Non disturbare | prima puntata | ospiti Simona Ventura e Carolyn Smith


Non disturbare | prima puntata | ospiti Simona Ventura e Carolyn Smith. La Ventura racconta quando scappò di casa per assistere ad un concerto di Bob Marley ed ebbe tante botte dal padre.


Dal 25 giugno, in seconda serata su Rai1, torna Paola Perego al timone del programma Non disturbare. Realizzato dalla Stand by me di Simona Ercolani, il talk tutto al femminile, racconta, dalle stanze di un albergo, le storie, le confidenze, le curiosità più intime di 12 donne protagoniste del mondo della cultura, del cinema, della tv e dello spettacolo.

Sono sei le puntate complessive, in ognuna delle quali la conduttrice incontra due donne molto differenti tra loro per personalità e carattere. Donne forti che hanno sempre lottato nella loro vita. Donne appassionate e tenaci molto diverse tra loro che hanno saputo cadere e rialzarsi e che hanno imparato a essere se stesse, con le proprie fragilità e i propri difetti.

Le prime due sono Simona Ventura e di Carolyn Smith, protagoniste della prima puntata. In un albergo, dove è più facile cogliere confidenze, particolari di vita altrimenti nascoste e dettagli di storie mai rivelate, Paola Perego incontra prima Simona Ventura e poi Carolyn Smith per due interviste fuori dagli schemi: due confronti intimi e senza filtri, per scoprire tante curiosità della loro vita privata e professionale.

Non disturbare | Simona Ventura| quando scappai di casa per un concerto di Bob Marley

Simona Ventura durante la registrazione della prima puntata di Non disturbare, si confida a Paola Perego, raccontando un aneddoto poco noto della sua adolescenza segnata dalla passione sfrenata per la musica.

“Mio padre mi ha accompagnato sempre a tutti i concerti, Vasco l’ho visto addirittura nove volte, ma da Bob Marley non voleva proprio che ci andassi e io sono scappata di casa”. 
Una passione mai scemata nel tempo ma che a 17 anni le è costata decisamente cara. Il no a Marley era dovuto alla paura della marijuana? chiede Perego. “Sì, ma non solo, c’era anche di peggio – ricorda sorridendo la Ventura – ed effettivamente è stata un’esperienza abbastanza tosta. Ma la questione non era solo quella – spiega – vigeva una regola e io  ho fatto di testa mia e quando sono tornata ho preso tante botte con la parte posteriore della spazzola!”. Talmente tante, lascia intendere, che è stata una lezione mai più dimenticata..

Non disturbare | l’intervista a Carolyn Smith

Esempio di grande coraggio e di forza, la presidente della giuria di Ballando con le stelle, si svela con semplicità e senza filtri alla Perego affrontando tematiche difficili e delicate.

Inoltre le signore intervistate svelano cosa portano in valigia durante i loro viaggi, quali sono i gruppi whatsapp a cui appartengono, qual è l’ultima foto che hanno scattato con il loro cellulare. E poi i loro ricordi di adolescenza, i primi amori, le esperienze più esaltanti, quelle più dolorose, le scelte che hanno cambiato la loro vita e come hanno saputo affrontare le sfide e le difficoltà. Una chiacchierata tra due amiche, che si svolge in camera da letto o in salone, e che inizia per ciascuna di loro non appena Paola Perego appende alla maniglia della loro camera il cartello con la scritta Non disturbare.

A scandire il tempo degli incontri ci saranno poi anche i servizi in camera offerti dall’Hotel e altri piccoli giocosi pretesti per conoscere particolari piccanti o inediti delle singole intervistate, come una telefonata dalla Hall da una persona cara, l’arrivo a sorpresa di un vassoio o la connessione Wi-Fi dell’albergo che permetterà a Paola di leggere a caldo un messaggio o di vedere una foto appena inviata sul cellulare dell’ospite.

Il programma è prodotto per Raiuno da Stand By Me. Condotto da Paola Perego si avvale della regia di Franco Bianca.



0 Replies to “Non disturbare | prima puntata | ospiti Simona Ventura e Carolyn Smith”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*