Connect with us

Intrattenimento

Eurovision Song Contest | 12 maggio 2018| finalissima: vince Israele, Italia quinta

La kermesse musicale vede il successo dell'israeliana Netta Barzilai. Italia risollevata dal televoto nonostante lo scarso gradimento delle giurie. Sul podio Cipro e Austria.
Francesco La Rosa

Pubblicato

il

La kermesse musicale vede il successo dell'israeliana Netta Barzilai. Italia risollevata dal televoto nonostante lo scarso gradimento delle giurie. Sul podio Cipro e Austria.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Anteprima affidata ai due commentatori per la tv italiana (l’evento sarà infatti presentato sul palco da quattro conduttrici portoghesi), che seduti all’interno di una funivia che sorvola la città stanno per incontrare Ermal Meta e Fabrizio Moro. I due cantanti sono in auto, dove si confidano vicendevolmente le sensazioni in vista di questo importante appuntamento.

Serena Rossi e Federico Russo camminano per le vie delle città, ricordando i momenti salienti della storia dell’Eurovision e tracciando una biografia dei rappresentanti italiani alla manifestazione. Poi, li incontrano per sapere le ultime notizie su come siano andate le prove. Buona l’intesa tra i due presentatori italiani, con la Rossi che si dimostra come sempre spontanea e energica, completando il ritmo leggermente più lento di Russo.

Peccato per lo sgradevole effetto della sigla dell’Eurovisione che interrompe bruscamente la riproposizione del pezzo dei due artisti, con il quale vinsero Sanremo. Probabilmente la regia italiana non aveva fatto bene i calcoli con quella internazionale.

Come giusto che sia, apertura in portoghese con la cantante Ana Moura, che canta un pezzo del genere “fado”, tipico del paese lusitano. Poi, la segue la conterranea Mariza.

La gara sta per cominciare, ma prima si assiste alla sfilata delle bandiere dei paesi partecipanti, con tutti i cantanti che si affacciano sul palco. Il tutto accompagnato dalle performance di due deejay. La prima nazione che si esibirà sarà l’Ucraina. Partecipa anche un Paese extraeuropeo: è l’Australia. Ecco arrivare i nostri rappresentanti, che anticipano i padroni di casa nell’uscita. Per ascoltare Meta e Moro sarà necessaria una lunghissima attesa: canteranno per ultimi.

Le conduttrici della serata sono Filomena Cautela, Silvia Alberto, Daniela Ruah e Caterina Furtado, volti dello spettacolo e del cinema. Il televoto verrà aperto al termine delle esibizioni.

Parte la gara: per l’Ucraina c’è un cantante 21enne che ha vinto l’X-Factor locale. Si tratta di Melovin, che propone Under the ladder. Ha una lente a contatto chiara che rimanda un po’ a Marylin Manson, come giustamente fanno notare i conduttori italiani, che commentano fuori campo come in una radiocronaca.

Alfred & Amaia sono i rappresentanti della Spagna alla manifestazione internazionale. Il pezzo si chiama Tu Canciòn. Lei ha partecipato all’equivalente iberico di Ti lascio una canzone. Il loro è un brano d’amore.

Ritmo veloce, scelta opportuna date le tanti canzoni da ascoltare. La successiva è quella della slovena Lea Sirk e il titolo Hvala, ne! Federico Russo ne chiarisce il significato per gli italiani sintonizzati: tradotto vuol dire No, grazie. La cantante ha preso parte all’equivalente sloveno di Tale e quale show.

La prossima artista ha un cognome non facilmente pronunciabile: si chiama Ieva Zasimauskaitė e viene dalla Lituania. Il pezzo della ragazza è in inglese e si chiama When we’re old. Emozionante il finale con il marito che la raggiunge sul palco per darle un tenero abbraccio.

Ex modello, debutta in assoluto proprio all’Eurovision: parliamo di Cesar Sampson. Il pezzo che porta in gara è Nobody but you. Per la prova dell’artista austriaco, parte del palco viene inizialmente sopraelevato.

Un pezzo italiano, La forza, per la concorrente estone: si chiama Elina Netsajeva ed è una cantante lirica. Russo svela un’altra curiosità: il suo abito costa 35.000 euro. E guardandolo non si può che credergli. Continui e sfolgoranti giochi di luce proprio sul suo lungo abito, che passa dal blu al rosso creando un effetto ottico molto particolare.

Si vola nei paesi scandinavi con Alexander Rybak, il concorrente proveniente dalla Norvegia. Il giovane cantante presenta il pezzo That’s how you write a song. Anche in questo caso la regia si diverte ad accompagnare la sua performance: lui fa finta di suonare uno strumento che si materializza con dei giochi grafici. Poi, a metà brano imbraccia realmente un violino.

È il momento più atteso per il pubblico di Lisbona: arrivano i padroni di casa, anzi le padrone. Già, perché a rappresentare il Portogallo sono due donne: Claudia Pascoal (dai capelli rosa acceso) e Isaura. Le due cantano insieme O jardim. Tanti applausi per loro: e alla Pascoal scappa anche qualche lacrima per l’affetto dimostratole dal suo pubblico.

Per il Regno Unito c’è SuRie: la cantante ha un passato da corista dei Coldplay e spesso si è esibita anche davanti alla presenza dei reali Windsor. Il brano che porta in gara questa sera si chiama Storm. Il rapido succedersi degli artisti sul palco rallenta per un po’, perché una delle conduttrici va a intervistare il cantante ucraino che ha aperto la rassegna. Imprevisto per lei: un invasore tenta di strapparle il microfono, ma poi viene allontanato onde evitare di compromettere ulteriormente l’esibizione della cantante. Brava l’artista a non perdere la concentrazione.

Russo e la Rossi fanno per ora un buon lavoro, per quel poco che hanno a disposizione: descrivono brevemente gli artisti, danno qualche curiosità e commentano anche i look dei protagonisti della serata.

Per la Serbia ci sono Sanja Ilic e un complesso: i Balkanika. Il pezzo che cantano si intitola Nova deca e appartiene al genere folk: sonorità riconoscibilissimi delle terra balcanica riecheggiano dalle voci degli artisti, accompagnate anche dal suono di percussioni.

You let me walk alone: questo il titolo del rappresentante tedesco all’Eurovision, Michael Schulte. Il brano è dedicato alla memoria del padre, che il giovane cantante ha perso all’età di 14 anni.

Viene dall’Albania Eugen Bushpepa. Il cantante fa musica rock e non a caso ha aperto le tappe albanesi dei Guns’n’roses. Mall è il titolo del suo pezzo. Non poco kitsch il suo look: colpisce la giacca borchiata, che sul retro e anche aperta. Voce pazzesca, con un falsetto notevolissimo che mette in evidenza sul finire della sua canzone.

Sono marito e moglie i francesi Madame Monsieur: al secolo sono Jean Karl Lucas e Emilie Satt. I due, completamente vestiti di nero (lui con un dolcevita che sfida il caldo) propongono Mercy.

Siamo a metà gara: la tredicesima nazione ad esibirsi è la Repubblica Ceca, con Mikolas Josef. Ex modello e con un diploma di attore teatrale, il 21enne ceco canta Lie to me: l’esibizione in effetti evidenzia anche doti recitative e un’ottima padronanza della scena.

Higher ground, il pezzo di Rasmussen, cantante danese, parla di un “vichingo pacifista”. Anche il look del cantante è abbastanza vicino a quello degli antichi guerrieri nordici: barbone e capelli lunghi, sguardo di ghiaccio. A guardarlo mette sinceramente un po’impressione.

Come detto, l’unico paese non europeo partecipante alla manifestazione del Vecchio Continente è l’Australia (per la quarta volta in totale). A rappresentarla è Jessica Mauboy con We got love.

Diciassettesima esibizione della serata: è il turno della finlandese Saara Aalto. Nel 2016 ha partecipato all’edizione inglese di X Factor: ciò le ha garantito un buon successo internazionale. Stasera è in gara con il pezzo Monsters. La ragazza riesce addirittura per un po’ a cantare in testa in giù, attaccata ad una ruota che gira.

Dalla Bulgaria vengono gli Equinox, un gruppo nato appositamente per la manifestazione di questa sera. Il complesso presenta un pezzo dal titolo Bones. Alcuni suoi componenti sono americani.

Un altro gruppo sale sul palcoscenico: i DoReDos, cantanti provenienti dalla Moldavia. Sono un trio, composto da due uomini e una donna. La canzone (che per loro è un auspicio in vista degli esiti del televoto) è My Lucky Day (tradotto vuol dire “Il mio giorno fortunato”). Il pezzo è accompagnato da una coreografia accattivante, basato sul continuo entrare e uscire da tre porte che si mimetizzano in una parete grigia.

Benjamin Ingrosso è il più giovane partecipante in gara: ha 20 anni e viene dalla Svezia. Suo cugino fa parte dei noti Swedish House Mafia. Il ragazzo, che ha anche vinto la versione svedese di Ballando con le stelle, partecipa all’Eurovision con il pezzo Dance You Off.

Si va avanti con i rappresentanti degli Ungheria, gli AWS. Si tratta di un gruppo maschile composto da cinque componenti che spazia dal rock all’heavy metal. Provano a guadagnare il favore del pubblico a casa con il pezzo Viszlat nyar. 

Si chiama Netta Barzilai la rappresentante israeliana alla kermesse di questa sera. Molti la indicano come una delle favorite alla vittoria finale. Il suo pezzo è di genere pop e si intitola Toy. Non semplice la prima parte, che vede un mescolarsi di versi che anticipano il parlato. Brano veramente forte, uno dei più convincenti finora.

Willem Bijkerk è meglio conosciuto come Waylon. Viene dall’Olanda ed ha già fatto parte all’Eurovision nel 2014 con il gruppo The Common Linnets piazzandosi al secondo posto. Stasera prova a migliorare il risultato di quattro anni fa cantando da solo il pezzo Outlaw in’ Em. Indossa una sgargiante giacca di Leopardo e un cappello da cowboy.

Concorrente numero 24: Ryan O’Shaughnessy viene dall’Irlanda. Serena Rossi svela che ha iniziato a recitare a 8 anni nella versione irlandese di una soap a lei molto cara, Un posto al sole. Ora il ragazzo ha quasi 26 anni e ha scelto di proseguire la sua carriera nella musica. Il suo pezzo è Together.

Penultimo protagonista di serata: Eleni Foureira viene da Cipro anche se è nata in Albania. Il suo vero nome è in realta Entela Fureraj, ma ha optato per un nome d’arte che ricorda la tradizione sudamericana. La cantante si esibisce in una sensuale performance, accompagnate da ballerine, nella sua Fuego.

Ed ecco arrivato il momento tanto atteso per i telespettatori italiani: Fabrizio Moro e Ermal Meta chiudono il lungo elenco di partecipanti. Il pezzo è ovviamente quello con cui, tra tante polemiche (rischiarono la squalifica per presunto plagio), si sono aggiudicati l’ultima edizione del Festival di Sanremo: Non mi avete fatto niente. Per fare arrivare il messaggio a un pubblico quanto più vasto possibile, vengono proiettate le parole del testo sullo schermo in diverse lingue.

Si apre il televoto, il cui parere varrà per il 50%. La restante metà sarà ad appannaggio delle giurie, nominate per ogni paese europeo. Discutibile decisione quella del regolamento della gara: dall’Italia non si potrà votare per i due cantanti. 

La musica riparte con l’esibizione di BranKo, un noto artista portoghese accompagnato da altri due colleghi.

I due conduttori raggiungono Ermal Meta e Fabrizio Moro nei camerini. I due si dicono soddisfatti della loro esibizione anche se il cantante romano si dice dispiaciuto della mancanza di bandiere italiane (e quindi di sostenitori) all’Altice Arena: “Si sente la vostra mancanza“, dice.

Lo scorso anno aveva vinto l’Eurovision: ecco sul palco Salvador Sobral, che presenta il suo nuovo singolo: Mano a mano. Il cantante portoghese aveva rischiato la vita a causa di un serio problema cardiaco che lo ha costretto lo scorso dicembre ad un trapianto di cuore, fortunatamente andato a buon fine.

Il 28enne musicista portoghese annuncia l’entrata in scena di un grande cantautore e chitarrista: Caetano Veloso. Insieme a lui, ripropone il brano che un anno fa gli ha regalato la vittoria dell’Eurovision Song Contest: Amar pelos dois.

Il televoto è ufficialmente chiuso. In attesa di avere notizie sui suoi esiti, i portavoci delle giurie di ogni paese votante (per un totale di 43, quindi anche parte di quelli non partecipanti) svelano le loro preferenze. Per ogni stato una scala da 12 punti, corrispondente all’esibizione ritenuta migliore, e 1, con la quale si decreta la prova meno vincente.

Al termine di questo lungo procedimento, la classifica provvisoria vede in testa l’Austria a 271 punti, seconda la Svezia 253, terzo Israele a 212. Il bottino italiano è davvero magro: appena 59 punti conquistati (4 da San Marino, 10 da Malta, 3 dalla Spagna, 12 dall’Albania, 8 dalla Serbia, 8 da Cipro, 1 dalla Grecia, 4 dal Montenegro, 4 dalla Finlandia, 1 dalla Russia, 4 dal Portogallo). La nostra giuria dà 12 punti alla Norvegia, ma solo 2 al quotatissimo Israele. Solo il televoto può risollevare le sorti di Meta e Moro.

Un numero preciso di punti viene distribuito sulla base dei risultati del televoto: Svezia e Austria non ne guadagnano tantissimi, nonostante l’ottimo gradimento delle giurie: questo costa loro una vittoria che cominciavano ad annusare. A vincere l’Eurovision Song Contest è Israele con 529 punti. Figuraccia dei padroni di casa del Portogallo che chiudono ultimi.

L’Italia prende 249 punti e vola al quinto posto finale con 308 punti: i telespettatori e i nostri connazionali all’estero sono dunque riusciti a cambiare radicalmente le cose, ribaltando le preferenze delle giurie degli altri paesi.

Federico Russo e Serena Rossi gestiscono bene tutto il momento conclusivo dello show, ascoltando i risultati e commentando anche con un po’ di ironia i voti delle giurie e le reazioni, talvolta esagerate, dei partecipanti. Molto convincente la costruzione della serata, che ha reso pienamente protagonista la musica in un’atmosfera da grande show: tempi serrati e grande suspense finale hanno dato gran velocità e intensità a una kermesse che non ha mai regalato momenti di noia.

Il pezzo vincitore della manifestazione è Toy di Netta Barzilai: la cantante è raggiante e commossa al contempo e, dopo aver ricevuto il trofeo della vittoria, ricanta il suo brano. L’anno prossimo, dunque, la kermesse si terrà in Israele come da regolamento.

Termina qui l’edizione 2018 dell‘Eurovision Song Contest.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nasco a Napoli nel 1989, ma la mia città è San Giorgio a Cremano, la stessa di uno dei miei miti: Massimo Troisi. Gli studi mi hanno portato a Roma, dove mi sono laureato in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione alla Sapienza. Sono giornalista pubblicista. Il varietà è il mio genere preferito, sia in tv che in radio. A ruota seguono serie tv e quiz. La mia passione è il Festival di Sanremo: da piccolo fantasticavo di cantare sul palco dell'Ariston, ora mi limito a sognare di condurlo!

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Domenica In 16 maggio: tra gli ospiti Sandra Milo ed Ermal Meta, omaggio a Francesco Nuti

Tutti gli ospiti e le anticipazioni sulla puntata di oggi del contenitore festivo condotto da Mara Venier.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Domenica in 16 maggio Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Domenica In torna il 16 maggio, con molti ospiti in studio ed in collegamento. L’appuntamento con la trentaseiesima puntata è alle ore 14:00 su Rai 1. Il contenitore festivo è trasmesso in diretta dagli Studi Fabrizio Frizzi di RomaE’ condotto da Mara Venier.

Domenica in 16 maggio Sandra Milo

Domenica In ospiti 16 maggio, Sandra Milo, omaggio a Francesco Nuti

Nella puntata del 16 maggio Mara Venier accoglie in studio Sandra Milo. L’attrice mostra al pubblico il Premio alla Carriera che le è stato consegnato da Carlo Conti ai David Di Donatello 2021. Racconta le emozioni che ha vissuto durante la cerimonia e ripercorre alcune tappe salienti della propria carriera attraverso immagini di repertorio.

La conduttrice inoltre rende omaggio all’attore e regista Francesco Nuti, che compie gli anni domani, il 17 maggio. In occasione del suo 66° esimo compleanno sono presenti in studio la figlia Ginevra Nuti e l’ex compagna Annamaria Malipiero. Ginevra inoltre duetta con Marco Masini in Sarà per te. E’ il brano che Francesco Nuti portò a Sanremo nel 1988, classificandosi al dodicesimo posto.

Intervengono in collegamento anche alcuni colleghi ed amici di Nuti. Tra questi Ornella Muti, Giovanni Veronesi, Clarissa Burt e tanti altri. La conduttrice inoltre manda in onda alcune immagini tratte da alcuni suoi film. Vengono infine anche ricordati i Giancattivi, il trio comico che Nuti ha formato negli Anni 70 con Athina Cenci ed Alessandro Benvenuti.

Domenica In 16 maggio, il caso di Denise Pipitone

Mara Venier nella puntata di oggi torna ad occuparsi di Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel 2004 a Mazara Del Vallo. Con il supporto del giornalista Alberto Matano e dell’avvocato di Piera Maggio Giacomo Frazzitta ricostruisce tutte le fasi della vicenda. Ed aggiorna i telespettatori sulle ultime novità del caso, a partire dalla riapertura delle indagini ai racconti di nuovi testimoni.

Domenica in 16 maggio Ermal Meta

Domenica In 16 maggio, ospiti Ermal Meta e Alvaro Soler

Nello spazio dedicato all’intrattenimento musicale Mara Venier accoglie in studio Ermal Meta ed Alvaro Soler. Ermal Meta interpreta dal vivo il nuovo singolo Uno, che è contenuto nell’ultimo album Tribù Urbana. Regala al pubblico anche Un milione di cose da dirti. E’ il brano con il quale si è classificato al terzo posto all’ultimo Festival di Sanremo.

Alvaro Soler invece propone la sua ultima hit Magia, tratta dall’omonimo album che uscirà il 9 luglio. E’ già considerata uno dei tormentoni dell’estate 2021.

La campagna vaccinale anti Covid

Come ogni settimana Mara Venier dedica la prima parte del programma alla campagna vaccinale anti Covid. Sono presenti ancora una volta in studio Pierpaolo Sileri ed il Prof Francesco Vaia.

Il Sottosegretario alla Salute informa i telespettatori sugli ultimi dati dei contagi. Il Direttore Sanitario dell’Istituto Spallanzani di Roma si occupa invece dell’andamento della somministrazione dei vaccini. Intervengono in collegamento anche Alessandro Sallusti, Peppino Di Capri e Giovanna Botteri, da Pechino.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Amici 20 finale 15 maggio, vince Giulia

Gli allievi e le allieve di Amici 20 giungono al termine del loro percorso formativo, e si sfidano nella puntata finale del talent show. La vincitrice di Amici 20 è Giulia.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Amici 20 finale 15 maggio
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La puntata finale di Amici 20 è in onda su Canale 5 questa sera, 15 maggio 2021, dalle 21.20.

I giovani finalisti in gioco sono i cantanti Sangiovanni, Deddy, Aka7even, e i ballerini Giulia e Alessandro.

Il montepremi in palio consiste in 150.000 Euro in gettoni d’oro, assegnati al concorrente che otterrà più voti attraverso il sistema del televoto. Il pubblico da casa può votare in vari modi: tramite l’apposita app per dispositivi smart e tramite smart tv abilitate; oppure direttamente dal sito web WittyTV.

Inoltre, una giuria composta da membri di testate giornalistiche e web italiane elegge il vincitore del Premio della Critica, al quale è assegnato un montepremi da 50.000 Euro. Altri 50.000 Euro vanno in premio ai vincitori dei Premi di categoria. Infine, il cantautore Giovanni Caccamo consegna il Premio Siae e 20.000 Euro all’autore del miglior testo originale.

Ogni finalista riceve inoltre il Premio Marlù del valore di 7000 Euro in gettoni d’oro. Inoltre le emittenti radio RDS, Radio Italia, R101 ed RTL 102.5 votano per eleggere il vincitore del Premio delle radio, attribuito al miglior brano inedito.

Confermata la partecipazione di alcuni ospiti speciali: la cantante Gaia, vincitrice della precedente edizione del talent, passa il testimone al vincitore eletto questa sera. Inoltre, l’artista presenta in anteprima sul palco di Amici il suo nuovo singolo Boca, che ha realizzato insieme a Sean Paul. Infine, sono presenti anche i comici Pio e Amedeo.

Amici 20 finale 15 maggio, la diretta

Inizia la puntata, la conduttrice Maria De Filippi presenta la giuria: Stefano De Martino, Emanuele Filiberto e Stash. “Finalmente siamo riusciti a far venire Stash in studio vestito bene!” scherza De Martino.

Poi, tutti insieme, salgono sul palco i finalisti: i cantanti Sangiovanni, Deddy, Aka7even, e i ballerini Giulia e Alessandro. 

“In tutte le finali ero sempre io che parlavo a voi. Questa volta abbiamo chiesto ai vostri compagni di scrivere dei pensieri per voi. Sangiovanni ha scritto qualcosa che penso possa valere per tutti.” esordisce Maria De Filippi, prima di mostrare un video in cui scorrono le immagini delle varie edizioni di Amici. E poi, quelle dell’edizione appena trascorsa.

“Amici è il treno perfetto: sempre in orario, dove tutto funziona alla perfezione. Il nostro viaggio è finito, facciamoci un applauso, come quando si applaude all’atterraggio dell’aereo.” ha scritto Sangiovanni.

Infine, sale sul palco Gaia, la campionessa della passata edizione di Amici, per passare la coppa al futuro campione. L’artista è molto emozionata: “Stasera torno a casa. Vi faccio i complimenti: siete anime belle, che spiccheranno il volo dopo questo percorso. Vi faccio gli auguri dal profondo del cuore” afferma Gaia.

Inizia la finale: il circuito cantanti

La finale, spiega Maria De Filippi, si divide in due circuiti: uno di canto e uno di ballo. Terminati i due circuiti, sono scelti due sfidanti, uno da ogni circuito; infine, si terrà la finalissima tra loro, per eleggere il vincitore definitivo.

Amici 20 finale 15 maggio

Il primo a esibirsi è Aka7even, con il brano Loca.

Subito dopo tocca a Deddy, che si esibisce con Zero Passi.

Amici 20 finale 15 maggio

Infine, sale sul palco Sangiovanni, da tempo additato come il favorito della finale, con il brano Lady.

Quindi, canta di nuovo Deddy, che si esibisce con Non fa per me.

E poi si esibisce ancora Sangiovanni, con il brano Tanti Auguri, di Raffaella Carrà.

Subito dopo, tocca ad Aka7even, con la sua versione di Hypnotized.

Prima di proseguire, Maria De Filippi mostra al pubblico le cover dei dischi realizzati dai tre artisti. Poi, annuncia che devono cantare solo una canzone ciascuno, prima di sapere chi andrà in finalissima.

Si esibiscono nell’ordine Sangiovanni, Aka7even, che canta il suo brano Yellow, e infine Deddy. Dopo la sua esibizione, si chiude il televoto per il circuito cantanti, e i giornalisti in collegamento si esprimono sui finalisti.

Amici 20 finale 15 maggio, il cantante della finalissima è Sangiovanni

La più amata dagli italiani questa sera balla con il più amato dalle italiane. Si esibiscono con un modernissimo Tuca Tuca” afferma Emanuele Filiberto per annunciare lo stacchetto di Stefano De Martino e Lorella Cuccarini. 

Poi, dopo una breve interruzione pubblicitaria, Maria De Filippi annuncia che il cantante scelto per la finalissima è Sangiovanni. Che, ricevuta la notizia, si commuove.

Amici 20 finale 15 maggio, il circuito di danza

Iniziano le esibizioni del circuito di danza, a partire da Giulia. Quindi, si esibisce Alessandro. “Difficile trovare un ballerino così sicuro di sè” afferma la Cuccarini.

Amici 20 finale 15 maggio

Poi, Giulia e Alessandro si alternano sul palco più volte, ogni volta con un pezzo differente. A sorpresa, durante l’esibizione finale di Giulia, suo padre le dedica un messaggio. “Sono fiero di te”.

Come accaduto per il circuito cantanti, prima di procedere i giornalisti in collegamento si complimentano con i due finalisti. Rudy Zerbi propone ad Arisa di ballare con lui il Tuca Tuca, ma lei rifiuta l’offerta. 

Il premio della critica: vince Sangiovanni

Tutti i finalisti sono chiamati sul palco per l’annuncio del vincitore del Premio della Critica. Lo consegna Stéphane Jarny, il nuovo direttore artistico della serale di Amici.

Renato Tortarolo, del Secolo XIX darebbe il premio a Giulia. Renato Franco del Corriere della Sera, invece, sceglierebbe Sangiovanni. Anche Mattia Marzi de Il Messaggero, Marco Mangiarotti di QN, Fabrizio Biasin di Libero premierebbero Sangiovanni.

Uno alla volta, i giornalisti esprimono le loro preferenze personali, indicando mano a mano Sangiovanni come il favorito. Alla fine, è proprio Sangiovanni a vincere il Premio della Critica.

Quindi, Arisa e Stash duettano sul palco. Cantano Caro amico di scrivo di Lucio Dalla.

L’esibizione di Pio e Amedeo, Giulia finalista per il circuito di danza

I comici Pio e Amedeo sono in studio ad Amici 20 per esibirsi. “Possiamo darci un bacio?” chiedono i due alla De Filippi. Lei inizialmente è restia, nel rispetto delle norme anti Covid. “Ma ci fai fare mille tamponi al giorno!” obiettano i comici. Così, alla fine entrambi ottengono il bacio a stampo richiesto con la conduttrice.

“Vogliamo festeggiare i vent’anni di Amici. Che poi sono anche vent’anni di carriera per noi. Come due anni fa, abbiamo preparato una lettera per te.” avvisano Pio e Amedeo.

“Maria te ne potresti stare a casa tua a farti i selfie con tuo marito, mettendo i denti di diamante come i rapper. Potresti fare le sgommate in motocross in salotto. E invece sei qui ad Amici. In un anno vai in vacanza dieci giorni.” affermano.

“Non sai quanto bene fai alle persone: sarai la prima Beata da viva.” continuano. “Ma poi, che nomi hanno questi concorrenti? Quando torneranno un Salvatore, un Marco… tutti Irama, Aka7even, Stash…”.

Infine, è annunciato il nome del finalista del circuito di danza: Giulia.

Amici 20 finale 15 maggio

La finalissima tra Giulia e Sangiovanni

Maria De Filippi apre ufficialmente il televoto per la finalissima. Il vincitore tra Giulia e Sangiovanni è scelto infatti unicamente dalle preferenze espresse tramite il televoto.

La sfida vede alternarsi Sangiovanni con il canto, e Giulia con la danza. Inizia Sangiovanni, e canta il brano Malibù.

La sfida prosegue, i giornalisti della giuria si complimentano con Sangiovanni e Giulia per le loro abilità. In particolare, poi, con gli tutti i finalisti autori di inediti, la vera sorpresa di questa edizione di Amici 20.

Anche Stash afferma che “Grazie a voi mi sono ricordato delle emozioni che provai quando partecipai ad Amici. A prescindere dal risultato, fuori da qui inizia tutto.”.

All’ennesima richiesta di Zerbi, Arisa cede e gli concede un Tuca Tuca. Quindi, la finalissima prosegue, e Sangiovanni canta Hype.

Il verdetto finale: Giulia vincitrice di Amici 20

“Una volta Sangiovanni mi ha scritto un bigliettino: ci vediamo in finale.” racconta Giulia. “Giulia ha sempre cercato di essere bella e diversa. Non sapeva di essere già bella e diversa, non doveva cambiare nulla di sè.” commenta allora Sangiovanni.

Elena D’Amario consegna il Premio Tim, del valore di 30.000 Euro in gettoni d’oro. La vincitrice è Giulia.

Segue il Premio delle Radio, per l’inedito di Amici 20 più trasmesso in radio, consegnato da alcuni rappresentanti delle principali radio nazionali. Il vincitore è Sangiovanni, con il brano Malibù.

Ci sono altri premi da assegnare. Tocca quindi al Premio Siae, del valore di 20.000 Euro in gettoni d’oro. Il premio è consegnato da Giovanni Caccamo. Sangiovanni è di nuovo il vincitore.

Poi, Giulia Pauselli attribuisce il Premio Marlù, 7000 Euro in gettoni d’oro, a ciascuno dei concorrenti.

Infine, è il momento del verdetto finale, l’elezione del vincitore di Amici 20. Prima, però, Gaia si esibisce con il suo nuovo singolo Boca.

Per l’ultima volta la De Filippi scopre la carta del vincitore di un confronto. E rivela che il vincitore di Amici 20 è Giulia.

Sangiovanni, invece, riceve il premio della categoria Canto.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Reazione a catena dal 7 giugno 2021 con Marco Liorni

Tutte le notizie, le novità e le curiosità sulla nuova edizione del game show condotto da Marco Liorni su Rai1.
Beatrice Martini

Pubblicato

il

Reazione a catena 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Parte il 7 giugno Reazione a Catena 2021. Il gioco preserale estivo di Rai1 è giunto alla sua 15ema edizione e ritorna con la conduzione di Marco Liorni. Il format resta uguale al passato, ma ci sono alcune novità.

Reazione a catena dal 7 giugno 2021 La Sfida dei Campioni

Eccezionalmente, quest’anno l’edizione 2021 sarà inaugurata da La Sfida Dei Campioni. Il torneo che, tradizionalmente, andava in onda negli anni passati, alla fine della stagione, ne rappresentava la parte conclusiva. Vengono selezionate otto squadre che si sono distinte nel 2020 non solo per la bravura, ma anche per la tenacia e la simpatia, in un campionato ad eliminazione diretta. Alla fine verrà eletta la squadra vincitrice.

Da martedì 15 giugno, invece, tornano a sfidarsi le nuove squadre. Ed ha ufficialmente inizio l’edizione 2021. Ritroveremo Le Ricongiunte, campionesse che avevano partecipato all’ultima puntata del 2020. Ed avevano battuto i supercampioni dell’anno I tre alla seconda che saranno tra le squadre che si battono per La Sfida dei Campioni.

“Reazione a Catena” conferma la sua formula vincente, mettendo alla prova l’intuito, la prontezza e la padronanza della lingua italiana dei concorrenti in studio e dei telespettatori. E proponendo ogni stagione più di 7.000 diverse associazioni di parole.

Oltre alla trasmissione televisiva, in onda su Rai 1 tutti i giorni dal 7 giugno al 26 settembre alle 18.45, si potrà giocare con le parole e le associazioni anche su carta con la rivista settimanale.

Le novità dell’edizione 2021

Reazione a Catena presenta delle novità nei giochi. Resta immutata la maggior parte delle gare, da Caccia alla parola alle catene musicali ed alle catene Una tira l’altra.  Immutabile L’intesa vincente come anche L’Ultima catena e L’Ultima parola.

In questo modo si permette a tutti divertendosi di scoprire o riscoprire alcune curiosità sulla lingua italiana. Si consente di fare ai concorrenti e a chi lo segue da casa, un po’ di “ginnastica mentale” che “rinfresca la mente”.

Ma la prima novità riguarda il gioco Quando, dove, come, perché. Si tratta della gara durante la quale i componenti delle due squadre devono indovinare una parola, seguendo una serie di indizi che descrivono “quando”, “dove”, “come” e “perché” relativi al termine da indovinare. Questo gioco viene semplificato anche nella parte economica, ovvero l’assegnazione della somma vinta per ogni risposta esatta.

Arriva anche un gioco nuovo, si chiama Zot e, annuncia Marco Liorni, sarà un vero e proprio sprint che porta i due gruppi di giocatori verso L’intesa vincente.

Come partecipare

Chi vuole partecipare come concorrente può rivolgersi al sito: www.rai.it/raicasting e www.reazioneacatena.rai.it

Qui ci sono gli appositi moduli da compilare per partecipare ai casting.

Prodotto nel Centro di Produzione Rai di Napoli, in collaborazione con la Sony Pictures Entertainment Srl, “Reazione a Catena” è un programma di Tonino Quinti, Francesco Ricchi, Stefano Santucci. E’ scritto con Simona Forlini, Danila Lostumbo, Christian Monaco, Ivo Pagliarulo, e con Giancarlo Antonini, Francesco Lancia, Alessandra Pagliacci e Alessandro Venditti

La scenografia, nuova di zecca e molto colorata, è realizzata da Flaminia Suri. La regia è firmata da Amedeo Gianfrotta


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it