Connect with us

Intrattenimento

Le Iene Show| 25 marzo 2018| puntata in diretta

Puntata domenicale de Le Iene Show, questa sera su Italia 1. Alla conduzione, il trio composto da Nadia Toffa, Nicola Savino e Matteo Viviani.
Irene Natali

Pubblicato

il

Puntata domenicale de Le Iene Show, questa sera su Italia 1. Alla conduzione, il trio composto da Nadia Toffa, Nicola Savino e Matteo Viviani.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il primo servizio della serata è di Matteo Viviani: la iena si occupa ancora di bitcoinDentro le miniere di bitcoin. Gianluca Mazza, 28 anni, si è trasferito in Bulgaria: qui fa il “minatore” che controlla le transazioni della valuta virtuale. Le transazioni infatti, le quali sfuggono al controllo delle banche, costituiscono un sistema a sé: i computer necessari sono macchine che consumano una mole spaventosa di energia elettrica, e in Bulgaria la bolletta è più bassa. Se a Sofia il conto ammonta a 7mila euro, in Italia sarebbe il triplo: un business che, per partire, ha avuto investitori per mezzo milioni di euro.
Alcuni bitcoin vengono rivenduti, altri vengono tenuti da parte in attesa che il loro valore aumenti.

Si prosegue con Antonino Monteleone: Morte David Rossi. io mi prostituivo ai festini di Siena. La morte misteriosa del capo comunicazione del Monte dei Paschi è stata archiviata come suicidio, ma in molti non credono alla versione ufficiale: diversi i punti oscuri, come ampiamente spiegato in vari servizi realizzati dalla iena, perché i segni rinvenuti sul corpo sono riconducibili più a una colluttazione che a un suicidio per caduta. Non convince poi che non siano stati ascoltati tutti i testimoni, che non sia stata indagata per omissione di soccorso la persona che si vede nel video.
In confidenza, l’ex sindaco di Siena aveva confidato a Monteleone di festini nelle ville di Arezzo: una storia parallela, insabbiata dalla magistratura per non far scoppiare una “bomba morale”.  Ci sarebbe dunque un nesso tra questi festini e la morte di David Rossi.
Sebbene a Siena molti dei personaggi interrogati dal giornalista abbiano negato, a Monteleone è arrivata la segnalazione di un ragazzo che, a quei festini, ha partecipato come gigolò. Stefano ha iniziato a prostituirsi a 18 anni: il giro, racconta, era sempre lo stesso. Tra i clienti, prosegue, vi erano dirigenti del Monte dei Paschi.
20 circa i partecipanti ogni volta: si cenava vestiti, per poi isolarsi ed avere rapporti sessuali. A volte però, capitava che il sesso si facesse in pubblico e che si consumasse cocaina: tutte persone sposate con figli, nessuno gay dichiarato. Stefano ricorda bene nomi e volti dei partecipanti: gente di cui avere paura, tanto più alla luce di quanto accaduto a Rossi.
Vedendo la foto di un noto imprenditore di Siena, il testimone si blocca: è stato cliente, ed è pericoloso. Tra le foto mostrate dall’inviato, riconosce anche un prete e, soprattutto, un magistrato con cui ha consumato un rapporto. Ha visto pure un ex ministro della Repubblica: politici, manager di banca, giornalista, imprenditori avrebbero condiviso un segreto che li rende ricattabili.

Nina Palmieri ci racconta la storia di Sara, nome fittizio: Massacrata per “amore”. La ragazza è stata presa a pugni in faccia, pedate, testate dal fidanzato: ora è su un letto di ospedale, con un buco in testa senza capelli.
Sara, come tutte le altre donne che denunciano, si chiede cosa ne sarà di lei: quando lui sarà di nuovo in libertà, sarà un uomo violento che conosce indirizzo e posto di lavoro della donna che l’ha denunciato.
Come il caso di Sara, quello di Livia: donne che non capiscono quanto sta accadendo, perché il contesto di amici e familiari minimizza. Atti di gelosia che si trasformano in botte, per poi chiedere scusa e promesse di non farlo più.
Livia racconta l’escalation dell’ex marito Isidoro: l’uomo l’ha colpita persino con una padella di ghisa, le ha piantato le forbici sulla schiena senza dire nemmeno una parola, le ha sbattuto la testa sul comò. Al punto che la donna non sentiva più dolore: le forbici le hanno squarciato la gamba lasciando vedere il muscolo.
Per tentato omicidio, l’uomo è stato in galera per appena cinque mesi: appena uscito, Isidoro ha cominciato a minacciare Livia. È riuscito di nuovo a spaccarle il labbro: in seguito alle nuove denunce, è in carcere.
Però Livia sente che la sua vita è finita, perché per cavilli burocratici, Isidoro potrebbe uscire da un momento all’ altro. Ad ora le norme in materia sono slegate l’una dall’altra: occorrerebbe un’organizzazione univoca, e una comunicazione costante tra forze dell’ordine e magistrati per tutelare le vittima.

Da Borgotaro, in Emilia Romagna, Nadia Toffa: Un paese che ha smesso di respirare. A causa delle emissioni di una fabbrica di ceramiche vicina sia ai campi di calcio che alle scuole, i bambini hanno iniziato a stare male: solo nel 2017, le segnalazioni alla Asl per malesseri sono state ben 507 per appena 7mila abitanti. Di fatto, durante il periodo di chiusura di agosto della Laminam, questo il nome dell’impresa, la situazione è migliorata: appena 3 segnalazioni.
Oltre ai problemi fisici, ce n’è pure uno economico: chi poteva infatti, ha svenduto le proprie case per andare a vivere altrove. I cittadini chiedono che la Asl faccia un’indagine epidemiologica.
Nadia Toffa si era recata a Borgotaro già l’anno scorso: dopo il servizio, l’azienda ha chiesto di poter rilasciare una dichiarazione, sostenendo che le emissioni sono regolari.
La Toffa ha incontrato il sindaco del paese, il quale ripete che i dati dicono altro. Ma la centralina dell’aria è stata spostata da dove era, cioè vicino la scuola, col risultato che i valori sono cambiati; inoltre il sindaco appare molto vicino al proprietario della fabbrica.

Si prosegue con Michele Cordaro: Quando tu paghi l’anticipo, lui sparisce. La iena smaschera un geometra truffatore: l’uomo si fa anticipare il prezzo degli infissi, salvo poi rimandare gli appuntamenti successivi e  non rispondere più al telefono: i lavori perciò, nonostante il pagamento sa già avvenuto, non vengono effettuati.
La iena gli mette davanti tutte le sue vittime: una dopo l’altra, gli si presentano davanti durante la giornata. E quando fuori s fa buio, si presenta proprio Cordaro per chiedere spiegazioni.

Tocca a Mary Sarnataro: Il politico Adinolfi, faccia a faccia col suo hater. La iena mette di fronte Adinolfi e Claudio, attivista dei 5 stelle che lo insulta pesantemente in rete.

Sabrina Nobile si è finta una cacciatrice di teste: E se a te che odi i talent offrissero il posto di giudice a X Factor? La iena ha contattato personaggi che hanno rilasciato dichiarazioni critiche nei confronti dei talent show: Red Ronnie, Er Piotta, Chiara Galiazzo, Fabrizio Moro, Luzzato Fegiz, Pippo Baudo, Shade. Alla fine, l’unico che davvero accetta, è Fegiz: si dice disponibile persino a litigare con Fedez, lasciando al rapper l’ultima parola nelle discussioni.

Giulio Golia racconta la storia di Laura Prati: La sindaca uccisa dal vigile. Prima cittadina di Cardano Al Campo, in provincia di Varese, la Prati è stata uccisa cinque anni fa dall’ ex comandante dei vigili: all’uomo venne sequestrato un vero arsenale. L’ex sindaco Costantino invece, suo vice, è sopravvissuto alla sparatoria: la donna è morta 20 giorni dopo gli spari.
Un gesto premeditato nei minimi dettagli: Pegoraro, l’aggressore, si era sentito umiliato dalle istituzioni. E la Prati era diventata sindaco mentre era coinvolto in un processo: era vista come responsabile d tutto.
I carabinieri hanno trovato un memoriale di 16 pagine in casa di Pegoraro. Golia incontra la sorella: la donna ricorda che nessuno si era accorto di niente, però sostiene che non era partito per uccidere. Intanto il figlio e il marito di Laura Prati chiedono giustizia.

Si cambia argomento con Filippo Roma: Che fine hanno fatto i furbetti 5 Stelle? La iena si occupa di alcuni “paladini dei rimborsi” che hanno versato meno soldi rispetto ai dichiarati: ripercorre il denaro revocato dalle restituzioni, senza ottenere risposte dai diretti interessati. Non solo: se questi inizialmente si sono autosospesi, la loro attività politica è ora in pieno svolgimento.
Raggiunto dalla iena invece, Di Maio aveva promesso denuncia per danno d’immagine, qualora non avessero firmato un contratto di dimissioni dal MoVimento.

A mezzanotte, scattano le repliche: Bici rubate in Italia e vendute in Ucraina di Luigi Pelazza.
Quindi Cizco, sulle tracce dei migranti che tentano di attraversare il confine tra Italia e Francia: La route de la mort.
Via all’esperimento di Mary Sarnataro: E se ti pagassi in natura?

La puntata si conclude qui: il programma torna mercoledì, per poi fermarsi nella domenica di Pasqua.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Primo Appuntamento 5 Real Time: le coppie di martedì 13 aprile 2021

Martedì 13 aprile 2021, va in onda su Real Time la quattordicesima puntata del reality Primo Appuntamento 5. Ecco le coppie partecipanti.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Primo Appuntamento 13 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questa sera, 13 aprile 2021, Real Time propone la quattordicesima puntata di Primo Appuntamento 5, il reality basato sugli incontri al buio condotto da Flavio Montrucchio.

Mattia, 32 anni di Venezia, è un illustratore. Si incontra con Zeudi, ventiseienne di Brescia che lavora come visual merchandiser e influencer. “Sono single da un paio d’anni, penso di essere una ragazza che può piacere. Non a tutti, ma non mi lamento. Penso di essere una sognatrice… ricerco sempre delle emozioni forti e ho voglia di innamorarmi.” racconta Zeudi.

Partecipano anche Andrea e Alessia, trentenni di Roma. Lui è un tassista alquanto disilluso dall’amore; lei, invece, è single da tutta la vita, perchè “non ho mai incontrato l’anima gemella” afferma. Poi, Celeste, 20 anni, cena con Nico, 24 anni. Entrambi condividono la passione per la tecnologia. Infine, ci sono Ornella e Livio, rispettivamente 54 e 58 anni, di Roma.

Tutte le puntate della quinta edizione sono già visibili agli abbonati al servizio Discovery+. Inoltre è possibile vedere in replica le puntate già andate in onda nel day time pomeridiano di Real Time.

Primo Appuntamento 13 aprile, la diretta

Il primo ad arrivare al ristorante Geco di Roma è Mattia, un giovane illustratore. “Nell’ultimo periodo ho avuto molte… conoscenze. Se non sei innamorato devi essere libero di fare quello che vuoi. Lavoro nel campo della moda, sono spesso circondato da donne.” racconta Mattia. Per lei arriva Zeudi, che di professione fa la visual merchandiser; ovvero, cura l’immagine di aziende e negozi. 

In seguito, è la volta della coppia composta da Andrea e Alessia. Andrea è un verace ragazzo di Roma, che lavora come tassista. Alessia, invece, è una giovane appassionata di pasticceria. “Vorrei lavorare in questo campo, è la mia passione” racconta. Infatti, ha portato all’appuntamento in dono per Andrea una crostata. I loro caratteri, in realtà, sembrano essere in netto contrasto. Inizialmente, quindi, fanno fatica a rompere il ghiaccio.

 

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Le iene 13 aprile scherzi a Cucuzza e alle sorelle Nasti, gli altri servizi

I servizi che vanno in onda nel corso della puntata con gli scherzi a Cucuzza e alle sorelle Nasti. Anticipazioni.
Riccardo Chiaravalli

Pubblicato

il

Le iene show 13 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stasera, martedì 13 aprile, in prima serata su Italia 1, nuovo appuntamento con Le Iene. Conduce lo show Nicola Savino,  senza Alessia Marcuzzi perchè il compagno è risultato positivo al Covid. Accanto a lui le voci fuori campo de la Gialappa’s Band. Argomento cardine della puntata è l’attualità. Ma come sempre sono previste inchieste, servizi di denuncia, interviste e scherzi affidati agli inviati del programma.

Le iene 13 aprile scherzo a Michele Cucuzza

Il primo scherzo è realizzato ai danni di Michele Cucuzza. Il giornalista e conduttore televisivo crederà di essere finito in un giro di prostituzione, nonostante non abbia fatto nulla. Lo scherzo è stato realizzato con la complicità di sua figlia Matilde che ha contribuito a realizzarlo insieme alla Iena Nicolò De Devitiis. Vedremo quali pretesti accampa per discolparsi e per convincere Matilde della sua completa estraneità ai fatti.

Le iene show 13 aprile

Lo scherzo alle sorelle Chiara e Angela Nasti

Un altro scherzo di Nicolò De Devitiis prende di mira le sorelle Chiara e Angela Nasti. Le due influencer, credendo di trascorrere un fine settimana in un lussuosissimo albergo di montagna, si avventurano in auto per raggiungere la meta. Quando troveranno la strada bloccata per la troppa neve, saranno tratte in salvo da un gruppo di montanari del posto che, offrendo loro rifugio in una piccola baita sperduta, le “costringeranno” ad adattarsi a condizioni piuttosto “primitive”, decisamente diverse rispetto alle loro aspettative iniziali.  In quel rifugio lontano da tutto dovranno fare a meno della linea Internet, non potendo quindi utilizzare i loro social, come fanno di solito.

Gli altri servizi

Dopo aver raccolto lo sfogo di Gianna Orrù, madre di Valeria Marini, finita al centro di una vicenda mediatica a causa di una presunta truffa finanziaria, Filippo Roma torna ad affrontare l’argomento. Lo fa con testimonianze inedite di alcuni attori che dichiarano di essere stati vittime di raggiri da parte del produttore cinematografico Giuseppe Milazzo, la stessa persona accusata dalla signora Orrù di averle sottratto più di 300mila euro.

Giulio Golia si concentra nuovamente sul caso di Gianmarco Pozzi, il 28enne romano deceduto nelle prime ore della mattinata del 9 agosto scorso, sull’isola di Ponza. In un primo momento la morte del ragazzo è stata descritta come una caduta avvenuta dopo una corsa in preda al delirio da cocaina, sostanza di cui Gianmarco faceva uso.

Ma la storia sembra avere ancora molti lati oscuri.  Si prova a ricostruire i fatti, ripercorrendo quanto sarebbe accaduto, compreso il tema dello spaccio di cocaina e della quantità che sarebbe stata acquistata a Roma e portata sull’isola in quei giorni. Nel servizio due nuove testimonianze esclusive su presunti giri di droga e presunti debiti che sarebbero maturati in ambienti particolari.

Ideatore de “Le Iene” e capo-progetto è Davide Parenti. In regia Antonio Monti. Il programma può essere seguito in streaming, anche all’estero, su sito del programma.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

The show must go on 12 aprile, “W le donne” con Riccardo Rossi

Questa sera su Rai 2 in seconda serata va in onda il primo appuntamento con la rassegna The Show must go on. Si intitola W le donne, spettacolo dal vivo del comico Riccardo Rossi.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

The show must go on 12 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A partire dalle 23.10 Rai 2 trasmette questa sera, 12 aprile 2021, il primo appuntamento dei tre previsti, con il teatro dal vivo della rassegna The show must go on. Ogni puntata riporta lo spettatore nel mondo del teatro proponendo uno spettacolo dal vivo di un comico italiano. Nella speranza di una prossima riapertura dei teatri nazionali.

La prima puntata, in onda questa sera, consiste in una performance di Riccardo Rossi, e si intitola W le donne – Tutte le donne della nostra vita. In essa il comico racconta il suo personalissimo punto di vista sulle donne che hanno cambiato la sua vita. Lo spettacolo è stato registrato al Teatro Olimpico di Roma, prima dell’emergenza Covid.

Seguiranno, rispettivamente il 19 aprile e il 12 maggio, Antonio Giuliani con il suo spettacolo intitolato Insensibile e infine Max Giusti, sempre su Rai 2 ma in prima serata, con Va tutto bene!

Vi ricordiamo che potete seguire The show must go on, sia la prima puntata intitolata W le donne che le seguenti, anche in streaming sul sito RaiPlay.

The show must go on 12 aprile, la diretta

Riccardo Rossi entra nel teatro con un mazzo di rose rosse in mano, che distribuisce in giro per la platea ad alcune donne fra gli spettatori. “Volevo raccontare il mondo delle donne, poi ho capito che è un universo.” afferma. “Pensiamo che la prima persona che vediamo nella nostra vita è una donna… l’ostetrica! Che poi la vediamo mentre ci tiene per i piedi, ci dà uno schiaffo e dice che è per il nostro bene.” scherza poi Rossi.

Il comico analizza la parola “mamma“, la prima che pronunciamo. E poi scherza sulla differenza principale fra uomo e donna. “Noi uomini nasciamo già con un difetto, nella differenza fra i cromosomi. Dopo 22 coppie di cromosomi XX, le donne hanno una ventitreesima XX, mentre noi uomini una XY. Uno scherzo della natura, un’imperfezione” afferma.

“Questa differenza salta agli occhi nel primo giorno di terza media. Quando la tua compagna di banco, la stessa dell’anno scorso diventa una donna. Ed è lì che capisci la differenza fra una Y e una X” continua. “Fino all’anno scorso avevi eretto una muraglia cinese per impedirle di copiare. Ora ti arrendi, e le fai direttamente il compito te.”.

Rossi parla quindi di Mina.Ha rinunciato a tutto per fare quello che voleva lei” racconta. “Mina nel 1976 ha ricevuto un telegramma da Paul MCCartney. Lei lo legge, sorride, e poi lo butta. Noi non possiamo capire un gesto così sublime, che avremmo voluto essere il cestino della carta straccia di Mina”.

The show must go on 12 aprile, l’infermiera e la maestra

“L’unico uomo che sa fare le iniezioni forse è Rambo. Altrimenti, per fare un’iniezione serve una donna, un’estranea: la portiera. Che sa fare le iniezioni” racconta Rossi. “Mi ricordo che arrivava mia madre e mi diceva -Adesso andiamo dalla signora Concetta-. La signora Concetta aveva una siringa di vetro temperato, con l’innesto dell’ago d’oro. E l’ago… era spesso come una canna di fucile.” prosegue.

“A me faceva già male quando mi strofinava il sedere con il cotone idrofilo.” prosegue poi Rossi. “La signora concetta che non parlava mai, diceva una parola: stai morbido. Ma come faccio a stare morbido con quell’ago infilato?”.

“Racconto questo perché questo ruolo di donna ci ha fatto capire che certi mali durano poco. Una donna generosa, che per arrotondare lo stipendio del marito si è vista tutti i sederi del quartiere. VI ricordate Sora Lella? L’iniezione gliela fece il camionista. Lo avrei voluto incontrare io, la mano della signora Concetta non era mai -una piuma-!” conclude Rossi.

Il monologo continua, stavolta descrivendo la figura della maestra di scuola. E poi, della sorella. “Chi nasce per secondo vede nel primo un assassino. E chi nasce per primo vede nel secondo un pericolo. So di casi pericolosissimi sventati per miracolo.” racconta scherzando Rossi. “Fateci caso, se fra due fratelli non c’è una sorella va meglio. I Lumiere hanno inventato il cinema, i Wright l’aereo. E i Mongolfiere la mongolfiera. E indovinate chi era la zavorra? La sorella!” grida quindi Rossi.

La suocera e la figlia

“Non vogliamo rovinarci la serata raccontando della suocera; l’unico ruolo odiato anche dalle altre donne” prosegue poi il comico. “Chiudiamo l’argomento e andiamo avanti. Parliamo… della figlia. Non esiste madre, moglie e amante: l’unico vero amore di un uomo puro e incontaminato è la figlia. Che deve stare sulle ginocchia di papà in tutù, per sempre.”. 

Dopo una serie di sketch, legge una commovente lettera dedicata al rapporto padre-figlia. “Ricordati che tuo padre è l’uomo che non dorme quando esci per il tuo primo appuntamento. E l’unico che quando le cose vanno male, sarà sempre lì per te”. 

Subito dopo, inizia un nuovo monologo su un genere di donna che lui definisce “Donna Zavorra”. “Dove passa lei non cresce più l’erba: sono femmine alpha, che risucchiano le energie vitali e ti annientano. L’unica che si accorge del pericolo è un’altra donna: la tua migliore amica” afferma Rossi. “Non esiste la donna per amico, come non esiste l’uomo per amica. L’uomo ha bisogno di un amico, sempre. La donna per amico è quella che ti dice quello che vuole senza filtri. Come fa tua moglie, ma da lei le critiche le accetti.” continua.

The show must go on 12 aprile

La moglie, il potere della donna

“Voi stasera perchè siete qui? Chi ha deciso? Siate sinceri.” inizia Rossi dal palco. “Quando scoprite di dover ri-uscire per venire a teatro pensate una sola cosa: avevo parcheggiato così bene.”. E continua “La moglie è la regina di tutte le donne, la fusione di tutte le donne che abbiamo raccontato fino ad ora”. “Voi immaginate quanto potere hanno le First Ladies nel mondo? Inimmaginabile” prosegue Rossi.

“La donna a un certo punto della sua vita si trasforma in qualcosa di meraviglioso. Da piccolo una volta mi venne la febbre altissima. A un certo punto avverto una presenza: distinguo la figura di una donna. Capelli bianchi, occhiali, grembiule e pantofole. Era mia nonna. Non faceva niente, mi guardava; eppure, io mi sono sentito meglio” racconta il comico. “Le nonne sono madri al quadrato”.

“Con la madre sei troppo coinvolto, con la nonna c’è più dolcezza e confidenza” racconta sorridendo Rossi. “A nonna puoi dire cose che non puoi dire a nessuno. E’ questa la bellezza delle donne: cambiano a seconda del ruolo che rivestono” termina.

La madre

“La parola madre è talmente importante che è usata per ribadire i concetti. E se qualcuno vuole offenderti, offende tua madre.” esordisce Rossi in un nuovo monologo. Racconta di quando sua madre lo vestì da Zorro, ma con un costume mancante di maschera, e persino di spada. “Ancora oggi quando le faccio vedere la foto e le dico -ma come mi hai vestito?- lei mi risponde -come eri carino!-. Ma cosa c’entra? Non è questo l’argomento!”.

“Le madri di una volta hanno una buona ragione per essere come sono ora. Tutte le comodità della nostra vita, molte, non le hanno avuto. Mia madre è nata in casa nel 1932. Dopo tre anni perde suo padre, perchè la penicillina non esisteva. La sera non c’era la tv, ma la radio. E nel 1940 l’Italia entra in guerra. Per avere un po’ di verdura si fanno gli orti di guerra in Piazza Venezia.” inizia a raccontare Rossi, più serio. “E poi ci sono gli allarmi aerei. Nel 1944 mia madre fa la prima comunione mentre gli americani entrano con i carri armati contromano in via del Corso. Nel 1950 fa l’esame di maturità con tutte le materie del quinquennio. E inizia a lavorare 12 ore al giorno per 35 anni.”.

E infine il comico conclude: “Ha avuto sempre la stessa macchina ed è stata sempre in affitto. Si è sposata, e poi ha divorziato. Se aveva mal di testa o la febbre se le teneva. Quando aveva paura se la teneva, perchè sua madre non si era fatta vedere mentre piangeva. Oggi mia madre vede Striscia la notizia, la sua ovatta, per riposarsi.”.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it