchina ed è stata sempre in affitto. Si è sposata, e poi ha divorziato. Se aveva mal di testa o la febbre se le teneva. Quando aveva paura se la teneva, perchè sua madre non si era fatta vedere mentre piangeva. Oggi mia madre vede Striscia la notizia, la sua ovatta, per riposarsi.”.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

L’Eredità: Francesco Simonetta campione. Ecco quanto ha vinto alla Ghigliottina

Il nuovo campione de L'Eredità alla sua terza Ghigliottina. Ecco chi è e quanto ha vinto.
Anna Mancini

Pubblicato

il

L'Eredità Francesco Simonetta campione
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Francesco Simonetta è ancora campione de L’Eredità. Ha vinto una consistente somma nella puntata andata in onda domenica 11 aprile 2021 del game show condotto da Flavio Insinna nella fascia preserale di Rai 1.

L'Eredità Francesco Simonetta chi è

L’Eredità: il percorso di Francesco Simonetta

Il campione è alla sua terza Ghigliottina. Nella sua seconda prova infatti è stato beffato dà una risposta da lui data ma che aveva declinato al singolare e non al plurale. La parola infatti era Bagagli, mentre lui aveva scritto semplicemente Bagaglio. Aveva così buttato via la non indifferente somma di 35.000 euro. Si è rifatto completamente questa sera aumentando di molto la somma a sua disposizione.

Il campione naturalmente non ha effettuato la prima fase del gioco, ovvero La sfida dei sette, e al momento di scegliere i due concorrenti da mandare alla prima scalata ha indicato Gianluca e Martina.

Il resto del percorso è stato abbastanza lineare ed è riuscito a superare i giochi Questo o quello e le Quattro date in cui collocare gli eventi anticipati da Flavio Insinna. Le prime serie difficoltà sono arrivate con i Paroloni. Infatti Francesco Simonetta non ne ha indovinato neanche uno ed è dovuto andare allo spareggio rendendosi così protagonista di una nuova scalata. Ha difeso il suo accesso al Triello insieme al concorrente Stefano. Quest’ultimo è stato in vantaggio per quasi tutta la durata dei 60 secondi del gioco ed è stato tradito soltanto dall’ultima parola. Per cui ha finito il tempo a disposizione e Francesco Simonetta è riuscito finalmente a tirare un sospiro di sollievo.

La parola sulla quale è caduto era Cupola e la domanda estremamente facile era: “É famosa quella di San Pietro in Vaticano“.

L'Eredità Francesco Simonetta Paroloni

Il Triello e la Ghigliottina

Francesco Simonetta riesce così ad accedere al Triello insieme a Lorenzo e Monica. C’è stata anche una breve incursione di Gigi D’Alessio e per qualche minuto ha preso il posto di Flavio Insinna gestendo così la prima domanda del Triello indovinata da Monica.

L'Eredità Gigi D'Alessio

La prima concorrente a fare i due passi verso la Ghigliottina è stata proprio Monica. A causa della sua risposta sbagliata l’eredità è passata a Lorenzo che ha dato a sua volta la risposta inesatta. Tutto il montepremi è giunto così a Francesco Simonetta che arriva alla Ghigliottina con la somma di 210.000 euro. Riesce a dimezzare soltanto due volte e la somma finale da difendere è 52.500 euro.

Le cinque parole così faticosamente conquistate sono: Pensiero, Mani, Giorno, Economica e Dichiarazione. Francesco Simonetta indovina la parola giusta che è Indipendenza e vince la somma di 52.500 euro. É la sua prima Ghigliottina vincente.

L'Eredità Francesco Simonetta quanto ha vinto

L’Eredità: chi è Francesco Simonetta

Francesco Simonetta è originario di Palmi in provincia di Reggio Calabria ma è residente a Roma. È laureato in Scienze Naturali ed iscritto anche alla facoltà di Ecobiologia alla Sapienza.

È amante degli animali, infatti in casa ha un Ghiro e due Tritoni. Il suo profilo Instagram è: @zeppo_wildlife.nature.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile: Melillo e Isoardi a rischio squalifica, il ritiro di Braida

Tutto quanto accade nell'ottava puntata del reality condotto da Ilary Blasi su Canale 5. Il televoto è attualmente aperto tra Andrea Cerioli e Drusilla Gucci.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile Canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ecco le anticipazioni di ciò che accade nella puntata del 12 aprile de L’Isola dei famosi 2021. Il reality di Canale 5 torna in onda due volte a settimana dopo l’appuntamento saltato lo scorso giovedì per il debutto di Supervivientes.

La conduttrice si sofferma, nel corso della diretta, su tutti gli episodi accaduti negli ultimi sette giorni in Honduras. In studio è presente Akash Kumar per un confronto con Tommaso Zorzi in seguito al loro diverbio a distanza. Ilary Blasi infine svela al pubblico chi è  il concorrente eliminato tra Andrea Cerioli e Drusilla Gucci.

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile Beppe Braida

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile: il ritiro di Braida, l’isolamento di Giorgi

Durante il 25esimo giorno di permanenza a Cayo Cochinos Beppe Braida ha deciso di abbandonare il reality per motivi familiari. La produzione infatti gli ha comunicato che i suoi genitori sono risultati positivi al Covid ed il padre è stato ricoverato in ospedale. I compagni di viaggio che hanno compreso le ragioni del ritiro hanno cercato di dimostrargli il loro affetto.

Brando Giorgi invece è tornato da tempo a vivere con gli altri isolani dopo qualche giorno trascorso su Parasite Island. Ma una volta riunitosi al gruppo le antiche tensioni non si ancora placate. E’ ancora accusato di voler dispensare consigli non richiesti solo per apparire e catturare l’attenzione. L’attore, amareggiato dalle reazioni, ha scelto volontariamente di isolarsi. Alla conduttrice spiega le ragioni che lo hanno portato a maturare tale decisione.

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile Elisa Isoardi

Isola dei Famosi 12 aprile, Isoardi e Melillo a rischio squalifica

Elisa Isoardi è stata eliminata lunedì scorso ma ha scelto di proseguire la sua avventura rimanendo su Playa Esperanza con Vera Gemma e Miryea Stabile. La conduttrice però ora rischierebbe la squalifica insieme ad Angela Melillo per un episodio accaduto nell’ultima diretta durante la prova ricompensa.

La squadra vincente ha conquistato una teglia di lasagne e la Melillo, approfittando di un momento di distrazione della troupe, ha consegnato una porzione ad Elisa Isoardi. Quest’ultima però non ne aveva diritto perché apparteneva al team degli sconfitti. Entrambe hanno violato il regolamento ma la produzione, almeno finora, non ha comunicato alcun provvedimento disciplinare. Ilary Blasi però cerca di approfondire l’accaduto.

Tutti contro Fariba

Durante la settimana i naufraghi si sono scagliati contro Fariba Tehrani. Si è offerta di cucinare del riso per tutti gli isolani ma non è stata attenta alla cottura perché è rimasto troppo tempo sul fuoco.

I commensali non hanno gradito il piatto ed hanno mangiato solo per non rimanere a digiuno. Fariba per scusarsi per l’inconveniente ha donato loro dei pesci ma le polemiche sono proseguite per alcune ore.

Isola dei famosi, l’arrivo di nuovi concorrenti

Il cast dell’Isola dei famosi continua ad allargarsi. Dopo l’ingresso di Isolde Kostner e Beatrice Marchetti altri naufraghi sbarcheranno presto a Cayo Cochinos.

Si tratta di Emanuela Tittocchia, Manuela Ferrera, Rosaria Cannavó e Ludovico Vacchelli. Ma la produzione è in trattativa anche con Ignazio Moser che dovrebbe firmare a breve il contratto. Alcuni di loro potrebbero raggiungere gli altri concorrenti nella puntata odierna.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it